Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Candido o l'ottimismo

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 26

Discussione: Voltaire - Candido o l'ottimismo

  1. #1
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Voltaire - Candido o l'ottimismo

    Questo celebre romanzo di Voltaire contiene una forte critica sociale verso l'epoca in cui l'autore viveva. Narra la storia di Candido, giovane che attraversa innumerevoli peripezie nel corso della vita, ma avendo sempre in mente la frase che il suo educatore Pangloss disse prima che iniziassero le scorribande dei bulgari e l'abbandono del suolo natio: "questo mondo è l'ottimo dei mondi possibili", e tutto è per il meglio nel migliore dei mondi possibili. Ma la realtà sarà ben diversa: pene corporali, assassini, ruberie, stupri, torture, corruzione, schiavitù. Non si salvano dalla malvagità né mussulmani, né cristiani, né bassi briganti né alte cariche pubbliche. E continuamente, dopo la dispersione dei protagonisti, ecco che, in condizioni sempre diverse e assurde, Pangloss e il discepolo si rincontrano, e il primo spiega al secondo che questo è sempre il migliore dei mondi possibili, non importa se mentre lo dice ha i segni della tortura sul corpo, le bruciature di un incendio doloso, le abrasioni di una corda per impiccagione sul collo. Esiste però un porto franco per l'umanità, l'Eldorado, antica dimora degli Incas dove ora vive un popolo pacifico, dove le strade sono lastricate d'oro e diamanti, dove vige la cordialità, dove sono ben accetti gli ospiti, dove si è comprensivi e tolleranti: peccato che questo luogo sia irraggiungibile, e Candido vi riesca a giungere solo per una irripetibile opportunità della fortuna.


    Questo romanzo merita tutta la fama che lo ha circondato: è intenso, graffiante, saggio, mantiene anche a secoli di distanza tutta la sua portata di innovazione narrativa. E' un romanzo a detta di molti filosofico, ma non è mai pesante anzi è divertente, umoristico e fortemente ironico. Consigliato!

  2. #2
    Curly member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    MILANO
    Messaggi
    192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ho dovuto leggerlo per letteratura francese e sapendo che l'autore era un filosofo francese già immaginavo che non ci avrei capito nulla; invece è a dir poco geniale!! Dall'inizio alla fine non si smette di sghignazzare, nonostante la morale non sia propriamente ottimista come dice il titolo.

    Piccola annotazione: come fa tutta questa gente che si credeva morta ammazzata a resuscitare?! XD

    Ecco un estratto dal primo capitolo (liber liber) che a me piace tantissimo per il modo chiaro e leggero di presentare i personaggi e la loro "forma mentis".

    " Pangloss insegnava la metafisico-teologo-cosmologo-nigologia. Provava egli a maraviglia che non si dà effetto senza causa, e che in questo mondo, l'ottimo dei possibili, il castello di S. E. il barone era il più bello de' castelli, e Madama la migliore di tutte le baronesse possibili.

    - è dimostrato, diceva egli, che le cose non posson essere altrimenti; perchè il tutto essendo fatto per un fine, tutto è necessariamente per l'ottimo fine. Osservate bene che il naso è fatto per portar gli occhiali, e così si portan gli occhiali; le gambe son fatte visibilmente per esser calzate, e noi abbiamo delle calze, le pietre son state formate per tagliarle e farne dei castelli, e così S. E. ha un bellissimo castello; il più grande de' baroni della provincia dev'essere il meglio alloggiato, e i majali essendo fatti per mangiarli, si mangia del porco tutto l'anno. Per conseguenza quelli che hanno avanzata la proposizione che tutto è bene; han detto una corbelleria, bisognava dire che tutto è l'ottimo.

    Candido ascoltava tutto attentamente, e se lo credeva innocentemente; perch'ei trovava Cunegonda bella all'estremo, sebbene non avesse mai avuto l'ardire di dirlo a lei. Egli concludeva che dopo la fortuna di esser nato barone di Thunder-ten-tronckh, il secondo grado di felicità era d'esser Cunegonda, il terzo di vederla tutti i giorni, il quarto di ascoltare il precettore Pangloss, il più gran filosofo della provincia, e in conseguenza del mondo. "

  3. #3

    Talking

    dovro' rileggerlo: ricordo che era una critica a quella ideologia del tempo sul "migliore dei mondi possibili", ma, avendolo letto da fanciullo, mi colpi' soprattutto dove era stato nascosto il diamante....


  4. #4
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Grande!!!! Lo volevo leggere in questi giorni poi però me ne sono dimenticata ...grazie! Ora lo segno subito

  5. #5

    Question

    l'ho trovato qui:

    http://it.wikisource.org/wiki/Candido

    posso indicare questo link?


  6. #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Gurdulù Vedi messaggio
    l'ho trovato qui:

    http://it.wikisource.org/wiki/Candido

    posso indicare questo link?

    certo! anzi è una buona idea! sarebbe addirittura carino inserire una sezione da cui scaricare pdf con libri che non sono più protetti da copyright!!!

  7. #7
    Curly member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    MILANO
    Messaggi
    192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da zaratia Vedi messaggio
    certo! anzi è una buona idea! sarebbe addirittura carino inserire una sezione da cui scaricare pdf con libri che non sono più protetti da copyright!!!
    Io spesso mi rifornisco qui:

    http://www.liberliber.it/biblioteca/index.htm

  8. #8

    Red face

    Citazione Originariamente scritto da Gurdulù Vedi messaggio
    dove nascondevano i diamanti....
    ho trovato!
    nel capitolo XI!


  9. #9
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    L'ho letto e finito....E' a dir poco geniale!

  10. #10
    Stephen King Fan Member
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Medio-Mondo
    Messaggi
    282
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da +°Polvere di stelle°+ Vedi messaggio
    L'ho letto e finito....E' a dir poco geniale!
    Concordo in pieno! L'ho letto l'estate scorsa per scuola, tra tutti i libri che mi avevano dato l'ho reputato il migliore. 5/5 sicuro!!!

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    provincia di Milano
    Messaggi
    127
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mamma ma che bello!
    L'ho letto ai tempi del liceo, in lingua originale. M'era davvero piaciuto tantissimo!
    Voto 5, naturalmente!

  12. #12
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6837
    Thanks Thanks Given 
    43
    Thanks Thanks Received 
    88
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    L'ho finito di leggere un paio di giorni fa, ma ancora non so decidermi se mi sia piaciuto o meno.... sono rimasta un po' sconcertata perchè ho letto commenti troppo entusiasti rispetto alle mie impressioni. Forse l'ho trovato un po' "poco moderno", anche se ammetto che in alcuni punti è esilarante non mi ha convinto fino in fondo.
    Voto:3/5

  13. #13
    b
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    un paesino molto remoto
    Messaggi
    1890
    Inserimenti nel blog
    18
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Candido è un romanzo filosofico, e per questo, necessità una piccola infarinatura in questo settore, altrimenti si rischia di trovarsi deluso, o quantomeno, con tanti punti interrogativi, dopo la lettura.
    Ho trovato un passo di A. Maurois che potrebbe spiegare questi vuoti:
    “Candido è stato creato nello stesso tempo dall’esperienza e dalla delusione di Voltaire, che sono state provocate dai certi filosofi, come Rousseau, quale scriveva: “Se l’essere infinito non ha creato niente di meglio, è perché, non poteva creare niente di meglio”, o come Leibnitz, quale affermava, che tutto è il migliore nel miglior mondo possibile. Voltaire farà dire questa idea da Pangloss, il filosofa ottimista, e farà girare per il mondo l’ingenuo alunno di Pangloss, il giovane Candido, quale conoscerà armate, inquisizione, assassini, furti, violenze, i gesuiti di Paraguaio, Francia, Inghilterra, Turchia, e da per tutto constaterà che l’uomo è un animale molto cattivo. Invece l’ultima parola del libro è “Bisogna aver cura del proprio orto”, il che vuol dire, il mondo è pazzo e crudele, la terra trema, e si sentono i tuoni dal cielo, i re combattono uni contro altri, e le chiese si separano; limitiamo la nostra attività e cerchiamo di fare il nostro compito nel miglior modo possibile. Queste parole sono le ultime parole di Voltaire, come più tardi lo saranno di Goethe. Tutto va male, però siamo ancora in tempo di poterlo aggiustare. Con questo Voltaire aveva annunciato l’uomo moderno e la saggezza dell’ingegnere, la saggezza incompleta, però utile.”

    Se guardiamo la struttura di Candido, notiamo che Voltaire non aveva dedicato tanta cura a forte legame della trama e neanche alla profonda caratterizzazione dei personaggi. Questo non è nessun difetto e non ci deve sorprendere, perché, se accettiamo i personaggi di Voltaire come le persone “reali”, allora troveremo i loro disgraziati destini orrendi, che invece buffi, e specialmente sarebbe sembrato inopportuno il tono umoristico che passa per l’intero testo. Voltaire l’umorismo crea in tanti modi: legando le più opposte idee e gli aspetti, usando le frasi filosofiche nel neadeguato contesto (uno dei personaggi parlando del rapporto sessuale usa il temine l’esercizio in fisica esperimentale), con i strani paradosi e soprattutto con l’ironico ripetere che, malgrado tutte le disgrazie in quali si trova, Candido vive nel “miglior dei tutti possibili mondi”.
    Il romanzo di Voltaire è una forte satira sul conto dell’idea di Leibnitz, il filosofo tedesco, quale sosteneva che il mondo in cui viviamo è proprio come doveva essere, cioè il miglior di tutti possibili mondi. Nel romanzo la teoria di Leibnitz non si contraddice direttamente, ma al protagonista di Voltaire si “regalano” cosi tante sofferenze e i dolori che la frase che questo è “il miglior dei tutti possibili mondi” suona molto grottesco. Oltre l’ottimismo metafisico, Voltaire critica guerra, intolleranza religiosa, violenza, stupidità umana, ed altro.
    Sarebbe molto sbagliato concludere che Voltaire raccontava il pessimismo. Lui ritiene che l’uomo, se già non vive nel migliore dei tutti possibili mondi, si deve liberare di teoria e dedicarsi al impegno concentrato per poter migliorare questo mondo. Questo dovrebbe essere il senso delle parole di Candido indirizzate a Pangloss che ognuno dovrebbe curare il proprio orto.
    I scrittori di nostra epoca hanno scoperto che il mondo è inutile; però Voltaire nel Candido aveva scritto tutto, che si poteva dire su questa tema; lo aveva scritto nel modo molto spiritoso, il che è meglio che con la rabbia, perché in tal modo ci aveva lasciato un po’ di coraggio per il futuro…

    Nota: Candido – proviene dal latino candidus => puro
    Nel francese proviene dal significato: ingenuo, inocente.
    Ultima modifica di nicole; 06-05-2009 alle 11:34 AM.

  14. #14
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    256
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    letto per scuola.. troppo bella la fine.. infondo è "proprio il migliore dei mondi possibili"

  15. #15
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19027
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    751
    Thanked in
    466 Posts

    Predefinito

    pieno di stimoli alla riflessione

    "Ma a qual fine questo mondo è stato dunque formato?" ripiglia Candido. "Per farci arrabbiare" risponde Martino. "Credete voi - dice Candido - che gli uomini si siano sempre, vicendevolmente straziati, come lo fanno al presente? Ch'essi siano sempre stati bugiardi, furbi, perfidi, ingrati, assassini, pieni di debolezze, ladri, vili, invidiosi, ingordi, ubriaconi, avari, ambiziosi, sanguinari, calunniatori, discoli, fanatici, ipocriti e pazzi?".
    "Credete voi - dice Martino - che gli sparvieri abbiano sempre mangiato degli uccelli quando ne han trovati?".
    "Sì, senza dubbio" dice Candido. "Ebbene - soggiunge Martino - se gli sparvieri han sempre avuto il medesimo carattere, perché volete voi che gli uomini abbiano cambiato il loro?"

Ti potrebbero interessare:

 

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •