Thomas, Scarlett - PopCo

Sir_Dominicus

Knight Member
Alice Butler, un’ anticonformista e acuta matematica esperta in crittoanalisi, lavora per la PopCo, la terza multinazionale di giocattoli nel mondo, come ideatrice di nuovi giocattoli.
Nel corso dell’ evento PopCo Open World, Alice, i colleghi del suo reparto e un gruppo di "creativi" scelti delle filiali europee, vengono reclutati per creare un prodotto che incrementi le vendite nella fetta di mercato più difficile: le ragazze adolescenti.
Durante la permanenza nel Devon, Alice fa amicizia con alcuni colleghi, tra cui l'esuberante ed impulsiva Esther, il tranquillo e serio Ben, con cui intreccia una relazione, la discreta Chlöe, Hiro.
Nel frattempo, qualcuno le invia messaggi cifrati su dei bigliettini di accompagnamento della filiale in cui si trova.
Contemporaneamente al presente, emerge il racconto dell’infanzia e dell'adolescenza di Alice, trascorse coi nonni Elizabeth e Peter Butler, lei matematica, lui crittoanalista di successo; i flashback ci portano in un mondo misterioso e avventuroso, alla scoperta della storia di Francis Stevenson, un pirata che ha nascosto la mappa del suo tesoro in un manoscritto cifrato, chiamato Manoscritto Stevenson/Heath. Questo manoscritto era stato decifrato dal nonno di Alice, ma riteneva fosse troppo presto per rivelare la soluzione a tutti e così aveva nascosto la chiave in una collana, affidata poi alla stessa Alice.
Parallelamente ai flashback, Alice è impegnata a scoprire chi le sta inviando questi misteriosi messaggi cifrati.
Quando Alice viene a conoscenza del fatto che il sistema su cui poggia la PopCo è un sistema disonesto basato sulle menzogne del marketing che conferisce valore a cose che non ne hanno alcuno, che vende alla gente oggetti di cui non ha bisogno facendoli passare per indispensabili, che sfrutta i lavoratori e che lei stessa fa parte di questo sistema, Alice capisce chi c’è dietro i messaggi che ha ricevuto.


Ho finito il libro lo stesso giorno che è uscito in libreria. Diciamo che chi ha letto "Che fine ha fatto Mr.Y" e lo ha trovato un bel libro, come me, troverà fantastico anche questo!! L'autrice è stata anche inserita tra i 20 migliori giovani scrittori inglesi nel 2001 e a mio parere se lo merita davvero..


E ora gustatevi il booktrailer :D
PopCo - Scarlett Thomas - il booktrailer - YouTube
 
Ultima modifica di un moderatore:

Brethil

Owl Member
Consiglio questo libro agli appassionati di matematica e crittografia, poichè personalmente mi sono spesso incagliata tra paradossi, Fibonacci e aleph zero :D
Nonostante qualche piccolo intoppo la lettura risulta scorrevole e interessante, personalmente mi ha anche fornito spunti di riflessione e di approfondimento (soprattutto sul pensiero laterale).
L'unica cosa che forse non mi ha del tutto convinta è proprio la protagonista, che ho trovato a tratti irritante.
 

elenyx

New member
E pensare che a scuola ero una bestia in matematica!!! Qui mi sono dovuta leggere un paio di trattati matematici per capire di cosa si stesse parlando, più una ricerca sul manoscritto Voynich!! Beh, meglio così, ora sono più colta!:wink:
Scherzi a parte, ho letteralmente adorato PopCo: mi piace l'ambientazione, il clima e... i temi! Ammetto anche che mi ha fatto pure riflettere sulla possibilità di un mercato più etico e ho cambiato qualche brutta abitudine!
 

Jessamine

Active member
Io odio la matematica, l'ho sempre odiata e non sono mai stata in grado di andare oltre 2+2.. eppure questo libro mi è piaciuto. Non mi sono infastidita, leggendo di matematica, e ho adorato lo stile della Thomas. E' scorrevole, accattivante, coinvolgente, insomma, è una signora scrittrice.
Promosso a pieni voti.
 

velmez

Active member
questo libro mi è piaciuto molto: ma ho trovato anche parecchi difetti...
in particolare l'ho trovato troppo semplicistico nelle relazioni... troppo ottimista nel finale... lo stile piuttosto elementare (e pieno di errori di battitura, ma qui la colpa non è della Thomas)
però nel complesso mi è piaciuto molto, ho imparato a memoria tutti i paradossi, gli esperimenti i test sulla emmoria, sulle probabilità!! e sì che io ho sempre odiato la statistica!!
 
Alto