Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Lida Mantovani

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Bassani, Giorgio - Lida Mantovani

  1. #1
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    2102
    Thanks Thanks Given 
    1898
    Thanks Thanks Received 
    1536
    Thanked in
    988 Posts

    Predefinito Bassani, Giorgio - Lida Mantovani

    Non conoscevo la scrittura di Giorgio Bassani, questo è il primo suo libro che leggo e che fa parte della raccolta “Cinque storie ferraresi”. Lida Mantovani è la protagonista di questo racconto breve ma la protagonista principale secondo me è Ferrara che accompagna la storia di questa ragazza “imprigionata” dentro le mura della città, imprigionata perché sembra in balia degli eventi: sogna il grande amore, le sembra di riconoscerlo nella figura di David, ma quando lui l’abbandona e lei è costretta a tornare dalla madre con in braccio suo figlio di pochi mesi ecco che la storia di sua madre rivive in lei e, se per un momento, la speranza di un destino migliore l’aveva svegliata dal torpore domestico e da una vita monotona, dopo non riesce a far altro che continuare a pensare a ciò che sarebbe potuto essere e invece non è stato, in un continuo flashback. Mi ha colpito e commosso la tristezza del personaggio, il suo senso di rassegnazione, persino l’amore è vissuto da Lida con angoscia perché è viva in lei la percezione di imminente abbandono. Ferrara e le sue mura circondano Lida, la soffocano, la fanno sentire in colpa e si vergogna perché si sente giudicata, il conflitto poi con la figura materna è silente ma presente nella minuziosa descrizione della vita quotidiana. La descrizione delle vie della città è malinconica perché la ragazza non riesce a sentirsi parte di quel mondo, si respira per tutto il romanzo un senso di alienazione. Ho trovato la sua scrittura molto poetica e delicata.

  2. The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    1147
    Thanks Thanks Given 
    831
    Thanks Thanks Received 
    546
    Thanked in
    301 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ondine Vedi messaggio
    Non conoscevo la scrittura di Giorgio Bassani, questo è il primo suo libro che leggo e che fa parte della raccolta “Cinque storie ferraresi”. Lida Mantovani è la protagonista di questo racconto breve ma la protagonista principale secondo me è Ferrara che accompagna la storia di questa ragazza “imprigionata” dentro le mura della città, imprigionata perché sembra in balia degli eventi: sogna il grande amore, le sembra di riconoscerlo nella figura di David, ma quando lui l’abbandona e lei è costretta a tornare dalla madre con in braccio suo figlio di pochi mesi ecco che la storia di sua madre rivive in lei e, se per un momento, la speranza di un destino migliore l’aveva svegliata dal torpore domestico e da una vita monotona, dopo non riesce a far altro che continuare a pensare a ciò che sarebbe potuto essere e invece non è stato, in un continuo flashback. Mi ha colpito e commosso la tristezza del personaggio, il suo senso di rassegnazione, persino l’amore è vissuto da Lida con angoscia perché è viva in lei la percezione di imminente abbandono. Ferrara e le sue mura circondano Lida, la soffocano, la fanno sentire in colpa e si vergogna perché si sente giudicata, il conflitto poi con la figura materna è silente ma presente nella minuziosa descrizione della vita quotidiana. La descrizione delle vie della città è malinconica perché la ragazza non riesce a sentirsi parte di quel mondo, si respira per tutto il romanzo un senso di alienazione. Ho trovato la sua scrittura molto poetica e delicata.
    Sono un grande estimatore di Bassani. Non ha scritto moltissimo, ma quello che ha scritto è tutto di straordinaria qualità. Un grande del 900

  • The Following User Says Thank You to Grantenca For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Bassani, Giorgio - Gli occhiali d'oro
      Da Grantenca nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 09-15-2019, 07:11 PM
    2. Bassani, Giorgio - Il giardino dei Finzi Contini
      Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 32
      Ultimo messaggio: 01-11-2019, 10:13 PM
    3. 230° MG - Il giardino dei Finzi-Contini di G. Bassani
      Da Spilla nel forum Gruppi di lettura
      Risposte: 23
      Ultimo messaggio: 01-11-2019, 10:09 PM
    4. Bassani, Giorgio - L'airone
      Da Grantenca nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 12-11-2017, 04:01 PM
    5. Bassani, Giorgio
      Da Caterina nel forum Autori
      Risposte: 6
      Ultimo messaggio: 04-20-2014, 09:44 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •