Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 3 di 6 PrimoPrimo 123456 UltimoUltimo
Mostra risultati da 31 a 45 di 86

Discussione: XCVII GdL - Una storia di amore e di tenebra di Amos Oz

  1. #31
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20975
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1512
    Thanked in
    1000 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Oddio, a che pagina è il calcione? Non lo ricordo assolutamente! Io sono a pag. 116 ma solo per la mia inattività forzata e oggi quasi non ho letto!
    molto prima di pagina 116, erano sotto la tavola a casa del prozio, in quelle loro visite dove c'erano tanti invitati importanti, tra cui i due ragazzi Netanyahu, il futuro primo ministro e l'eroe di Entebbe, mi viene il dubbio adesso che fosse un pugno, comunque un colpo glielo ha dato. A dire la verità lui non si ricordava quale dei due ragazzi avesse colpito anche se fa la battuta tranchant che spera di aver colpito il subdolo futuro ministro

  2. The Following User Says Thank You to elisa For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #32
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6186
    Thanks Thanks Given 
    645
    Thanks Thanks Received 
    1203
    Thanked in
    671 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    molto prima di pagina 116, erano sotto la tavola a casa del prozio, in quelle loro visite dove c'erano tanti invitati importanti, tra cui i due ragazzi Netanyahu, il futuro primo ministro e l'eroe di Entebbe, mi viene il dubbio adesso che fosse un pugno, comunque un colpo glielo ha dato. A dire la verità lui non si ricordava quale dei due ragazzi avesse colpito anche se fa la battuta tranchant che spera di aver colpito il subdolo futuro ministro
    Ah sì sì, è vero! Non avevo proprio collegato grazie!

  • #33
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2155
    Thanks Thanks Given 
    4248
    Thanks Thanks Received 
    2182
    Thanked in
    1298 Posts

    Predefinito fine capitolo 42

    Sto cominciando a capire qualcosa di più della complessa storia dello Stato di Israele. Il mandato britannico in Palestina è giunto ormai alla fine e sta per nascere lo Stato di Israele.

    L'episodio di Amos bambino con la ragazzina araba mi ha fatto provare pena per l'imbarazzo che lui deve avere provato.
    Certo che ad Amos bambino veniva chiesto davvero molto, i suoi genitori avevano aspettative molto alte su di lui, che doveva comportarsi sempre in modo perfetto e adulto.

    Bello il capitolo in cui Amos e il padre si improvvisano giardinieri: senza nessuno strumento, solo con forchetta e martello, cercano di dissodare un pezzo di terreno per poi seminarlo, con grandissimo impegno e volontà ma con notevole imperizia. Il padre di Amos era decisamente un intellettuale, incapace di abilità pratiche, come già aveva raccontato all'inizio, con la spassosa la descrizione dell’unico abitante in mezzo a tanti letterati in grado di aggiustare un rubinetto o piantare un chiodo, perciò soprannominato Baruch mani d’oro, mentre ” tutti gli altri erano in grado di analizzare con fiera retorica quanto fosse importante che il popolo ebraico tornasse finalmente alla vita nei campi e al lavoro manuale: di intellettuali, dicevano, ne abbiamo fin sopra i capelli ”.
    Come pure mi ha divertito la scenetta, all'inizio, in cui il padre di Amos, spinto dalla necessità di trovare qualcosa da mangiare, prende a malincuore alcuni libri per andare a venderli, e torna con altri libri, occasioni imperdibili a cui non aveva saputo rinunciare. C'era grande amore per i libri e per la conoscenza, in questa famiglia.

    „C'era come la sensazione che mentre gli uomini vanno e vengono, nascono e muoiono, i libri invece godono di eternità. Quand'ero piccolo, da grande volevo diventare un libro. Non uno scrittore, un libro: perché le persone le si può uccidere come formiche. Anche uno scrittore, non è difficile ucciderlo. Mentre un libro, quand'anche lo si distrugga con metodo, è probabile che un esemplare comunque si salvi e preservi la sua vita di scaffale, una vita eterna, muta, su un ripiano dimenticato in qualche sperduta biblioteca a Reykjavik, Valladolid, Vancouver.“
    Ultima modifica di qweedy; 01-25-2019 alle 10:46 PM.

  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #34
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1973
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1247
    Thanks Thanks Received 
    1057
    Thanked in
    646 Posts

    Predefinito

    Qualche considerazione che ho fatto durante la lettura in modo ricorrente. Intanto questo libro, come anche la stessa famiglia Clausner e la stessa Gerusalemme, trabocca di umorismo amaro, ironia, orgoglio e vittimismo. Credo (e un po' si evince dal libro) che sia un atteggiamento caratteristico del popolo ebreo del quale avevo letto anche altrove.
    Poi... quando ho deciso di leggere questo libro pensavo di aver a che fare con un'autobiografia ed in effetti tecnicamente lo è. Però definire "una storia d'amore e di tenebra" un'autobiografia è davvero riduttivo: come autobiografia è atipica perché non lineare; i ricordi di Amos si alternano con descrizioni della sua famiglia apparentemente slegati dal paragrafo precedente (in realtà credo che sia voluto, per dare un quadro complessivo). Qui non si racconta solo la vita di Oz, direi che è un pretesto per raccontare la storia e la vita di un popolo trasferito in una terra mitologica già occupata, nella quale si fa fatica ad adattarsi per vari motivi. E' la storia di tante famiglie tutte legate da vicende, parentele, episodi di vita, situazioni felici e tragiche in comune. Non è una lettura facile, sia per lo stile scorrevole ma comunque non semplice, sia per la quantità di contenuti vari e diversi fra loro.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #35
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1973
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1247
    Thanks Thanks Received 
    1057
    Thanked in
    646 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da estersable88 Vedi messaggio
    Qualche considerazione che ho fatto durante la lettura in modo ricorrente. Intanto questo libro, come anche la stessa famiglia Clausner e la stessa Gerusalemme, trabocca di umorismo amaro, ironia, orgoglio e vittimismo. Credo (e un po' si evince dal libro) che sia un atteggiamento caratteristico del popolo ebreo del quale avevo letto anche altrove.
    Poi... quando ho deciso di leggere questo libro pensavo di aver a che fare con un'autobiografia ed in effetti tecnicamente lo è. Però definire "una storia d'amore e di tenebra" un'autobiografia è davvero riduttivo: come autobiografia è atipica perché non lineare; i ricordi di Amos si alternano con descrizioni della sua famiglia apparentemente slegati dal paragrafo precedente (in realtà credo che sia voluto, per dare un quadro complessivo). Qui non si racconta solo la vita di Oz, direi che è un pretesto per raccontare la storia e la vita di un popolo trasferito in una terra mitologica già occupata, nella quale si fa fatica ad adattarsi per vari motivi. E' la storia di tante famiglie tutte legate da vicende, parentele, episodi di vita, situazioni felici e tragiche in comune. Non è una lettura facile, sia per lo stile scorrevole ma comunque non semplice, sia per la quantità di contenuti vari e diversi fra loro.
    Aggiungo e preciso sul concetto di "autobiografia atipica": dobbiamo faticare non poco per costruirci un'immagine di Amos bambino. Pagina dopo pagina dopo pagina, scopriamo che è un bambino molto intelligente, forse precoce o forse solo ritenuto tale; è un po' esploratore, un po' stratega e condottiero, un po' piccolo chimico (vedi il caffè di mamma), un po' veggente e aruspice per adulti affascinati. In realtà è un bambino solitario, nato in una famiglia trasudante cultura, avido lettore, certamente con un'intelligenza spiccata. Come tutti i bambini soli, si ingegna e si inventa sempre nuovi giochi, distrazioni, storie. Questo esercizio quotidiano lo farà diventare un abile inventore di "profezie" prima e di storie fantasiose e coinvolgenti poi.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #36
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20975
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1512
    Thanked in
    1000 Posts

    Predefinito pagina 87

    Lo scrittore ha iniziato la biografia del padre, nato in Lituania, tipico lituano Oz dice del prozio, mi piacerebbe sapere cosa significa tipicità in Lituania, qualcuno saprebbe soddisfare la mia curiosità?

  • #37
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1973
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1247
    Thanks Thanks Received 
    1057
    Thanked in
    646 Posts

    Predefinito Fine cap. 59

    Ed ecco la morte della madre, gli anni 50, il deteriorarsi dei rapporti col padre, il trasferimento in Kibbuz (non ho verificato se si scrive così), l'ispirazione per la scrittura, i primi approcci col gentil sesso. Facciamo qui la conoscenza di un Amos più sicuro di sé, di certo confuso, ma comunque determinato, nel quale scorgiamo ancora tracce del bambino che è stato. Comunque... che pena mi fa il padre di Oz... la visita a Ulda è tristissima.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #38
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1973
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1247
    Thanks Thanks Received 
    1057
    Thanked in
    646 Posts

    Predefinito Finito

    Sembra che il periodo più nero, i ricordi più bui e dolorosi Oz abbia voluto lasciarseli per la fine... quasi a volerseli strappare a forza dal petto, giacché lui stesso dice di non averne mai parlato.
    Il commento finale lo posto in PB, qui continuo a commentare con voi.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #39
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6186
    Thanks Thanks Given 
    645
    Thanks Thanks Received 
    1203
    Thanked in
    671 Posts

    Predefinito Pag. 200

    Io sono arrivata a pag. 200, al cap. 22. Conclusa la storia degli avi paterni, Amos inizia con quelli materni ed è ormai giunto alla generazione di sua madre.
    Apprezzo molto il modo in cui l'autore tratteggia il carattere dei personaggi, li rende tutti molto vividi e unici, sembrano venir fuori da un catalogo di un'eterogenea umanità! Non riesco a capire se fossero davvero loro ad essere così caratteristici e particolari o lui talmente bravo a raccontarceli da trasformarli tutti in piccoli eroi ed eroine, con i loro difetti e le loro strabilianti virtù!

  • The Following 2 Users Say Thank You to ayuthaya For This Useful Post:


  • #40
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1973
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1247
    Thanks Thanks Received 
    1057
    Thanked in
    646 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Io sono arrivata a pag. 200, al cap. 22. Conclusa la storia degli avi paterni, Amos inizia con quelli materni ed è ormai giunto alla generazione di sua madre.
    Apprezzo molto il modo in cui l'autore tratteggia il carattere dei personaggi, li rende tutti molto vividi e unici, sembrano venir fuori da un catalogo di un'eterogenea umanità! Non riesco a capire se fossero davvero loro ad essere così caratteristici e particolari o lui talmente bravo a raccontarceli da trasformarli tutti in piccoli eroi ed eroine, con i loro difetti e le loro strabilianti virtù!
    Secondo me la peculiarità dei personaggi in parte è dovuta alla bravura di Oz, in parte si deve al fatto che lui li ripesca dalla memoria e probabilmente qui sono rimasti come li vedeva da bambino! Quasi certamente, come tutti i bambini, Aveva una percezione ingigantita degli adulti, come di eroi ed eroine.

  • The Following 2 Users Say Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #41
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20975
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1512
    Thanked in
    1000 Posts

    Predefinito pagina 109

    Siete dei fulmini, non riuscitò mai a starvi dietro!

    Comunque felicissima della descrizione del Nobel Agnon, quando trovo questi approfondimenti in un romanzo sono felice per quanto posso imparare/capire di aspetti letterari e sociali che non conosco.

    Imperdibile l'invettiva della nonna contro virus e batteri, resa anche letterariamente con una prosa senza pause, tutta d'un fiato. Chissà il trauma per il piccolo Oz, mi ha lasciato la curiosità di sapere come si comportava lui a livello igienico quando è diventato adulto.

  • The Following 2 Users Say Thank You to elisa For This Useful Post:


  • #42
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2155
    Thanks Thanks Given 
    4248
    Thanks Thanks Received 
    2182
    Thanked in
    1298 Posts

    Predefinito capitolo 49

    Certo è una lettura impegnativa, e non è un'autobiografia classica, c'è molta letteratura e un po' di storia. Sono ricordi che riaffiorano, e insieme creano il quadro della famiglia di Oz e della storia d'Israele.

    Trovo questo libro molto utile per capire qualcosa della storia di Israele, per esempio io non sapevo che nel 1948 l'idea dell'Onu fosse di creare due stati, uno ebraico e uno arabo, dividendo il territorio a tavolino.

  • #43
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6186
    Thanks Thanks Given 
    645
    Thanks Thanks Received 
    1203
    Thanked in
    671 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    Imperdibile l'invettiva della nonna contro virus e batteri, resa anche letterariamente con una prosa senza pause, tutta d'un fiato. Chissà il trauma per il piccolo Oz, mi ha lasciato la curiosità di sapere come si comportava lui a livello igienico quando è diventato adulto.
    Sai che ti dico? Che secondo me quel paragrafo è la vera perla del romanzo... Fino a dove sono arrivata a mio avviso resta ineguagliata.

    PS sto andando avanti al ritmo di 50 pagine al giorno solo perché sono immobilizzata a letto... Per cui tranquilla appena mi dimettono tornerò il solito bradipo!

  • #44
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1086
    Thanks Thanks Given 
    126
    Thanks Thanks Received 
    174
    Thanked in
    117 Posts

    Predefinito

    Ragazze io non ho ancora il libro..
    Doveva rientrare in biblioteca ma non è ancora arrivato.
    Domani vado in libreria a comprarlo sperando che ci sia.
    Scusate.
    Per ora non ho letto i commenti. Spero di riuscire a mettermi in cammino con voi presto.

  • The Following User Says Thank You to francesca For This Useful Post:


  • #45
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6186
    Thanks Thanks Given 
    645
    Thanks Thanks Received 
    1203
    Thanked in
    671 Posts

    Predefinito Fine cap.32 - pag. 298

    Tutta la parte sulla famiglia della madre l'ho trovata molto bella e molto diversa da quella su suo padre... L'aver "ceduto" la voce a zia Sonia è sinotomatico, quasi Amos non osasse avventurarsi da solo nel passato di colei la cui morte e quindi vita per lui rimangono un mistero.
    La narrazione è più lineare, un vero e proprio "racconto" e ci prepara a entrare sempre più nel "cuore" del dramma del piccolo Amos. È interessante vedere come gli accenni al suicidio della madre si succedano e ogni volta è aggiunta una parola in più, un dettaglio che non è un "dettaglio" ma scende sempre più in profondità... Fino ad affrontare direttamente non tanto il dolore ma il vuoto che la morte della madre significa per lui. Si sente tuttora lo sforzo di capire qualcosa che non capirà mai, di penetrare un mistero che resterà per sempre inafferrabile. Bellissimo.

    Riprendono quindi i suoi ricordi di bambino e come al solito mi diverto molto a seguire le peripezie del piccolo avventuriero... Bellissima la parte del negozio e ancora più bella quella dell'orto...
    Ognuno di questi episodi da solo avrebbe la dignità di un racconto!

  • The Following 2 Users Say Thank You to ayuthaya For This Useful Post:


  • Pagina 3 di 6 PrimoPrimo 123456 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Oz, Amos - Una storia di amore e di tenebra
      Da pigreco nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 10
      Ultimo messaggio: 06-02-2019, 05:04 PM
    2. D'avenia, Alessandro - Ogni storia è una storia d'amore
      Da estersable88 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 12-25-2017, 10:09 PM
    3. Storia d'amore triste
      Da neversaynotollamas nel forum Sto cercando un libro che parli di...
      Risposte: 6
      Ultimo messaggio: 02-09-2016, 09:11 PM
    4. Storia d'amore particolare
      Da Valentina992 nel forum Sto cercando un libro che parli di...
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 10-16-2015, 06:57 PM
    5. Consigli Giallo con storia d'amore
      Da Libretta nel forum Sto cercando un libro che parli di...
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 10-26-2009, 02:09 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •