Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 5 di 6 PrimoPrimo 123456 UltimoUltimo
Mostra risultati da 61 a 75 di 80

Discussione: Come far "emergere" il proprio libro: idee, commenti, altro

  1. #61
    Junior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    5
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Thumbs up

    Citazione Originariamente scritto da Gabriele86 Vedi messaggio
    Salve,
    sono Gabriele, 22 anni, autore emrgente, contemporaneo, uscito un anno e mezzo fa con il mio primo romanzo tre metri sotto il mare, scrivo qui perchè sul forum centrale non riesco ad inserire il mio post mi dice che non sono autorizzato... Cmq il problema di far conoscere il libro è molto serio. Ed io lo sto vivendo sulle mie spalle e su una realtà che si chiama Cosenza. disinteresse, poca convinzione, ignoranza, assessori alla cultura, librerie, associazioni, qui sembra che se non sei amico di un qualcuno non conti niente. il mio romanzo letto da molte persone piace, ha bisogno solo di un pò di pubblicità per emergere alla grande, sono in molti a dirlo, ma vi faccio l'esempio che in una libreria un giorno sono andato a controllare come andava, e non lo vedevo in giro, lo avevano messo dietro uno scaffale che uno per comprarlo doveva chiedere direttamente, una persona normale che entra in una libreria dovrebbe avere la possibilità di essere colpita da un giovane autore ad esempio, invece no, sei un autore nuovo? bene, nascosto a prescindere. Questo non è giusto perchè poi quando le persone dicono "ah che bel romanzo che hai scritto" pensando alla libreria che me lo omette mi da nervoso. ho avuto diverse recensioni anche mano male, grazie al mio autore, se no qui in Calabria l'editoria, a parte poche persone ed editori, è solo un discorso economico e basta. Qui siamo fermi, Ho parlanto con tante di quelle persone che mi hanno dato illusioni di presentazioni, interviste ecc... ma lla fine cosa? niente. E' veramente difficile emergere....
    Emergere è sempre difficile e come hanno già scritto in questa discussione il libro è comunque un prodotto commerciale e le librerie cercheranno sempre di dare rilievo agli autori istituzionali che vendono grazie alla promozione mediatica.
    Il motivo per cui bisogna appoggiare siti come questo sta nel fatto che aiutano giovani scrittori e piccole case editrici a emergere. Io ad esempio sto leggendo "Indagine sul mio omicidio" di Emanuela Fontana, una giovane giornalista, che ha scritto un ottimo triller per una piccola casa editrice conosciuta grazie a facebook e ad amici comuni.

  2. #62
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    173
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Qualcuno conosce dei promotori editoriali? Gente cioè che pubblicizza libri...
    Oppure società che fanno questo mestiere o qualcosa del genere...insomma...il mio editore non pubblicizza ma ha solo stampato (ed è pronto a nuove stampe a quanto dice...) e vorrei farmi pubblicizzare da qualcuno ma non saprei da chi.
    Sapreste aiutarmi?

  3. #63
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2009
    Località
    Pistoia
    Messaggi
    601
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Se sei bravo nelle "pubbliche relazioni", reali e virtuali, e/o hai un gruppo di amici che potrebbe aiutarti in questo, io ti consiglio di pubblicizzarti da solo; con le risorse che mette a disposizione il web servono tanto entusiasmo e impegno, più che denaro o esperienza.
    Da quanto ho capito, per il mercato letterario di oggi, è una buona strategia; o stacchi subito il contratto importante oppure tanto vale provare a fare da soli, le figure intermediarie rischiano di costare tanto e rendere poco.

  4. #64
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    173
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    il problema è che non ho un grande giro di conoscenza e non ho idea di come pubblicizzarmi da solo
    al più, la pagina su facebook e l'annuncio sempre sullo stesso social network...ma comunque non sono grandi mezzi di comunicazione

  5. #65
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2010
    Messaggi
    134
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Question

    [QUOTE=marea;97540]Leggo solo ora il post introduttivo di Fabio e le argomentazioni esposte successivamente dagli altri. In gran parte condivisibili.
    Vorrei semplicemente raccontare la mia esperienza, anche per avere anch'io ulteriori termini di paragone rispetto a quello che va accadendo a me ed al mio libro, in un mondo, quello editoriale, che conosco poco, quasi nulla, e che sto imparando a conoscere solo adesso.

    Innanzitutto, di cosa stiamo parlando.
    Questa

    Improvvisamente, a 37 anni e dopo 13 di matrimonio, una violenta crisi coniugale fa sprofondare Gianluca nel baratro della disperazione. Vuole a tutti i costi salvare il suo matrimonio, tenere unita la sua famiglia. I margini di ricomposizione sono ormai ridotti, e lui decide di porre in essere un tentativo disperato: sparire improvvisamente, per qualche tempo, nella speranza che la sua assenza faccia riflettere la moglie, che lei si renda conto che non vuole perderlo. Il Cammino di Santiago, ottocento chilometri da percorrere a piedi in poco meno di un mese, da Saint Jean Pied du Port, in Francia, a Santiago de Compostela, in Galizia. E quindi fino a Finis Terrae, sull’oceano, dove un tempo gli uomini credevano finisse la terra, per compiere il rito del rogo dei vestiti bruciati e del bagno purificatore nella acque gelide dell’Atlantico. Un cammino interiore, nella speranza, vana, di trovare la moglie ad aspettarlo a Santiago, per ricominciare a camminare insieme nella vita. Il diario di quei 27 giorni, nudo e crudo, rivisto, con sofferenza, due anni dopo: rivissuto passo dopo passo, spiegato “a coloro che non sanno”, nell’ottica di un recupero memoriale sincopato con pause e flashback che sballottolano il lettore tra dramma interiore e straordinarietà del Cammino. Questo libro non è una guida, anche ci troverete riferimenti a luoghi e città. Questo libro non è un romanzo, perché l’autore quelle strade, quei sentieri, li ha percorsi davvero. Questo libro non è scritto con inchiostro: su quelle pagine le parole le hanno scritte l’angoscia, la disperazione, la speranza, il sudore, il sangue. Quelle di un uomo che quando ha capito che stava perdendo tutto ciò che aveva, la sua famiglia, si è messo uno zaino in spalla ed ha cominciato a camminare. Sperando nel miracolo di salvare il suo matrimonio, alla fine ne ha ottenuto uno ancor più grande: trovare se stesso.

    ....


    la sinossi è avvincente! quindi non creso che la tua sia stata solo fortuna! Ai nostri tempi la ricerca e la scoperta di noi stessi è un argpmento che attrae moltissimo, se è scritto bene ed è intriso di frasi sagge all'Alchimista, è fatta!
    Cosa vuoi di più? perchè dici di non credere più alle favole, dato che la tua si è avverata?

  6. #66
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4197
    Thanks Thanks Given 
    21
    Thanks Thanks Received 
    14
    Thanked in
    7 Posts

    Predefinito

    [QUOTE=gisa;177679]
    Citazione Originariamente scritto da marea Vedi messaggio
    Leggo solo ora il post introduttivo di Fabio e le argomentazioni esposte successivamente dagli altri. In gran parte condivisibili.
    Vorrei semplicemente raccontare la mia esperienza, anche per avere anch'io ulteriori termini di paragone rispetto a quello che va accadendo a me ed al mio libro, in un mondo, quello editoriale, che conosco poco, quasi nulla, e che sto imparando a conoscere solo adesso.

    Innanzitutto, di cosa stiamo parlando.
    Questa

    Improvvisamente, a 37 anni e dopo 13 di matrimonio, una violenta crisi coniugale fa sprofondare Gianluca nel baratro della disperazione. Vuole a tutti i costi salvare il suo matrimonio, tenere unita la sua famiglia. I margini di ricomposizione sono ormai ridotti, e lui decide di porre in essere un tentativo disperato: sparire improvvisamente, per qualche tempo, nella speranza che la sua assenza faccia riflettere la moglie, che lei si renda conto che non vuole perderlo. Il Cammino di Santiago, ottocento chilometri da percorrere a piedi in poco meno di un mese, da Saint Jean Pied du Port, in Francia, a Santiago de Compostela, in Galizia. E quindi fino a Finis Terrae, sull’oceano, dove un tempo gli uomini credevano finisse la terra, per compiere il rito del rogo dei vestiti bruciati e del bagno purificatore nella acque gelide dell’Atlantico. Un cammino interiore, nella speranza, vana, di trovare la moglie ad aspettarlo a Santiago, per ricominciare a camminare insieme nella vita. Il diario di quei 27 giorni, nudo e crudo, rivisto, con sofferenza, due anni dopo: rivissuto passo dopo passo, spiegato “a coloro che non sanno”, nell’ottica di un recupero memoriale sincopato con pause e flashback che sballottolano il lettore tra dramma interiore e straordinarietà del Cammino. Questo libro non è una guida, anche ci troverete riferimenti a luoghi e città. Questo libro non è un romanzo, perché l’autore quelle strade, quei sentieri, li ha percorsi davvero. Questo libro non è scritto con inchiostro: su quelle pagine le parole le hanno scritte l’angoscia, la disperazione, la speranza, il sudore, il sangue. Quelle di un uomo che quando ha capito che stava perdendo tutto ciò che aveva, la sua famiglia, si è messo uno zaino in spalla ed ha cominciato a camminare. Sperando nel miracolo di salvare il suo matrimonio, alla fine ne ha ottenuto uno ancor più grande: trovare se stesso.

    ....


    la sinossi è avvincente! quindi non creso che la tua sia stata solo fortuna! Ai nostri tempi la ricerca e la scoperta di noi stessi è un argpmento che attrae moltissimo, se è scritto bene ed è intriso di frasi sagge all'Alchimista, è fatta!
    Cosa vuoi di più? perchè dici di non credere più alle favole, dato che la tua si è avverata?
    non ho capito sto post, forse son scemo io o c'ho sonno?

  7. #67
    Balivo di Averoigne
    Data registrazione
    Nov 2011
    Località
    Kahora
    Messaggi
    3777
    Thanks Thanks Given 
    2
    Thanks Thanks Received 
    65
    Thanked in
    49 Posts

    Predefinito

    E' il quinto post/topic consecutivo con la recensione di questo libro, questo è vero e proprio Spam, un moderatore può interrvenire?

  8. #68

    Predefinito pro social network

    secondo me, e come leggo sopra secondo altri, fare pubblicità sui social network è la soluzione migliore

    però bisogna integrarla con attività offline (es.: cartoline, volantini, ecc) perchè l'online fine a sè stesso rende poco (soprattutto se non sei famoso)

    magari bisognerebbe inventarsi anche iniziative, passaparola, ecc e coinvolgere la gente a fare qualcosa

  9. #69

    Predefinito

    concordo con te Fabio

    social network tutta la vita

    si Facebook non è male ma è un calderone

    ti consiglio Twitter, un po' più culturale e meno spammoso

    e insieme a questo cerca un opinion leader che sponsorizzi il tuo libro, una persona quotata nell'ambiente anche se non famosa con tante conoscenze, amicizie, collaborazioni e faglielo sponsorizzare in maniera completamente non pubblicitaria, la spontaneità vince nei social network



    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Usate i Social Network per far conoscere il vostor nome.

    Grazie a Myspac moltissimi gruppi musicali "domestici" sono riusciti a finire con i loro cd non solo nei negozi ma addirittura nelle classifiche musicali più famose.

    Create il vostro social network, primo su tutti, Facebbok che da qualche settimana ha superato Myspace. Create un "gruppo" sul vostro libro, distribuite con quel canale vostri testi "da mucca viola".

    Distribuite i vostri brani più strepitosi, non abbiate paura di "mangiarvi il pezzo forte". Su internet dovete farvi conoscere, quindi mandate in giro gratuitamente i vostri capitoli e brani migliori. Non abbiate paura, se avete fatto una mucca viola una volta riuscirete a farne altre se siete mossi dal passione e da un sogno.

    Quindi sotto con Myspace ma sopratutto Facebook!

  10. #70
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3577
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    113
    Thanks Thanks Received 
    65
    Thanked in
    37 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da TinaF Vedi messaggio
    si Facebook non è male ma è un calderone
    Facebook mi è andato di traverso...
    Ultimamente non riesco a togliermi dalla testa wuesta equazione:
    più alto è il rapporto tra il tempo passato su facebook/tempo totale di connessione per una persona e meno intelligente/curiosa/creativa è questa persona.

  11. #71

    Predefinito

    Interessante discussione che ho seguito con piacere, voglio testimoniarvi la mia esperienza:
    1) Concordo che i forum siano una notevole cassa di risonanza. Io non conoscevo affatto Colitto e penso che non lo avrei mai comprato (anche perchè non compro gli esordienti) ma lo conobbi qui sul forum e scattò in me la curiosità... in particolare venni attratto semplicemente dal fatto che un esordiente che pubblicava anche qui in Romagna scrivesse nel "mio" forum.
    Mi piacque uno dei suoi libri, lo comprai e in seguito non ne comprai più in quanto non è un genere che mi entusiasma, tuttavia l'autore fece un meritato successo.
    2) Anch'io qualche anno fa tentai la strada della pubblicazione, per uno dei miei libri di poesie; andò nel seguente modo:
    2.1) Mandai in formato telematico a tutte le case editrici che conoscevo (un centinaio) il file e mi risposero in due. Uno mi disse che, pur trattando di poesia non era il genere che loro pubblicavano, e l'altra mi disse che mi avrebbe contattato per parlare di un eventuale antologia di esordienti.
    2.2.) Queste due mail mi fecero un enorme piacere perchè era evidente che i due editori si erano presi la briga di leggerle, e le conservo ancora come ricordo, tuttavia in me scattò qualcosa che mi fece capire che era solo un bel sogno adolescenziale (o poco più) e che dovevo rivolgermi a qualcosa a me più congeniale... naturalmente la casa editrice dell'antologia non si fece più sentire =)
    2.3) I sogni sono belli e vissuti con trasporto nel tempo a loro congeniale, ma penso che sia una strada talmente ardua da dover essere seguita sempre con cautela... non tutti possiamo scrivere una "mucca viola" (bellissimo questo termine!)

  12. #72

    Predefinito Canali interessanti di promozione

    Ciao a tutti,
    ho seguito con interesse la discussione, e nonostante non sia un'accanita scrittrice spero di aggiungere qualche spunto alla discussione.

    Non so quanto siate esperti nel self-publishing, ma per farla breve esistono dei canali che permettono di pubblicare libri (principalmente ebook) tramite dei portali internet che li pubblicano prendendo una commissione sulle vendite.
    Per approfondire l'argomento vi rimando a questo link che ne parla brevemente: Il self-publishing | Servizi editoriali

    Esistono dei siti in Italia, ma io personalmente sto appettando che lancino il progetto del Politecnico di Torino chiamato Bookolico (Bookolico). Ho conosciuto il team ad una fiera torinese e mi ha fatto un discorso molto interessante su come pensano di aiutare gli scrittori ad emergere. Buona parte del progetto revolve attorno alla SCOPERTA di nuovi scrittori, che é la parte che personalmente mi interessa di più.

    Spero di non aver scritto delle ovvietà!!

  13. #73
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    la leggendaria terra dei Consulenti
    Messaggi
    1235
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ho visto un paio d presentazioni di bookolico ma non mi ha convinto per nulla...

  14. #74

    Predefinito

    Io sono assolutamente d'accordo con pennadoro. Certo che prevale il luogo comune, perchè la massa segue ciò che sente ripetere dagli altri, sopratutto dai media. Mi spiego meglio con un esempio.
    Io ho scritto un bel libro, una storia a tratti divertente, commuovente e profonda. Tutti quelli che l'hanno letto lo hanno giudicato un bellissimo libro. Lo mando alle case editrici ma nessuna è interessata per cui alla fine lo pubblico online e nonostante faccia di tutto per farlo girare, ovviamente nessuno lo conosce quindi non se lo legge nessuno (o quasi).
    Ugualmente un mio amico scrive un bel libro, però lui ha la fortuna di vivere a milano dove riesce a far arrivare il suo manoscritto a qualcuno della Mondadori, che guarda caso, entusiasta decide di pubblicarglielo facendo un marketing da paura, interviste su qualsiasi quotidiano o settimanale, articoli da tutte le parti, tanto che il libro in 2-3 mesi diventa best-seller e dopo appena 2 anni ci fanno pure il film.
    Tutto è nelle mani del marketing sopratutto in questo settore, se le storie fossero al contrario ed io avessi avuto la mondadori alle spalle ora io avrei il best-seller e il film in uscita e lui un libro online. Credetemi.

  15. #75
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3577
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    113
    Thanks Thanks Received 
    65
    Thanked in
    37 Posts

    Predefinito

    Segnalo questo interessante articolo del Robin Good: Self-Publishing: Come Promuovere Il Tuo Primo Libro Autopubblicato

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Proposte e commenti
    Da zaratia nel forum Pagine di servizio
    Risposte: 492
    Ultimo messaggio: 11-16-2015, 11:54 AM
  2. Scrivete con la penna nera, blu oppure di altro colore?
    Da Fabio nel forum Presentati & Conosciamoci meglio
    Risposte: 139
    Ultimo messaggio: 09-01-2014, 12:16 AM
  3. Risposte: 32
    Ultimo messaggio: 01-18-2009, 08:04 PM
  4. Commenti post-elezioni
    Da Alfredo_Colitto nel forum Amici
    Risposte: 221
    Ultimo messaggio: 05-26-2008, 08:17 PM
  5. Un libro per la mamma 2!Commenti su Albom Mitch
    Da ofle nel forum Salotto letterario
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 12-28-2007, 03:39 PM

Tags per questo thread

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •