Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 L'allegria

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Ungaretti, Giuseppe - L'allegria

  1. #1
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    21378
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    518
    Thanks Thanks Received 
    1614
    Thanked in
    1077 Posts

    Predefinito Ungaretti, Giuseppe - L'allegria

    Il primitivo titolo, strano, dicono, era Allegria di Naufragi. Strano se tutto non fosse naufragio, se tutto non fosse travolto, soffocato, consumato dal tempo. Esultanza che l'attimo, avvenendo, dà perché fuggitivo, attimo che soltanto amore può strappare al tempo, l'amore più forte che non possa essere la morte. È il punto dal quale scatta quell'esultanza d'un attimo, quell'allegria che, quale fonte, non avrà mai se non il sentimento della presenza della morte da scongiurare. Non si tratta di filosofia, si tratta d'esperienza concreta, compiuta sino dall'infanzia vissuta ad Alessandria e che la guerra 1914-1918 doveva fomentare, inasprire, approfondire, coronare. L'Allegria di Naufragi è la presa di coscienza di sé, è la scoperta che prima adagio avviene, poi culmina d'improvviso in un canto scritto il 16 agosto 1916, in piena guerra, in trincea, e che s'intitola I fiumi. Vi sono enumerate le quattro fonti che in me mescolavano le loro acque, i quattro fiumi il cui moto dettò i canti che allora scrissi. I fiumi è una poesia dell'Allegria lunga; di solito, a quei tempi, ero breve, spesso brevissimo, laconico: alcuni vocaboli deposti nel silenzio come un lampo nella notte, un gruppo fulmineo d'immagini, mi bastavano a evocare il paesaggio sorgente d'improvviso ad incontrarne tanti altri nella memoria. Notte di maggio, Fase d'Oriente, Tramonto, Fase, Silenzio: ecco alcune poesie dove, nell'attesa della guerra, in "Lacerba", era da me sorpreso il famigliare miraggio d'Alessandria. Alessandria all'orizzonte cancellata, Alessandria per sempre persa e per sempre ritrovata per via di poesia. S'ingannerebbe chi prendesse il mio tono nostalgico, frequente in quei miei primi tentativi, come il mio tono fondamentale. Non sono il poeta dell'abbandono alle delizie del sentimento, sono uno abituato a lottare, e devo confessarlo - gli anni vi hanno portato qualche rimedio - sono un violento: sdegno e coraggio di vivere sono stati la traccia della mia vita. Volontà di vivere nonostante tutto, stringendo i pugni, nonostante il tempo, nonostante la morte. Potrei così commentare Agonia, Pellegrinaggio, quelle poesie del primo momento, di "Lacerba", o quelle già del Porto Sepolto, dove mi scopro e mi identifico, dentro gli orrori della guerra, nell'uomo di pena e, come tale, Ungaretti, uomo di pena, mi parrà di dovermi anche in seguito, sempre, identificare.

    Giuseppe Ungaretti



    E con la poesia Preghiera è finito questo meraviglioso viaggio poetico nell'Allegria di un poeta talmente grande che mi ha aperto mondi ancora sconosciuti. Io non sono una critica per cui parlerò delle emozioni e dei pensieri che Ungaretti ha mosso dentro di me e che mi hanno cambiato, mi hanno permesso di vivere la realtà con maggiore consapevolezza e il sogno con maggior slancio. La poesia realmente è bellezza, sostanza, anima ed emozioni. La poesia è una di quelle espressioni umane per cui vale la pena vivere.

    Allegria di naufragi

    Versa il 14 febbraio 1917

    E subito riprende
    il viaggio
    come dopo il naufragio
    un superstite
    lupo di mare

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2606
    Thanks Thanks Given 
    142
    Thanks Thanks Received 
    225
    Thanked in
    156 Posts

    Predefinito

    Ungaretti è nelle mie corde. Versi brevi ma densi, via tutto ciò che è superfluo, resta l'essenziale, e l'essenziale è di un bello incredibile.

    Tra tante stupende poesie ne riporto una, emblema di quanto ho più apprezzato.

    Stasera
    Versa, il 22 maggio 1916

    Balaustrata di brezza
    per appoggiare stasera
    la mia malinconia


  • Discussioni simili

    1. Ungaretti, Giuseppe - Non gridate più
      Da elisa nel forum Poesia
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 01-23-2018, 03:24 PM
    2. 3° GdL poetico - Allegria di naufragi di Giuseppe Ungaretti
      Da Minerva6 nel forum Gruppi di lettura
      Risposte: 150
      Ultimo messaggio: 12-01-2017, 05:48 PM
    3. Ungaretti, Giuseppe - Stasera
      Da zaratia nel forum Poesia
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 01-18-2014, 09:22 PM
    4. Ungaretti, Giuseppe - Ritorno
      Da Dory nel forum Poesia
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 07-17-2009, 03:45 PM
    5. Ungaretti, Giuseppe - Finale
      Da Dory nel forum Poesia
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 07-17-2009, 11:08 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •