Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 5 di 6 PrimoPrimo 123456 UltimoUltimo
Mostra risultati da 61 a 75 di 90

Discussione: 1° Diario di Lettura: Orlando Furioso di L. Ariosto

  1. #61
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bonadext Vedi messaggio
    Bellissima anche quest'ultima parte E poi i tuoi commenti sono sempre azzeccati e divertenti Hai proprio ragione ci vorrebbero più fate di tanto in tanto! Basterebbe anche solo un po di "magia" in più, in generale

    Nel saggio di Schiller che sto leggendo fa alcuni esempi di menti geniali, e cita tra questi Ariosto
    Anche nei sei-sette libri che leggo io in contemporanea Ariosto è spesso citato

    Mi racconti cosa dice Schiller?

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #62
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Mentre Rinaldo raccoglie le "truppe" da inviare a re Carlo (tra i cavalieri ci sarà anche Zerbino, figlio del re di Scozia), Ariosto torna ada Angelica, lasciata in compagnia del monaco eremita/negromante che aveva promesso di occuparsi della sua salvezza.

    Ora l'eremita, benché vecchietto, aveva iniziato a provare una forte attrazione per Angelica (....dev'essere un virus....) e trattiene a lungo la fanciulla nella sua grotta. Stanca e preoccupata della strana insistenza del vecchio a tenerla presso di sé, la giovane, slegato l'anziano cavallo del monaco, lo cavalca e si allontana. Il monaco allora invoca una demone, che entra a possedere il destriero e lo spinge al galoppo fin sulle rive del golfo di Guascogna . Qui la povera Angelica piange e si dispera: perché la sua bellezza è una tale condanna? Cosa ha fatto contro il Cielo per meritare tante disgrazie? La sua bellezza ha portato alla morte il padre e il fratello e lei stessa è disonorata perché raminga. Perché il fato non le dona almeno la morte? Per lei sarebbe un gran sollievo.

    Ecco, non me l'aspettavo: a questo punto mi fa pena, poveretta.

    Il cavallo la conduce entro una grotta disabitata. Qui l'eremita raggiunge Angelica, la droga e tenta di abusare di lei. Ma è troppo vecchio, e i suoi tentativi vanno a vuoto (leggere le ottave che descrivono la scena, please , tutto è espresso attraverso metafore legate al mondo equino ). Alla fine, privo di forze, il negromante si addormenta.

    Ma le disgrazie per Angelica non sono finite

  • #63
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2951
    Thanks Thanks Given 
    373
    Thanks Thanks Received 
    399
    Thanked in
    261 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Spilla Vedi messaggio
    Il cavallo la conduce entro una grotta disabitata. Qui l'eremita raggiunge Angelica, la droga e tenta di abusare di lei. Ma è troppo vecchio, e i suoi tentativi vanno a vuoto (leggere le ottave che descrivono la scena, please , tutto è espresso attraverso metafore legate al mondo equino )
    Hai voglia di mettere quelle ottave? Sono troppo curioso...

  • #64
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito Fine canto VIII

    Citazione Originariamente scritto da bonadext Vedi messaggio
    Hai voglia di mettere quelle ottave? Sono troppo curioso...
    Cercherò di farlo più tardi, forse domani, dal pc. Curioso, eh?

    , dicevo, non è fuori dai guai. State un po' a sentire cos'altro le capita.
    Nell'isola di Ebuda, a nord della Gran Bretagna, viveva un tempo una giovane bellissima, figlia del re del luogo. Ora, la donzella si trovava in riva al mare quando il custode dei mostri meriti, Proteo, vedendola se ne innamorò e la rese gravida. Saputolo, il re di Ebuda aveva ucciso la figlia con il nascituro in grembo.
    Proteo, adirato, aveva allora scagliato contro l'isola tutti i mostri marini, e questi avevano fatto scempio di campi e mandrie (interessante sarebbe vedere le balene che fanno strage di pecore, ma io son troppo prosaica ). Gli abitanti di Ebuda, poi, avevano dovuto sacrificare una fanciulla al giorno, gettando la in mare. Solo trovando una donzella di cui Proteo possa di nuovo innamorarsi, infatti, l'isola potrà tornare a vivere in pace, ma finora le giovani gettate in mare sono state tutte divorato da un enorme pesce e, per non sacrificare tutte le ragazze del luogo, gli Ebudani viaggiano per mare e rapiscono tutte le belle donzelle che capitano loro a tiro.

    Così, quando vedono Angelica, la caricano in nave (e con lei il monaco ) e la portano sull'isola. La donna viene però tenuta per ultima, poiché i suoi carcerieri, stregati dalla sua bellezza, sperano fino alla fine di poterla salvare. Ma, ahimè, giunge l'ora di gettare Angelica in mare. Eccola lì, sopra uno scoglio, che piange la sua sorte infelice e attende la morte.

    La scena è così triste che Ariosto la cambia e ci riporta a Parigi, dove troviamo, finalmente il nostro protagonista: Orlando!!!

  • #65
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Mi sto preparando psicologicamente. Ho deciso di procedere con metodo (). Qui ci vuole organizzazione . In pratica, proprio quello di cui sono cronicamente priva
    Ma il libro è troppo bello e, a costo di impiegarci degli anni, questo lavoro lo voglio portare a termine.
    Augh! Ho detto!

    Orlando è con Carlo Magno e l'esercito a Parigi. Ora è notte, ma durante il giorno ha imperversato una terribile battaglia, che gli infedeli avrebbero certo vinto se Dio (che evidentemente è di parte ), mosso a pietà dalle preghiere di re Carlo, non avesse inviato un tremendo temporale sui combattento, ponendo termine al massacro.
    Orlando è quindi nel suo giaciglio, ma non può dormire. Pensa alla sua bella, che gli è sfuggita, e si rimprovera aspramente per averla affidata a Nemo, che non l'ha saputa trattenere presso di sé. Si chiede amaramente dove possa essere ora la sua donna, angustiato soprattutto (e ti pareva?) dall'idea che qualcuno possa averla derubata della sua verginità. Quella che, insomma, Orlando aveva destinato a sé ! come il più meraviglioso dei tesori.
    Si assopisce, infine, ma il suo è un sonno tormentato, e in sogno vede la sua amata all'improvviso avvolta dall'oscurità di una tempesta, che invoca il suo aiuto. Orlando corre nell'oscurità ma non la può afferrare.
    Il paladino si sveglia e, come se il sogno lo guidasse, si veste della sua armatura, indossa anonime insegne nere (sottratte un tampo ad un nemico ucciso), e lascia nottetempo l'accampamento.

  • #66
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Chissà dove
    Messaggi
    516
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    222
    Thanked in
    126 Posts

    Predefinito

    Spilla, purtroppo non ho tempo e sono arrivato tardi, ma L'Orlando Furioso è spettacolare (anche se ho potuto apprezzarne poche ottave, quelle studiate a scuola), e non posso leggerlo con te, ma mi congratulo per la scelta!

  • The Following User Says Thank You to Marzati For This Useful Post:


  • #67
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito Fine canto VIII

    La "fuga" di Orlando dall'accampamento fa infuriare il buon re Carlo, che si trova privo del suo miglior paladino, e preoccupa il grande amico e compagno d'armi di Orlando, Brandimarte. Questi decide allora di seguire Orlando, con l'intenzione di riportarlo presto tra i suoi. Si allontana dunque di nascosto, senza nemmeno salutare la sua amata Fiordiligi la quale, non vedendolo tornare, parte a sua volta alla ricerca del suo uomo.

    Dove si incroceranno nuovamente tutti questi fuggiaschi e inseguitori?
    Bisognerà proseguire nella lettura per saperlo

  • #68
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Marzati Vedi messaggio
    Spilla, purtroppo non ho tempo e sono arrivato tardi, ma L'Orlando Furioso è spettacolare (anche se ho potuto apprezzarne poche ottave, quelle studiate a scuola), e non posso leggerlo con te, ma mi congratulo per la scelta!
    Passa di qui, ogni tanto, mi piace avere compagnia

  • #69
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito Canto IX - ottave 1-19

    Ah, dice Ariosto, quale potenza ha amore, se fa dimenticare al più pio dei paladini la devozione al proprio re e la fede nel proprio Dio! Ma lo capisco, rivela A, perché lo stesso accade a me (è un romanticone questo Ludovico, bisogna concederglielo ).
    Orlando cerca Angelica tra i mori accampati sotto le mura di Parigi. Nessuno lo riconosce a causa delle insegne nere; inotre Orlando "parla l'Africano come fosse nato a Tripoli" (sic!). Non trovandola, vaga per i villaggi nei dintorni e poi in ogni regione della Francia.

    Trascorrono alcuni mesi, da autunno a primavera, quando Orlando si trova sulle rive di un fiume che divide la Normandia dalla Bretagna. Manca un ponte che gli permetta di attraversarlo, ma per fortuna sopraggiunge una barca guidata da una fanciulla. Senza troppi preamboli la giovane propone ad Orlando un patto: lo trasporterà se egli accetterà di partecipare alla spedizione del re di Ibernia contro l'isola di Ebuda.
    Ma certo! Risponde il paladino, che già teme che Angelica la bella sia tra le prigioniere degli Ebudani.
    Detto fatto, si parte!

    Ma, si sa, in questo racconto nessuno arriva mai dove aveva stabilito, così anche la nave su cui Orlando è imbarcato, sospinta dalle tempeste, giunge alla foce del fiume su cui sorge Anversa (ehm... l'Elba? Devo fare una ricerchina ).
    Nemmeno il tempo di dare un'occhiata al nuovo paesaggio che , sulla riva del fiume, compare un vegliardo il quale prega Orlando di voler sbarcare, per poter parlare con una gentil dama la quale è oppressa da una triste sorte.
    Ma certo! Dice Orlando.

    E non si può negare che sia uomo servizievole e volenteroso, quando si tratta di dame da salvare
    Ultima modifica di Spilla; 02-06-2017 alle 10:38 PM.

  • #70
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Orlando viene condotto al cospetto di una giovane donna in gramaglie, Olimpia, la figlia del re d'Olanda. La fanciulla, piangendo e sospiramdo, narra la sua storia, che chiameremo
    Il romanzo di Olimpia
    (In realtà, Ariosto ci svela il suo nome dopo una decina di pagine, ma non è il caso di stare a sottilizzare)
    "Sono la figlia del re d'Olanda, e mio padre mi amava tanto da non negarmi nulla di quanto gli chiedessi. Ora, qualche tempo fa, sbarcò nella nostra città un giovane costumato e di bell'aspetto di nome Bireno, principe di Selandia (che si trova in Danimarca, ho scoperto). Le sue navi, che dovevano raggiungere in Spagna l'esercito cristiano approntato per cacciare i mori, sono rimaste ferme nel porto per quranta giorni, bloccate dalla tempesta; ma a me son parsi pochi minuti, poiché il giovane mi era già entrato nel cuore, ed io nel suo, e prima di ripartire egli mi ha promesso di tornare per farmi sua moglie. Nel frattempo, senza che io lo sapessi, mio padre aveva accettato la proposta del re di Frisa, che mi voleva sposa per il proprio figlio, Arbante. Non appena ebbi saputo ciò, implorai mio padre di scigliermi dall'obbligo di tale matrimonio, ed egli acconsentì alla mia richiesta.
    Ma il re di Frisa, infuriato, mosse guerra contro la mia gente e, grazie ad un'arma pontentosa composta da un tubo di metallo che esplode come il tuono e manda lampi come il fulmine, uccise sia mio padre sia i miei fratelli, conquistando la mia terra.
    Egli mi prese prigioniera; e riuscì anche a imprigionare Bireno, tornato in Olanda per tentare di salvarmi. Cimosco, questo il nome del re di Frisa, mi minacciò perché sposassi suo figlio. Finsi allora di acconsentire e le nozze vennero celebrate. Ma quando Arbante mi raggiunse in camera per giacere con me, un mio uomo lo colpì a morte e io fuggiii su di una nave pronta a questo scopo.
    Io fui salva, ma Cimosco mi ricatta da allora: entro un anno devo consegnarmi a lui per essere uccisa, o egli toglierà la vita al mio amato Bireno".

    Questa parte, in sé magari un po' ripetitiva, è un capolavoro di stile: dove si parla di scambi di persone, Ariosto costruisce tutta una lingua fatta di parole scambiate, scritte in un ordine che poi viene invertito, in un gioco ripetuto di parallelismi. Incantevole
    Ultima modifica di Spilla; 02-07-2017 alle 07:38 AM.

  • #71
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Spilla Vedi messaggio
    .
    Io fui salva, ma Cimosco mi ricatta da allora: entro un anno devo consegnarmi a lui per essere uccisa, o egli toglierà la vita al mio amato Bireno".
    Olimpia spiega ad Orlando perché abbia chiesto il suo aiuto:
    "Coraggioso paladino, ho bisogno del tuo aiuto: cerco infatti un valente cavaliere che mi accompagni, quando mi consegnerò a Cimosco, e che si assicuri che quell'infido traditore lasci davvero libero il mio amato. Ché non sia che, avendomi in suo potere, da quel crudele e falso uomo che è, egli uccida poi entrambi"
    Ma certo!, dice Orlando, che davvero non è un chiacchierone. E invita Olimpia a salire sulla propria nave, che la riporterà in Olanda.
    Giunti laggiù, però, Orlando scende solo dalla nave: vuole affrontare in singolar tenzone il crudele Cimosco e liberare Bireno, salvando così la vita di Olimpia.
    Giunto al castello si fa annunciare, sfidando Cimosco a gran voce. Cimosco, vile e infingardo, finge di accettare la sfida. In realtá fa disporreoltre trenta uomini in cerchio attorno a Orlando, poi, così protetto e sostenuto, scende in lizza.
    Orlando vede la malparata e sospira" Ma vedi un po' cosa mi tocca fare. Uff!". Sì, lo ammetto, questa è una traduzione un po' azzardata, ma insomma, il senso è questo qui.
    Il cavaliere volge le spalle al suo fiacco nemico e si lancia verso il gruppo degli armati che lo circonda. In men che non si dica ne ha infilzati sei, tipo spiedino, sulla sua lancia, il settimo rimane solo ferito, perché la lancia ormai è piena e si spezza. Orlando afferra allora la spada e con pochi fendenti fa fuori tutti gli altri, poi si gira, finalmente verso Cimosco. Questi, atterrito, fugge; e riesce ad allontanarsi di parecchio perchè il cavallo di Orlando è un ronzino pesante e ben poco agile. Cimosco riesce così a ricevere da un servo la sua portentosa arma (il tubo di metallo, che emette un tuono ed un lampo... ), punta verso Orlando e spara. Manca però il bersaglio e colpisce il cavallo del paladino.
    Meglio così! A piedi infatti Orlando è più veloce del cavallo di Cimosco (), perciò lo raggiunge e gli taglia la testa in due, di netto.
    Fine di Cimosco, proseguiamo con il romanzo.

    Se posso dire... queste scene di battaglia sono divertentissime! Sono quasi sequenze di flim alla Fantozzi, con pasticci, esagerazioni, iperbole, figuracce. Non mi aspettavo niente di simile

  • #72
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Chissà dove
    Messaggi
    516
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    222
    Thanked in
    126 Posts

    Predefinito

    Quello da te descritto é un aspetto bellissimo di Ariosto. Ricordo che egli scrisse opere teatrali e che, ovviamente, l' Orlando aveva come fine l' intrattenimento a corte, credo che porprio questo faccia dell' Orlando Furioso un' opera tutt' ora molto interessante. E poi che slanci di fantasia che ha l' autore!

  • The Following User Says Thank You to Marzati For This Useful Post:


  • #73
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito Fine canto Ix

    Orlando ha liberato l'Olanda dal perfido re di Frisa, non gli rimane che far uscire di prigione Bireno e lasciare che Olimpia gli si getti tra le braccia. I due innamorati si giurano amore eterno, Olimpia dona a Bireno cuore e corona e si stabilisce di celebrare al piu presto le nozze, subito in Olanda poi, con maggiore fasto, in Selandia, patria di Bireno.
    Olimpia ringrazia il paladino e questi, impaziente di riprendere la sua ricerca di angelica, lascia la contrada.
    Ariosto però ci chiede di rimanere alle nozze, così da vedere il coronamento dell'amore dei due poco fortunati giovani.
    Il matrimonio viene infatti celebrato e Olimpia è al colmo della felicità; subito poi si prepara la partenza per Selandia.
    Tutto è bene quel che finisce bene? Forse. Perché tra i prigionieri di guerra vi è anche una giovinetta, al massimo quattordicenne, figlia di re Cimosco. Bireno decide di portarla con sé a Selandia e di darla qui in moglie ad un suo cugino.
    Accade però che Bireno si invaghisca perdutamente della fanciulla, tanto da decidere di arrivare a possederla ad ogni costo. La giovane sposa, al tempo stesso, gli viene tanto in odio, che egli non fa che pensare a come potersene liberare

    Ariosto qui avvisa le giovani: diffidate degli ardori degli innamorati, si placheranno appena raggiunto l'obiettivo tanto sospirato e il loro amore si volgerà in indifferenza!

    La nave che trasporta Bireno e Olimpia deve affrontare una violenta tempesta; quando questa si placa i due sbarcano sulla spiaggia di un'isola raggiunta dalla nave a causa dei forti venti. Bireno fa preparare una tenda per la notte per dormirvi con la sposa, ma quando questa, vinta dalla stanchezza, si addormenta, egli torna alla nave e ordina di levare l'ancora.

    Povera Olimpia!
    Abbandonata su di un'isola forse deserta, al risveglio comprende l'inganno e disperata raggiunge la scogliera, dalla quale scorge la nave del suo amato, ormai troppo lontana.
    Che ne sarà di Olimpia, senza più marito, né regno, né familiari in vita? Srà divorata dalle fiere, o morirà di fame, o verrà rapita da un pirata e venduta come schiava?

    Lo sapremo (forse), ma non subito, perché ora torniamo a vedere cosa accade al prode Ruggiero nell'isola di Alcina.

  • The Following User Says Thank You to Spilla For This Useful Post:


  • #74
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito Canto X - parte prima

    Dunque, lasciamo la povera Olimpia a disperarsi sull'isola e ritorniamo all'isola di Alcina, dove Ruggiero, fuggito a cavallo dalle grinfie della maga, sta cavalcando verso l'altra il regno di Logistilla, che di Alcina è la sorellastra.

    Ora, anticipando un po' le cose, ni viene da dire che questo Ruggiero, che dovrebbe essere ricetto di ogni valore (sarà il progenitore degli Este, schiatta destinata, secondo ariosto, a dar lustro e grandezza all'Italia), pare non perdere occasione per dimostrarsi un gran tonto. Negli episodi passati si è già distinto per aver tentato di cavalcare l'ippogrifo (col bel risultato di essere rapito dal cavallo alato e portato sull'isola di Alcina), nonché per aver ceduto alle seduzioni di Alcina ed essersi ridotto a fare il cicisbeo di corte, tanto che aveva dovuto intervenire maga Melissa a salvarlo. E adesso...
    Ma andiamo per ordine.

    Ruggiero cavalca sulla spiaggia e riesce ad evitare le seduzioni di tre bellissime fanciulle inviate da Alcina per irretirlo. La fata, a bordo di una gran nave, lo scorge, e cerca di raggiungerlo, ma la flotta di Logistilla interviene e, dopo una mirabile battaglia navale, Alcina è costretta a fuggire, abbandonando le speranze di riavere Ruggiero, di cui è innamorata.
    Giunto al castello di Logistilla, Ruggiero si specchia nelle pareti di diamante del maniero. Queste pareti hanno la virtù di rimandare a ciascuno la sua immagine vera, priva di vanità e infingimenti. Vedendosi quali si è, si abbandona ogni vanagloria e ogni falsa opinione su di sè e si esce da questa esperienza migliorati e puri. Praticamente, un percorso di psicoanalisi accelerato
    Logistilla accoglie con gioia Ruggiero ( e poi anche Melissa e i cavalieri liberati dagli incantesimi di Alcina), lo ammaestra e gli insegna a governare l'ippogrifo. Gli chiede quindi di tornare in Europa.
    Ruggiero ne approfitta... per fare il giro del mondo. Compiendo il viaggio a ritroso, rispetto all'andata, conduce l'ippogrifo verso il Giappone, poi l'India, la Russia, la Germania e infine l'Inghilterra. Il viaggio occupa poche ottave ma dura, dice Ariosto, alcuni mesi.
    L'artificio è delizioso: Ruggiero non ha così potuto vedere l'America, perciò niente se ne saprà ancora per un po'

  • #75
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2044
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito Canto X - seconda parte

    Ruggiero giunge infine in Inghilterra (ma non doveva unirsi ai paladini di Francia? Mah, devo aver capito male ). Qui, alle foci del Tamigi vede le immense schiere di uomini armati che Rinaldo ha raccolto perchè si uniscano alle truppe di Carlo. Tra le truppe c'e Zerbino, figlio del re di Scozia. Per il resto, Ariosto si dilunga in un infinito elenco di conti, duchi ecc. La nota divertente è che ogni provincia e contea d'Inghilterra è italianizzata, perciò Suffolk diventa Suffolcia, Kant è Cancia ecc.

    Ruggiero ascolta l'elenco di Rinaldo, poi si leva in volo sull'ippogrifo, suscitando lo stupore dei presenti.
    Vola verso l'Irlanda ed oltre, finché giunge ad un'isola lontana. Qui vede una bellissima donna, completamnete nuda, legata ad uno scoglio. È Angelica, destinata ad essere divorata dal mostro marino che tormenta l'isola di Ebuda!
    Vedendo la fanciulla, Ruggiero si intenerisce ricordando la sua Bradamante (seeeee!!!!, come no! ), le si avvicina e... non perde l'occasione di dimostare il suo acume . Infatti... si mette a far conversazione , e le chiede come mai sia lì, chi ce l' abbia messa...
    La donna, ancorché terrorizzata, avvvampa di vergogna vedendosi esposta così, nuda, agli occhi di un uomo, e scoppia in pianto. Proprio in quel momento delle onde emerge il mostro marino, una specie di enorme balena dal muso di porco

  • The Following User Says Thank You to Spilla For This Useful Post:


  • Pagina 5 di 6 PrimoPrimo 123456 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Woolf, Virginia - Orlando
      Da novella76 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 7
      Ultimo messaggio: 12-22-2015, 08:37 PM
    2. Pera, Pia - Diario di Lo
      Da Meri nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 09-10-2013, 02:13 PM
    3. Ariosto, Ludovico - Orlando furioso
      Da ilselacontessa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 15
      Ultimo messaggio: 06-20-2013, 07:09 PM
    4. Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 06-01-2012, 12:48 AM
    5. Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 05-03-2011, 05:00 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •