Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Sardegna come un'infanzia

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Vittorini, Elio - Sardegna come un'infanzia

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2790
    Thanks Thanks Given 
    196
    Thanks Thanks Received 
    725
    Thanked in
    388 Posts

    Predefinito Vittorini, Elio - Sardegna come un'infanzia

    Ho voluto leggere questo libro perché mi ricordava Diario d’Irlanda di H. Boll, libro che ho amato moltissimo e che considero uno dei miei libri dell’anima. Dico subito che per quanto non mi sia dispiaciuto leggerlo Sardegna come un’infanzia non è riuscito a diventare però un altro mio libro dell’anima. Mi viene difficile anche spiegare precisamente cosa non mi ha convinto del tutto nel libro. Io pensavo fosse il diario di un viaggio “turistico” fatto da Vittorini, invece ad un certo punto della lettura mi è sembrato che fosse più un viaggio “di lavoro”. Come se il viaggio fosse stato fatto per conoscere le reali condizioni della Sardegna e poterne poi scrivere. D’altronde il libro è stato scritto nel 1932 e non penso che all’epoca della Sardegna – ma del meridione in generale se ripenso a Cristo si è fermato ad Eboli – il resto d’Italia sapesse molto. Ho trovato molto belle alcune descrizioni, ad esempio quelle di Carloforte, o quelle delle donne avvolte nei loro lunghi scialli neri e nei loro silenzi, ecco forse non mi è piaciuto, o meglio mi è dispiaciuto, che talvolta l’autore si sia inutilmente perso in parole che nulla avevano a che fare con il paesaggio e con i suoi abitanti. In quanto a quest’ultimi poi mi sono mancati completamente i dialoghi, infatti questa mancanza di interazione tra il Vittorini e i sardi mi ha lasciato perplessa. A parte queste critiche comunque sono contenta di averlo letto, perché descrive un mondo (non solo sardo) ormai quasi del tutto scomparso verso il quale chi – come me - lo ha anche solo minimante conosciuto non può non provare la stessa nostalgia che prova verso la propria infanzia. Non bellissimo, ma sicuramente molto interessante.

  2. The Following User Says Thank You to bouvard For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


Discussioni simili

  1. Vittorini, Elio - Uomini e no
    Da ayuthaya nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 07-12-2016, 03:54 PM
  2. Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 07-02-2015, 07:51 PM
  3. Murgia, Michela - Viaggio in Sardegna
    Da unkadunka nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 04-22-2015, 05:08 PM
  4. [Report Fotografico] un tuffo in sardegna
    Da sub75 nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 07-02-2008, 12:17 PM
  5. Vittorini, Elio - Conversazione in Sicilia
    Da guidolaremi nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 04-18-2008, 07:34 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •