Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Libri recensiti su forumlibri di questo autore:

Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 37

Discussione: Fo, Dario - Premio Nobel meritato!

  1. #16
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    la ridente cittadina
    Messaggi
    441
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    ho finito di leggere proprio adesso mistero buffo,non mi aspettavo fosse cosi..

  2. #17
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Anche io ho letto pochissimo di Dario Fo, pero' sono d'accordo con voi, è un uomo di grande cultura....davvero un grande!

  3. #18
    Cuore Infranto
    Data registrazione
    May 2008
    Località
    Inferno
    Messaggi
    79
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Angry

    Bravo sì, ma ogni tanto sbrocca anche lui

    http://www.youtube.com/watch?v=NRpDmXxPs5A

  4. #19
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6046
    Thanks Thanks Given 
    164
    Thanks Thanks Received 
    247
    Thanked in
    137 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Sugar Vedi messaggio
    Bravo sì, ma ogni tanto sbrocca anche lui

    http://www.youtube.com/watch?v=NRpDmXxPs5A
    urca se sbrocca!

  5. #20
    Member
    Data registrazione
    Dec 2007
    Località
    Verona
    Messaggi
    59
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Credo che aver dato il Nobel a Fo abbia seriamente minato la credibilità e il prestigio di tale premio.

  6. #21

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da legionofdoom Vedi messaggio
    Credo che aver dato il Nobel a Fo abbia seriamente minato la credibilità e il prestigio di tale premio.
    Di peggio c'era soltanto Topolino.
    Ma non c'è mai limite al peggio...

  7. #22
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3577
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    113
    Thanks Thanks Received 
    65
    Thanked in
    37 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Connor Vedi messaggio
    Di peggio c'era soltanto Topolino.
    Ma non c'è mai limite al peggio...
    Penso che di peggio ci possa essere la "chiusura mentale" che io amo definire come "stiticità mentale".

    Fortunatamente la commissione dei nobel non è la classica commissione italiana composta da anziani inflessibili ed arcaici

  8. #23

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Penso che di peggio ci possa essere la "chiusura mentale" che io amo definire come "stiticità mentale".

    Fortunatamente la commissione dei nobel non è la classica commissione italiana composta da anziani inflessibili ed arcaici
    Bel benvenuto.
    Il Premio Nobel di cui si tratta si conferisce per la Letteratura.
    Le commedie scritte da Fo, al contrario di molti ho dovuto leggerle tutte, sono di una banalità sconcertante.
    Conosci qualcuno della commissione dei Nobel di quel'anno?
    Io sì.
    Di fama, ovviamente.
    Tu però sembri avere più conoscenza di me riguardo all'argomento.
    Me ne parli?

  9. #24
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19007
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    247
    Thanks Thanks Received 
    740
    Thanked in
    460 Posts

    Predefinito

    Gli autori negano che io sia un autore. Gli attori negano che io sia un attore. Gli autori dicono: tu sei un attore che fa l'autore. Gli attori dicono: tu sei un autore che fa l'attore. Nessuno mi vuole nella sua categoria. Mi tollerano solo gli scenografi.(Dario Fo)

  10. #25
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Località
    fa lo stesso
    Messaggi
    581
    Thanks Thanks Given 
    4
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Di Dario Fo ho letto parecchio e se devo riassumere:
    A. Non mi entusiasmano i suoi ultimi libri
    B. Trovo alcuni suoi saggi sull’arte interessanti anche se discutibili quanto originali
    C. Credo che le sue commedie siano originali, eclettiche, poetiche, divertenti, innovative, visionarie (nel senso che in alcuni casi si è verificato quanto detto)… formidabili.

    Dario Fo può piacere o meno, ma dire che non ha scritto nemmeno un libro o che ciò che ha scritto era scontato, lascia a bocca aperta, sembra quasi uno scherzo.
    Sarebbe gradita una critica alle opere o anche all'Autore, ma basata sui testi o sulla sua vita, altrimenti certe affermazioni hanno il valore delle scritte sulle porte dei gabinetti.

    Gli ultimi 50 anni della storia italiana fanno talmente schifo che è quasi impossibile trovare la forza per tentare di capirli.
    A tal punto è lo schifo, che vien voglia di dimenticare e lasciare che insabbino tutto: Stazione di Bologna, Piazza Fontana, Ustica, Capaci, Via d’Amelio, Aldo Moro, Ilaria Alpi, P2, P3, Gladio, Banco Ambrosiano, Calvi…
    Poi ti capita un Dario Fo, una Franca Rame, un Benigni, un Michele Serra e se volete anche una Littizzetto, un Cetto Laqualunque e i Guzzanti, e allora, pur di farti due risate, riesci a sopportare le schifezze che hanno da raccontare conservando così un minimo di memoria.
    Io il Nobel non lo avrei dato soltanto a Dario Fo ma a tanti comici italiani perché solo grazie a loro continuo ad avere (ogni tanto) voglia di conoscere la Verità.
    Saluti

  11. #26
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19007
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    247
    Thanks Thanks Received 
    740
    Thanked in
    460 Posts

    Predefinito

    La Bibbia dei villani



    Esistono Bibbie degli imperatori, splendidamente miniate, ed esistono, meno appariscenti e meno note, ma non meno preziose, Bibbie dei villani. Sono le Bibbie dei contadini, dei piccoli mercanti e degli artigiani, insomma del popolo minuto, che la tradizione orale e scritta di ogni regione d’Italia ci ha tramandato, e che Dario Fo e Franca Rame hanno scoperto in anni di ricerche sulle tradizioni popolari, ricreato sulla scena e ora riproposto, in una versione inedita, in questo libro. In queste Bibbie, commosse e piene di risate, Dio è gioia ma anche sofferenza, godimento e pianto, sorriso e sghignazzo: il Dio dei villani discute con gli animali e con gli umani, certe volte anche li aggredisce; l’Altissimo, essendo il padre delle sue creature, ha i loro stessi pregi e i loro stessi difetti, persino la gelosia, la paura di rimanere solo, la malinconia. E poi, altro fatto straordinario, egli non è solo maschio, ma anche femmina, cioè madre, una tradizione che viene da tempi lontani, dalla Grecia arcaica. La Bibbia dei villani di Dario Fo segue liberamente la successione «biblica», dall’Antico al Nuovo Testamento, dalla Genesi ai Vangeli canonici e apocrifi, con prologhi che introducono i vari racconti scritti nel volgare di lingue diverse con versione italiana a fronte. Ne viene fuori una storia di meraviglie e di storture, di miracoli e di stragi, di crudeltà e di tenerezza, di follie di potenti e onnipotenti e di saggezza popolare, dove il Signore parla attraverso l’energia e la concretezza dei villani. (unilibro.it)

  12. #27
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19007
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    247
    Thanks Thanks Received 
    740
    Thanked in
    460 Posts

    Predefinito

    Correggio che dipingeva appeso al cielo




    Antonio Allegri detto il Correggio è stato uno dei più grandi artisti della sua epoca, con la sua pittura energica, raffinata e spettacolare al tempo stesso. Ma la sua vita è avvolta in larga parte nel mistero, tanto che per secoli le sue opere principali sono state erroneamente attribuite ai più grandi maestri della pittura a lui contemporanei. Solo nel corso del XIX secolo la sua figura è stata rivalutata e gli è stata riconosciuta la paternità delle sue opere, come le cupole affrescate a Parma in cui si possono ritrovare anche sorprendenti tracce di una conoscenza di prima mano delle coeve teorie astronomiche. Nelle pagine di questo libro, Dario Fo ricostruisce la vita e i tempi di Antonio Allegri con la passione e la competenza che distinguono le sue lezioni-spettacolo dedicate alla storia dell'arte: i rapporti del pittore con gli artisti che ammirava, Andrea Mantegna su tutti, con i committenti e con la moglie Girolama, sua modella prediletta, sono raccontati con tratti vivaci che fanno rivivere i personaggi in tutta la loro umanità. Accompagnati dagli inconfondibili disegni dello stesso Fo, i dipinti di Correggio, dalle spettacolari cupole alle delicate Madonne, passando per soggetti profani di grande sensualità, si rivelano al lettore sotto una luce nuova, quella del loro rapporto con le vicende del pittore, dei suoi famigliari, dei suoi committenti. Un grande protagonista dell'arte italiana riscoperto dalla sensibilità di uno straordinario narratore. (unilibro.it)

  13. #28
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19007
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    247
    Thanks Thanks Received 
    740
    Thanked in
    460 Posts

    Predefinito

    Il Boccaccio. Riveduto e Scorretto



    "Boccaccio" dichiara Dario Fo "è stato per me una grande scoperta acquisita anni e anni dopo l'accademia. E a quel punto che mi è apparsa evidente tutta la potenza di questo autore. Al tempo in cui scriveva, Boccaccio non godeva che di un riconoscimento limitato a gruppi di amici della sua città. Durante la peste, si inventò il Decameron, cento novelle ambientate nel tempo da lui vissuto, e con sorpresa risentita dei letterati di buon rango ebbe un enorme successo che durò nei secoli, pur sotterrato più volte a partire dal Seicento (con illustri accademici in testa) fino ai nostri giorni. Un grande uomo di cultura e spregiudicatezza quale Pier Paolo Pasolini, sensibile al valore di questo 'narratore di conte', alle sue favole dedicò un film." Fo e Boccaccio sono gente dello stesso mestiere: il loro incontro ha generato questo libro straordinariamente godibile, che esalta il ruolo storico dell'autore toscano. A fare da guida, da suggeritore e da contrappunto ci sono poi i dipinti di Dario Fo, che immergono la narrazione dentro fondali dai colori ora festosi ora scuri e profondi, ma incisi "dalla luce di taglio del sole".(unilibro.it)

  14. #29
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19007
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    247
    Thanks Thanks Received 
    740
    Thanked in
    460 Posts

    Predefinito

    L'osceno è sacro



    L'osceno, il triviale sono parte del valore lessicale di ogni popolo, ed esiste nella storia un "grande libro dello scurrile poetico", mai veramente considerato. I suoi autori hanno nomi a volte ignoti, altre volte noti e celebrati: per esempio Shakespeare e Marlowe, che in scena e nella vita si esprimevano usando "parolacce". L'ebreo di Malta di Marlowe inveiva dando della "testa di fallo" ai suoi persecutori. Il fool del Re Lear shakespeariano usava espressioni come "culo" e "chiappe", con varianti d'appoggio, a ogni occasione. Nel testo originale Amleto fa allusioni chiare al sesso femminile. Al limite dello sconcio le espressioni recitate da Molière nel Medico per forza e nel Don Giovanni. Per non parlare delle oscenità esibite da Ruzzante, dall'Aretino e da Giulio Cesare Croce il fabbro nel suo Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno. Ma è sorprendente scoprire come uno dei campioni del turpiloquio fosse Leonardo da Vinci, con una famosa tiritera sul fallo recitata in tutte le sue modulazioni. Riallacciandosi a una tradizione tanto illustre, Dario Fo racconta, da un'angolazione originale, le storie grandiose dei miti greci e romani, dell'Asino d'Oro e delle Mille e una notte, di Dante Alighieri e dei poeti di Provenza, della tradizione napoletana e di quella giullaresca medievale, e molte altre. E mette a fuoco la sacralità dell'osceno e della buffoneria, da cui la sessualità esce giocosa e vitale, la donna rispettata e il male scongiurato. Con 133 disegni dell'autore. (ibs.it)

  15. #30
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19007
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    247
    Thanks Thanks Received 
    740
    Thanked in
    460 Posts

    Predefinito

    Giotto o non Giotto



    Nato nel 1267 nei pressi di Firenze, Giotto di Bondone è stato uno dei più importanti innovatori dell'arte della pittura. Le sue opere spiccano ancora oggi per la qualità e per la maestria della messa in scena di figure eleganti ed espressive, calate in scenografìe prospettiche che segnano un netto superamento della tradizione bizantina. Dario Fo dedica questa sua nuova lezione-spettacolo a Giotto e ad alcuni dei suoi più importanti cicli pittorici: gli affreschi della Basilica di Assisi, quelli della Cappella degli Scrovegni a Padova e di Santa Croce a Firenze. Quali erano le tecniche utilizzate per realizzare gli affreschi all'epoca di Giotto? Quali delle molte opere a lui attribuite sono realmente sue? Davvero il pittore esercitava anche l'attività di usuraio? A queste e altre domande Fo dà risposta nel corso del libro, indossando non solo i panni dell'affabulatore ironico e pungente, diretto erede dei giullari medievali al cui repertorio attinge per raccontare le storie illustrate dai dipinti di Giotto, ma anche quelli dell'artista nelle dimostrazioni pratiche di pittura e quelli dello storico dell'arte quando affronta i dibattiti sull'attribuzione. (unilibro.it)

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Tabucchi, Antonio - Futuro Nobel?
    Da elisa nel forum Autori
    Risposte: 31
    Ultimo messaggio: 05-24-2012, 10:14 PM
  2. Premio Nobel per la Letteratura
    Da elisa nel forum Salotto letterario
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 04-23-2008, 11:41 PM
  3. Premi Nobel Letteratura
    Da gio84 nel forum Salotto letterario
    Risposte: 24
    Ultimo messaggio: 04-14-2008, 09:51 AM
  4. Letteratura, Nobel a Doris Lessing
    Da alisa nel forum Salotto letterario
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 10-13-2007, 02:39 AM
  5. Sondaggio Corriere della Sera sul Nobel
    Da elisa nel forum Salotto letterario
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 10-11-2007, 04:01 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •