Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Canale Mussolini

Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 33

Discussione: Pennacchi, Antonio - Canale Mussolini

  1. #16
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5886
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    272
    Thanks Thanks Received 
    140
    Thanked in
    88 Posts

    Predefinito

    Sono quasi a metà, è accattivante, divertente, scritto in modo veramente piacevole.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #17
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5886
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    272
    Thanks Thanks Received 
    140
    Thanked in
    88 Posts

    Predefinito

    Libro stupendo! Tratta con leggerezza una periodo storico, il ventennio, ancora vicino x molti italiani e tedeschi. Narra come sono andate le cose, ma in modo ironico e divertente, mi sono fatta delle risate da sola con i dialoghi in veneto tra Benito e Adolfo! x non parlare di Monti e Tognetti.

  • #18
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    2244
    Thanks Thanks Given 
    326
    Thanks Thanks Received 
    358
    Thanked in
    202 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sergio Rufo Vedi messaggio
    su ibs un lettore dice che un libro cosi' nemmeno andava pubblicato.
    Mah! sara' questione di gusti ma mi sembrano gusti ben strani.
    Citazione Originariamente scritto da novella76 Vedi messaggio
    Ovviamente il mio commento sul fatto che non l'avesse capito è puramente sarcastico! è altrettanto ovvio che ogniuno ha i suoi gusti (e questo lo abbiamo chiarito in varie occasioni!). Certo è che bisognerebbe capire il perchè non sia piaciuto a tal punto da indurre un tale commento. (Su Faletti è meglio che sorvolo perchè non solo non amo il genere ma neanche Lui). Hai letto altro di Pennacchi?
    Mah, io credo che in commento così duro e diretto non sia relativo alla qualità letteraria, bensì ad una sorta di condanna "politica". Altrimenti non me lo spiego, perchè il libro vale e pubblico e critica sono uniti in questo.
    Veramente non me lo spiego neanche come commento politico: non dovrebbe esistere il romanza storico, altrimenti .... E non è che l'era fascista ne esca poi così bene, mi sembra. Boh ....

    A me il libro è piaciuto molto proprio per la sua capacità di dare una rappresentazione di un periodo storico così importante, attraverso il racconto acuto, disincantato, a volte ingenuo dei protagonisti del tempo (anche se attraverso la voce narrante). E' proprio questa "ingenuità" ben rappresentata che ci fa capire come abbia potuto avere tanta presa il fascismo.

    Però mi associo a chi dice che ogni tanto è noioso: almeno per me che non amo i romanzi storici.

  • #19
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5000
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1373
    Thanks Thanks Received 
    817
    Thanked in
    542 Posts

    Predefinito

    Il libro mi è piaciuto moltissimo, non ha l'andamento pedante di tanti libri a sfondo storico e, sornione sornione, dice una verità scomoda: che ci piaccia o no-a me per esempio la cosa non va tanto giù-, il fascismo è piaciuto a tanti, proprio perché dava l'impressione di "mettere a posto" le cose, e illudeva di poter davvero dominare la situazione, vincere la povertà e chissà cos'altro. Tolti i soliti (pochi) intellettuali, per la gente comune spesso va bene così. L'apparenza basta. E comunque non mi pare che Pennacchi possa essere accusato di simpatie in questo senso.
    Letterariamente il libro è ben costruito, furbetto (cito solo la falsa ingenuità del narratore), accattivante con il suo uso del dialetto e audace proprio perché va a dire cosucce scomode, perciò poco politically correct (si scrive così?).
    Bello il finale a sorpresa, un colpo da maestro.

  • #20
    Junior Member
    Data registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    23
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    ho appena finito di leggere questo libro: che dire, non mi è affatto dispiaciuto ed anzi lo consiglio. Avete già detto voi sopra i tratti principali, io aggiungerei che alcune descrizioni di scene di vita tipiche di quegli anni mi sono proprio piaciute. Il tema della guerra e della sofferenza per le famiglie dei militari è affrontato in maniera, a mio parere, molto originale. Fra i personaggi, alcuni sono veramenti degni di nota (p.esempio Pericle, Bissolata , o Adelchi).

  • #21
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2276
    Thanks Thanks Given 
    4
    Thanks Thanks Received 
    15
    Thanked in
    14 Posts

    Predefinito

    Nella prefazione l'autore dice di essere nato al fine di scrivere questo libro, che tutti i suoi studi, le sue azioni, conoscenze, discorsi sono stati mirati alla realizzazione di questo libro... devo dire che sicuramente ci è riuscito: se questo è il senso che voleva dare alla sua vita, può ritenersi più che soddisfatto.
    Non pensavo che un premio strega potesse piacermi così tanto, bello, ben costruito, con quel tocco di popolare pieno di usanze, miscredenze e incredulità che lo rendono ancora più reale!!
    consigliatissimo!!

  • #22
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    1667
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    63
    Thanks Thanks Received 
    144
    Thanked in
    70 Posts

    Predefinito

    In questo romanzo c'è una gran mole di storie e riferimenti storici. Poteva esserci il rischio di far perdere il filo della storia, a causa delle molte divagazioni. Invece trovo che il risultato sia molto buono.
    E' facile, a mio parere, rimanere incollati a queste pagine, che raccontano una specie di epopea western, dove alle praterie dell'ovest americano si sostituiscono le paludi pontine bonificate.
    In particolare mi sembra riesca a far capire bene, la mentalità e le aspettative delle popolazioni più povere dell'Italia di tanti anni fa.
    Lettura scorrevole e con molti spunti interessanti. Da consigliare.

  • #23
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    717
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Premettendo di non condividere quelle leggere strizzatine d'occhio al "buono che ha fatto il fascismo" (perché non mi pare di aver letto una condanna in toto del ventennio, per quanto l'ottica della narrazione sia piuttosto viziata dal "narratore popolare"), posso dire che questo è un libro veramente bello.

    All'inizio ho fatto un po' di fatica, ma poi prende e ne ho letto metà in due giorni

    Il difetto fondamentale è che è troppo lungo. Si capisce che l'autore ha fatto uno studio meticoloso, zelante, ma pagine intere su come erano fatto i gabinetti nell'Agro Pontino durante gli anni '30, insomma, ce le poteva anche risparmiare XD Perdonatogli questo, perché lo studio che c'è alle spalle è, ripeto, esatto e meticoloso, è interessantissimo vedere come la storia di una famiglia si intreccia con le vicende del ventennio fascista, specie perché il punto di vista è popolare, è la percezione che una porzione stessa di popolo aveva. La confusione politica è quanto mai evidente, i Peruzzi si fanno fascisti senza capire assolutamente un accidenti di quel che stia succedendo e tutta la vicenda - specie nell'ultima parte, quella ambientata durante la seconda guerra mondiale - va avanti in questa enorme confusione, in cui il popolo non capisce più nulla, in cui la gestione del cibo è da regime sovietico, in cui non si sa se i tedeschi o gli americani siano i buoni.
    Certo, quel che mi fa strano è l'esaltazione della bonifica dell'Agro Pontino perché a sentir parlare figli dei figli di quei coloni (ora di Veneto è rimasto solo il cognome in -in, ma nei dintorni di Latina non sono pochi) sembra che sia stato veramente brutto il modo in cui questa gente sia stata messa lì in una terra nuova, fra l'acqua alta e la malaria. Ecco perché secondo me, da un punto di vista politico, non ho visto chiarezza, sarà che a me hanno parlato di contadini veneti che piangevano come disperati arrivati in Agro Pontino. Ma poi, si sa, è un romanzo storico ma pur sempre un romanzo e la storia, in questi casi, non dà torto o ragione, è lo scrittore un po' a farlo.

    Per il resto, a me le saghe familiari piacciono molto, quindi è stato un piacere leggere la storia in sé. Magari (SPOILER) è un po' forzato il finale: in primis perché a un certo punto era evidente chi fosse il narratore e un po' perché quella storia del mezzo incesto, secondo me, era nel complesso un po' forzata. In realtà per quasi l'intero romanzo i personaggi vivono in funzione degli avvenimenti storici e a me quella parte è parsa un po' forzata, specie per come il ritorno a casa di Paride viene liquidato con un "questa è un'altra storia, si racconterà in un altro filò". Pare sì che Pennacchi a breve pubblicherà un altro libro, però, insomma, non si liquida così un protagonista nel momento "clou" o.o

    Non ho capito tutte le battute in veneto però è stato divertente per me leggere un dialetto del Nord in un romanzo, perché di solito, a parte qualche cosa in romano, di regola si legge sempre o il napoletano (che almeno avrei capito XD) o il siciliano.
    L'intera famiglia Peruzzi ha un suo gergo e a dire il vero era divertente questo strano linguaggio, anche se non lo capivo bene XD

    Io gli darei 4,5/5, ma visto che sembra proprio che Pennacchi a scriverlo abbia compiuto la missione della sua vita, gli do 5.
    Ultima modifica di Holly Golightly; 12-02-2013 alle 10:35 PM.

  • #24
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    2244
    Thanks Thanks Given 
    326
    Thanks Thanks Received 
    358
    Thanked in
    202 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Holly Golightly Vedi messaggio
    Premettendo di non condividere quelle leggere strizzatine d'occhio al "buono che ha fatto il fascismo" (perché non mi pare di aver letto una condanna in toto del ventennio, per quanto l'ottica della narrazione sia piuttosto viziata dal "narratore popolare"), posso dire che questo è un libro veramente bello.


    Certo, quel che mi fa strano è l'esaltazione della bonifica dell'Agro Pontino perché a sentir parlare figli dei figli di quei coloni (ora di Veneto è rimasto solo il cognome in -in, ma nei dintorni di Latina non sono pochi) sembra che sia stato veramente brutto il modo in cui questa gente sia stata messa lì in una terra nuova, fra l'acqua alta e la malaria. Ecco perché secondo me, da un punto di vista politico, non ho visto chiarezza, sarà che a me hanno parlato di contadini veneti che piangevano come disperati arrivati in Agro Pontino. Ma poi, si sa, è un romanzo storico ma pur sempre un romanzo e la storia, in questi casi, non dà torto o ragione, è lo scrittore un po' a farlo.
    Premetto che ho letto il libro più di 2 anni fa e dunque le mie sono sensazioni più che ricordi netti.
    Però non ne ho ricavato la sensazione di "quelle leggere strizzatine d'occhio al buono che ha fatto il fascismo" che tu citi.

    A me è parso che - come giustamente riconosci - lui abbia narrato tramite la vox populi, ed il popolo in quegli anni - non mi riferisco a tutto il popolo ma di certo ai contadini sì - non era mica tanto in grado di fare valutazioni politiche "informate". Non c'era TV, non c'era (o quasi) radio, penso che non leggessero nemmeno tanto i giornali. Non c'era mica internet ed i blog.

    Quanto alla "deportazione" di questi coloni - fatto che personalmente ignoravo - è stata senz'altro coatta e dunque per definizione disdicevole, ma mica detto che l'abbiamo presa tutti allo stesso modo.
    Se lui ha scelto di raccontare la storia di una famiglia che l'ha presa con spirito di rassegnazione e dignità, e dunque di fare vedere solo una parte della verità storica, può essere che l'abbia fatto per fare conoscere una parte meno conosciuta di questa storia.

    Comunque Pennacchi è di certo personalità contorta e controversa, ma di certo è profondo conoscitore ed amante di quelle terre. Può darsi che questo amore l'abbia portato a "glorificarne" la bonifica, ma questo non vuol dire, secondo me, sdoganare il ventennio e strizzare l'occhio al fascismo.

  • #25
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    717
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da malafi Vedi messaggio
    Premetto che ho letto il libro più di 2 anni fa e dunque le mie sono sensazioni più che ricordi netti.
    Però non ne ho ricavato la sensazione di "quelle leggere strizzatine d'occhio al buono che ha fatto il fascismo" che tu citi.

    A me è parso che - come giustamente riconosci - lui abbia narrato tramite la vox populi, ed il popolo in quegli anni - non mi riferisco a tutto il popolo ma di certo ai contadini sì - non era mica tanto in grado di fare valutazioni politiche "informate". Non c'era TV, non c'era (o quasi) radio, penso che non leggessero nemmeno tanto i giornali. Non c'era mica internet ed i blog.

    Quanto alla "deportazione" di questi coloni - fatto che personalmente ignoravo - è stata senz'altro coatta e dunque per definizione disdicevole, ma mica detto che l'abbiamo presa tutti allo stesso modo.
    Se lui ha scelto di raccontare la storia di una famiglia che l'ha presa con spirito di rassegnazione e dignità, e dunque di fare vedere solo una parte della verità storica, può essere che l'abbia fatto per fare conoscere una parte meno conosciuta di questa storia.

    Comunque Pennacchi è di certo personalità contorta e controversa, ma di certo è profondo conoscitore ed amante di quelle terre. Può darsi che questo amore l'abbia portato a "glorificarne" la bonifica, ma questo non vuol dire, secondo me, sdoganare il ventennio e strizzare l'occhio al fascismo.
    Beh, quella della reazione dei coloni era un'impressione molto personale. Non mi aspettavo che tutti l'avessero recepita come una cosa così idilliaca, perché a me ne era stato parlato molto male, mi è stato veramente detto di questi contadini veneti piazzati nei poderi dell'ONC in mezzo all'acqua alta delle paludi che si son fatti pianti a non finire. Avendo ormai quest'idea, mi ha semplicemente "fatto strano" leggere un'ottica diversa.

    Io non dico, attenzione, che ci siano nette simpatie fasciste. È (metto un piccolo spoiler) piuttosto significativo che il più fascista di tutti i fratelli sia poi disperso in Africa. Intendo dire che secondo me la condanna al fascismo non è totale. Per come l'ho letto io, mi è sembrato che dicesse "però il fascismo le sue cose buone le ha fatte" ed è un pensiero che io non condivido. Anzi, a me è parso che Pennacchi volesse mettere l'accento su due cose: la prima è la confusione ideologica che era all'origine del fascismo (magari "confusione" non è il termine esatto, ma mi riferisco al fatto che sia nato da gruppi socialisti) e che quello di Mussolini più che un operato negativo è stato un operato degenerato nel corso del ventennio, specie dopo l'incontro con Hitler. Questo non mi ha impedito di apprezzare veramente il libro (non gli avrei dato 5/5 XD).
    Per quanto un narratore possa essere popolare, lo scrittore in qualche modo non può non far trapelare le sue impressioni, è umano pure lui, e io ho avuto l'impressione che Pennacchi proprio tutto quello che ha fatto il fascismo non lo avrebbe buttato. Io penso, invece, che una condanna totale sia una necessità storica. È solo una questione di opinioni divergenti.

  • #26
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2927
    Thanks Thanks Given 
    51
    Thanks Thanks Received 
    42
    Thanked in
    28 Posts

    Predefinito

    Questo bellissimo romanzo, che giaceva da tempo nella mia libreria, è stato davvero una rivelazione.
    Non pensavo che mi avrebbe affascinato così tanto, un po’ per lo scetticismo che nutro sempre nei confronti dei libri vincitori di qualche premio, il premio Strega in particolare, un po’ perché avevo visto un’intervista di Pennacchi e non mi aveva fatto molta simpatia.
    Ora invece vorrei tanto incontrarlo e congratularmi con lui per avermi regalato una lettura così intensa ed emozionante.
    Le sorti di questa numerosa famiglia di contadini, i Peruzzi, così drammaticamente dipendenti dagli avvenimenti storico-politici che si susseguono durante tutto il ventennio, sono narrate con uno stile scorrevole e avvincente ed anche molto divertente.
    Mitici il Periclin e l'Armida con le sue api.
    Insomma: lo consiglio vivamente .

  • #27
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    991
    Thanks Thanks Given 
    225
    Thanks Thanks Received 
    65
    Thanked in
    47 Posts

    Predefinito

    Questo romanzo mi è piaciuto moltissimo, la famiglia Peruzzi mi ha coinvolto come se ne facessi parte grazie anche ai dialoghi nel mio dialetto. Leggendo alcuni passaggi mi sembrava di ascoltare i racconti dei miei nonni relativi alla loro gioventù: la grande forza d'animo delle persone dell'epoca e la capacità di rialzarsi e rimboccarsi le maniche per ripartire da zero dopo la distruzione e poi il carattere forte delle donne che riuscivano a gestire la casa e figli durante l'assenza dei loro mariti partiti per il fronte. Ho apprezzato molto anche le parti storiche che secondo me arricchiscono il libro. E che dire dell'Armida e le sue api? E il Periclin? E poi l'epilogo mi ha stupita, non pensavo proprio che sarebbe terminato così. Lo consiglio a tutti.

  • #28
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    11039
    Thanks Thanks Given 
    879
    Thanks Thanks Received 
    829
    Thanked in
    584 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Holly Golightly Vedi messaggio
    Per quanto un narratore possa essere popolare, lo scrittore in qualche modo non può non far trapelare le sue impressioni, è umano pure lui, e io ho avuto l'impressione che Pennacchi proprio tutto quello che ha fatto il fascismo non lo avrebbe buttato. Io penso, invece, che una condanna totale sia una necessità storica. È solo una questione di opinioni divergenti.
    Nonostante, nel complesso, il libro mi sia piaciuto molto, anch'io ho avuto questa sensazione che, a tratti, mi ha leggermente disturbato durante la lettura.
    Non è che l'autore, almeno secondo me, non condanni il fascismo: lo condanna, credo, tra le righe, nel momento in cui descrive Mussolini come una macchietta, o nel momento in cui, in tutto il romanzo, sottolinea l'ignoranza e l'incoscienza dei peraltro simpaticissimi protagonisti, sembra che ci voglia dire "ecco chi erano i seguaci del fascismo, i poveri costretti ad attaccarsi a chi garantiva loro un minimo di benessere, se così vogliamo chiamarlo, o meglio la sopravvivenza, contadini che non sapevano e non capivano niente di politica". Ma, allo stesso tempo, forse rende troppo leggero il racconto, senza soffermarsi sulle storture quanto sulla leggerezza del contorno e sulle "opere buone" come la bonifica dell'Agro Pontino.
    Del resto, non credo che l'intento dell'autore sia politico, ma che sia quello di raccontare la realtà storica del periodo dal punto di vista dei semplici, dei contadini, dei poveri, persone estremamente sveglie nella vita pratica ma non colte, poco informate sulla politica in generale, che vanno "dove porta il vento" per pura sopravvivenza, nel senso letterale del termine. I personaggi sono sapientemente tratteggiati dall'autore e resi, talvolta, simpaticamente macchiettistici, come il Pericle; uomini che non si tirano indietro quando si tratta di combattere e donne forti e determinate, abituate a fare lavori faticosi quanto e più degli uomini, come la nonna e l'Armida. Il tutto descritto con un linguaggio semplice, accattivante e divertente e, a momenti, con un dialetto veneto che strappa risate pure, di pancia.
    Consigliato!

  • #29
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    967
    Thanks Thanks Given 
    389
    Thanks Thanks Received 
    266
    Thanked in
    165 Posts

    Predefinito

    Gran bel libro. E' una saga familiare che va dal primissimo novecento fino alla fine della tragica seconda guerra mondiale: E' la storia della famiglia Peruzzi, di fede fascista e quindi il periodo è visto dalla parte, oggi storicamente definita, "sbagliata". Anche se si può intravvedere, tra le righe, un atteggiamento abbastanza morbido della politica del "ventennio" di cui peraltro non vengono taciute le malefatte, con la messa in luce anche di ciò che di buono è stato fatto nel periodo (soprattutto la bonifica pontina e anche qualche accenno ai treni che arrivavano spesso in orario), soprattutto l'autore, a mio avviso, ha voluto evidenziare il larghissimo consenso che il regime aveva siosopratutto prima della guerra, ai tempi dell' "impero". Il libro però è molto di più. Dal punto di vista storico parla solo di personaggi e non in termini "politici" anche se la rivalità fra i due grandi gerarchi ferraresi (Balbo e Rossoni) era cosa vera, ma quello che più ho apprezzato nel libro, oltre alle grandi figure dei protagonisti, esempi di coerenza e difesa suprema dei valori della patria e della famiglia, e di cui viene descritta la naturale evoluzione da bambini a uomini e donne responsabili, è la descrizione minuziosa, costante e precisa della vita nelle campagne di quei tempi. Con i suoi riti e le sue tradizioni, con l'integrazione completa, quasi una simbiosi, tra terra da coltivare, uomini e animali. Un trattato di storia non potrebbe farlo meglio. Per quanto riguarda l'uso del dialetto in qualche intercalare della storia bisogna dire che personaggi nati e cresciuti nella riva destra del Po fra Formignana, Copparo, Tresigallo, Codigoro parlerebbero il dialetto ferrarese. Solo nei paesi sulla foce del Po, vicino al mare (Mesola, Bosco Mesola, Goro, Gorino) si sente qualche inflessione in dialetto veneto, ma sempre con grande prevalenza del ferrarese. La Rossonia, la strada fatta costruire dal gerarca Rossoni per collegare Ferrara al basso ferrarese, è la medesima che percorre, in automobile, il protagonista de "L'Airone" uno dei capolavori di Bassani, e in questo romanzo il grande Ferrarese, scrive alcuni intercalari in dialetto ferrarese. Il dialetto ferrarese però, con tutte quelle parole tronche, è molto ostico da scrivere e soprattutto da comprendere e molto bene ha fatto l'autore ad inserire un dialetto misto, con grande prevalenza di veneto, molto più fluido e colorito, che ha dato il ritmo giusto alla storia.
    Comunque, ripeto, per me un gran bel libro e soprattutto una piacevolissima sorpresa.

  • #30
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3198
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    765
    Thanks Thanks Received 
    986
    Thanked in
    475 Posts

    Predefinito

    Sto leggendo il libro proprio in questi giorni. Ancora non l’ho finito, ma vorrei scrivere due righe dopo aver sentito molti che lo giudicano esclusivamente in base alle proprie posizioni politiche. Non mi riferisco agli interventi qui sopra, quelli sono commenti “di striscio” e non relative al cuore dell’opera. Ed è chiaro che vien da parlarne, di fascismo e di anti fascismo, ma un altro conto è valutare il libro solo perché nel titolo c'è il nome di un tiranno.

    Vedo che, generalmente, la sinistra valuta il libro pessimo, mentre la destra lo esalta. E magari non tutti quelli che lo giudicano l'hanno letto. Che noia quest’Italia che ancora va in giro con la falce e il martello o fa il saluto romano come se il mondo si esaurisse in quei gesti, e solo in quelli.

    Pennacchi, dice lui, racconta solo ciò che sa. Non è un inventore di storie ed essendo di Latina parla di bonifiche, perché quello è ciò che ha sentito dai suoi parenti. Lui, gli anni ’30 e le storie relative alla bonifica latina non le ha vissute direttamente, questo no. Sono racconti tramandati quelli che ci propone. Tutti veri, anche se la storia di fondo è inventata. La famiglia Peruzzi non esiste, non è mai esistita. Sono invece esistite migliaia di famiglie simili ai Peruzzi e i cui aneddoti l’autore ha riassunto in un’unica, lunga, esperienza narrativa. Con un linguaggio meraviglioso. Grandissima penna.

    Personalmente sono affranto quando leggo recensioni basate unicamente sull’ideologia e sulla parte. Il valore letterario, per chi vede tutto rosso o tutto nero, passa in secondo piano, così come passano in secondo piano il racconto, la storia, il "come" ci sono state presentate le vicende. Chissenefrega se Pennacchi è mezzo fascista, mezzo comunista, fasciocomunista o anti qualcosa. Leggiamo il suo libro e valutiamo quello. Oppure lasciamo perdere.

    Lui racconta qualcosa e lo fa, senz'altro, attraverso la propria esperienza intellettuale e attraverso il filtro della propria opinione, questo si. Nessuno può essere oggettivo. Non fa mistero delle sue idee, Pennacchi. Anche se non è fascista. Vota Partito Democratico e lo dice apertamente. Ma dice che Mussolini, fino al 1938, ha fatto cose buone. Ma il fatto è che non lo dice in questo libro, mai, in nessuna pagina. Qui racconta unicamente le esperienze dei suoi avi. Degli anni '30, quando ancora le leggi razziali dovevano venire. Non dà giudizi, né storici, né politici, si limita a fare un affresco, riuscitissimo, di un'Italia che non c'è più. Come solo il grande cinema neo realista ha saputo fare.

    Invece di stare a leggere con il cuore in mano e il cervello acceso, i fascisti gongolano e gli anti fascisti innorridiscono. Quando invece questo è un libro stupendo che racconta una storia bellissima. Se poi vogliamo prendere questo libro solo per parlare delle bonifiche del fascismo, delle pensioni tarate in modo equo, delle leggi razziali, delle critiche di Mussolini a Hitler, della sua alleanza con Hitler, del fatto che ha mandato centinaia di migliaia di italiani al macello con le scarpe di cartone, del fatto di aver creato l’Inps, l’Inail, la previdenza, dell’aver posto un tetto all’orario lavorativo, dell’aver fatto l’Iri, dell’aver fatto fucilare il genero, del fatto che trattasse male le donne, del fatto che avesse ridato slancio all’economia italiana, così come Hitler aveva fatto in Germania, in un periodo in cui, Unione Sovietica a parte, tutti andavano a rotoli, ecco, voglio dire, sarebbe meglio prendere un libro di storia e parlare di quelle pagine.

    Questo non è un libro di storia, è, piuttosto, un libro che racconta una storia.

    Pennacchi si è rifiutato di togliere la parola “Mussolini” dal titolo. Come invece gli aveva consigliato di fare l’editore. C’è chi ha visto in questo rifiuto, un autore pronto a morire per il Duce, col braccio alzato e la mano tesa, e a difendere l’orgoglio nero. In realtà ha voluto chiamarlo così per non far torto alla storia, alla sua storia.

    Quello era, per tutti, il “Canale Mussolini”. Così si chiamava e così, Pennacchi, ha chiamato il libro che ne parla.
    Ultima modifica di Zingaro di Macondo; 09-07-2017 alle 06:25 PM.

  • The Following 4 Users Say Thank You to Zingaro di Macondo For This Useful Post:


  • Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Tabucchi, Antonio - Sostiene Pereira
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 69
      Ultimo messaggio: 12-10-2017, 05:35 PM
    2. Fogazzaro, Antonio - Malombra
      Da Dallolio nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 07-25-2013, 03:31 PM
    3. Tabucchi, Antonio - Requiem
      Da Decio nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 8
      Ultimo messaggio: 04-20-2012, 11:27 AM
    4. De Curtis, Antonio - 'A femmena
      Da Nuvola Barocca nel forum Poesia
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 08-20-2009, 06:54 PM
    5. Scurati, Antonio - Il sopravvissuto
      Da anjo nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 11-08-2007, 02:17 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •