Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Libri recensiti su forumlibri di questo autore:

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 28

Discussione: Celine, Louis-Ferdinand

  1. #1
    Junior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Roma / Milano
    Messaggi
    27
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Celine, Louis-Ferdinand

    Louis-Ferdinand Celine

    Avete letto qualcosa?

    Emanuele

  2. #2

    Predefinito

    sì, ho letto "Viaggio al termine della notte" molto tempo fa, però è uno di quei libri che non ricordo bene. E' un libro dai toni piuttosto pessimistici... non so se consigliartelo!

  3. #3
    Junior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Roma / Milano
    Messaggi
    27
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da zaratia
    sì, ho letto "Viaggio al termine della notte" molto tempo fa, però è uno di quei libri che non ricordo bene. E' un libro dai toni piuttosto pessimistici... non so se consigliartelo!
    mi dÃ* l'idea di essere un po' cupo...

  4. #4
    Charmed Member
    Data registrazione
    Jun 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    2653
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Io avevo letto qualche anno fa "Storia del piccolo mouk", l'ho letto per la scuola ma non lo ricordo bene, cmq non mi era piaciuto molto all'epoca.

  5. #5

    Predefinito

    ho da poco iniziato a leggere viaggio al termine della notte...ma l'ho messo un po' da parte...non so...forse non sto nello stato d'animo giusto per leggerlo...e poi sto ancora sott'esame...quindi, essendo un po' pensantuccio, ho deciso di allontanarlo per un po'..ehhehe

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    Napoli
    Messaggi
    127
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    In effetti il Viaggio tanto digeribile non è.
    Io l'ho preso e abbandonato almeno tre o quattro volte.
    Poi, superato lo scoglio delle 40 pagine, ci si lascia trasportare dalla corrente.
    Non c'è, ovvio, il gusto dell'intreccio narrativo.
    Ma c'è tutto il XX secolo: la barbarie della guerra, lo sfruttamento delle colonie, l'angoscia della solitudine nell'America del dopoguerra, il ritmo febbrile della civiltÃ* contempioranea, l'ipocrisia borghese.
    Celine però non fa il moralista. E' un cane sciolto, anarchico, tanto il mondo è il destinatario di una sentenza senza appello.

    La questione del linguaggio c'è, inutile negarlo. E' un linguaggio in presa diretta, uno stile colloquiale, pieno di rotture sintattiche, di espressioni colorite ...e poi c'è il Trionfo dei puntini sospensivi.... ...
    Il libro però è importante anche per questo linguaggio....per come il suo punto di vista, non certo inedito, abbia saputo tramutarsi in FORMA individualissima. Forse questo ha fatto la fortuna di Celine, di cui cmq andrebbe letto almeno anche Morte a credito, ancora più estremo del Viaggio.

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    il classico esempio del genio trasportato dalla sua sregolatezza a scrivere e dire cose che poi lo hanno reso un reietto un pò come ezra pound

  8. #8
    Member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    Brescia
    Messaggi
    70
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ho iniziato Viaggio al termine della notte (il titolo originale ha un suono meraviglioso) ma poi l'ho abbandonato... Che dite lo ricomincio?

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    Napoli
    Messaggi
    127
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Dipende.
    Se ci hai rinunciato da poco, allora non conviene ritentare subito.
    Lascia passare un po' di tempo e poi riprovaci.

  10. #10
    Member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    torino-catania
    Messaggi
    52
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da siasiqueneau
    Ho iniziato Viaggio al termine della notte (il titolo originale ha un suono meraviglioso) ma poi l'ho abbandonato... Che dite lo ricomincio?
    siasiquenau direi in questo caso più sì che no...anzi assolutamente sì!
    se superi le prime 50 pagine, scoprirai che è un libro di una bellezza unica

    una piccola gemma:
    "Ma torniamo alla nostra Sophie. Facevamo come dei progressi in poesia, solo con l'ammirare il suo essere tanto bella e tanto più incosciente di noi. Il ritmo della sua vita scaturiva da altre sorgenti, che non le nostre, striscianti per sempre le nostre, invidiose. Questa forza allegra, precisa e dolce insieme, che l'animava dai capelli alle caviglie ci veniva a turbare, ci inquietava in un modo incantevole, ma ci inquietava, è la parola."

  11. #11
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Viaggio al termine della notte,nell'edizione Corbaccio curata da ernesto ferrero.
    Un capolavoro europeo della coscienza del novento.uno dei liibri piu' importanti(tra i romanzi) che un uomo del nostro tempo possa incontrare sulla sua strada.
    Fin dalla citazione della canzone delle Guardie Svizzere del 1793....:"Nostre vie est un voyage/Dan l'hinver et dans la Nuit/........"
    alle pagine sulla "solitudine"americana.

  12. #12
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    5129
    Inserimenti nel blog
    85
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da tavololaici Vedi messaggio
    Viaggio al termine della notte,nell'edizione Corbaccio curata da ernesto ferrero.
    Un capolavoro europeo della coscienza del novento.uno dei liibri piu' importanti(tra i romanzi) che un uomo del nostro tempo possa incontrare sulla sua strada.
    Fin dalla citazione della canzone delle Guardie Svizzere del 1793....:"Nostre vie est un voyage/Dan l'hinver et dans la Nuit/........"
    alle pagine sulla "solitudine"americana.
    Ottima edizione.
    Leggi anche Morte a credito...
    qui credo non ci sia ancora la recensione di questo libro,prima o poi la inserirò io.Di tutti i suoi libri è quello che ho amato di più.

  13. #13
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da asiul Vedi messaggio
    Ottima edizione.
    Leggi anche Morte a credito...
    qui credo non ci sia ancora la recensione di questo libro,prima o poi la inserirò io.Di tutti i suoi libri è quello che ho amato di più.
    Anche a me è piaciuto Morte a credito ma non quanto Viaggio al termine della notte (secondo me uno dei più bei romanzi del XX secolo)……ho trovato quest’ultimo più a largo respiro, nel senso che tratta di problematiche che investono l’uomo in quanto tale e in quanto inserito in un determinato periodo storico e sociale.
    In
    Morte a credito (sorta di antefatto del capolavoro celiniano), a mio parere, il contesto è più autoriferito, quasi una sorta di pungente autobiografia claustrofobica.


    In ogni caso Cèline come autore è decisamente geniale (al di là di idee e atteggiamenti personali criticabili) e in entrambe le opere citate l’autore adotta una prosa cruda e allucinata per descrivere miserie e degradazioni umane, analizzate in un’ottica introspettiva: le umiliazioni personali, lo stato di indigenza in cui sembra condannato a vivere, le ossessioni onnipresenti rappresentano lo strumento attraverso il quale l’autore denuncia i mali della società contemporanea.

    Soprattutto nel Viaggio, l’autore critica, con brutalità e fermezza, l’assurdità della guerra (mi sembra sia attribuibile a lui la prima descrizione di “sindrome post-traumatica da stress” ossia lo stato psicologico in cui versano i reduci di eventi traumatici), la follia del colonialismo, la disumanizzazione del sistema industriale: il tutto condito da un profondo senso di solitudine e smarrimento personale, forse i mali più frequenti nell’uomo moderno.


    La genialità di Cèline per me si ricava proprio dalla capacità di trasmettere al lettore forti emozioni accompagnate da una visione disincantata della vita.



  14. #14
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    son proprio daccordo Elena.

  15. #15
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    5129
    Inserimenti nel blog
    85
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elena Vedi messaggio
    Anche a me è piaciuto Morte a credito ma non quanto Viaggio al termine della notte (secondo me uno dei più bei romanzi del XX secolo)……ho trovato quest’ultimo più a largo respiro, nel senso che tratta di problematiche che investono l’uomo in quanto tale e in quanto inserito in un determinato periodo storico e sociale.
    In Morte a credito (sorta di antefatto del capolavoro celiniano), a mio parere, il contesto è più autoriferito, quasi una sorta di pungente autobiografia claustrofobica.

    In ogni caso Cèline come autore è decisamente geniale (al di là di idee e atteggiamenti personali criticabili) e in entrambe le opere citate l’autore adotta una prosa cruda e allucinata per descrivere miserie e degradazioni umane, analizzate in un’ottica introspettiva: le umiliazioni personali, lo stato di indigenza in cui sembra condannato a vivere, le ossessioni onnipresenti rappresentano lo strumento attraverso il quale l’autore denuncia i mali della società contemporanea.
    Soprattutto nel Viaggio, l’autore critica, con brutalità e fermezza, l’assurdità della guerra (mi sembra sia attribuibile a lui la prima descrizione di “sindrome post-traumatica da stress” ossia lo stato psicologico in cui versano i reduci di eventi traumatici), la follia del colonialismo, la disumanizzazione del sistema industriale: il tutto condito da un profondo senso di solitudine e smarrimento personale, forse i mali più frequenti nell’uomo moderno.


    La genialità di Cèline per me si ricava proprio dalla capacità di trasmettere al lettore forti emozioni accompagnate da una visione disincantata della vita.

    Viaggio al termine della notte "è" senza dubbio il più bel romanzo,sono io che ho amato,letto e riletto Morte a credito. Ne consigliavo la lettura per scoprire un Celine diverso per alcuni aspetti.
    Non sono forse d'accordo sul fatto che Celine critichi la guerra.A mio avviso lascia che la guerra e le sue brutalità si mostrino per come sono senza suggerirci niente di più di ciò che è.Lui è un narratore, nudo e crudo. La realtà in fondo non può che essere descritta così con le sue stesse parole.

    Non so, per me non va ricercato alcun "senso" nelle sue letture, solo fruirne la genialità e l'immensa capacità di narrazione.
    Amo la sua lucidissima follia.

Ti potrebbero interessare:

 

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •