Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 35

Discussione: Cos'è finito negli anni 60'?

  1. #16
    Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ulysse Vedi messaggio
    E' molto semplice Jancarlo il perché. Perché siamo un popolo che guarda indietro invece di guardare avanti. Siamo culturalmente sempre dei nostalgici e mai degli avventurieri, ogni uomo, ogni sognatore, ogni avventuriero che si è palesato nella nostra società è stato ucciso, sia fisicamente che moralmente. Parlare del passato, genera più emozioni controllabili, mentre guardare al futuro genera solo entusiamo coinvolgente che non si può gestire e controllare. E' molto più facile fare retrospettive che non visioni futuristiche. Primo perché il passato si conosce e si può manovrare al meglio, secondo perché il futuro ha sempre spaventato. Il salto nel buio che nessuno vuol fare. Per questo esistono i coraggiosi. e come ben sai la parola coraggio ha nella sua radice la parola "core". Ed al cuore non si comanda e non si comanderà mai.
    Considerazioni interessanti e codivisibili. Ebbene sì, lo ammetto, da bravo italiano sono un'inguaribile nostalgico e mi piacciono le cose del passato. Però...non è del tutto negativo essere così. L'interesse per il passato, ti porta anche a studiarlo ed a conservarne la memoria e, in questo forse non eccelliamo. Insomma, nostalgici ma dalla memoria corta:è una bella contraddizione. E poi un'altra considerazione: le continue e frequenti rievocazioni degli anni '60 (perchè proprio quelli?) non sono un fatto tipicamente italiano. Oltre ad "American Graffiti" e "Stand By Me" già ricordati, vorrei citare un film più recente, tra i tanti, forse quello che meglio interpreta lo spirito di quegli anni:
    I Love Radio Rock - MYmovies

  2. #17
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    roma
    Messaggi
    176
    Thanks Thanks Given 
    1
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da jancarlo Vedi messaggio
    Considerazioni interessanti e codivisibili. Ebbene sì, lo ammetto, da bravo italiano sono un'inguaribile nostalgico e mi piacciono le cose del passato. Però...non è del tutto negativo essere così. L'interesse per il passato, ti porta anche a studiarlo ed a conservarne la memoria e, in questo forse non eccelliamo. Insomma, nostalgici ma dalla memoria corta:è una bella contraddizione. E poi un'altra considerazione: le continue e frequenti rievocazioni degli anni '60 (perchè proprio quelli?) non sono un fatto tipicamente italiano. Oltre ad "American Graffiti" e "Stand By Me" già ricordati, vorrei citare un film più recente, tra i tanti, forse quello che meglio interpreta lo spirito di quegli anni:
    I Love Radio Rock - MYmovies
    Però vedi cosa capita. Che riporti per amore degli anni '60 films che sono uno specchio di quegli anni, ma che sono stai vissuti da altre culture. La cultura anglosassone, che sia essa americana o inglese, è sempre stata vista ed ancora oggi viene vista come un esempio da seguire. Ancora oggi chi ricorda quegli anni, fa riferimento a Kennedy, Martin Luther King il Black Power o i films che tu hai citato. Ma nessuno si sogna mai di citare personaggi italiani come ad esempio Pasolini, piuttosto che Elio Petri per parlare di films o Mario Sciascia piuttosto che Aldo Moro o Amintore Fanfani. Perchè?
    Secondo me vivere quegli anni è stato, per qualcuno qui in Italia una tragedia, perché non li ha vissuti in America o in Inghilterra e quindi ancora oggi li sogna. Quando invece, per parlare di films visto che hai portato l'arte cinematografica come leit motiv, i grandi registi italiani dell'epoca trasmettevano un messaggio che pochi italiani, forse non accecati dall'esterofilia, hanno capito. In ogni film italiano degli anni '60, qualunque tu veda, sia una commedia che un film più impegnato come potrebbe essere "todo modo" il regista trasmette un messaggio di denuncia, di rivolta, di reazione ma che gli italiani non reazionari, ne avventurieri, non captavano. Diversamente dagli eventi che venivano trasmessi dalla TV a riguardo di quegli anni, che invece furono captati. Ma male. Elaborati peggio e trasmessi in maniera errata. Come avviene tutt'oggi con altri periodi.

  3. #18
    Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ulysse Vedi messaggio
    ... Ma nessuno si sogna mai di citare personaggi italiani come ad esempio Pasolini, piuttosto che Elio Petri per parlare di films o Mario Sciascia piuttosto che Aldo Moro o Amintore Fanfani. Perchè?
    ... In ogni film italiano degli anni '60, qualunque tu veda, sia una commedia che un film più impegnato come potrebbe essere "todo modo" il regista trasmette un messaggio di denuncia, di rivolta, di reazione ma che gli italiani non reazionari, ne avventurieri, non captavano...
    Ma son proprio questi gli anni '60, almeno in Italia! I migliori anni della cosiddetta "commedia all'italiana" che diverte con intelligenza e che ho citato precedentemente. E se mi riferisco a films e canzoni, è perchè penso che queste espressioni popolari ben rappresentino l'umore di un'epoca. Cosa c'è di più tipicamente italiano e di più fortemente "primi anni '60" di questo dissacrante frammento tratto dal cortometraggio "La Ricotta" di Pier Paolo Pasolini dal già citato Rogopag?
    ‪Pasolini - L'uomo medio‬‏ - YouTube

  4. #19
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    roma
    Messaggi
    176
    Thanks Thanks Given 
    1
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da jancarlo Vedi messaggio
    Ma son proprio questi gli anni '60, almeno in Italia! I migliori anni della cosiddetta "commedia all'italiana" che diverte con intelligenza e che ho citato precedentemente. E se mi riferisco a films e canzoni, è perchè penso che queste espressioni popolari ben rappresentino l'umore di un'epoca. Cosa c'è di più tipicamente italiano e di più fortemente "primi anni '60" di questo dissacrante frammento tratto dal cortometraggio "La Ricotta" di Pier Paolo Pasolini dal già citato Rogopag?
    ‪Pasolini - L'uomo medio‬‏ - YouTube

    beh allora mettiamola così, vediamo entrambi lo stesso luogo solo che io non voglio ricordarli ne glorificarli gli anni '60 perché secondo me - ed il tuo contributo a pasolini mi da un assist - rappresentano la nascita dell'omologazione della società al fine di far stare tranquille le masse. Mentre tu, credo dimmi se sbaglio, guardando il fenomeno da dentro, cioè dal movimento delle masse e dalla loro fluidità,ne sei trasportato.

  5. #20
    Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ulysse Vedi messaggio
    ... solo che io non voglio ricordarli ne glorificarli gli anni '60 perché secondo me... rappresentano la nascita dell'omologazione della società al fine di far stare tranquille le masse...
    L'omologazione non di tutta la società, ma di una nuova categoria sociale:quella degli adolescenti. Nel decennio precedente, l'adolescente, praticamente, non esisteva, schiacciato dal prolungarsi dell'infanzia e la fretta di diventare adulto, vestiva gli abiti smessi del papà o del fratello maggiore, non aveva particolari esigenze, difficilmente veniva consultato per un parere. Viveva in una sorte di limbo, da cui solo la maggiore età poteva liberarlo. Con il diffondersi di un maggiore benessere, nasce una nuova categoria di consumatori e quindi, anche una nuova categoria sociale... o il procedimento fu inverso? Fatto sta che da allora il marketing se ne impossessò, li ribattezzò più genericamente "giovani" e tutto veniva prodotto e venduto in funzione di loro: la musica giovane, la camicia che piace ai giovani, l'automobile dei giovani, persino la dentiera adatta ai giovani... Forse tutto era nato nel luglio del '60, quando, migliaia di giovani, in tutta Italia, scesero in piazza per protestare contro il governo Tambroni: era la prima volta che una manifestazione popolare di così vasta scala veniva connotata da una'appartenenza esclusivamente anagrafica ed estetica, quella dei giovani con le magliette a strisce.

  6. #21
    ParallelMind
    Guest

    Predefinito

    magari il segreto sta nel ricercare nel presente espressioni di quella cultura anni 60
    o meglio chi oggi come allora lotta come i giovani di quegli anni per ideali,per un senso di bene comune,etc
    proprio ieri vedevo uno speciale che riportava gli scontri del G8 di Genova
    poi esistono sicuramente artisti e persone controcorrente che danno esempi di possibili vite alternative al conformismo moderno

  7. #22
    Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ParallelMind Vedi messaggio
    magari il segreto sta nel ricercare nel presente espressioni di quella cultura anni 60
    o meglio chi oggi come allora lotta come i giovani di quegli anni per ideali,per un senso di bene comune,etc
    proprio ieri vedevo uno speciale che riportava gli scontri del G8 di Genova
    poi esistono sicuramente artisti e persone controcorrente che danno esempi di possibili vite alternative al conformismo moderno
    In effetti è rimasto molto di più di quello che comunemente si pensa. Non l'humus o gli ideali di quel periodo, non tanto i risultati delle lotte di piazza, ma tutta una serie di atteggiamenti e comportamenti che ora ci sembrano del tutto normali, ma che prima di diventare "normali" sono stati di profonda rottura rispetto al passato. Scusate se faccio degli esempi banali, ma è per descrivere più facilmente ciò che avvenne in quegli anni.
    1° esempio: non erano assolutamente ammessi "flirt", "fidanzatini" o fidanzatine" e nessuno/a si sognava di portare il proprio ragazzo o la propria ragazza a casa a meno di non essere maggiorenni. Nè tanto meno potevi girare per le strade del tuo quartiere con la mano nella mano della tua ragazza o del tuo ragazzo.
    2° esempio: non trovavi mai un minorenne (e ricordo che la maggiore età, all'epoca, si raggiungeva a 21 anni) in un bar a bersi un semplice caffè, non parliamo poi di una minorenne! Non esistevano "locali per giovani" ed i bar erano frequentati esclusivamente da adulti ed anziani che giocavano a carte.
    3° esempio: un giovane o una giovane che volesse andare a vivere per proprio conto prima di essere sposato/a, era considerata una cosa inammissibile e, se succedeva, era un atteggiamento altamente scandaloso.
    Questo negli anni '50, in Italia. Poi, nei primi anni '60, tutto cambia! Senza morti ammazzati, senza P38, i giovani, sempre di più, lasciano le loro comode camerette in casa dei genitori, e vanno a vivere da soli in maleodoranti monolocali con bagno esterno, pur di vivere la propria vita senza gli obblighi di una società bigotta e clericale. Le coppie si scambiano effusioni per strada e nei bar, si esperimenta la convivenza prima del matrimonio, si smettono i vestiti dei fratelli maggiori e ci si riempie di colori... E scusate, se è poco!

  8. #23
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    roma
    Messaggi
    176
    Thanks Thanks Given 
    1
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da jancarlo Vedi messaggio
    sperimenta la convivenza prima del matrimonio, si smettono i vestiti dei fratelli maggiori e ci si riempie di colori... E scusate, se è poco!

    Si jancarlo ma poi? Poi i colori sono diventati bianchi e neri, i fratelli maggiori sono diventati borghesi impiegati e biasimano i loro fratelli minori che urlano in piazza. Quest'ultimi per non morire idealmente finiscono per prendere la P38 e sparare. E mentre la TV da bianco e nero si trasformava in colori, io crescendo dovevo stare attento che non ci fosse un' esproprio proletario nella banca sotto casa mia, oppure evitare le pozze di sangue lasciate da qualche poliziotto ammazzato perché rappresentante dello Stato. Mi guardo a 15 anni, nel 1984, e che mi hanno lasciato i tuoi - nel discorso - anni '60? morti ammazzati con numeri da guerra civile, una classe politica che di lì a 6 anni sarebbe stata azzerata da un magistrato oggi politico, un mezzogiorno sempre più staccato dal resto del paese. Il più grande industriale d'Italia che firma gli accordi con i colletti bianchi della sua azienda, propedeutici alla fine delle classi sociali ed un nuovo tycoon italiano che tra alti e bassi inizierà a gestire il paese stringendo le mani sempre allo stesso potere presente in Italia.
    Che posso dire di più, non certo Grazie per la rivoluzione, che "non" è stata fatta!

  9. #24
    Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ulysse Vedi messaggio
    Si jancarlo ma poi? Poi i colori sono diventati bianchi e neri, i fratelli maggiori sono diventati borghesi impiegati e biasimano i loro fratelli minori che urlano in piazza. Quest'ultimi per non morire idealmente finiscono per prendere la P38 e sparare. E mentre la TV da bianco e nero si trasformava in colori, io crescendo dovevo stare attento che non ci fosse un' esproprio proletario nella banca sotto casa mia, oppure evitare le pozze di sangue lasciate da qualche poliziotto ammazzato perché rappresentante dello Stato. Mi guardo a 15 anni, nel 1984, e che mi hanno lasciato i tuoi - nel discorso - anni '60? morti ammazzati con numeri da guerra civile, una classe politica che di lì a 6 anni sarebbe stata azzerata da un magistrato oggi politico, un mezzogiorno sempre più staccato dal resto del paese. Il più grande industriale d'Italia che firma gli accordi con i colletti bianchi della sua azienda, propedeutici alla fine delle classi sociali ed un nuovo tycoon italiano che tra alti e bassi inizierà a gestire il paese stringendo le mani sempre allo stesso potere presente in Italia.
    Che posso dire di più, non certo Grazie per la rivoluzione, che "non" è stata fatta!
    Non mi addentro nel discorso delle conquiste sociali e politiche che pure ci sono state, dalla riduzione alle 40 ore settimanali alla legge sul divorzio, perchè non è questo che mi preme raccontare. E la descrizione che fai tu degli anni '70 è reale nella sua tragicità. Ma non sono stati questo gli anni '60! Per tutto il decennio la "politica" e " certi comportamenti trasgressivi" procedettero su binari diversi. Da un lato gli adolescenti reclamavano una maggiore libertà e la voglia di evadere da una società dalla morale imbastita e bigotta, come effettivamente era l'Italia degli anni '50. E, i partiti di sinistra sono stati i più agguerriti nel condannarli come vacui e qualunquistici. Dall'altro, si stavano formando gruppi e movimenti alla sinistra del PCI, che avrebbero dato vita alla contestazione ed al '68. Sulle conquiste e sulle conseguenze ideologiche positive o negative di quelle lotte, non voglio discutere in questa sede. Mi preme di più sottolineare la "rivoluzione" incruenta di tanti adolescenti di allora. Perchè è stata una "rivoluzione" dei comportamenti i cui effetti durano tutt'ora, e sarebbe impensabile farne a meno! Scendo nel banale: da quanto tempo gli impiegati di banca non sono più obbligati a portare giacca e cravatta? Avrete sicuramente visto vigili (maschi) con i capelli lunghi! Quanti dei vostri amici convivono senza essere sposati? Chi di voi non ha un amico/a gay dichiarato/a? Chi si scandalizza perchè una coppia di diciassettenni si fa un panino ed una Coca al bar? Quanti single conoscete che preferiscono vivere da soli e non con la mamma? Qualcuno, più giovane, potrebbe pensare che tutto questo (e molto altro ancora!) sia il frutto di una normale e progressiva evoluzione dei costumi, ma non è stato così! Questi comportamenti erano considerati scandalosi e tenacemente osteggiati, e non solo dai "benpensanti" o da certa gerarchia ecclesiastica, ma da gran parte dell'opinione pubblica, dai partiti tradizionali e da chiunque detenesse un qualsiasi potere censorio o di selezione. E come, dal momento che non violavano alcuna legge? Ma con lo stumento più odioso e aleatorio che esiste: la discriminazione. Cercavi un lavoro? Non lo trovavi se non avevi i capelli a spazzola o eri gay. A scuola venivi additato come un pericoloso sovversivo, se ti facevi crescere barba e basette, o ti trovano nello zaino...i libri di Marcuse, ma anche quelli di Kerouac non erano letture "atte a formare la classe dirigente di domani..." Eppure, taluni perseverarono nella loro trasgressione ed oggi questi comportamenti sono del tutto "normali".
    Si potrebbe obiettare: ma si vive meglio?

  10. #25
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    roma
    Messaggi
    176
    Thanks Thanks Given 
    1
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Si hai ragione, ma io credo che quelle evoluzioni sociali erano già pronte o meglio fanno parte delle evoluzioni dell'uomo. Mentre la parte "tragica" non era prevista o meglio non fa certo parte dell'evoluzione dell'uomo. Ogni rivoluzione conserva in se dei lati positivi e negativi, ma in quel caso, la coda degli anni '60 con l'avvento degli anni '70 ha portato alla società solo negatività che ancora oggi paghiamo. Negatività che sono strutturali, mentre i lati positivi - i gay o il non portare la cravatta in ufficio - sono ormai parte integrante dei costumi sociali. Ma la negatività strutturale sociale, ci ha portato anche gay che non lavorano se non sono discriminati, e ragazzi senza cravatta che sono precari. Io continuo appestare che più che una trasgressione sociale si sia trattato di una rivoluzione, dove per rivoluzione intendo un giro intero per tornare al punto di prima. Insomma il famoso cambiare tutto per non cambiare nulla è più indicato per definire quegli anni.

  11. #26
    Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ulysse Vedi messaggio
    Si hai ragione, ma io credo che quelle evoluzioni sociali erano già pronte o meglio fanno parte delle evoluzioni dell'uomo. Mentre la parte "tragica" non era prevista o meglio non fa certo parte dell'evoluzione dell'uomo. Ogni rivoluzione conserva in se dei lati positivi e negativi, ma in quel caso, la coda degli anni '60 con l'avvento degli anni '70 ha portato alla società solo negatività che ancora oggi paghiamo. Negatività che sono strutturali, mentre i lati positivi - i gay o il non portare la cravatta in ufficio - sono ormai parte integrante dei costumi sociali. Ma la negatività strutturale sociale, ci ha portato anche gay che non lavorano se non sono discriminati, e ragazzi senza cravatta che sono precari. Io continuo appestare che più che una trasgressione sociale si sia trattato di una rivoluzione, dove per rivoluzione intendo un giro intero per tornare al punto di prima. Insomma il famoso cambiare tutto per non cambiare nulla è più indicato per definire quegli anni.
    Non sono d'accordo, ulysse, anche se quando dici che "la parte tragica non era prevista" dici una profonda ed amara verità! Ma non sono d'accordo sul fatto che, dopotutto, non sia cambiato nulla. Intanto, terrei ben separate le conquiste di carattere economico e sindacale, da quelle di natura sociale ed esistenziale. Nonostante la crisi, oggi, mediamente, si sta meglio, dal punto di vista economico, rispetto anche ai migliori anni del boom economico. Ma, lo ripeto, non voglio innescare questo tipo di polemica che mi porterebbe lontano da quello che voglio dire. E cioè che gli anni '60 sono stati anni di rottura profonda ed irrevocabile verso un sistema morale che prevedeva lacci e divieti secondo regole assurde, ma largamente condivise, dettate ed alimentate da una mentalità ancora molto arretrata e bigotta. E il liberarsi da tale mentalità non è stata la logica conseguenza di un'evoluzione "automatica". Non esistono evoluzioni o rivoluzioni automatiche. Possiamo dire che certe cose accadono, perchè i tempi sono maturi, ma ci sono sempre degli uomini e delle donne dietro ogni trasformazione, che lottano per quei princìpi e sempre ci rimettono qualcosa! Una maggiore libertà sessuale, di movimento, di pensarla diversamente, di vestirsi come si vuole, di credere in quello che si vuole, son tutte cose che non ti aiutano ad arrivare a fine-mese, se la si vuol mettere sul piano economico, ma pensa a come sarebbe ancor più triste la vita se, oltre ai problemi di natura economica, dovessimo preoccuparci anche di tenere ben nascoste le nostre attitudini sessuali, tenere ben a freno la nostra lingua per non "scandalizzare", vestire sempre in maniera sobria ed inappuntabile, temere sempre le critiche ed i pregiudizi dei vicini di casa e dei colleghi per il nostro stile di vita non consono alla loro moralità, ecc. ecc. ...

  12. #27
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    roma
    Messaggi
    176
    Thanks Thanks Given 
    1
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da jancarlo Vedi messaggio
    Una maggiore libertà sessuale, di movimento, di pensarla diversamente, di vestirsi come si vuole, di credere in quello che si vuole, son tutte cose che non ti aiutano ad arrivare a fine-mese, se la si vuol mettere sul piano economico, ma pensa a come sarebbe ancor più triste la vita se, oltre ai problemi di natura economica, dovessimo preoccuparci anche di tenere ben nascoste le nostre attitudini sessuali, tenere ben a freno la nostra lingua per non "scandalizzare", vestire sempre in maniera sobria ed inappuntabile, temere sempre le critiche ed i pregiudizi dei vicini di casa e dei colleghi per il nostro stile di vita non consono alla loro moralità, ecc. ecc. ...
    Io non credo che sotto questo punto di vista il nostro paese sia migliorato, anzi, basta vedere la votazione di ieri per la legge sull'omofobia, che sotto il profilo giuridico costituzionale è esatto averla bloccata, ma sotto quello sociale è veramente scandaloso. Le responsabilità è ovvio, sono da addebitare ad entrambi le parti, il relatore o proponente ed il parlamento che aveva fretta di discuterla. Sotto il profilo sociale però secondo me è stato un danno "gestito". Perché la legge avrebbe di fatto sdoganato l'omosessualità in questo paese, ma siccome questo paese è laico sulla carta - da qui il mio osteggiare la tua tesi - ma cattolico fondamentalista nella politica, non riusciremo mai ad avere la completezza di quelle conquiste sociali che tu esalti tanto. Insomma sono sempre vittorie di Pirro in confronto alle leggi e conquiste sociale che han fatto altri paesi.
    A questa limitazione poi, si deve aggiungere la limitazione economica che impedendo un liberismo puro - alla Adam Smith per capirci - ha generato un mostro economico frutto di più teorie, che spaziano da quelle di Smith a quelle di Keynes passando per il sempre presente Marx, molto amato dalla parte cattolica quando parla della distribuzione dei profitti, ma assolutamente avverso quando parla della ricchezza da distribuire!!
    Ora questo mostro economico-giuridico è nato proprio da quegli eventi o da quegli anni. La somma degli eccessi che in quegli anni si è avuta ha ingegnerizzato le menti di questi professionisti del cattopensiero politico italico, che hanno creato questo sistema. Lo stesso, vero è che in un confronto con altri è più stabile - vedi per esempio un paragone con i paesi scandinavi o dell'alta Europa, dove il welfare è per tutti, ma il carico fiscale è elevatissimo - ed equilibrato, ma sempre di una forma di "dittatura" si tratta. Mascherata e colorata di porpora, ma sempre di regime si parla!

  13. #28
    Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ulysse Vedi messaggio
    Io non credo che sotto questo punto di vista il nostro paese sia migliorato, anzi, basta vedere la votazione di ieri per la legge sull'omofobia, che sotto il profilo giuridico costituzionale è esatto averla bloccata, ma sotto quello sociale è veramente scandaloso. Le responsabilità è ovvio, sono da addebitare ad entrambi le parti, il relatore o proponente ed il parlamento che aveva fretta di discuterla. Sotto il profilo sociale però secondo me è stato un danno "gestito". Perché la legge avrebbe di fatto sdoganato l'omosessualità in questo paese, ma siccome questo paese è laico sulla carta - da qui il mio osteggiare la tua tesi - ma cattolico fondamentalista nella politica, non riusciremo mai ad avere la completezza di quelle conquiste sociali che tu esalti tanto. Insomma sono sempre vittorie di Pirro in confronto alle leggi e conquiste sociale che han fatto altri paesi.
    A questa limitazione poi, si deve aggiungere la limitazione economica che impedendo un liberismo puro - alla Adam Smith per capirci - ha generato un mostro economico frutto di più teorie, che spaziano da quelle di Smith a quelle di Keynes passando per il sempre presente Marx, molto amato dalla parte cattolica quando parla della distribuzione dei profitti, ma assolutamente avverso quando parla della ricchezza da distribuire!!
    Ora questo mostro economico-giuridico è nato proprio da quegli eventi o da quegli anni. La somma degli eccessi che in quegli anni si è avuta ha ingegnerizzato le menti di questi professionisti del cattopensiero politico italico, che hanno creato questo sistema. Lo stesso, vero è che in un confronto con altri è più stabile - vedi per esempio un paragone con i paesi scandinavi o dell'alta Europa, dove il welfare è per tutti, ma il carico fiscale è elevatissimo - ed equilibrato, ma sempre di una forma di "dittatura" si tratta. Mascherata e colorata di porpora, ma sempre di regime si parla!
    Sì, ma di questa situazione attuale, quei ragazzi non sono responsabili! Posso ammettere gli errori e gli orrori del post-'68, ma i "capelloni" pacifisti che bruciavano la cartolina di precetto e finivano a Gaeta, i dimostranti che facevano resistenza passiva e si facevano manganellare, inermi, dalla polizia, hanno pagato, in anticipo, affinchè, oggi, dopo quarant' anni, il servizio militare non sia più obbligatorio, e ne sono tutti contenti, mentre prima ne erano tutti terribilmente scandalizzati. Qualcuno, pagando sulla propria pelle, quarant'anni fa ha gettato il seme e ne ha ricevuto solo botte, galera, pubblico disprezzo! Oggi, tutti, anche il militarista più incallito, giudicano giusta la leva volontaria:bravi, ci avete messo quarant'anni per capirlo! E' solo un esempio degli ideali per i quali lottavano molti giovani di allora, completamente al di fuori dei partiti! Ma altri temi caldi erano il rispetto dei diritti per il "diverso", gay, nero, matto, qualunque egli fosse, e la lotta contro alcune convenzioni giudicate "sacre": il matrimonio, la verginità, il posto fisso, l'abito scuro...
    Se, oggi, la sensazione è che non sia cambiato niente e forse si sta anche peggio, non è "per colpa" di quei "capelloni" i quali, invece, ci avevano visto giusto ed anzi erano già allora, nella loro ingenua utopia, fin troppo avanti...ma perchè, nel frattempo, altre prospettive, altre aspettative, altri problemi si sono aggiunti seguendo un'evoluzione che, questa sì, nessuno, nemmeno il più visionario dei futurologi ha saputo prevedere. Provate a leggere libri e giornali di quaranta-cinquant'anni fa che descrivano gli inizi del terzo millennio: non ne hanno azzeccata una!

  14. #29

    Predefinito

    Io non li ho vissuti...sono nata alla fine degli anni 70..quindi mi sono vissuta gli 80, che ho amato e sempre amerò.....io credo che degli anni 60 però, che conosco tramite i miei genitori e un po' di informazione personale perchè amo il passato....sia finita..l'energia!!!...avevano sogni e speranze in quegli anni e i ragazzi combattevano davvero per qualcosa......e le donne e tutti..combattevano per qualcosa d importante credendoci davvero!!! oggi...al solo pensiero mi dispaice dirlo ma....mi viene il magone!..abbiamo capito come funziona.. (o forse no?)..ma sogni e speranze sono finite..e con esse anche quell'energia che c'era...ovviamente questa è solo un impressione di una che non c'era eh......

  15. #30
    ParallelMind
    Guest

    Predefinito

    O forse semplicemente cara Diana ci siamo troppo abituati all'idea che tutto sia così,che i giochi siano già stati fatti e la minestra sia quella e non possiamo farci niente. E quindi le energie le canalizziamo in mille cose diverse,dispersive e già instradate nel sistema attuale,il che ci toglie la possibilità di trovare una via come quella hippy per proporre qualcosa di migliore al mondo e in particolare a noi stessi..
    Forse basterebbe un evento,o una svolta collettiva che faccia mettere in crisi questo conformismo/routine che diamo per scontata e unicamente possibile,l'essere umano da sempre altre possibilità infondo a se stesso

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Christie, Agatha - Polvere negli occhi
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 07-28-2014, 02:06 AM
  2. Sei cresciuto negli anni '90 se....
    Da Lauretta nel forum Amici
    Risposte: 96
    Ultimo messaggio: 11-22-2012, 10:57 AM
  3. cerco libro pubblicato negli anni 40/50
    Da mimy_giu nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-02-2009, 02:27 PM
  4. B.Kingsolver - Gli occhi negli alberi: introvabile
    Da WilLupo nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-23-2009, 12:25 PM
  5. Consiglio su libro che parla di un amore tragicamente finito
    Da Michy nel forum Salotto letterario
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 05-21-2009, 10:16 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •