Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Lettera a un bambino mai nato

Mostra risultati da 1 a 15 di 31

Discussione: Fallaci, Oriana - Lettera a un bambino mai nato

Hybrid View

Messaggio precedente Messaggio precedente   Messaggio successivo Messaggio successivo
  1. #1

    Red face Fallaci, Oriana - Lettera a un bambino mai nato

    Il libro inizia nel momento in cui la protagonisca scopre di essere incita...racconta di come lei affronta la gravidanza da sola, visto che il compagno se ne lava le mani (anche se poi ci ripensa, poi non lo vuole è molto confuso anche lui). Affronta la gravidanza parlando al bambino raccontandogli com'è il mondo dal suo punto di vista, raccontandogli quanto è dura la vita. La gravidanza prende una brutta piega e lei è costretta al riposo forzato ma questo mette in pericolo il suo lavoro...e qui lei si vede costretta a scegliere fra se stessa e il bambino che sarà...

    "a chi si pone il dilemma di dare la vita o negarla"

    Forse il libro più bello che abbia mai letto...descrive al meglio come una donna moderna, che lavora e vive (il libro è stato scritto nel 1975) abbia dei dubbi su come affrontare una gravidanza oltrettutto trovandosi sola...
    Matura e cambia nel corso della gravidanza...anche se matura non so se sia il termine più giusto perchè durante il libro compie delle scelte che possono definirsi opinabili...comunque è un libro che a me è rimasto dentro


    scusate gli errori iniziali grazie per l'aiuto
    Ultima modifica di evey; 09-11-2008 alle 10:59 AM.

  2. #2
    Phoenix Member
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Milano Provincia
    Messaggi
    405
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    ehm... dovresti leggere come si apre un post... cognome dell'autore, nome - titolo...
    inoltre mettiamo la trama del libro e un nostro commento

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    2551
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da fenicemidian Vedi messaggio
    ehm... dovresti leggere come si apre un post... cognome dell'autore, nome - titolo...
    inoltre mettiamo la trama del libro e un nostro commento
    Esatto, le regole per scrivere il titolo correttamente le trovi qui:
    http://www.forumlibri.com/forum/showthread.php?t=2
    Ora il titolo l'ho corretto io, magari evey puoi aggiungere qualcosa in più sulla trama e il tuo commento!

  4. #4
    b
    Data registrazione
    Feb 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    977
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    E' l'unico libro letto della Fallaci, in età adolescenziale...non ho mai condiviso le sue idee, quindi non sono riuscita a leggere altri suoi libri.

    Questo però mi ha lasciato un bel ricordo, toccante e commovente...sarà perchè non trattava argomenti politici o inchieste giornalistiche!!

  5. #5
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    E’ un libro veramente toccante. Nonostante il titolo, che illustra solo l’epilogo della vicenda, secondo me il tema centrale non è l’aborto ma il significato profondo della “maternità”: una donna che da sola accetta di diventare madre. La scelta le provoca numerosi dubbi e perplessità che manifesta solo a se stessa e al piccolo, destinato a non nascere: questo monologo è veramente un perla sul significato della vita e la Fallaci non esprime mai un giudizio personale, ma lascia ad ognuno la facoltà di interpretarne il significato secondo coscienza.
    Io l’ho trovato stupendo !!!

  6. #6
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3594
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    165
    Thanks Thanks Received 
    92
    Thanked in
    47 Posts

    Predefinito

    Sicuramente uno dei libri più belli che io abbia finora letto.
    Però deve essere letto almeno 2 volte per essere completamente apprezzato.

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    139
    Inserimenti nel blog
    22
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elena Vedi messaggio
    E’ un libro veramente toccante. Nonostante il titolo, che illustra solo l’epilogo della vicenda, secondo me il tema centrale non è l’aborto ma il significato profondo della “maternità”: una donna che da sola accetta di diventare madre. La scelta le provoca numerosi dubbi e perplessità che manifesta solo a se stessa e al piccolo, destinato a non nascere: questo monologo è veramente un perla sul significato della vita e la Fallaci non esprime mai un giudizio personale, ma lascia ad ognuno la facoltà di interpretarne il significato secondo coscienza.
    Io l’ho trovato stupendo !!!
    assolutamente d'accordo con te!

  8. #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ryoko Vedi messaggio
    E' l'unico libro letto della Fallaci, in età adolescenziale...non ho mai condiviso le sue idee, quindi non sono riuscita a leggere altri suoi libri.
    Mi permetto di dissentire.
    Per poter non condividere le sue idee, bisogna leggere ciò che scrive, a fondo.
    La Fallaci ha scritto moltissime cose dal contenuto discutibile ma attenzione a ciò che ci viene riportato dalla stampa, senza fissare il contesto da cui nascono.
    Mio modesto parere, sia chiaro.

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6092
    Thanks Thanks Given 
    210
    Thanks Thanks Received 
    314
    Thanked in
    166 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da SilviaG Vedi messaggio
    Mi permetto di dissentire.
    Per poter non condividere le sue idee, bisogna leggere ciò che scrive, a fondo.
    La Fallaci ha scritto moltissime cose dal contenuto discutibile ma attenzione a ciò che ci viene riportato dalla stampa, senza fissare il contesto da cui nascono.
    Mio modesto parere, sia chiaro.
    Sono d'accordo non è un'autrice facile, ma vale ogni parola letta anche con fatica o disappunto.
    per quanto riguarda lettera a un bambino mai nato, non posso che associarmi al commento di elisa,una lettura imprescindibile, che secondo me fa bene ancora adesso

  10. #10

    Predefinito

    Oriana era un donna tosta, dalla scrittura forte e decisa, nonchè aggressiva...
    L'ho ammirata per questo.
    Lettera a un bambino mai nato è uno dei suoi libri migliori!

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5379
    Thanks Thanks Given 
    305
    Thanks Thanks Received 
    450
    Thanked in
    253 Posts

    Predefinito

    Se è raro che un libro riesca ad arrivare davvero in profondità, a toccare e far vibrare le corde dell’anima, tanto più è raro che riesca a farlo uno a cui ci si approccia con mille pregiudizi, come è stato questo libro per me. A partire dal fatto che (chissà perchè!) ero convinta che il “bambino mai nato” del titolo fosse tale per una scelta deliberata della protagonista, ma ancora di più perchè io, nei confronti di Oriana Fallaci, ho un’ istintiva, potente e in fin dei conti ingiustificata antipatia, come scrittrice e come donna. Tanto più, quindi, mi ha sconvolta l’ essere stata sconvolta da questo libro...

    Vero è che tutto ciò che ha a che fare con la maternità (nella vita, come nell’arte e nella letteratura...) mi ha sempre toccato molto; vero è che è un periodo in cui – per un motivo o per l’altro – penso molto a questo mistero insondabile che è generare la vita... al che potrei concludere che non siamo noi a cercare i libri: sono i libri a cercare noi, quando è il momento giusto. E il mio era evidentemente questo, con un figlio già di quattro anni, e il ricordo della mia gravidanza incancellabile ma sempre più lontano. Leggere questo libro è stato come riaprire quello squarcio ... sì, perchè, che lo si voglia o no, la vita nasce da una ferita, dall’apertura (violenta, dolorosa) della nostra intimità, e questo la Fallaci lo racconta in un modo che mette i brividi...

    Non sono capace di commentare in modo coerente... Le parole, le emozioni, sgorgano da sole...
    La prepotenza della vita (“tutto avvenne perchè poteva avvenire, quindi doveva avvenire...”) e allo stesso tempo questa vita che non si realizza se non attraverso il nostro “sì”... Un miracolo che passa attraverso la scelta – non costretta, non scontata, bensì consapevole e a volte difficile – di una donna e... di un uomo. In effetti se c’è qualcosa (ma non è la sola! resta il fatto che una certa “retorica della denuncia”, che caratterizza lo stile della Fallaci, continua a impedirmi di entrare in empatia con lei...) che ho mandato giù a fatica, è la voluta e, a mio avviso, cinica, cattiva estromissione dell’uomo dal mistero del concepimento. Proprio perchè la vita “non può non essere”, ma allo stesso tempo è costretta a piegarsi al nostro “sì”, l’uomo e la donna condividono entrambi questo mistero, seppure in modo diverso.
    No... la vita non è una cosa scontata. Generare la vita non è una cosa scontata... e (ammiro profondamente il coraggio di aver messo nero su bianco delle parole così vere, e così dure) nemmeno la rinomata e viscerale intimità che esiste fra una mamma e il figlio che ha nel grembo, è una cosa scontata... “Mai due estranei legati allo stesso destino furono più estranei di noi. Mai due sconosciuti uniti nello stesso corpo furono più sconosciuti, più lontani di noi.” Ma non solo, la Fallaci si spinge oltre, e mette a nudo il momento (credo che ogni mamma lo abbia provato, almeno per un istante) in cui ci si chiede: ma perchè??? “.. in nome della vita? E va bene, la vita. Ma cos’è questa vita per cui tu, che esisti non ancora fatto, conti più di me che esisto già fatta? Cos’è questo rispetto per te che toglie rispetto a me? Cos’è questo tuo diritto ad esistere che non tiene conto del mio diritto a esistere? Non c’è umanità in te...
    Perchè ho amato tanto queste parole che pure rischiano così facilmente di essere fraintese? Perchè – questo è il mio pensiero, e per certi versi la mia esperienza – è proprio da questa non scontatezza che nasce la gratuità dell'amore, è da questa iniziale e sostanziale estraneità (per la quale appunto non esiste una vera differenza fra mamma e papà... nessun “privilegio” regalato da madre natura) che nasce la vera capacità di donarsi, e di accogliere una nuova vita. È vero quello che scrive la Fallaci nelle primissime pagine: “forse non è nemmeno vita ma possibilità di vita”. É vero, certo che lo è! Ma non nella misura in cui un pesciolino nella pancia non avrebbe diritto di essere considerato “uomo” (non entro neppure nel merito..), bensì nella misura in cui, perchè la possibilità diventi vita, occorriamo noi. Il nostro amore, la nostra volontà, il nostro coraggio.

    Perchè a cosa serve volare come un gabbiano dentro l’azzurro se non si generano altri gabbiani che ne genereranno altri ancora ed ancora per volare dentro l’azzurro?
    Ultima modifica di ayuthaya; 03-17-2014 alle 09:57 AM.

  12. #12
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2014
    Località
    piemonte
    Messaggi
    2796
    Thanks Thanks Given 
    352
    Thanks Thanks Received 
    278
    Thanked in
    161 Posts

    Predefinito

    questo libro mi ha sempre reso triste e malinconica....

  13. #13
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    946
    Thanks Thanks Given 
    346
    Thanks Thanks Received 
    240
    Thanked in
    151 Posts

    Predefinito

    L'ho letto moltissimi anni fa. E' stato sufficiente per convincermi che l'autrice è una grande scrittrice, al di là da ogni altra considerazione sul personaggio pubblico.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Fallaci, Oriana - Un Uomo
    Da infinito nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 38
    Ultimo messaggio: 01-21-2018, 04:21 PM
  2. Fallaci, Oriana - Niente e così sia
    Da Palmaria nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 12-12-2013, 06:31 PM
  3. Fallaci, Oriana
    Da mado84 nel forum Autori
    Risposte: 94
    Ultimo messaggio: 11-04-2012, 11:22 AM
  4. Per chi ama Oriana Fallaci
    Da alisa nel forum Salotto letterario
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 01-21-2008, 07:08 PM
  5. Dagerman, Stig - Bambino bruciato
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 11-04-2007, 11:21 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •