Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Uomini e topi

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 17

Discussione: Steinbeck, John - Uomini e topi

  1. #1
    +Dreamer+ Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    3704
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Post Steinbeck, John - Uomini e topi

    Pubblicato nel 1937 negli Stati Uniti, apparso un anno dopo in Italia nella celebre traduzione di Cesare Pavese, Uomini e topi è un piccolo intenso dramma che colloca l'amara vicenda dei suoi protagonisti su uno sfondo di denuncia sociale. Il romanzo affronta in chiave simbolica il problema dell'emigrazione contadina all'Ovest, terra di mancate promesse negli anni successivi alla Depressione: è la storia tragica e violenta di due braccianti che trovano lavoro in un ranch della California, il grande Lennie, gigante buono e irresponsabile, e il saggio George, guida e sostegno dell'amico nella vana resistenza alla difesa del mondo. Sfruttamento e lotte sociali, ingiustizia e sofferenza umana, tutti temi espressi con una vena di lirica commozione e con quel vigore narrativo che fa di Steinbeck uno dei grandi autori americani.

    Libro molto scorrevole, breve e intenso. Lascia alla fne della lettura un senso di tristezza e malinconia x qst protagonisti beffati(se si può dire) dal destino ma anche rabbia x le ingiustizie e x i soprusi che i deboli sono sempre costretti a subire!! Veramente un bel libro!!

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayla Vedi messaggio
    Libro molto scorrevole, breve e intenso. Lascia alla fne della lettura un senso di tristezza e malinconia x qst protagonisti beffati (se si può dire) dal destino ma anche rabbia x le ingiustizie e x i soprusi che i deboli sono sempre costretti a subire!!
    Quoto




    .

  3. #3
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18788
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    621
    Thanked in
    368 Posts

    Predefinito

    Anche io ho amato molto questo libro, la struggente amicizia tra i protagonisti fino al dramma finale mi ha sempre commosso.

  4. The Following User Says Thank You to elisa For This Useful Post:


  5. #4
    Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Ponzano Veneto (TV)
    Messaggi
    35
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Un po' di anni fa ho visto questo film in seconda serata e sono rimasto cosí colpito che poco dopo sono andato a comprarmi il libro.
    Tra l'altro poi mi è capitato di leggerlo in un afoso pomeriggio di luglio quando, grazie agli usuali disguidi delle nostre pessime ferrovie, il treno Padova-Mestre che effettuava trasporto biciclette non è mai partito (non ho ancora capito perché) per cui non solo ho dovuto aspettare quello successivo ma ho pure perso la coincidenza per Treviso alla stazione di Mestre...
    Cosí, nell'attesa, ho letto tutto d'un fiato questo capolavoro di Steinbeck.
    È stato il mio primo libro di questo autore che mi ha subito incantato con la sua capacità di mescolare atmosfere dolcemente malinconiche a momenti drammatici tesi e vibranti di denuncia sociale. Ho letto un sacco di altri suoi libri in seguito ma questo mi è davvero rimasto nel cuore.

  6. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Modena
    Messaggi
    408
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Questo libro mi è piaciuto tantissimo, è una piccola perla che mi ha preso dall'inizio alla fine, facendomi affezionare ai 2 protagonisti. Trovo che sia estremamente commovente, e una volta arrivata alla fine mi è dispiaciuto che il libro fosse terminato, infatti penso che dello stesso autore leggerò anche 'Furore', di cui ho sentito parlare molto bene. Voto 5.

  7. #6
    blowfisher
    Data registrazione
    Jun 2009
    Località
    Dayton, OH
    Messaggi
    119
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    miracoloso steinbeck.

  8. #7
    The Fool on the Hill
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3595
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    È il secondo libro che leggo di Steinbeck e non mi ha deluso. Lo stile che mi aveva conquistato quando ho letto “Furore” l’ho ritrovato in tutto il suo fascino in “Uomini e topi”. Avevo letto alcuni brani di questo libro, ma in italiano, ai tempi del ginnasio, e mi erano piaciuti talmente tanto che mi ero ripromessa di leggerlo tutto.
    È una storia che abbraccia un’epoca, quella narrata con maggior respiro in “Furore”, la storia dei braccianti che si spostavano da un luogo all’altro per brevi periodi, per piccoli guadagni, tutti a inseguire lo stesso sogno che non riescono mai a realizzare. Un sogno che prende vita ogni volta nelle loro parole, nelle loro confidenze, nella cantilena che Lennie si fa ripetere continuamente da George, come un bambino che vuole ascoltare sempre la stessa favola, con le stesse parole, ossessivo come sanno essere i bambini, perché di quello è fatto il loro mondo. Ma è un sogno dilatato all’infinito nella mente di questi uomini, bisognosi di qualcosa in cui sperare, bisognosi di vedere una luce alla fine del tunnel. Lennie e George, uniti da un sogno, uniti dalla solitudine, perché è meglio avere qualcuno accanto che incattivirsi da soli. È solo dovere? Solo senso di responsabilità? Dipendenza? Affetto? Forse tutto questo insieme. Ma alla fin fine non cambia il risultato: ciascuno dei due ha bisogno dell’altro. E il gesto finale di George viene interpretato come un gesto di generosità, un gesto estremo per proteggere Lennie da torture più grandi, da una vendetta più malvagia, in un mondo in cui è giustizia anche imbracciare un fucile e giustiziare un uomo senza processo, senza attenuanti, senza quella che chiamiamo oggi incapacità di intendere e di volere. E il lettore moderno lo comprende, anche se nella cultura moderna siamo abituati all’omicidio-suicidio, per proteggere chi si ama ma senza poter più vivere senza di lui. Ma anche con una diversa tradizione contemporanea il lettore comprende che per George non è una liberazione, bensì una rinuncia per amore dell’amico. Un amico finito nei guai per colpa di una donna troppo disinibita. Tutte le donne del libro comunicano una pessima immagine di sé. La moglie di Curley è una donnetta manipolatrice truccata come una cortigiana che gironzola intorno agli uomini per lusingare se stessa con i loro sguardi. Ma sono sguardi di disprezzo. Di uomini abituati a donne che stanno dentro casa a rigovernare. O a donne che si prostituiscono di mestiere. Comunque oggetti e accessorii. Perché la donna non serve più di tanto. Il loro idolo è il sogno di una terra tutta loro, che li liberi dalla schiavitù del mercenario. E lo esprimono nel loro linguaggio di analfabeti, in cui la costruzione della frase è sempre sbagliata, ma ogni volta sbagliata in un modo diverso, ogni volta un verbo può essere coniugato in un modo diverso. Steinbeck ha avuto la capacità strepitosa di riprodurre il linguaggio di questi uomini realmente esistiti nella storia americana, ne ha riprodotto la pronuncia ottenendo l’effetto di dar vita a quel suono alla sola lettura.
    Un piccolo capolavoro, che in “Furore” si è trasformato in epopea.

  9. The Following User Says Thank You to mame For This Useful Post:


  10. #8
    Member
    Data registrazione
    May 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    58
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Sinceramente è il primo libro che leggo di Steinbeck e ne sono rimasto molto contento.
    Credo proprio che continuerò a leggerlo, anche se purtroppo ho visto che nelle librerie più grandi di Roma non si trova facilmente questo autore.

    Ho sempre avuto un debole per i "deboli" e in questo romanzo, anche se alla fine il debole muore, comunque la narrazione meravigliosa di Steinbeck me lo fa vedere come il vincitore vero del racconto perchè Small in verità è "Grande".

    Ciao.

  11. #9
    Member
    Data registrazione
    May 2011
    Messaggi
    49
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Un romanzo che si legge tutto d'un fiato; non annoia.
    Pur essendo una storia semplice, tratta temi molto delicati.
    La caratterizzazione dei personaggi è davvero ben riuscita.

  12. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2012
    Località
    tra La Spezia, il Tigullio e la Val di Vara
    Messaggi
    448
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    [QUOTE=ayla;108621]Pubblicato nel 1937 negli Stati Uniti, apparso un anno dopo in Italia nella celebre traduzione di Cesare Pavese, Uomini e topi è un piccolo intenso dramma che colloca l'amara vicenda dei suoi protagonisti su uno sfondo di denuncia sociale. Il romanzo affronta in chiave simbolica il problema dell'emigrazione contadina all'Ovest, terra di mancate promesse negli anni successivi alla Depressione: è la storia tragica e violenta di due braccianti che trovano lavoro in un ranch della California, il grande Lennie, gigante buono e irresponsabile, e il saggio George, guida e sostegno dell'amico nella vana resistenza alla difesa del mondo. Sfruttamento e lotte sociali, ingiustizia e sofferenza umana, tutti temi espressi con una vena di lirica commozione e con quel vigore narrativo che fa di Steinbeck uno dei grandi autori americani.


    Rimarcherei anche la straordinaria capacità di S. nella descrizione della vicenda e di affiancare a toni talvolta epici, grandiosi una vena direi quasi umoristica o almeno la capacità di rendere le situazioni con una sorta di leggerezza rassegnata pure vivace. Stile che si ritroverà ancora di più nelle altre opere dedicate al mondo dei "topi", dei disperati rigettati dalla vita, senza speranza e pure capaci di una dignità che li allontana dal piangersi addosso ma anzi trovano la forza e la volontà di andare avanti, attaccati alle loro piccole effimere vittorie quotidiane che per loro li rendono protagonisti

  13. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    Romagna
    Messaggi
    732
    Inserimenti nel blog
    31
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Mi è piaciuto molto; molto bella la fine, con le apparizioni di zia Clara e del coniglio! Bravo Steinbeck

  14. #12
    Member
    Data registrazione
    May 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    58
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Un libro che mi è piaciuto tantissimo, uno di quei gioielli che ti rimangono nel cuore e che ti emozionano sempre.
    Questo almeno è l'effetto che fa a me questo libro.
    Ho anche visto il film con Gary Sinise e John Malkovich, molto bello, lo consiglio per completare una specie di percorso.

    Due persone che cercano un riscatto dalla vita che non ha mai offerto loro nulla di buono, cercando,sperando di poter finalmente mettere su una fattoria, con dei conigli bianchi, che per loro non rappresenta una scelta tra diverse soluzioni ma la vita, il poter andare avanti.
    Andare avanti in un mondo che non ha pietà dei più umili e deboli, che ti schiaccia ogni giorno, soprattutto a quei tempi.
    Allora qual'è la soluzione?
    La soluzione è diventare più crudi e brutali della vita stessa, degli altri uomini..........fino a capire di ammazzare il tuo miglior amico per non farlo uccidere in modo più sofferente e crudele dagli altri.
    Si, perchè anche questo è Bene.
    Questo è uno di quei romanzi che consiglio veramente a tutti.
    Soprattutto agli ipocriti, la peggiore razza del mondo, che fanno del perbenismo un vanto e non capiscono la necessità, a volte, della crudeltà della vita.
    Ciao a tutti.

  15. The Following User Says Thank You to Clik For This Useful Post:


  16. #13
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2300
    Thanks Thanks Given 
    33
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito

    "Ma topolino non sei il solo/ a comprovar che la previdenza può esser vana:/ i migliori piani degli uomini e dei topi/ van spesso di traverso/ e non ci lascian che dolor e pene/ invece delle gioie promesse". R. Burns


    Questi versi di una poesia di Robert Burns hanno suggerito a Steinbeck il titolo per questo suo breve, ma intenso romanzo. In esso sono contenuti in nuge alcuni dei temi che saranno poi sviluppati più approfonditamente in altri romanzi: la disoccupazione contadina, l'emigrazione verso l'Ovest alla ricerca di un riscatto sociale, la solidarietà tra poveri in un periodo difficile quale quello della Depressione, l'intolleranza razziale, uniti in questo caso al tema del disagio mentale.
    Due uomini, legati da amicizia, si aiutano e si sostengono a vicenda raccontandosi un "sogno", quello di un pezzo di terra tutto loro, dove allevare conigli, vivere del proprio lavoro e riscaldarsi al fuoco di una stufa nelle giornate di pioggia. Un sogno che finisce col diventare una sorte di nenia, monotona nella sua ripetizione, eppure così rassicurante, tanto da sembrare a portata di mano, non più un sogno irraggiungibile, peccato che i piani degli uomini e dei topi vadano spesso di traverso ...
    Libro molto bello.

  17. The Following User Says Thank You to bouvard For This Useful Post:


  18. #14
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5053
    Thanks Thanks Given 
    128
    Thanks Thanks Received 
    156
    Thanked in
    100 Posts

    Predefinito

    Non sono molto in vena di lunghi commenti (meglio per voi!!! )...
    Libro letto in una mattina. Scrittura magistrale, delicatissima, mai retorica sebbene la vicenda ne offrisse l'occasione. Confesso che nè per argomento, nè per genere questo brevissimo romanzo corrisponde ai miei gusti letterari soliti, per questo credo di poter attribuire il piacere che ho provato nel leggerlo alla bravura dell'autore. Piccolo capolavoro.

  19. The Following User Says Thank You to ayuthaya For This Useful Post:


  20. #15

    Predefinito è un libro bellissimo. terapeutico

    Ho letto questo piccolo gioiellino in un pomeriggio di pioggia.
    Confesso che alla fine ho pianto. Mi ha commosso per il sentimento di amicizia drammatico che si espreme al massimo nel finale.

    pratico gruppi di libroterapia e l'ho usato con piacevole favore in un gruppo.

    Grazie a tutti

    Alessandro
    Ultima modifica di alessandra; 06-17-2014 alle 07:34 PM. Motivo: edit link esterno non ammesso

Discussioni simili

  1. Steinbeck, John - La Santa Rossa
    Da Kafka nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 03-09-2017, 02:02 PM
  2. Steinbeck, John - Pian della Tortilla
    Da mattbt nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 21
    Ultimo messaggio: 09-14-2016, 10:53 AM
  3. Gray, John - Gli uomini vengono da Marte le donne da Venere
    Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 08-22-2012, 11:00 PM
  4. De Michele, Girolamo - Tre uomini paradossali
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 04-20-2012, 03:40 PM
  5. uomini che odiano le donne
    Da Black rose nel forum Salotto letterario
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 10-10-2008, 12:20 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •