Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 1 di 5 12345 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 64

Discussione: CI GdL - Il filo infinito di Paolo Rumiz

  1. #1
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20905
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    458
    Thanks Thanks Received 
    1488
    Thanked in
    981 Posts

    Predefinito CI GdL - Il filo infinito di Paolo Rumiz

    Anche noi passata Quota 100 perché siamo a ben 101 Gruppi di lettura e come ben ci insegna la carica dei Dalmata il libro protagonista sarà di un autore "con pedigree", il giornalista triestino Paolo Rumiz. Per cui da domani 1 settembre partiremo con la lettura di:


    Il filo infinito di Paolo Rumiz

    A seguire quel filo ci saranno:

    elisa
    qweedy
    estersable88
    francesca
    Shoshin
    Minerva6
    Hermes8825
    Spilla (in panchina
    )

    Comunque vale sempre l'invito: Lettori di tutto il forum, unitevi!

  2. The Following 4 Users Say Thank You to elisa For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2065
    Thanks Thanks Given 
    4063
    Thanks Thanks Received 
    2044
    Thanked in
    1230 Posts

    Predefinito

    Ho trovato molto interessante la presentazione del libro che Paolo Rumiz ha fatto nel programma di Corrado Augias, Quante storie (tuttora visibile su Rai Play).

    La statua integra di Benedetto da Norcia tra le macerie del terremoto. Parte da questa immagine il viaggio di Paolo Rumiz tra i monasteri benedettini europei per riscoprire uno stile di vita ancora fortemente legato alla regola "ora et labora".

    https://www.raiplay.it/video/2019/04...24d5d5d47.html

  • The Following 3 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #3
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20905
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    458
    Thanks Thanks Received 
    1488
    Thanked in
    981 Posts

    Predefinito



    Paolo Rumiz è scrittore e giornalista triestino, inviato speciale del «Piccolo» di Trieste ed editorialista de «La Repubblica».
    Esperto del tema delle Heimat e delle identità in Italia e in Europa, dal 1986 segue gli eventi dell’area balcanico-danubiana. Nel 2001 invece segue, prima da Islamabad e poi da Kabul, l'attacco statunitense all'Afghanistan. Vince il premio Hemingway nel 1993 per i suoi servizi dalla Bosnia e il premio Max David nel 1994 come migliore inviato italiano dell’anno.
    Ha pubblicato, tra l’altro, Danubio.Storie di una nuova Europa (1990), Vento di terra(1994), Maschere per un massacro (1996), La linea dei mirtilli (1993), La secessione leggera (2001), È Oriente (2003), Gerusalemme perduta (2005), La leggenda dei monti naviganti (2007), Annibale. Un viaggio (2008), L'italia in seconda classe, con i disegni di Altan e una Premessa del misterioso 740 (2009), La cotogna di Istanbul (2010), Il bene ostinato (2011), A piedi (2012), Trans Europa Express (2012), Morimondo(2013), Maledetta Cina (2012), Il cappottone di Antonio Pitacco (2012), Come cavalli che dormoni in piedi Ambra sulla corrente (2014),Appia (2016),Dal libro dell'esodo (con Cécile Kyenge) e Il filo infinito (2019).
    Quasi tutti i titoli di Paolo Rumiz sono pubblicati in Italia da Feltrinelli.

  • The Following 3 Users Say Thank You to elisa For This Useful Post:


  • #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5686
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2007
    Thanks Thanks Received 
    1251
    Thanked in
    825 Posts

    Predefinito

    È stato il mio primo Rumiz.
    Voi avete già letto altro?

  • #5
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    16077
    Thanks Thanks Given 
    2031
    Thanks Thanks Received 
    1772
    Thanked in
    1212 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Spilla Vedi messaggio
    È stato il mio primo Rumiz.
    Voi avete già letto altro?
    Io no, anche per me sarà il primo .
    Edit : ho appena letto la trama, avevo dato l'adesione senza conoscerla... Sono sincera, da sola non l'avrei mai letto, ho paura del terremoto e non ho ancora avuto il dono della fede, però insieme a voi sento che ce la posso fare . La mia edizione è in audiolibro, spero di sentire la suddivisione in capitoli, a volte me la perdo .
    Ultima modifica di Minerva6; 08-31-2019 alle 06:02 PM.

  • The Following 2 Users Say Thank You to Minerva6 For This Useful Post:


  • #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    687
    Thanks Thanks Given 
    689
    Thanks Thanks Received 
    814
    Thanked in
    481 Posts

    Predefinito

    Considero ogni libro
    come una partenza
    per raggiungere qualcosa
    dentro di me.
    Stasera riprendo il
    mio cammino con Fede,
    l'ho incontrata da poco
    la Fede io e spero di poterla
    nutrire e rinforzare attraverso
    la lettura di un'esperienza di vita.
    Il filo infinito è una strada
    aperta tra noi e l'autore del libro ,
    un faro acceso nella notte che
    può indicare il percorso da prendere
    o da mantenere.

    Sono anche contenta di non essere
    da sola nella lettura la condivisione
    è fonte di arricchimento.

    Vi lascio una piccola e significativa traccia
    di questo scrittore attento e profondo.

    https://youtu.be/D_15UGW7GAE

  • The Following 2 Users Say Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2065
    Thanks Thanks Given 
    4063
    Thanks Thanks Received 
    2044
    Thanked in
    1230 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Spilla Vedi messaggio
    È stato il mio primo Rumiz.
    Voi avete già letto altro?
    Ho adorato "Trans Europa Express", il viaggio di seimila chilometri a zigzag da Rovaniemi (Finlandia) a Odessa (Ucraina). Un percorso con zaino in spalla sulla linea che divide l'Europa occidentale da quella orientale.
    Bello anche "E' Oriente". Rumiz è un grandissimo viaggiatore.

    @Minerva:
    anch'io non so se l'avrei letto da sola, ho la sensazione che sia un libro impegnativo. Comunque Rumiz è ateo.


  • The Following 2 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #8
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1933
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1206
    Thanks Thanks Received 
    1026
    Thanked in
    632 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Spilla Vedi messaggio
    È stato il mio primo Rumiz.
    Voi avete già letto altro?
    Questo sarà il mio quarto Rumiz. La mia conoscenza di quest'autore è poca (visto quanto ha scritto mi sento ancora agli inizi) e recente. Ho cominciato con Appia, un bellissimo viaggio che Rumiz fa con alcuni colleghi alla ricerca delle tracce rimaste o perdute dell'Appia antica, della via originaria che congiungeva terre, popoli e culture. Mi sono innamorata dello stile con cui Rumiz racconta ciò che vede, sente e vive ed ho deciso di proseguire con A piedi, un viaggio da Trieste alla punta meridionale dell'Istria (capo Promontore) fatto in sette giorni e volontariamente a piedi per riscoprire il bello di camminare ed immergersi completamente nei luoghi che si visitano. Ultimo incontro con Rumiz è stato Maschere per un massacro, l'approfondito racconto delle ragioni (o non ragioni) della guerra nei Balcani.
    Ogni suo libro è un viaggio a tutto tondo, intenso, profondo, da vivere leggendo. Le sue sono guide per conoscere culture, per interrogarsi sui problemi dei singoli, della gente, delle minoranze, per farsi ispirare altri approfondimenti e altri viaggi.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    687
    Thanks Thanks Given 
    689
    Thanks Thanks Received 
    814
    Thanked in
    481 Posts

    Predefinito I luoghi dell'anima

    La felicità del perimetro.
    Non ci avevo mai pensato..
    Quel sentirsi completamente
    liberi nello spazio circoscritto
    che ha saputo
    donare al nostro cuore il senso
    dell'essere a casa,la sicurezza
    tenera che un luogo conosciuto
    e vissuto può offrire all'uomo in cammino.
    Il perimetro di un chiostro silenzioso
    può accogliere tutti i pensieri e le preghiere
    del mondo ...

  • The Following User Says Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    687
    Thanks Thanks Given 
    689
    Thanks Thanks Received 
    814
    Thanked in
    481 Posts

    Predefinito



    Posseggo una piccola collezione di canti gregoriani.
    Li ascolto quando ho bisogno di sentire la luce
    toccarmi.

  • The Following 2 Users Say Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #11
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20905
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    458
    Thanks Thanks Received 
    1488
    Thanked in
    981 Posts

    Predefinito

    Io di Rumiz conosco qualche articolo letto su Repubblica, non ho letto nessun libro al momento.

  • #12
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1933
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1206
    Thanks Thanks Received 
    1026
    Thanked in
    632 Posts

    Predefinito

    Incipit:
    " Norcia, aprile 2017
    Dopo le rovine dei paesi non si videro più uomini e la montagna si fece aspra e solitaria. Da una sella battuta dal vento iniziammo a scendere nella nebbia per un canalone innevato, e fu alla fine di quella discesa che il Sole squarciò il grigio, sfolgorante in un cielo pervinca, svelando sulla destra i monti immacolati della maga Sibilla e, sulla sinistra, in un mormorio di ruscelli nel disgelo, un'ampia, inattesa conca quasi mongolica, coperta da una moquette di erba rasa, disseminata di crochi, ellebori e cuscini di primule, protetta da ogni lato da un cornicione di alture.
    Quella distesa incantata e invisibile dal basso, chiamata Pian Grande, dove l'unico modo di camminare in quel mese d'aprile era andare scalzi per meglio sentire la voce della Terra, quella prateria già serpeggiante di vita che a maggio avrebbe conosciuto la più celebrata fioritura d'Europa - il giallo, il viola, il rosso e l'azzurro delle lenticchie, dei papaveri e degli iris -, era il centro della linea di faglia che aveva scosso l'Appennino e allo stesso tempo il centro perfetto della Penisola che stava in mezzo al Mediterraneo.
    Sapevamo che, mille metri sopra i pascoli, sulla cresta nevosa di un monte cui era stato dato il nome di Redentore, forse per rabbonire le divinità del Profondo, sarebbe stato possibile vedere a nord-est la tavola blu dell'Adriatico e a sud-ovest, oltre il Terminillo, la costa del Terreno. Ma nello stesso tempo era visibile sul pendio - bianco e regolare come l'Ararat e l'Etna - la lunga cicatrice d'Appennino che, cavalcando la scarpata a mezzacosta, ammoniva gli umani grazie a uno smottamento della neve che denudava la roccia. In fondo alla conca l'unico abitato, la rocca di Castelluccio ridotta in macerie, ne confermava la sovranità assoluta.
    Eravamo magnificamente soli, unica presenza viva in quella distesa tibetana, e vivevamo quel privilegio con inquieta e guardinga euforia. Non c'era nulla di simile sulle Alpi. Nessun luogo dove paura e incantamento, inferno e paradiso, tellurico e fertile, tenebre e luce, si sposassero in modo così intimo per garantire il ciclo vitale. Pensai che era quello sposalizio a dover essere narrato, prima che la sagra di primavera ricominciasse. Ero cresciuto sulle Alpi, ma era stato l'Appennino a sedurmi nella maturità: e quella montagna antica, medievale, femminile, barbarica, dai sapori forti, era diventata la mia seconda patria.
    Vita dappertutto, aria satura di trilli, fischi e cinguettii. Nei ruscelli, rospi in accoppiamento. Le talpe avevano ripreso a scavare, lasciando sull'erba vellutata monticelli di terra bruna allineati come punti di sutura. Era un lusso assistere a tutto ciò in perfetta solitudine, un lusso reso amaramente possibile solo dal terreno militarizzato per l'emergenza terremoto. A Castelluccio non era consentito piantar tende, nemmeno camminare senza permesso. Anche il turismo più eco-compatibile e pionieristico era bandito, per motivi di sicurezza. Sicurezza, tormentone del secolo, che Dio la maledica. Ma noi avevamo un passaporto speciale per il paradiso, e vi entravamo in un momento irripetibile: con la piana ancora avvolta nel silenzio invernale e l'esplosione già in corso dei pazzeschi colori di primavera.
    Era una suite di neve, stelle e praterie. Il grembo di un mondo che era stato capace di partorire mille volte un nuovo inizio. Almeno da quando, migliaia di anni fa, i popoli dell'Asia centrale erano scesi qui con i loro armenti e le loro sementi - farro, cicerchia, e con essi i fiori selvaggi che qui avevano trovato un habitat unico al mondo -, intuendo che Persefone e Cerere, la dea degli inferi e quella delle messi, si davano la mano sulla cordigliera che faceva da colonna vertebrale del mondo nuovo. Un mistero celebrato da una terza femmina: la Sibilla, dea madre sibilante, padrona della Terra di mezzo.
    Salimmo verso il cornicione della conca, fino a un passo dove la vista si spalancò sul Terminillo, il Gran Sasso, la conca di Assisi. Tolte le scarpe, fu tempo di merenda, pancia all'aria nell'erba rasa, con la brezza tra le dita dei piedi. Dietro di noi si srotolava il gomitolo del sisma nel mondo degli umani. Le montagne erano rimaste, il resto non c'era più. Avevamo attraversato a piedi una sequenza di paesi distrutti, rimasti in balìa di una tempesta di stratigrafie, aggrappati a un terreno simile a una torta millefoglie.
    In una viabilità impossibile, sopravvivevano i sentieri, come mille anni fa, e noi eravamo entrati nel cuore vivo della distruzione. Amatrice era Bosnia in guerra: strade deserte, sfollati, mimetiche, odore di kerosene e miseria, contiguità di case intatte e case polverizzate. Si percepiva un pericolo onnipresente, ma anche l'esempio tutto italiano di una macchina burocratica capace di “uccidere” più del terremoto ostacolando i ritorni con regole e divieti. Nella devastazione, il paradosso di una natura già in fregola, con i fari nella sera che illuminavano centinaia di rospi intenti a copulare sull'asfalto ancora caldo.
    Rivedevo la terra sbadigliare come mascella di Leviatano, la terra negra che ci era venuta incontro con l'orrore tombale dell'epicentro. In certi posti lo sventramento era stato tale che sarebbe bastato uno starnuto a produrre altri crolli. Eravamo passati col fiato sospeso, abusivamente, in punta di piedi, tra mura pericolanti e tegole appese al nulla. In mezzo a canaloni, sterpaglie e praterie, Cornillo Vecchio e Rocchetta sventrati, oscenamente aperti sull'intimità delle case. Tendine di pizzo, letti, librerie, culle, lampadari, biancheria ad asciugare. E la natura che anche lì teneva duro, se ne fotteva degli uomini. Vento, silenzio, cinguettio, mitragliare di picchi nel bosco.
    San Lorenzo e Flaviano, l'apocalisse. Nessuno in giro. Unico rumore, lo scricchiolio delle nostre suole. Case in muratura di una povertà sconcertante. La vecchia Salaria chiusa al traffico per frane con guardrail storti in modo abnorme dalla contorsione del monte e reti paramassi bombardate dai crolli. Pali della luce, tranciati a metà, oscillavano sul fiume, appesi come una teleferica ai fili della corrente. A picco sull'asfalto crepato, un'onda di marea fatta di pietra, un urlo solidificato del profondo. Oltre il fiume, un terreno disseminato di faglie attive.
    Accumuli: un altro paese fantasma, sposalizio irreale di narcisi e macerie, e sopra il paese annichilito il colosso del Vettore, con l'inconfondibile forma di sella e il precipizio innevato incombente come un ferro da stiro sulla valle. Anche la salita verso il cuore dei Sibillini aveva chiesto il suo pedaggio di distruzione. Sperlonga, Arquata, Pretare ridotte in polvere. Molto peggio di Amatrice. Non più Bosnia stavolta, ma Afghanistan sotto le nevi indifferenti dell'Hindukush.
    Fu dall'orlo della conca di Castelluccio che ci apparve Norcia, novecento metri più in basso. La visibilità era illimitata. Scendemmo a precipizio verso la città murata nel tramonto, tra cardi giallo paglierino e sterco di vacca vecchio dell'anno prima. Volavamo come col parapendio, con lunghe virate, a filo di una brughiera abrasa in più punti da rovinose frane. Dopo due ore di cammino, alle porte della città, mentre una magnifica luce giallo oro illuminava i mandorli in fiore, ricominciarono le rovine. Fuori dalle mura, un'umanità superstite: facce sannite, picene, greche, bizantine, longobarde, trasparente frutto italico di antiche migrazioni. Dentro le mura, il vuoto quasi totale. Un quadro di De Chirico.
    Un monumento ai Caduti delle due guerre mi mise in mano un primo bandolo della matassa. Tra i nomi incisi su pietra, quello di un partigiano triestino, Sergio Forti, medaglia d'oro, ucciso da queste parti dopo inenarrabili torture. Pensai: ecco, quando mi chiedono come ridare senso al 25 Aprile, nomi come il suo mi dicono che viaggiare così, a piedi, nel maquis, è cosa giusta, perché ti fa entrare nella pancia dimenticata del Paese. Ti porta ad ascoltare gli Ultimi, le loro paure inascoltate, e anche a individuare la traccia immonda, inconfondibile, quasi olfattiva, del razzismo che rinasce come risposta a quelle paure. Ti fa capire che è ancora tempo di battaglia e che è giusto rispondere con durezza alle belve che si accaniscono contro i deboli e i vinti per scaricare in basso la rabbia che altrimenti colpirebbe chi sta in alto. Il Potere.
    Eravamo intimiditi e taciturni, incerti se il nostro andare seguisse il filo delle ore, dei secoli o delle ere geologiche. “Sembrava Aleppo,” sentii dire da un indigeno della botta tremenda sulla città. Una frase che diceva involontariamente la parentela stretta fra gli sfollati del terremoto e gli esuli delle guerre. Uscimmo sulla piazza principale. Metà degli edifici si erano seduti su se stessi. Le rovine della Cattedrale erano illuminate di giallo dalle fotoelettriche. Dietro il rosone, la navata non c'era più.
    Fu lì che vidi la statua, illuminata a giorno al centro della piazza. Mostrava un uomo dalla barba venerabile e dalla larga tunica, sollevava il braccio destro come per indicare qualcosa fra cielo e Terra. Era intatta in mezzo alla distruzione, e portava la scritta SAN BENEDETTO, PATRONO D'EUROPA. Fu un tuffo al cuore. Fino a quel momento non avevo minimamente pensato al Santo e al suo rapporto con Norcia, con il terremoto, con la terra madre del Continente cui appartenevo."

    Il libro si apre con queste parole che dimostrano come, ancora una volta, Rumiz si riveli maestro nel catturare il lettore e creare suggestioni.
    Leggere questo libro oggi, nel giorno in cui ancora quelle terre tremano, gli attribuisce ancora più valore.

  • The Following 2 Users Say Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #13
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    687
    Thanks Thanks Given 
    689
    Thanks Thanks Received 
    814
    Thanked in
    481 Posts

    Predefinito

    Questo libro è una forma di preghiera.
    La preghiera di chi si incammina alla ricerca
    del seme della vita.
    In un viaggio in cui i luoghi diventano
    casa amata e ricordata,anche se vissuti
    per poche ore appena.
    Il genius loci,è così che si attacca al cuore
    degli uomini e li fa restare in un posto.

    E anche se poi si deve andare lo si porta con se
    quel senso pieno dello spazio piccolo che accoglie e raccoglie.
    Sono molto commossa da questa lettura.
    Io che sono inquieta per i fatti della vita
    che mi hanno lasciata spaesata,ritrovo
    un luogo interiore che si apre ad un poco di luce.

  • The Following 2 Users Say Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #14
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    16077
    Thanks Thanks Given 
    2031
    Thanks Thanks Received 
    1772
    Thanked in
    1212 Posts

    Predefinito

    Ho appena finito di ascoltare proprio la parte postata da ester come incipit. Per la serie coincidenze letterarie . In realtà è la seconda coincidenza perché oggi sono stata invitata a partecipare ad un MG il cui libro ha sempre un filo nel titolo.

    Chissà se si parlerà anche dell'abbazia di Montecassino fondata proprio da San Benedetto e che si trova dalle mie parti?
    Ultima modifica di Minerva6; 09-01-2019 alle 05:52 PM.

  • The Following 3 Users Say Thank You to Minerva6 For This Useful Post:


  • #15
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5686
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2007
    Thanks Thanks Received 
    1251
    Thanked in
    825 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva6 Vedi messaggio
    Ho appena finito di ascoltare proprio la parte postata da ester come incipit. Per la serie coincidenze letterarie . In realtà è la seconda coincidenza perché oggi sono stata invitata a partecipare ad un MG il cui libro ha sempre un filo nel titolo.

    Chissà se si parlerà anche dell'abbazia di Montecassino fondata proprio da San Benedetto e che si trova dalle mie parti?
    Davvero? Montecassino deve essere un luogo magico

    Anche io sto sperimentando tante coincidenze: due libri letti a distanza di pochi giorni, e fino ad un paio di settimane fa nemmeno mai sentiti nominare, che hanno "Il filo" nel titolo; un'estate in cui ho ripreso in mano "fili" ( mi piace lavorare ad uncinetto, ma non ne ho mai il tempo, di solito); Il filo di mezzogiorno, di Goliarda Sapienza, ha un incipit che richiama sia le apparizioni di fantasmi (di cui parla anche il libro che ho pescato per Adotta un autore) sia del "demone di mezzogiorno" di cui parla Rumiz.
    Tutto molto interconnesso

  • The Following 4 Users Say Thank You to Spilla For This Useful Post:


  • Pagina 1 di 5 12345 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Rumiz, Paolo - Maschere per un massacro
      Da velmez nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 08-10-2019, 09:15 AM
    2. Rumiz, Paolo - A piedi
      Da estersable88 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 01-10-2019, 05:12 PM
    3. Rumiz, Paolo - Appia
      Da estersable88 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 11-11-2018, 01:31 AM
    4. Rumiz, Paolo - La Gerusalemme perduta
      Da Baldassarre Embriaco nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 02-10-2018, 06:36 PM
    5. Rumiz, Paolo - La cotogna di Istanbul
      Da velmez nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 06-18-2012, 11:25 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •