Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 2 di 11 PrimoPrimo 1234567891011 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 153

Discussione: Attentati di Parigi 13 novembre 2015: cosa li spinge a compiere questi gesti?

  1. #16
    Moderator
    Data registrazione
    May 2008
    Località
    Como
    Messaggi
    2583
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    Io posso solo dire quello che sto vivendo...
    Sabato mattina avevo un aereo per Parigi, pronto per me, per un week end che dopo un anno di fatica mi sono regalata.
    Venerdi sera ho sentito degli attentati e mi si è completamente sconnesso il cervello. Ho pensato che se fosse successo 24 ore dopo io sarei stata a Parigi serenamente a passeggiare tra l'ile de la Cité e la Tour Eiffel, e credo che un'esperienza così drattatica mi avrebbe sicuramente segnato per la vita.
    Credo anche che purtroppo la relione centri in quanto portata all'estremismo e al fanatismo. In un altro post avevo commentato che in passato anche i cristiani sono andati a fare le Crociate...erano fanatici pure loro, mi viene da dire.
    Inoltre condanno aspramente le scelte degli ultimi anni del mondo occidentale che ha deciso di debellare le dittature che comandavano in Medio Oriente. Non tanto perchè a favore della dittatura e delle atrocità che i popoli stavano vivendo, ma perchè ritengo che un popolo possa uscire dalla dittatura quando è pronto, non quando sono pronti altri...
    il risultato è quello che oggi abbiamo di fronte...
    La rivoluzione francese l'ha fatta il popolo francese, non sono andati li altri a far cadere la monarchia...

    Altro non so dire..solo che ieri volevo andare a Milano e sono tornata indietro per la nebbia, non per altro...ma l'idea di prendere la metropolitana proprio tranquilla non mi lasciava.

  2. #17
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    2880
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    491
    Thanks Thanks Received 
    617
    Thanked in
    306 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Lauretta Vedi messaggio
    Io posso solo dire quello che sto vivendo...
    Sabato mattina avevo un aereo per Parigi, pronto per me, per un week end che dopo un anno di fatica mi sono regalata.
    Venerdi sera ho sentito degli attentati e mi si è completamente sconnesso il cervello. Ho pensato che se fosse successo 24 ore dopo io sarei stata a Parigi serenamente a passeggiare tra l'ile de la Cité e la Tour Eiffel, e credo che un'esperienza così drattatica mi avrebbe sicuramente segnato per la vita.
    Credo anche che purtroppo la relione centri in quanto portata all'estremismo e al fanatismo. In un altro post avevo commentato che in passato anche i cristiani sono andati a fare le Crociate...erano fanatici pure loro, mi viene da dire.
    Inoltre condanno aspramente le scelte degli ultimi anni del mondo occidentale che ha deciso di debellare le dittature che comandavano in Medio Oriente. Non tanto perchè a favore della dittatura e delle atrocità che i popoli stavano vivendo, ma perchè ritengo che un popolo possa uscire dalla dittatura quando è pronto, non quando sono pronti altri...
    il risultato è quello che oggi abbiamo di fronte...
    La rivoluzione francese l'ha fatta il popolo francese, non sono andati li altri a far cadere la monarchia...

    Altro non so dire..solo che ieri volevo andare a Milano e sono tornata indietro per la nebbia, non per altro...ma l'idea di prendere la metropolitana proprio tranquilla non mi lasciava.
    Secondo me non c'è nessun termine di paragone tra la rivoluzione francese e lo stato delle cose di cui stiamo parlando.

    Tra armare (malissimo) i curdi o chi deve combattere l'Is sul luogo, come dici giustamente, e andare con un esercito di coalizione internazionale avanzato opterei per la seconda. Stiamo dando sostegno ad una guerra civile che stanno vincendo quelli dell'Is, non vedo perchè non andarci direttamente.

    Ogni storia è storia a sè e non può essere paragonata, secondo me.

    E' diversa la situazione di adesso rispetto a quella dell'undici settembre, figuriamoci con la rivoluzione francese.

    Non si tratterebbe di una guerra contro un paese, ma di una guerra contro un gruppo di fanatici che vuole costituire un'entità sovranazionale e distruggere il mondo occidentale, perchè è questo è il loro dichiarato scopo.

    Con "invadere" la Siria, come ripeto, non intendo "conquistare" la Siria, come è stato in Afghanistan e come si è tentato di fare in Iraq.

    Io il 12 settembre 2001 ero contro ai bombardamenti in Afghanistan e contro all'invasione in Iraq, un paese retto da un dittatore laico che a causa anche della precedente invasione aveva già finito di gasare chi doveva e con Bin Laden non c'entrava nulla.

    Secondo me Lauretta ogni caso è a sè e io, per la prima volta in vita mia, sono a favore di una guerra. Contro l'Is.

    Temo però che fosse più interessante la guerra a sfondo petrolifero dell'undici settembre, rispetto a questa, in cui personalmente non vedo nessuna pseudo congiura.

  3. #18
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2013
    Località
    piccolo paese calabro della costa jonica...
    Messaggi
    1369
    Thanks Thanks Given 
    59
    Thanks Thanks Received 
    83
    Thanked in
    55 Posts

    Predefinito

    Chissà perché, per i fatti di Parigi, nessuno parla di ideologia islamista.

    Chissà perché nessuno ricorda gli insegnamenti profetici di Oriana Fallaci,
    di Benedetto XVI e del cardinale Biffi che furono moralmente linciati per aver detto la verità.

  4. #19
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2013
    Località
    piccolo paese calabro della costa jonica...
    Messaggi
    1369
    Thanks Thanks Given 
    59
    Thanks Thanks Received 
    83
    Thanked in
    55 Posts

    Predefinito

    Vi offro uno spunto per la discussione:

    "(...) recentemente lessi la parte edita dal professore Theodore Khoury (Münster) del dialogo che il dotto imperatore bizantino Manuele II Paleologo, forse durante i quartieri d'inverno del 1391 presso Ankara, ebbe con un persiano colto su cristianesimo e islam e sulla verità di ambedue. Fu poi presumibilmente l'imperatore stesso ad annotare, durante l'assedio di Costantinopoli tra il 1394 e il 1402, questo dialogo; si spiega così perché i suoi ragionamenti siano riportati in modo molto più dettagliato che non quelli del suo interlocutore persiano. Il dialogo si estende su tutto l'ambito delle strutture della fede contenute nella Bibbia e nel Corano e si sofferma soprattutto sull'immagine di Dio e dell'uomo, ma necessariamente anche sempre di nuovo sulla relazione tra le – come si diceva – tre "Leggi" o tre "ordini di vita": Antico Testamento – Nuovo Testamento – Corano. Di ciò non intendo parlare ora in questa lezione; vorrei toccare solo un argomento – piuttosto marginale nella struttura dell’intero dialogo – che, nel contesto del tema "fede e ragione", mi ha affascinato e che mi servirà come punto di partenza per le mie riflessioni su questo tema.

    Nel settimo colloquio (διάλεξις – controversia) edito dal prof. Khoury, l'imperatore tocca il tema della jihād, della guerra santa. Sicuramente l'imperatore sapeva che nella sura 2, 256 si legge: "Nessuna costrizione nelle cose di fede". È probabilmente una delle sure del periodo iniziale, dice una parte degli esperti, in cui Maometto stesso era ancora senza potere e minacciato. Ma, naturalmente, l'imperatore conosceva anche le disposizioni, sviluppate successivamente e fissate nel Corano, circa la guerra santa. Senza soffermarsi sui particolari, come la differenza di trattamento tra coloro che possiedono il "Libro" e gli "increduli", egli, in modo sorprendentemente brusco, brusco al punto da essere per noi inaccettabile, si rivolge al suo interlocutore semplicemente con la domanda centrale sul rapporto tra religione e violenza in genere, dicendo: "Mostrami pure ciò che Maometto ha portato di nuovo, e vi troverai soltanto delle cose cattive e disumane, come la sua direttiva di diffondere per mezzo della spada la fede che egli predicava". L'imperatore, dopo essersi pronunciato in modo così pesante, spiega poi minuziosamente le ragioni per cui la diffusione della fede mediante la violenza è cosa irragionevole. La violenza è in contrasto con la natura di Dio e la natura dell'anima. "Dio non si compiace del sangue - egli dice -, non agire secondo ragione, „σὺν λόγω”, è contrario alla natura di Dio. La fede è frutto dell'anima, non del corpo. Chi quindi vuole condurre qualcuno alla fede ha bisogno della capacità di parlare bene e di ragionare correttamente, non invece della violenza e della minaccia… Per convincere un'anima ragionevole non è necessario disporre né del proprio braccio, né di strumenti per colpire né di qualunque altro mezzo con cui si possa minacciare una persona di morte…" (...)

    ...questo è solo un passo del "famoso" discorso (...famoso solo per chi lo ha letto...ma di cui molti si riempiono la bocca) di Ratisbona di Benedetto XVI, che forse può fare un po' di luce di cosa passa nelle teste degli islamici...

  5. #20
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    2880
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    491
    Thanks Thanks Received 
    617
    Thanked in
    306 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da maclaus Vedi messaggio
    Vi offro uno spunto per la discussione:

    "(...) recentemente lessi la parte edita dal professore Theodore Khoury (Münster) del dialogo che il dotto imperatore bizantino Manuele II Paleologo, forse durante i quartieri d'inverno del 1391 presso Ankara, ebbe con un persiano colto su cristianesimo e islam e sulla verità di ambedue. Fu poi presumibilmente l'imperatore stesso ad annotare, durante l'assedio di Costantinopoli tra il 1394 e il 1402, questo dialogo; si spiega così perché i suoi ragionamenti siano riportati in modo molto più dettagliato che non quelli del suo interlocutore persiano. Il dialogo si estende su tutto l'ambito delle strutture della fede contenute nella Bibbia e nel Corano e si sofferma soprattutto sull'immagine di Dio e dell'uomo, ma necessariamente anche sempre di nuovo sulla relazione tra le – come si diceva – tre "Leggi" o tre "ordini di vita": Antico Testamento – Nuovo Testamento – Corano. Di ciò non intendo parlare ora in questa lezione; vorrei toccare solo un argomento – piuttosto marginale nella struttura dell’intero dialogo – che, nel contesto del tema "fede e ragione", mi ha affascinato e che mi servirà come punto di partenza per le mie riflessioni su questo tema.

    Nel settimo colloquio (διάλεξις – controversia) edito dal prof. Khoury, l'imperatore tocca il tema della jihād, della guerra santa. Sicuramente l'imperatore sapeva che nella sura 2, 256 si legge: "Nessuna costrizione nelle cose di fede". È probabilmente una delle sure del periodo iniziale, dice una parte degli esperti, in cui Maometto stesso era ancora senza potere e minacciato. Ma, naturalmente, l'imperatore conosceva anche le disposizioni, sviluppate successivamente e fissate nel Corano, circa la guerra santa. Senza soffermarsi sui particolari, come la differenza di trattamento tra coloro che possiedono il "Libro" e gli "increduli", egli, in modo sorprendentemente brusco, brusco al punto da essere per noi inaccettabile, si rivolge al suo interlocutore semplicemente con la domanda centrale sul rapporto tra religione e violenza in genere, dicendo: "Mostrami pure ciò che Maometto ha portato di nuovo, e vi troverai soltanto delle cose cattive e disumane, come la sua direttiva di diffondere per mezzo della spada la fede che egli predicava". L'imperatore, dopo essersi pronunciato in modo così pesante, spiega poi minuziosamente le ragioni per cui la diffusione della fede mediante la violenza è cosa irragionevole. La violenza è in contrasto con la natura di Dio e la natura dell'anima. "Dio non si compiace del sangue - egli dice -, non agire secondo ragione, „σὺν λόγω”, è contrario alla natura di Dio. La fede è frutto dell'anima, non del corpo. Chi quindi vuole condurre qualcuno alla fede ha bisogno della capacità di parlare bene e di ragionare correttamente, non invece della violenza e della minaccia… Per convincere un'anima ragionevole non è necessario disporre né del proprio braccio, né di strumenti per colpire né di qualunque altro mezzo con cui si possa minacciare una persona di morte…" (...)

    ...questo è solo un passo del "famoso" discorso (...famoso solo per chi lo ha letto...ma di cui molti si riempiono la bocca) di Ratisbona di Benedetto XVI, che forse può fare un po' di luce di cosa passa nelle teste degli islamici...
    Ciò che è scritto nella Bibbia, in particolare nel Vecchio Testamento, gli fa un baffo a Maometto.

    Tra minacce di mandar giù dal cielo bestie feroci che rapiranno i bambini, stermineranno il bestiame e altre cose di questa natura se le persone non daranno retta a Dio

    e Dio stesso che dice al padrone che bastonare il servo non va bene, ma se quel servo di bastonate non muore, allora può farne ciò che vuole perchè a quel punto è come se fosse di sua proprietà

    uomini lapidati per aver raccolto legna durante il giorno di festa

    impiccagioni ordinate da Dio in persona per far capire chi comanda in Israele

    ordini di uccidere ogni uomo di una città a colpi di spada

    città intere bruciate su ordine divino

    donne stuprate per salvare la moralità degli uomini dai sodomiti

    uccisioni di Dio dei figli per punire il padre

    ecc ecc ecc (vado solo a memoria)

    direi che, forse se questi dell'Is si convertissero alla lettura del vecchio testamento, troverebbero molti più esempi stuzzicanti

    Basta confondere l'intero popolo islamico con quelli dell'Is.

  6. #21
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4271
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    142
    Thanked in
    65 Posts

    Predefinito

    stavo pensando ...

    con un po' di cu*o, se andiamo là con gli eserciti,
    forse me la cavo, dato che prima ci sono i militari professionisti, poi molti altri che sono più giovani di me ...
    in compenso le nostre industrie di armamenti lavoreranno come non mai, e la nostra economia uscirà dalla crisi, anche perché il petrolio arriverà a fiumi ...
    un po' di lavoro in più, qualche giovane che non torna più dal fronte, e la dispccupazione è sconfitta.

    certo, magari il prezzo sarà di dovermi fare vedere spesso in chiesa, hai visto mai, i soliti fanatici, sai ... ma il parroco sarà contento che così non dovrà sobbarcarsi di due famiglie di kamikaze.

    ebbene sì, é l'ora di tirar fuori le pal*e !
    (meglio quelle degli altri, ovviamente.
    sai, le mie vanno trattate bene ... gli ultimi colpi di coda meglio in camera da letto che in mimetica in mezzo al deserto).

    e allora forza, italiani: armiamoci e partite !!!


    ps.) e poi laggiù magari non prende neanche il 4G !

  7. #22
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    2880
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    491
    Thanks Thanks Received 
    617
    Thanked in
    306 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    stavo pensando ...

    con un po' di cu*o, se andiamo là con gli eserciti,
    forse me la cavo, dato che prima ci sono i militari professionisti, poi molti altri che sono più giovani di me ...
    in compenso le nostre industrie di armamenti lavoreranno come non mai, e la nostra economia uscirà dalla crisi, anche perché il petrolio arriverà a fiumi ...
    un po' di lavoro in più, qualche giovane che non torna più dal fronte, e la dispccupazione è sconfitta.

    certo, magari il prezzo sarà di dovermi fare vedere spesso in chiesa, hai visto mai, i soliti fanatici, sai ... ma il parroco sarà contento che così non dovrà sobbarcarsi di due famiglie di kamikaze.

    ebbene sì, é l'ora di tirar fuori le pal*e !
    (meglio quelle degli altri, ovviamente.
    sai, le mie vanno trattate bene ... gli ultimi colpi di coda meglio in camera da letto che in mimetica in mezzo al deserto).

    e allora forza, italiani: armiamoci e partite !!!


    ps.) e poi laggiù magari non prende neanche il 4G !
    Stai facendo retorica. Io non l ho fatta, dicendo "italiani partite ecc".è la prima volta che mi auguro che la nato vada a fare azioni, contro i terroristi liberando per primi i civili schiacciati quotidianamente da questa gente.
    La retorica fascista che mi addebiti con mezze frasi senza nemmeno citare direttamente lasciala dov è cioè nel nulla.
    Cosa c entra il petrolio poi me lo spieghi visto che per gli industriali americani non cambia assolutamente nulla. Parli per spot, sai qual è la situazione commerciale petrolifera in Siria?

    Le industrie di armamenti fanno più soldi con questi bombardamenti (secondo me abbastanza random) che non attraverso azioni di terra.

    Ieri hanno stuprato una donna e fatta a pezzi perché senza velo.

    Io li fermerei e non vedo dialettica con questi tagliatori di teste che rappresentano lo 0 virgola del popolo islamico.

    Ci mettiamo a un tavolo a parlare con Al Baghdadi?

    Non fare retorica e spiegami cosa faresti tu

  8. #23
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11876
    Thanks Thanks Given 
    506
    Thanks Thanks Received 
    548
    Thanked in
    268 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da malafi Vedi messaggio
    Ziggy, condivido quasi tutto, tranne questo.

    Nel senso che lo diciamo, lo affermiamo perchè ci fa stare bene. Ma lo diciamo finchè la statistica è dalla nostra parte.
    Scommetti che se queste azioni terroristiche continuano, le nostre abitudini cambiano?

    Per ora la possibilità di essere oggetto di azioni terroristiche è più bassa che essere investiti per strada (ne parlammo anche quando ila doveva andare nel Mar Rosso). Ma sarà sempre così?
    Hanno fatto massacri in spiaggia, hanno tirato giù un aereo di rientro da Sharm ... ci andiamo o no in Maro Rosso?
    Certo andare in Mar Rosso è cosa diversa dalla libertà di andare a teatro, ma solo simbolicamente.
    E andresti ad Istanbul dopo che (pare) che abbiano sventato un attacco qualche giorno fa? La risposta: sì, a maggior ragione, visto che dopo questo atto mancato la probabilità nei prossimi giorni è ancora più bassa. Ma è sempre un fatto di statistica.

    Io, e lo dico contro il pensar comune e non me ne vergogno anche se posso sembrare codardo, non sono pronto sfidare i terroristi per le mie libertà. Se lo faccio, è figlio di un calcolo. Non di un'idea.

    p.s. non sparate sulla Croce Rossa (cioè me) please
    Sono d'accordo con te Mal. Penso che se c'è una cosa in cui questi animali (senza offese per quelli a 4 zampe) dall' 11 settembre in avanti sono riusciti in pieno è minare la nostra sicurezza e condizionare le nostre decisioni, noi possiamo dire finchè ne abbiamo voglia "Non riuscirete a cambiare il nostro stile di vita" ma rimane il fatto che dal 12 settembre 2001 per prendere un volo di 1 ora dobbiamo fare una trafila burocratica e di controlli di 2, non siamo più liberi di imbarcare un dentifricio, una bottiglietta d'acqua o una limetta per le unghie...per non parlare dell'aspetto psicologico, insomma nessuno lo ammette apertamente ma se davanti a te al check in c'è "uno di loro" uno scongiuro interiore lo fai e, senza dare nell'occhio, lo osservi bene. Facevi l'esempio mio del Mar Rosso ed è perfettamente calzante, in teoria siamo liberi di andare dove vogliamo, in pratica se vai in quei posti MAGARI non succede niente ma se succede che facciamo? Quindi non parti tranquillo e le tue vacanze sono rovinate, quindi meglio andare da un'altra parte, quindi anche qui hanno "vinto" loro.
    Per quanto riguarda l'aspetto politico non riesco a esprimere un parere, non ho le competenze per dare un giudizio obiettivo; la Francia ha bombardato Raqqa in Siria, ovvero la roccaforte dell'Isis, di "pancia" mi verrebbe da dire "Ottimo, fateli saltare come i pop corn, nessuna pietà" ma di testa dico "Siamo certi che bombardare a raffica sia la soluzione più intelligente?" I macellai del Bataclan erano francesi, parlanti francese, residenti a Parigi...allora cosa stiamo andando a colpire? E sopratutto questo colpire non fomenterà ancora di più l'odio di "quel mondo" verso "il nostro" mondo?
    Ripeto, non ho risposte sono solo domande che mi pongo.
    Un'ultima considerazione, da atea condivido in pieno le parole di Papa Francesco: la religione con tutto ciò c'entra come i cavoli a merenda, su questo non ho il minimo dubbio.

  9. #24
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4271
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    142
    Thanked in
    65 Posts

    Predefinito

    c'è differenza tra retorica e satira.

    e la satira esiste proprio per chi la prende per retorica.

    ma forse dovrei tornarmene su Spinoza ...



    ps.) je suis Charlie
    (ti dice niente, zdm ?)

  10. #25
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    2880
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    491
    Thanks Thanks Received 
    617
    Thanked in
    306 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    c'è differenza tra retorica e satira.

    e la satira esiste proprio per chi la prende per retorica.

    ma forse dovrei tornarmene su Spinoza ...



    ps.) je suis Charlie
    (ti dice niente, zdm ?)





    La satira per far ridere deve basarsi su cose concrete, non dire cose totalmente fuori dal contesto. Il satiro deve essere il primo a conoscere i fatti di cui parla in modo analitico, non dire cose contrarie alla realtà. Se poi parla per slogan che non c'entrano nulla con i fatti.....

    E più la satira si fa pungente, più deve essere precisa nei contenuti. Si può anche dare del fascista, tra le righe e a persone che fasciste non sono, ma bisogna poi essere molto attenti ai fatti di cui si parla, altrimenti risulta tutto troppo fuori luogo per essere comprensibile. Petrolio e armi c'entrano, ma le cose in Siria funzionano esattamente al contrario di come dici nella tua divertente satira.

    Adesso stiamo finanziando attacchi di terra, armando i ribelli, e stiamo facendo attacchi aerei con costi a nove cifre che sono da brividi. Ogni giorno americani vanno sul posto a insegnare ai ribelli come morire e droni partono e sganciano miliardi di dollari. Un attacco di "intelligence" avrebbe costi proporzionalmente risibili.

    Sul petrolio poi il discorso è molto, molto lungo.

    Tu sei entrato in una caserma di carabinieri e hai raccontato una barzelletta sugli impiegati.
    Ultima modifica di Zingaro di Macondo; 11-20-2015 alle 04:57 PM.

  11. #26
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    nel mondo
    Messaggi
    1064
    Thanks Thanks Given 
    26
    Thanks Thanks Received 
    151
    Thanked in
    67 Posts

    Predefinito

    Io a costo di sembrare ripetitivo e noioso continuo a farmi domande a cui non so darmi risposte.

    1) Come mai provengono dalla stesso quartiere di Bruxelles?
    2) Come mai sono noti (a posteriori, mai a priori?) e spesso si scopre che erano gia' stati fermati?
    3) Come mai (DOPO e non PRIMA) che hanno bloccato le frontiere, riescono a passare le frontiere benche' bloccate?
    4) OT rispetto a Parigi ma in tema visto che e' successo da poco. Come fanno a fare entrare in un aereoporto l'esplosivo per fare esplodere l'aereo Russo in partenza da Sharm nonostante i controlli? e a che servono i controlli? A sequestrare l'acqua naturale ai turisti in modo che poi ne comprino dell'altra una volta passati i controlli? Non c'e' tanta ipocrisia?
    5) Come possono i servizi segreti per due volte consecutive non accorgersi di nulla? (i casi sono due, o ogni giorno sventano centinaia di attentati terroristici e quindi uno ogni tanto sfugge, oppure ci sono falle nel sistema)
    6) Come mai Hilary Clinton ha ammesso che l'isis e' un effetto collaterale delle scelte che ha fatto l'America appoggiando certe frange di terroristi in Afganistan? (Annuncio di alcuni giorni fa in una trasmissione TV, con la stessa Hillary che lo affermava, non fantapolitica o teoria del complotto. O e' solo pubblicita' elettorale?)
    7) Chi sono i paesi che vendono le armi? (non una ma tante armi tutte uguali), le Toyota provengono dagli Usa (erano destinate ad altri scopi e le avranno rubate, non voglio dire, ma come possono avere Toyota nuove fiammanti tutte uguali?).
    8) Chi li sponsorizzza? Dove trovano i soldi?

  12. #27
    Lettore dell'estremo sud
    Data registrazione
    Jul 2014
    Località
    Originario della Sicilia, vivo per lavoro a Milano
    Messaggi
    445
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    10
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito

    Mi piacerebbe sentire di una netta presa di distanza dai musulmani di tutto il pianeta Terra. Dove è l'islam buono?

    Sulla sicurezza negli aeroporti ci credo poco: in un bagaglio a mano avevo dimenticato di togliere un coltellino svizzero che ho facilmente portato sull'aereo senza che in due aeroporti mi dicessero qualcosa. Avevo pure bagnoschiuma, dentifricio, bottiglia d'acqua....

  13. #28
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Località
    fa lo stesso
    Messaggi
    573
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    Io a costo di sembrare ripetitivo e noioso continuo a farmi domande a cui non so darmi risposte.
    Proverò a rispondere e là dove possibile, basandomi sulla mia esperienza personale.

    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    1) …
    2) Come mai sono noti (a posteriori, mai a priori?) e spesso si scopre che erano gia' stati fermati?
    Perché in Occidente esiste una bella differenza tra essere fermati, segnalati, schedati, arrestati, liberi in attesa di giudizio… e infatti, gli americani Guantanamo l’hanno fatta a Cuba, non di fronte al palazzo dell’ONU.
    Non so se la UE potrebbe fare qualcosa di simile in una base scientifica nell'Antartide (spero di sì).

    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    3) Come mai (DOPO e non PRIMA) che hanno bloccato le frontiere, riescono a passare le frontiere benche' bloccate?
    Perché chiudere le frontiere è come mettere un cancello per fermare il vento.
    Perciò salvini è un idiota, ma ciò non toglie che vadano controllate anche a scapito di creare uno spaventoso disservizio a milioni di persone che (comprensibilmente) vanno di fretta.

    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    4) OT rispetto a Parigi ma in tema visto che e' successo da poco. Come fanno a fare entrare in un aereoporto l'esplosivo per fare esplodere l'aereo Russo in partenza da Sharm nonostante i controlli? e a che servono i controlli? A sequestrare l'acqua naturale ai turisti in modo che poi ne comprino dell'altra una volta passati i controlli? Non c'e' tanta ipocrisia?
    A seconda delle nazioni e delle linee aeree esistono diversi livelli di sicurezza:
    1. Israele: non mi ricordo di attentati ai loro aeroporti (evidentemente lì la sorveglianza è una cosa seria) e quando qualcuno ha provato a lanciare missili terra-aria ai Boeing 737 dell’EL-AL, questi, pur essendo ancora in decollo, automaticamente hanno sganciato dei traccianti termici che hanno confuso i missili salvando aerei e occupanti (che non si sono accorti di nulla).
    2. USA e UK: non siamo a questi livelli, ma quando sali su un aereo americano o imbarchi a Londra, i controlli sono più severi che da noi, anzi: sono severi. Punto.
    3. Occidente occidentale: c’è un po’ di tutto e a seconda dei periodi anche manica larga
    4. Europa dell’Est: tanti controlli di facciata ma sicurezza zero. Pagando (forse è anche legale), passi dall’aeroporto nazionale a quello internazionale senza nemmeno controllo passaporti e bagagli… ovviamente non sali su un aereo dell’EL-AL. Ripeto che parlo per esperienza personale.
    5. Paesi arabi: se perdi un bagaglio, basta pagare uno sbirro coi baffi e macchia sulla camicia per entrare nella zona sicurezza, dove paghi un altro che ti trova la valigia.
    6. Africa nera: soprattutto se non atterri con un noto tour-operator o con una lettera d’invito della Shell, devi trovare tutti i modi per non pagare lo sbirro senza calze; sapere vita e miracoli di balotelli, può essere molto utile: nell’aeroporto di Luanda, un imbecille mi ha tenuto lì 20 minuti sostenendo che fosse figlio adottivo di berlusconi e giuro non sapevo se dargli ragione o mettermi a discutere…
    …insomma: controllo e sicurezza non vanno sempre di pari passo.



    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    5) Come possono i servizi segreti per due volte consecutive non accorgersi di nulla? (i casi sono due, o ogni giorno sventano centinaia di attentati terroristici e quindi uno ogni tanto sfugge, oppure ci sono falle nel sistema)
    I servizi segreti controllano tante cose ma non tutto e non alla perfezione.
    Poi, un conto è controllare e un'altro è intervenire per tempo.

    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    6) …
    7) Chi sono i paesi che vendono le armi? (non una ma tante armi tutte uguali), le Toyota provengono dagli Usa (erano destinate ad altri scopi e le avranno rubate, non voglio dire, ma come possono avere Toyota nuove fiammanti tutte uguali?).
    Lavoro (anche) come consulente nel settore della sospensione e sterzo dei veicoli insegnando a migliorare quelli già esistenti, per esempio per fare una macchina da corsa o più resistente, come può essere richiesto a una vettura per uso professionale (vedi i mezzi dell’Agip in Nigeria) e in particolare a quelle blindate. A parte qualche Mercedes Classe S e SUV vari, i modelli che vanno per la maggiore sono Toyota Land Cruiser, Prado e Hilux. Le modifiche sono sempre le stesse, se poi ci fanno la macchina dell’ambasciatore USA in Congo, quella del capo dei narcos, un’ambulanza di Emergency, un blindato degli Alpini, della blackwater o di al-qaida, non lo so e mi sarebbe impossibile saperlo. Io insegno a fare il lavoro ad aziende provenienti da ogni angolo del mondo che comprano ricambi qui e là, mettono insieme, vendono a tizio che li spedisce a caio, e poi sempronio ci mette o una pompa con la manichetta, oppure un lancia missili: ma questo è l’ultimo dettaglio e tecnicamente il più insignificante. Finchè parliamo di Toyota non c’è dietro nulla di speciale.
    Quando si parla di mezzi strettamente militari - ma non è il mio campo - dal blindato al carrarmato, la cosa cambia: in genere si parte dalla Repubblica Ceca, dalla Polonia, dall’Ucraina, dalla Russia, triangolando da Belgrado si passa a Dubai e poi va liscio che è un piacere.
    Se posso permettermi un'osservazione (che non vuole essere un appunto personale!): è una domanda legittima ma ingenua quanto domandarsi chi gli vende le telecamere professionali per riprendere le devastazioni che compiono, e i PC e i software per metterli in rete. Se c'è una cosa ormai a portata di tutti è la tecnologia, e ti garantisco che quelle Toyota hanno la tecnologia che non va oltre quella di una Fiat 127 Rustica. Ma se hanno i caccia, perchè la gente si fissa sulle Toyota con motori diesel dotati ancora di iniettore-pompa? Non hanno neppure un misero common-rail di prima generazione!

    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    8) Chi li sponsorizzza? Dove trovano i soldi?
    Ho letto che l’ISIS vende il petrolio del nord dell’Iraq a prezzi stracciati alla Turchia che acquista di buon grado, anche perché poi lo rivende - anche in Occidente - facendoci sopra un po’ di margine; ciò inflaziona il prezzo del greggio, perciò ne traiamo tutti vantaggio. Se poi quelli dell’ISIS massacrano i curdi, ai turchi non sembra neanche vero. Se poi minano il regime di hassad, l’Occidente è bello contento perché è sempre stato un alleato sovietico prima e russo poi… solo che adesso il manico inizia a bruciare più della padella!

    Spero di aver contribuito alla discussione.
    Se in alcuni punti posso sembrare cinico, mi dispiace, perchè non lo sono: è il mondo che va così.
    Ultima modifica di Carcarlo; 11-17-2015 alle 01:08 AM.

  14. #29
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2013
    Località
    piccolo paese calabro della costa jonica...
    Messaggi
    1369
    Thanks Thanks Given 
    59
    Thanks Thanks Received 
    83
    Thanked in
    55 Posts

    Predefinito

    Ho letto tutte le vostre opinioni con molto interesse.

    Senza elevare la discussione a livelli culturali da premio nobel sull'islam, faccio solo la seguente osservazione inoppugnabile:

    si può essere atei, anticlericali, mangiapreti, o semplicemente agnostici...ma non si possono dire le bugie (specialmente a se stessi):

    chi è Cristiano professa l'Amore per il prossimo.

    chi è musulmano conosce solo l'amore (parola grossa) per se stesso.

    Il più grande imam (se esiste) non è degno neppure di legare i lacci delle scarpe al più piccolo Cristiano sulla faccia della terra.

  15. #30
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11876
    Thanks Thanks Given 
    506
    Thanks Thanks Received 
    548
    Thanked in
    268 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da maclaus Vedi messaggio
    Ho letto tutte le vostre opinioni con molto interesse.

    Senza elevare la discussione a livelli culturali da premio nobel sull'islam, faccio solo la seguente osservazione inoppugnabile:

    si può essere atei, anticlericali, mangiapreti, o semplicemente agnostici...ma non si possono dire le bugie (specialmente a se stessi):

    chi è Cristiano professa l'Amore per il prossimo.

    chi è musulmano conosce solo l'amore (parola grossa) per se stesso.

    Il più grande imam (se esiste) non è degno neppure di legare i lacci delle scarpe al più piccolo Cristiano sulla faccia della terra.
    E qua entriamo nel solito loop...

    Nessuno dice le bugie Mac, ognuno dice quello che pensa tu dici che "loro" sono tutti assassini e tagliagole io ti chiedo scusa ma non sono d'accordo con te, e lo sai.
    chi è Cristiano professa l'amore per il prossimo? Sulla carta può essere ma all'atto pratico, ne parliamo? Ora tu mi dirai che ho conosciuto i cristiani sbagliati, ottimo io potrei dirti che hai conosciuto i musulmani sbagliati, a proposito ne hai conosciuti?
    Io continuo ad affermare che la religione non c'entra una beata cippa coi tagliagole dell'Isis, come non c'entrava una beata cippa con l'Inquisizione spagnola, coi missionari che "convertivano" i nativi americani etc....
    Io la penso così.

Discussioni simili

  1. Quanto valgono questi libri antichi???
    Da gianluigics nel forum Sto cercando un libro che parli di...
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 04-27-2014, 10:12 PM
  2. Il giornalino di Forumlibri - N° 1 - Novembre 2011
    Da GermanoDalcielo nel forum Concorsamici
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-29-2011, 06:13 PM
  3. Bunin - In questi tristi versi
    Da Antonio_76 nel forum Poesia
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-31-2011, 12:49 PM
  4. Questo libro è stato inserito in questi scaffali
    Da Fabio nel forum Pagine di servizio
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 09-07-2008, 11:27 PM
  5. 6 novembre 2007 - Enzo Biagi
    Da sub75 nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-16-2007, 05:42 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •