Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il nome della rosa

Pagina 8 di 8 PrimoPrimo 12345678
Mostra risultati da 106 a 113 di 113

Discussione: Eco, Umberto - Il nome della rosa

  1. #106

    Predefinito

    È un libro riuscitissimo di Umberto Eco, peccato sia l'unico!

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #107

    Predefinito

    Dopo aver letto "Il Pendolo di Faucault" e dopo alcuni saggi sul Medioevo non potevo non imbattermi ne "Il nome della rosa". Questo romanzo ha in pratica tutto ciò che manca al suo successore: intreccio, movimento e tempistica. Basterebbe questo per dire che è un romanzo molto più (che) godibile.

    Dopo aver letto le due prime opere narrative di Eco posso dire che la mia opinione su di lui è tutt'altro che ferma. Apprezzo molto la sua erudizione ma allo stesso tempo, in certi casi, mi stufa. La cosa che più apprezzo di lui, comunque, è l'impostazione meta-linguistica, il suo "costruire" libri sui libri e questo romanzo (ancora di più "Il pendolo") ne è un esempio lampante con il suo sistema a scatola cinese: un libro su di un libro che racconta la storia registrata su un altro libro.

    Ciò che invece a pelle ho più apprezzato è l'aver reso autentico ma leggibile il racconto di Adso, linguisticamente intendo. Se il mondo che Eco ci propone ci appare credibile non solo per le conoscenza nella medievistica dell'autore ma, soprattutto, perchè ci viene raccontato da Adso con un linguaggio credibile.

  • #108
    Tanny
    Data registrazione
    May 2014
    Località
    Al largo dei bastioni di Orione
    Messaggi
    735
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Libro scritto in un modo assolutamente superbo, la storia è molto avvincente, ciò fa passare tranquillamente anche le parti che trattano della politica del tempo che possono risultare abbastanza pesanti, purtroppo non conoscendo il latino ho fatto molta fatica a comprendere i passaggi non tradotti.
    A dir poco stupenda la parte dell'iniziazione di Adso, peccato per la misogenia presente nel libro, ma purtroppo quella era la realtà del tempo e così andava descritta. Voto 5/5

    Peccato che prima di leggere il libro ho visto il film, cosa da mai fare

  • #109
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    189
    Thanks Thanks Given 
    5
    Thanks Thanks Received 
    6
    Thanked in
    5 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Le porte di Tannhauser Vedi messaggio
    Peccato che prima di leggere il libro ho visto il film, cosa da mai fare
    Di base sarei d'accordo con te, ma... Conoscere già il finale, non ti ha permesso di non distrarti con "l'ansia di scoprire come finisce" e concentrarti meglio sul contesto del romanzo, la psicologia dei personaggi, i significati che l'autore ha cercato di far passare?

    Ciao, MadLuke.

  • #110
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1087
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    423
    Thanks Thanks Received 
    342
    Thanked in
    222 Posts

    Predefinito

    Ormai vegliardo, il monaco Adso da Melk affida ad un manoscritto le sue memorie riguardanti una strana storia accaduta nell’ultima settimana di novembre del 1327. Allora novizio, Adso accompagnava il suo maestro, Guglielmo da Baskerville, presso un’abbazia dell’Italia centrosettentrionale, dove doveva tenersi un importante incontro tra le legazioni pontificie e quelle facenti capo all’imperatore; i delegati dovevano discutere di un argomento assai controverso e spinoso: l’eresia. Ma appena arrivato, Guglielmo, che ha giusta fama di uomo saggio e dotto, nonché di ex inquisitore, viene messo a parte di un delitto accaduto nell’abbazia e proprio l’Abbate gli chiede di venirne a capo. I delitti però continuano e la trama si infittisce. Tutto sembra ruotare intorno all’anima stessa dell’abbazia, la biblioteca: si tratta della più grande biblioteca della cristianità, un sancta sanctorum del sapere i cui tesori e soprattutto i cui segreti vanno custoditi gelosamente e difesi con ogni artificio possibile. Tra labirinti, visioni, versi apocalittici e verità molto più terrene, la storia si dipana in un susseguirsi di scoperte che mettono in luce il grado di corruzione, marciume, empietà in cui versa l’Abbazia e l’intera Chiesa.
    E’ fondamentalmente questo il quadro che ci viene da quest’opera che è tante cose insieme: è denuncia della corruzione, è lode al sapere universale ed universalmente accessibile, è critica verso una Chiesa troppo attenta alle apparenze ed alle rigide regole piuttosto che alle persone, ai loro sentimenti ed ai loro bisogni.
    Tutto questo in un libro impegnativo, pieno, traboccante di sapienza, la cui lettura non è immediata. Ma l’iniziale difficoltà data dal registro alto e dalla presenza di frasi latine e riferimenti filosofici, religiosi e culturali, viene ben presto superata dalla bellezza dell’opera. Un capolavoro intramontabile della letteratura italiana, un libro che dovrebbe essere nella libreria di ogni lettore. Consigliatissimo.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #111
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2016
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    185
    Thanks Thanks Given 
    29
    Thanks Thanks Received 
    38
    Thanked in
    28 Posts

    Predefinito

    Mi trovo in tutto e per tutto nel commento di estersable88.
    Bellissimo libro, impegnativo e pieno di contenuti e qualche denuncia neanche troppo velata. Molto bello una di quelle letture da affrontare almeno una volta nella vita.

  • #112
    Non rinunciare mai
    Data registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    120
    Thanks Thanks Given 
    76
    Thanks Thanks Received 
    52
    Thanked in
    32 Posts

    Predefinito

    La stragrande maggioranza dei lettori su questo romanzo si divide in due: o si odia, o si venera. E poi ci sono quelle anime quasi solitarie tipo me, a cui è piaciuto molto, superando di gran lunga le aspettative, ma che non riesco a provare quella sorta di elevazione al sublime che molti gli attribuiscono.
    Ho certamente apprezzato tantissimo la fedeltà di Eco al periodo storico di cui stava narrando, nei ragionamenti e nell’approntare le descrizioni tenendo in grandissimo conto quanto i medioevali mettessero Dio al centro di tutto, però non ho potuto fare a meno di trovare certe parti molto dettagliate troppo pesanti, cosa che non cerco in un libro.
    I miei punti preferiti, togliendo il finale, sono sicuramente state le varie incursioni in biblioteca e la ricostruzione del mistero architettonico che la contraddistingue, il modo di agire di Guglielmo è stato davvero affascinante e ingegnoso.
    Ottima la caratterizzazione dei personaggi e della vita monacale in abbazia, che di giorno è come dovrebbe essere, ma di notte si trasforma svelando quanto sia facile cedere a tentazioni varie e molteplici. Il mio personaggio preferito è sicuramente Adso, che non ha potuto fare a meno svariate volte di indurmi a provare una grandissima tenerezza. È un ragazzo che ancora deve imparare molto dalla vita, non privo di ingenuità che lo porta a non avere ancora le forze di affrontare situazioni spinose. Cerca sempre però di essere più retto possibile e di migliorarsi imparando dai propri errori, chiedendo aiuto a chi è più esperto e saggio di lui. Non è privo di intelligenza, tutt’altro, più di una volta è stato fondamentale affinché le cose prendessero la giusta piega.
    Guglielmo è un frate molto illuminato e di grandissimo intuito, che sfoggia con parecchio orgoglio. Seppure come “poliziotto” sarebbe stato grandioso, non sono riuscita ad apprezzarlo pienamente perché quando perde il controllo si trasforma e sembra parecchio invasato, in più, è stato spesso troppo severo senza reale motivo con Adso, tranne forse quando avrebbe dovuto esserlo.
    L’uomo che ha macchinato l’intero piano... gente, da brividi! C’è stata fin dalla sua prima apparizione qualcosa che mi scombussolava nella sua persona, però mai avrei pensato che si fosse spinto fino al punto in cui è arrivato, e considerando l’età è davvero impressionante quanto sia stato calcolatore nel raggiungere il suo folle scopo, per non parlare della decisione che ha preso per sé...
    Le battute finali mi sono piaciute molto, sia la bella botta di adrenalina in tutto il confronto tra Guglielmo e “lo psicopatico”, sia il racconto di Adso che dopo anni rivisita quei luoghi. Tirando le somme il colpevole ha agito in quel modo perché aveva paura della conoscenza e di come questa può portare evoluzione e cambiamento all’uomo, paura di non avere più paura, sentimento che secondo lui è ciò che ci vuole per vivere bene. Il messaggio che Eco vuole comunicarci è molto importante e tutti dovremmo rifletterci su. A lettura finita devo ammettere di essere rimasta con un po’ di amaro in bocca difficile da spiegare; tirando le somme, do a quest’opera un bell’8 come voto finale.

  • #113
    Member
    Data registrazione
    Jan 2016
    Località
    Udine
    Messaggi
    72
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    6
    Thanked in
    6 Posts

    Predefinito

    Forse è vero, come leggo nel precedente commento, che o lo si ama o lo si odia. Sará perchè quando l'ho iniziato avevo aspettative molto alte, ma mi ha parecchio deluso. L'ho trovato un bel racconto di un centinaio di pagine spezzettato all'interno di un noiosissimo trattato storico.
    Sembra un libro scritto da Eco per far vedere quanto ha studiato e forse non è un caso che lo stesso scrittore lo considera una delle sue opere peggiori.

  • Pagina 8 di 8 PrimoPrimo 12345678

    Discussioni simili

    1. Eco, Umberto
      Da Sir_Dominicus nel forum Autori
      Risposte: 54
      Ultimo messaggio: 03-01-2016, 04:57 PM
    2. Eco, Umberto - Il pendolo di Foucault
      Da Nick79 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 42
      Ultimo messaggio: 03-19-2014, 10:13 AM
    3. Eco, Umberto - La misteriosa fiamma della Regina Loana
      Da ryoko nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 10
      Ultimo messaggio: 07-08-2013, 07:19 PM
    4. Rudy - ed è proprio il mio nome
      Da Rudy nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
      Risposte: 19
      Ultimo messaggio: 04-07-2008, 12:25 AM
    5. Maya03 - nome in codice
      Da Maya03 nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
      Risposte: 27
      Ultimo messaggio: 01-29-2008, 08:55 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •