Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Libri recensiti su forumlibri di questo autore:

Nessun foto segnalata per questo autore.

Pagina 2 di 2 PrimoPrimo 12
Mostra risultati da 16 a 28 di 28

Discussione: Celine, Louis-Ferdinand

  1. #16
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2008
    Località
    Guidonia (Roma)
    Messaggi
    198
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ho letto Viaggio al termine della notte. Bel libro senz'altro, ma avvolto di cupo pessimismo. L'immagine del maiale che attende il suo destino, mentre il macellaio lo guarda ridendo ed impugnando un grosso coltello, m'è tornata spesso alla mente...
    Ciao!

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #17
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    non lo credo K.
    Quando penso al VIAGGiO e riprendo certe pagine, spesso rievoco,forse perchè mi piacciono,certe splendide periferie urbane dei quadri di Sironi degli inizi delgi anni venti.
    Loro due si guardano,secondo me.forse perchè son parte della stessa temperie
    Da riprendere.
    TV

  • #18
    Member SuperNova
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terni...
    Messaggi
    3598
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    646
    Thanks Thanks Received 
    420
    Thanked in
    187 Posts

    Predefinito

    io l'ho iniziato ieri sera,Viaggio al termine della notte, anche se, data la linguetta della copertina messa a pagina 23, forse che forse già l'avevo iniziato aleggere tempo fa..mooolto tempo fa.....

  • #19
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    buon viaggio allora Evi.
    tutte le cose hanno il loro tempo.....

  • #20
    Member SuperNova
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terni...
    Messaggi
    3598
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    646
    Thanks Thanks Received 
    420
    Thanked in
    187 Posts

    Predefinito

    Grazie mille

  • #21
    Ineffabile
    Data registrazione
    Jun 2011
    Località
    Milky Way
    Messaggi
    43
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elena Vedi messaggio
    ...l’autore adotta una prosa cruda e allucinata per descrivere miserie e degradazioni umane...
    Celine andava assolto dalle accuse di antisemitismo solo per l'abilità con cui descrisse il gioielliere |uttaniere (suo datore di lavoro) e come gestivano il manicomio in cui lavorava. Anche i fatti narrati nel suo lavoro da medico condotto sono un fantastico pugno nello stomaco. Dopo aver letto questo libro mi tornano in mente certi suoi pensieri ogni qual volta parlo con un medico... e divento scettico e sospettoso.
    Comunque ritengo questo libro uno dei più belli del novecento. Anche Morte a Credito è da leggere. Ma è molto diverso. E non altrettanto scorrevole.


  • #22
    Alfaheimr
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Erewhon
    Messaggi
    1585
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Quelo Vedi messaggio
    Celine andava assolto dalle accuse di antisemitismo solo per l'abilità con cui descrisse il gioielliere....
    Non concordo. Luigi era quello che era dal punto di vista delle opinioni politiche (come Mishima, Pound etc..).
    Rimane uno dei maggiori geni del Novecento ed oltre

  • #23
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    campagna lomellina
    Messaggi
    122
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Posto anche qui quello che ho postato nella sezione Biblioteca sotto il topic dedicato a Viaggio al termine della notte.
    Queste sono due righe che avevo scritto su un mio blog a proposito di Celine e di questo romanzo:

    A cinquanta anni dalla sua morte, Louis Ferdinand Céline ancora divide gli animi e le coscienze per quello che fu il suo dichiarato antisemitismo, tanto che in Francia è stato inserito a fatica nell’annuario 2011 del «Recueil des Célébrations nationales» che elenca i vari anniversari che ricorrono in Francia ogni anno, suscitando non poche polemiche.

    Cerco di soffermarmi sull’artista e non sull’uomo, le cui scelte e pensieri sono opinabili e non condivisibili. Come ha detto al riguardo Henri Godard, professore della Sorbona, “siamo ormai in grado di riconoscere l' arte anche quando non coincide con i nostri valori morali, o li contraddice”.

    La lettura è stata Viaggio al termine della notte, forse la sua opera più importante, di sicuro un grandissimo affresco del ‘900, irriverente, dissacrante, ironico, vero. Perché il merito di Cèline è quello di riuscire a comunicare “di pancia” i pensieri, le amare riflessioni, le contraddizioni di un’epoca. Colpisce il suo scritto diretto dove non fa sconti neppure a se stesso, includendosi e sottoponendosi alla severa critica riservata all’uomo, dove tutte le sfumature più meschine sono messe a nudo, dando voce con coraggio ai pensieri da tutti pensati ma che nessuno ha il coraggio di pensare ad alta voce.

    Lo stile è ritmato, mai banale, sembra quasi seguire i tempi di una grande commedia comica.

    Consigliato: a chi cerca qualcosa di concreto, senza perdersi in strade fantasiose che rincorrono sogni irraggiungibili. A chi vuole leggere una fotografia autentica della prima metà del secolo passato.

  • #24

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Quelo Vedi messaggio
    Celine andava assolto dalle accuse di antisemitismo solo per l'abilità con cui descrisse il gioielliere |uttaniere (suo datore di lavoro) e come gestivano il manicomio in cui lavorava. Anche i fatti narrati nel suo lavoro da medico condotto sono un fantastico pugno nello stomaco. Dopo aver letto questo libro mi tornano in mente certi suoi pensieri ogni qual volta parlo con un medico... e divento scettico e sospettoso.
    Comunque ritengo questo libro uno dei più belli del novecento. Anche Morte a Credito è da leggere. Ma è molto diverso. E non altrettanto scorrevole.

    No, Céline era un antisemita convintissimo, altroché!
    Cerchiamo di non spacciarlo per ninfa dai candidi manti...

  • #25
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    2536
    Thanks Thanks Given 
    2
    Thanks Thanks Received 
    9
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito

    Non ho mai letto questo autore e dopo le feste natalizie ho deciso che leggerò un suo libro!

    C'è qualcuno che può consigliarmi se iniziare da Viaggio al termine della notte o da Morte a credito?

  • #26

    Predefinito

    Da poco mi hanno regalato Viaggio al termine della notte, ho letto qualche pagina ma non mi ha entusiasmata, credo che lo leggerò nelle vacanze natalizie.

  • #27
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3292
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    935
    Thanks Thanks Received 
    1124
    Thanked in
    546 Posts

    Predefinito

    Dopo di lui niente è stato come prima, non in letteratura per lo meno.

    Celine non voleva fare lo scrittore, non sentiva l’urgenza della parola scritta. Non gli dava alcun sollievo battere sui tasti. Disse che Viaggio al termine della notte fu scritto perché voleva comprarsi una casa. Abbassò la letteratura al livello degli altri passatempi, perché l’uomo, anche nella sua essenza, è nulla. Fare l'ortolano, pescare, mangiare fragole o scrivere libri sono sintomi della stessa incurabile malattia: la vita.

    Già Leopardi disse che il destino dell’uomo è talmente misero che basterebbe lui solo per darci l’istinto dell’abbraccio. Siamo naufraghi su una barca in mezzo a una tempesta senza speranza, ma nonostante questo riusciamo a sgozzarci l’un l’altro, per il potere, per i soldi, per il niente che rappresenta tutto questo. Celine ci racconterà il suo stupore di fronte al male che gli uomini possono fare per nulla e nel nulla. Un viaggio terribile al termine di una notte senza fondo.

    I soloni che fanno la ruota come i pavoni, autoreferenziali fino al punto da nominarsi critici letterari in perfetta autonomia (e solitudine), criticano Celine per il suo filo nazismo. Molti di loro non avranno manco letto Voyage au bout de la nuit. E se l’hanno letto non l’hanno capito. Viaggio al termine della notte è il romanzo più pacifista che sia mai stato scritto, tra le righe si respira una richiesta di pace per l'assurdo che rappresenta il suo contrario e non in base ad un’etica superiore che avrebbe dovuto guidare la razza umana. Celine vedeva la pace come l’unico rimedio alla notte nella quale ognuno di noi sprofonda appena esce dall’utero materno.

    E lo fa in un momento in cui la prosopopea nazionalista è in voga ovunque. La guerra era un fuoco necessario al ringiovanimento, alla rivoluzione, all’abbondanza, allo sviluppo dell’economia, al prosperare della borghesia, dell'aristocrazia, del proletariato.

    Essere filo nazisti negli anni ’30 non significava nulla. Molti, come Celine, ci sono caduti e di certo lui si augurava un franco-germanesimo che avrebbe, secondo il suo punto di vista, tirato fuori il meglio dall'Europa. E, forse, dal punto di vista prettamente culturale non aveva tutti i torti.

    Celine era un folle solitario che si chiuse nella propria casa di Meudon. Gallimard gli chiese il motivo per cui avesse accettato la sua intervista, gli chiese se il motivo fosse lo stesso che lo spingeva a scrivere. Se c’era un’urgenza. Di raccontare, di esternare o di altro tipo metafisico, come solo l’uomo dotato di animo superiore può.

    Perché mi pagate, rispose Celine, avendo cura che il proprio pappagallo non uscisse dalla finestra.

  • The Following 2 Users Say Thank You to Zingaro di Macondo For This Useful Post:


  • #28
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    1079
    Thanks Thanks Given 
    615
    Thanks Thanks Received 
    420
    Thanked in
    247 Posts

    Predefinito

    L'ho letto molto tempo fa e sinceramente mi aveva un po' deluso. Forse mi aspettavo qualcos'altro. Alla luce delle vostre recensioni potrei pensare anche a rileggerlo.

  • Pagina 2 di 2 PrimoPrimo 12

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •