Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 34

Discussione: 35° Poeticforum - Le poesie che amiamo

  1. #1
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10400
    Thanks Thanks Given 
    474
    Thanks Thanks Received 
    485
    Thanked in
    342 Posts

    Predefinito 35° Poeticforum - Le poesie che amiamo

    Apro il 35° poeticforum sperando in una partecipazione attiva, come è avvenuto l'ultima volta ora che sono usciti allo scoperto, in questo forum, sia nuovi amanti della poesia che nuovi poeti.
    Chi vuole iniziare a proporre una poesia, propria o altrui? Facciamo una proposta a testa e poi passiamo ai commenti.

  2. The Following User Says Thank You to alessandra For This Useful Post:


  3. #2
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4316
    Thanks Thanks Given 
    82
    Thanks Thanks Received 
    183
    Thanked in
    87 Posts

    Predefinito

    ciao a tutti...

    sto cercando il modo di farci stare la mia composizione, cosa per niente semplice col cell.

    ora provo a postarla, ma dico sin d'ora che senza un monitor grande, tipo pc o almeno tablet, le frasi si ammucchiano e risulta complicato distinguere i veri a capo da quelli forzati dall'impaginazione.

    chiedo quindi comprensione, e se vorrete, la pazienza di copincollarla in un .doc al pc.

    grazie a tutti

    Ultima modifica di HOTWIRELESS; 12-04-2017 alle 07:36 PM.

  4. #3
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4316
    Thanks Thanks Given 
    82
    Thanks Thanks Received 
    183
    Thanked in
    87 Posts

    Predefinito

    R.I.P.

    mare inquieto; noi solinghi sulla ciottolosa riva
    e taciti, da dispettosa brezza gelida sferzati,
    gabbiani, dal mistico cielo plumbeo a ghermir planano
    tozzi di pane che pei voraci rostri dalle tue tasche estrai

    con buffi balzi l'orme mie infanti rifugiar nelle tue tento
    e le migliori pietre scovi, da far del mar sull'onde all'infinito
    miracolosamente agli occhi miei basiti cavalcar

    mano nella man in cima al molo
    levar le braccia al ciel teco mi aiuti
    natura è vita che invernale oblio espiato
    per tramite sore' morte si rinnova;

    e io che di capire ancor non abbisogno…
    tutto in una preziosa urna nel mio cor ripongo


    mare inquieto; noi solinghi sulla ciottolosa riva
    e taciti, da dispettosa brezza gelida sferzati,
    gabbiani, dal mistico cielo plumbeo a ghermire planano
    tozzi di pane che ai voraci rostri dalle bisacce offriamo

    forte il passo e ben sicuro, in quelle tue le orme mie ricalco
    molteplici balzi nell'ottener con gran perizia or destro,
    tra le onde del mar sapientemente scelti sassi scaglio

    mano nella man in cima al molo
    come un sol uomo braccia al ciel leviamo
    natura è vita che invernale oblio espiato
    per tramite sore' morte si rinnova;

    e io rapito che di capire anelo un dì…
    tutto séguito nella preziosa urna a conservar


    mare inquieto; noi solinghi sulla ciottolosa riva
    e taciti, da dispettosa brezza gelida sferzati,
    gabbiani, dal mistico cielo plumbeo a ghermire planano
    tozzi di pane che ai voraci rostri dalla bisaccia porgo

    fragile, il passo incerto, l'orme mie ampie impotente aneli
    dei lanci miei magnifici verso l'onde mesto spettatore
    orfane t'invocano avvilite, pietre che più mai raccoglierai

    mano nella man in cima al molo
    levar le braccia al ciel meco ti aiuto
    natura è vita che invernale oblio espiato
    per tramite sore' morte si rinnova;

    e io basito che di capir mi adopro …
    colma ormai nel core mio l'urna preziosa


    mare inquieto; io solingo sulla ciottolosa riva
    e tacito, da dispettosa brezza gelida sferzato,
    gabbiani, delusi al mistico plumbeo cielo appesi
    null'io sortendo pei voraci rostri lor dalle mie tasche

    mie le solitarie orme, deserte inconsolabili compagne
    belli sol per me, apprensivi, fànsi con rivalità pugnace i sassi,
    nella tema che gnun mortale più, sulle onde a cavalcar li lanci

    al ciel le braccia in cima al molo levo
    natura è vita che invernale oblio espiato
    per tramite sore' morte si rinnova;

    ben in fronte agli occhi miei, ciechi,
    sempre fu la verità agognata: stolto!


    l'urna d'amor colmata, dal contrito core estraggo
    alla brezza all'acqua al mar le ceneri tue cospargo
    libero ai sassi ai gabbiani e al plumbeo ciel restituito

    grate s'attardano per un istante, incerte,
    d'un ultimo divin messaggio ancor latrici
    in guisa di vaga forma ectoplasmatica inglobate
    nebbiosa ombra che al fianco mio tepida indugia

    teneramente la mia tremante mano afferri,
    come un sol uomo le braccia al ciel leviamo,
    druidico rito rinnovando, l'ultima ma sempiterna volta
    natura è vita nostra; che per tramite sore' morte si perpetua.


    meschin mortale io, tapino di capacitarmi stento:
    della vita nelle onde inquiete e sconosciute
    tra i candidi alati nel mistico cielo in volo
    sul percoso ciottoloso dei miei giorni,
    l'orme tue vo' indomito cercando ognor




    hot

  5. The Following 3 Users Say Thank You to HOTWIRELESS For This Useful Post:


  6. #4
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    944
    Thanks Thanks Given 
    651
    Thanks Thanks Received 
    435
    Thanked in
    302 Posts

    Predefinito Guido Gozzano

    Le golose

    Io sono innamorato di tutte le signore
    che mangiano le paste nelle confetterie.
    Signore e signorine -
    le dita senza guanto -
    scelgon la pasta. Quanto
    ritornano bambine!
    Perché nïun le veda,
    volgon le spalle, in fretta,
    sollevan la veletta,
    divorano la preda.
    C'è quella che s'informa
    pensosa della scelta;
    quella che toglie svelta,
    né cura tinta e forma.
    L'una, pur mentre inghiotte,
    già pensa al dopo, al poi;
    e domina i vassoi
    con le pupille ghiotte.
    un'altra - il dolce crebbe -
    muove le disperate
    bianchissime al giulebbe
    dita confetturate!
    Un'altra, con bell'arte,
    sugge la punta estrema:
    invano! ché la crema
    esce dall'altra parte!
    L'una, senz'abbadare
    a giovine che adocchi,
    divora in pace. Gli occhi
    altra solleva, e pare
    sugga, in supremo annunzio,
    non crema e cioccolatte,
    ma superliquefatte
    parole del D'Annunzio.
    Fra questi aromi acuti,
    strani, commisti troppo
    di cedro, di sciroppo,
    di creme, di velluti,
    di essenze parigine,
    di mammole, di chiome:
    oh! le signore come
    ritornano bambine!
    Perché non m'è concesso -
    o legge inopportuna! -
    il farmivi da presso,
    baciarvi ad una ad una,
    o belle bocche intatte
    di giovani signore,
    baciarvi nel sapore
    di crema e cioccolatte?
    Io sono innamorato di tutte le signore
    che mangiano le paste nelle confetterie.

  7. #5
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4316
    Thanks Thanks Given 
    82
    Thanks Thanks Received 
    183
    Thanked in
    87 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ondine Vedi messaggio
    Le golose

    Io sono innamorato di tutte le signore
    che mangiano le paste nelle confetterie.
    Signore e signorine -
    le dita senza guanto -
    scelgon la pasta. Quanto
    ritornano bambine!
    Perché nïun le veda,
    volgon le spalle, in fretta,
    sollevan la veletta,
    divorano la preda.
    C'è quella che s'informa
    pensosa della scelta;
    quella che toglie svelta,
    né cura tinta e forma.
    L'una, pur mentre inghiotte,
    già pensa al dopo, al poi;
    e domina i vassoi
    con le pupille ghiotte.
    un'altra - il dolce crebbe -
    muove le disperate
    bianchissime al giulebbe
    dita confetturate!
    Un'altra, con bell'arte,
    sugge la punta estrema:
    invano! ché la crema
    esce dall'altra parte!
    L'una, senz'abbadare
    a giovine che adocchi,
    divora in pace. Gli occhi
    altra solleva, e pare
    sugga, in supremo annunzio,
    non crema e cioccolatte,
    ma superliquefatte
    parole del D'Annunzio.
    Fra questi aromi acuti,
    strani, commisti troppo
    di cedro, di sciroppo,
    di creme, di velluti,
    di essenze parigine,
    di mammole, di chiome:
    oh! le signore come
    ritornano bambine!
    Perché non m'è concesso -
    o legge inopportuna! -
    il farmivi da presso,
    baciarvi ad una ad una,
    o belle bocche intatte
    di giovani signore,
    baciarvi nel sapore
    di crema e cioccolatte?
    Io sono innamorato di tutte le signore
    che mangiano le paste nelle confetterie.

    a me capita
    con quelle, tante,
    che avidamente
    senza ritegno alcuno
    con bastarda ostentazione,
    leccano in bella mostra
    con spudorata ingordigia
    e accurata dedizione
    i coni gelato ...



    eh, sì
    anch'io, come il buon Gozzano
    ho un animo sensibile e poetico


  8. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2013
    Località
    piccolo paese calabro della costa jonica...
    Messaggi
    1400
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    107
    Thanked in
    70 Posts

    Predefinito Il tempo migliore

    Cominciano ormai
    ad esser già tanti
    i tristi saluti
    e gli addii strazianti,
    le notti insonni
    e le ansiose domande
    con mute risposte
    di occhi perduti
    verso l’ultimo
    orizzonte…

    Continuano gli anni
    ad inseguirsi veloci,
    in gara col tempo,
    dei minuti impietoso
    che implorano un freno,
    un appiglio, un riposo,
    mentre aspettano ancora
    incuranti e impazienti
    di essere vissuti
    i miei giorni migliori...

    (maclaus)

  9. The Following 4 Users Say Thank You to maclaus For This Useful Post:


  10. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2013
    Località
    piccolo paese calabro della costa jonica...
    Messaggi
    1400
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    107
    Thanked in
    70 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    R.I.P.

    mare inquieto; noi solinghi sulla ciottolosa riva
    e taciti, da dispettosa brezza gelida sferzati,
    gabbiani, dal mistico cielo plumbeo a ghermir planano
    tozzi di pane che pei voraci rostri dalle tue tasche estrai

    con buffi balzi l'orme mie infanti rifugiar nelle tue tento
    e le migliori pietre scovi, da far del mar sull'onde all'infinito
    miracolosamente agli occhi miei basiti cavalcar

    mano nella man in cima al molo
    levar le braccia al ciel teco mi aiuti
    natura è vita che invernale oblio espiato
    per tramite sore' morte si rinnova;

    e io che di capire ancor non abbisogno…
    tutto in una preziosa urna nel mio cor ripongo


    mare inquieto; noi solinghi sulla ciottolosa riva
    e taciti, da dispettosa brezza gelida sferzati,
    gabbiani, dal mistico cielo plumbeo a ghermire planano
    tozzi di pane che ai voraci rostri dalle bisacce offriamo

    forte il passo e ben sicuro, in quelle tue le orme mie ricalco
    molteplici balzi nell'ottener con gran perizia or destro,
    tra le onde del mar sapientemente scelti sassi scaglio

    mano nella man in cima al molo
    come un sol uomo braccia al ciel leviamo
    natura è vita che invernale oblio espiato
    per tramite sore' morte si rinnova;

    e io rapito che di capire anelo un dì…
    tutto séguito nella preziosa urna a conservar


    mare inquieto; noi solinghi sulla ciottolosa riva
    e taciti, da dispettosa brezza gelida sferzati,
    gabbiani, dal mistico cielo plumbeo a ghermire planano
    tozzi di pane che ai voraci rostri dalla bisaccia porgo

    fragile, il passo incerto, l'orme mie ampie impotente aneli
    dei lanci miei magnifici verso l'onde mesto spettatore
    orfane t'invocano avvilite, pietre che più mai raccoglierai

    mano nella man in cima al molo
    levar le braccia al ciel meco ti aiuto
    natura è vita che invernale oblio espiato
    per tramite sore' morte si rinnova;

    e io basito che di capir mi adopro …
    colma ormai nel core mio l'urna preziosa


    mare inquieto; io solingo sulla ciottolosa riva
    e tacito, da dispettosa brezza gelida sferzato,
    gabbiani, delusi al mistico plumbeo cielo appesi
    null'io sortendo pei voraci rostri lor dalle mie tasche

    mie le solitarie orme, deserte inconsolabili compagne
    belli sol per me, apprensivi, fànsi con rivalità pugnace i sassi,
    nella tema che gnun mortale più, sulle onde a cavalcar li lanci

    al ciel le braccia in cima al molo levo
    natura è vita che invernale oblio espiato
    per tramite sore' morte si rinnova;

    ben in fronte agli occhi miei, ciechi,
    sempre fu la verità agognata: stolto!


    l'urna d'amor colmata, dal contrito core estraggo
    alla brezza all'acqua al mar le ceneri tue cospargo
    libero ai sassi ai gabbiani e al plumbeo ciel restituito

    grate s'attardano per un istante, incerte,
    d'un ultimo divin messaggio ancor latrici
    in guisa di vaga forma ectoplasmatica inglobate
    nebbiosa ombra che al fianco mio tepida indugia

    teneramente la mia tremante mano afferri,
    come un sol uomo le braccia al ciel leviamo,
    druidico rito rinnovando, l'ultima ma sempiterna volta
    natura è vita nostra; che per tramite sore' morte si perpetua.


    meschin mortale io, tapino di capacitarmi stento:
    della vita nelle onde inquiete e sconosciute
    tra i candidi alati nel mistico cielo in volo
    sul percoso ciottoloso dei miei giorni,
    l'orme tue vo' indomito cercando ognor




    hot
    grande Hot! ... petaloso fa un baffo a ciottoloso...
    grande Cino da Pistoia...

  11. The Following User Says Thank You to maclaus For This Useful Post:


  12. #8
    Member SuperNova
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terni...
    Messaggi
    3369
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    180
    Thanks Thanks Received 
    172
    Thanked in
    75 Posts

    Predefinito

    Poesia tratta dal mio libro

    Lasciarmi andare
    senza paura,
    libera dalle mie paranoie
    parlare, sorridere
    fotografie che suggellano
    il mio cambiamento.
    Sono quella che volevo essere.
    Ho ritrovato la mia pelle
    guardo indietro,
    e tutto mi è servito
    gli sbagli, le ferite,le lacrime,le perdite
    Le macerie si sono ricomposte
    per arrivare ad essere come son.
    veramente.
    sono io.
    Ultima modifica di Evy; 12-05-2017 alle 07:53 PM.

  13. The Following 4 Users Say Thank You to Evy For This Useful Post:


  14. #9
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19013
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    248
    Thanks Thanks Received 
    743
    Thanked in
    462 Posts

    Predefinito

    un'altra delle mie rarissime poesie (non l'avrò mica già postata qui?)

    Lasciami quella zona d'ombra

    Lasciami quella zona d'ombra
    lasciami sognare senza il calore del sole
    o respirare senza l'accecante luce del ghiaccio.

    Lasciami quel tempo di nebbia
    lasciami cammminare senza essere vista
    o nascondere talvolta il mio volto stanco

    Lasciami quei tiepidi abbracci
    lasciami riparare dal gelo degli inverni futuri
    o curare le ferite di amplessi brucianti.

    Lasciami quei lunghi silenzi
    lasciami cercare con calma nuove parole
    o vivere l'amore anche nel vuoto più vero.

  15. The Following 6 Users Say Thank You to elisa For This Useful Post:


  16. #10
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4316
    Thanks Thanks Given 
    82
    Thanks Thanks Received 
    183
    Thanked in
    87 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    un'altra delle mie rarissime poesie (non l'avrò mica già postata qui?)

    Lasciami quella zona d'ombra

    Lasciami quella zona d'ombra
    lasciami sognare senza il calore del sole
    o respirare senza l'accecante luce del ghiaccio.

    Lasciami quel tempo di nebbia
    lasciami cammminare senza essere vista
    o nascondere talvolta il mio volto stanco

    Lasciami quei tiepidi abbracci
    lasciami riparare dal gelo degli inverni futuri
    o curare le ferite di amplessi brucianti.

    Lasciami quei lunghi silenzi
    lasciami cercare con calma nuove parole
    o vivere l'amore anche nel vuoto più vero.
    una potenza al limite della brutalità, che ti lascia senza fiato, incatenato alle immagini evocate; che sono un tutt'uno coi sentimenti che rappresentano, schiacciandoti indifeso sotto qualcosa di immensamente più grande di te, ma al contempo innaturato nell'essere umano, che non può sfuggire alla dimostrazione disarmante quanto ralistica, di quella che è la propria natura.
    un modo di esprimersi che credo solo nei testi psichedelici post 68ini si possa rintracciare, testi che io, forse ingenuamente, ritengo abbiano accompagnato la formazione della nostra Elisa ... creando quello splendido essere che abbiamo il privilegio di avere con noi sul Forum.

  17. #11
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10400
    Thanks Thanks Given 
    474
    Thanks Thanks Received 
    485
    Thanked in
    342 Posts

    Predefinito

    E noi, che pensiamo alla felicità ascendente,
    saremmo commossi
    e quasi sconvolti
    quando cade una cosa felice.
    Rainer Maria Rilke

  18. The Following 2 Users Say Thank You to alessandra For This Useful Post:


  19. #12
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2013
    Località
    piccolo paese calabro della costa jonica...
    Messaggi
    1400
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    107
    Thanked in
    70 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    una potenza al limite della brutalità, che ti lascia senza fiato, incatenato alle immagini evocate; che sono un tutt'uno coi sentimenti che rappresentano, schiacciandoti indifeso sotto qualcosa di immensamente più grande di te, ma al contempo innaturato nell'essere umano, che non può sfuggire alla dimostrazione disarmante quanto ralistica, di quella che è la propria natura.
    un modo di esprimersi che credo solo nei testi psichedelici post 68ini si possa rintracciare, testi che io, forse ingenuamente, ritengo abbiano accompagnato la formazione della nostra Elisa ... creando quello splendido essere che abbiamo il privilegio di avere con noi sul Forum.
    ...m'incuriosisce questa tua valutazione "post 68ini"...
    C'è forse una corrente poetico/letteraria che ignoro? Oppure è una tua geniale intuizione?

  20. #13
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4316
    Thanks Thanks Given 
    82
    Thanks Thanks Received 
    183
    Thanked in
    87 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da maclaus Vedi messaggio
    ...m'incuriosisce questa tua valutazione "post 68ini"...
    C'è forse una corrente poetico/letteraria che ignoro? Oppure è una tua geniale intuizione?
    personalmente, un'esposizione così sensoriale e diretta, ma al contempo multicolore, senza filtri di maniera condizionati da un attuale politically correct, mi ha riportato a quelle esperienze così vive di anni giovanili di quell'epoca.
    generi che possano esserti sfuggiti non ve ne sono certamente: si tratta di come quel periodo é stato da me percepito e assorbito, e di come io comunque ritenga abbia influito su quanto ne é seguito.
    ovvio poi, ma non serve ripeterlo dato che qui tutti ben sappiamo che le poesie hanno effetti e interpretazioni diverse tra i vari lettori, persino divergenti dalle intenzioni degli autori, che quanto ho scritto riguarda il mio esclusivo pensiero e sentire.
    che facilmente, data la mia pochezza, può non corrispondere a quello altrui, come pure la mia sensazione sulla nostra carissima Eli (che in tal caso spero di non aver offeso!).

    Ultima modifica di HOTWIRELESS; 12-06-2017 alle 11:44 AM.

  21. #14
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    Ucraina Kiev
    Messaggi
    596
    Thanks Thanks Given 
    51
    Thanks Thanks Received 
    96
    Thanked in
    51 Posts

    Predefinito

    Sto modellando la tua ombra.
    Le ho già tolto le labbra,
    rosse e dure: bruciavano.
    Te le avrei baciate
    ancora molte volte.

    Ti fermo poi le braccia,
    lunghe nervose, rapide.
    Mi offrivano la via
    perché io ti stringessi.

    Ti strappo il colore, la forma.
    Ti uccido il passo. Venivi
    dritta verso di me. Ciò che
    piú mi ha fatto soffrire,
    quando l’ho messa a tacere,
    è la tua voce. Densa, calda,
    piú palpabile del tuo corpo.
    Ma stava ormai per tradirci.

    Cosí
    il mio amore è libero, affrancato,
    con la tua ombra spoglia di carne.
    E posso vivere in te,
    senza temere
    ciò che desidero di piú,
    il tuo bacio, i tuoi abbracci.
    Non pensare ormai ad altro
    che alle labbra, alla voce,
    al corpo,
    che io stesso ti ho sottratto
    per potere, senza di loro infine,
    amarti.
    Io, che li amavo tanto!

    E stringere all’infinito, senza pena
    – mentre se ne va inafferrabile,
    e dietro a lei il mio grande amore,
    la carne per il suo cammino –
    il tuo solo corpo possibile:
    il tuo dolce corpo pensato.

    Pedro Salinas

  22. The Following 5 Users Say Thank You to shvets olga For This Useful Post:


  23. #15
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2013
    Località
    piccolo paese calabro della costa jonica...
    Messaggi
    1400
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    107
    Thanked in
    70 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    personalmente, un'esposizione così sensoriale e diretta, ma al contempo multicolore, senza filtri di maniera condizionati da un attuale politically correct, mi ha riportato a quelle esperienze così vive di anni giovanili di quell'epoca.
    generi che possano esserti sfuggiti non ve ne sono certamente: si tratta di come quel periodo é stato da me percepito e assorbito, e di come io comunque ritenga abbia influito su quanto ne é seguito.
    ovvio poi, ma non serve ripeterlo dato che qui tutti ben sappiamo che le poesie hanno effetti e interpretazioni diverse tra i vari lettori, persino divergenti dalle intenzioni degli autori, che quanto ho scritto riguarda il mio esclusivo pensiero e sentire.
    che facilmente, data la mia pochezza, può non corrispondere a quello altrui, come pure la mia sensazione sulla nostra carissima Eli (che in tal caso spero di non aver offeso!).

    ...c'è sempre da imparare... caro Hot, ti ringrazio per questa tua lettura della poesia in questione.
    Sai che rileggendola, con il tuo sorprendente punto di vista, ho capito cosa hai voluto dire?...e la cosa bella è che concordo in pieno con la tua analisi...ma qui stiamo già anticipando i commenti alle poesie ed Alessandra ci bacchetta...

  24. The Following User Says Thank You to maclaus For This Useful Post:


Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. 25° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 08-05-2016, 11:24 PM
  2. 24° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 54
    Ultimo messaggio: 06-21-2016, 10:21 PM
  3. 23° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 39
    Ultimo messaggio: 05-10-2016, 05:48 PM
  4. 10° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 48
    Ultimo messaggio: 10-29-2013, 08:36 PM
  5. 6° Poeticforum - Le poesie che amiamo
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 33
    Ultimo messaggio: 10-10-2012, 05:03 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •