Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La trasparenza del camaleonte

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Pulvirenti, Anita - La trasparenza del camaleonte

  1. #1
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    2241
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1533
    Thanks Thanks Received 
    1311
    Thanked in
    797 Posts

    Predefinito Pulvirenti, Anita - La trasparenza del camaleonte

    Sinossi:
    Nasconderti tra la folla non può impedirti di scoprire chi sei. Carminia non riesce a guardare nessuno negli occhi. Vorrebbe che non le rivolgessero mai la parola, nemmeno per augurarle buongiorno. Il minimo ritardo la infastidisce, un quadro storto la infastidisce. Ha un menu fisso per ciascun giorno della settimana, un ordine preciso per vestirsi ogni mattina, un modo corretto con cui la carta igienica deve scorrere sul portarotolo, e diciotto copie del suo libro preferito in soggiorno, su uno scaffale. Rifugge qualsiasi rumore o semplice contatto umano. La verità è che le persone sono d’intralcio alla sua esistenza. Carminia ha la trasparenza del camaleonte, la stessa capacità di adattarsi alle situazioni in cui si trova e, in quelle, sparire. Eppure soffre per tutto ciò che non le riesce, la disturba, non le viene naturale: ha la sindrome di Asperger, ma ancora non lo sa. È solo quando finalmente le viene diagnosticata, e la madre sembra riemergere da un’infanzia ormai lontanissima, che il suo mondo di ordine e routine comincia a vacillare. Insieme a Rebecca, una bambina impertinente e linguacciuta, Carminia si troverà allora a dover fare i conti con se stessa, con il suo modo di abitare il mondo e con ciò che significa, alla fin fine, normalità.

    Carminia. Dietro questo bellissimo nome si nasconde un mondo, esattamente come dietro al nome di ciascuno di noi. Il mondo di Carminia è complicato, ma solo se lo si guarda dall'esterno, con gli occhi di chi non la conosce ed è abituato a guardare solo il proprio, di mondo. Certo, Carminia ha le sue manie, ha giorni e orari fissi per qualunque cosa, non sorride, non capisce le battute, non ama i convenevoli, spesso non riconosce la gente, non socializza, ama il silenzio, ama l'armonia… Per Carminia queste sono tutte cose normali, cose che costituiscono la sua vita, il suo ordine mentale, lei è così, è questa, tutto il pacchetto o niente. E Carminia non capisce perché le altre persone si comportino diversamente, non la capiscano, la considerino strana, pazza, asociale, stronza. Non capisce perché nella scelta tra pacchetto e niente, la maggior parte delle persone scelga la seconda opzione. Ci si è abituata, però: è come le ha detto la nonna, il mondo non la capisce, non è alla sua altezza, non è lei ad essere sbagliata, non è lei ad avere un problema. E invece sì, Carminia ce l'ha un problema e negarlo peggiora le cose: ha la sindrome di Asperger, tutte le sue particolarità rientrano nello spettro autistico. Però attenzione, ora non lasciamo volare la mente a quei casi di genialità supersonica di cui spesso leggiamo in riviste o blog: non stiamo parlando di questo. Qui parliamo di normalità, di come una persona con questa sindrome possa vivere la sua vita al meglio delle possibilità, restando in contatto, per quanto tollerabile, col mondo che la circonda senza isolarsi, senza chiudersi a riccio. Se la nonna, dopo l'abbandono della madre, l'avesse giustificata meno ed avesse voluto guardare in faccia la realtà, Carminia magari avrebbe potuto conoscere prima la sua diagnosi e cercare di migliorare i suoi rapporti col mondo. Guardare in faccia il problema a volte può essere la soluzione: se avesse saputo e potuto spiegare agli altri il perché delle sue anomalie, forse questi ultimi non l'avrebbero segnata a dito, non l'avrebbero considerata strana, pazza, stronza e, di conseguenza, lei stessa avrebbe sofferto meno.
    Ecco, mentre scrivo queste parole sono costretta a bloccarmi perché realizzo di stare, almeno in teoria, scrivendo la recensione di un libro. Dovrei, quindi, parlare di stile, scrittura, personaggi… ma è così forte la storia di Carminia, questo personaggio inventato è così reale e presente da uscire dalle pagine, da materializzarsi alla scrivania vicino alla mia, da diventare persona viva, fisica, con tutte le sue sofferenze, dolori, incomprensioni che diventano intollerabili. Intollerabili perché intollerabile è il nostro modo di approcciarci agli altri, di guardarli sempre col filtro delle nostre convinzioni e convenzioni, senza porci mai il dubbio che possano non accettarle o, molto più banalmente, non riuscire a capirle. E ancora una volta mi ritrovo a chiedermi il senso di aggettivi come "strana, pazza, asociale, psicopatica, stronza" e, specularmente, del peggiore, del più infido, traditore e respingente di tutti: "normale"!.
    Dalla scossa che mi hanno dato queste riflessioni – che spero di essere riuscita in qualche modo a trasmettervi – non è difficile capire che Anita Pulvirenti ha scritto un libro di un'attualità, realtà, forza dirompente e sorprendente. Fluido, verosimile, pertinente, La trasparenza del camaleonte rende perfettamente la vicinanza di queste problematiche a noi, al nostro vivere quotidiano. Carminia sembra proprio la signorina quarantenne che abbiamo incontrato alla cassa del supermercato, quella che ha preteso l'euro del 2009 perché quello del 2010 ce l'aveva già. Ci è sembrata pazza? Psicopatica? Beh, chiediamoci da dove viene questa sua fissazione, chiediamoci il perché di questa sua necessità. Lo stesso dicasi per la signora che strepita perché abbiamo chiamato l'ascensore prima di lei proprio nel momento in cui le serviva, per la collega che non vuole mai venire a prendere il caffè con noi… chiediamoci perché e cosa possiamo fare – o non fare – noi. Facciamolo sempre quando siamo in relazione con gli altri: non conosciamo le loro vite e ciò che potrebbe sembrare strano a noi, per loro potrebbe essere parte di una necessità. E poi, infine, chiediamoci quanto costi agli altri cambiare, modificarsi, soffocare se stessi per essere accettati da noi, per entrare nella nostra tanto amata normalità.


  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


Discussioni simili

  1. Faenza, Roberto - Anita B.
    Da c0c0timb0 nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 02-26-2015, 08:28 PM
  2. Nair, Anita - Cuccette per signora
    Da skunkie nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 05-11-2014, 06:12 PM
  3. Trasparenza o opacità?
    Da elisa nel forum Amici
    Risposte: 52
    Ultimo messaggio: 11-19-2012, 08:00 PM
  4. nitina - Anita!
    Da nitina nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 04-04-2011, 08:36 PM
  5. Desai, Anita - Digiunare, divorare
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-14-2010, 09:44 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •