Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 9 di 9 PrimoPrimo 123456789
Mostra risultati da 121 a 127 di 127

Discussione: Figli...

  1. #121
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    7409
    Thanks Thanks Given 
    146
    Thanks Thanks Received 
    257
    Thanked in
    201 Posts

    Predefinito

    Stamattina mio figlio mi ha abbracciato e mi ha detto
    "sei la mia mamma preferita"

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #122
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6070
    Thanks Thanks Given 
    602
    Thanks Thanks Received 
    1089
    Thanked in
    598 Posts

    Predefinito

    C'è una cosa a cui ho pensato spesso in questo ultimo periodo... ovvero che esiste un momento (che non saprei definire e probabilmente neanche esiste nella sua "istantaneità") in cui realmente una donna che aspetta un bambino non è più una persona ma sono due... Grande scoperta, eh?
    Ma quel che mi ha fatto riflettere, stupire, tremare, emozionare è che la "presenza" nel mondo di quest'altra vita non è qualcosa di virtuale, ma di assolutamente concreto, reale... Cos'è che materialmente divide l'esserino che abbiamo nel grembo dal mondo che fra qualche tempo lo accoglierà? qualche centimetro di tessuto che ce lo "nasconde" e grazie al quale possiamo permetterci di dire "quella donna aspetta un bambino" e non "il bimbo c'è già, solo che non lo vediamo ancora"...
    Come se quel bimbo che è dentro fosse diverso da quello che a un certo punto viene fuori...
    Già... perchè a un certo punto – in un giorno inaspettato o programmato – quel momento arriva: il "velo" si dissolve (anche se a me piace più pensare alla "violenza" benefica di qualcosa che si squarcia...) e, il mondo dice, tu nasci...

    Che questo sia vero o no, quel che è certo è che fra qualche ora finalmente ci vedremo...
    A domani, Mattia!

  • The Following User Says Thank You to ayuthaya For This Useful Post:


  • #123
    Pensatore silenzioso
    Data registrazione
    Apr 2014
    Località
    Ovunque... basta che ci sia il mio cane accanto.
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    203
    Thanks Thanks Received 
    257
    Thanked in
    153 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    C'è una cosa a cui ho pensato spesso in questo ultimo periodo... ovvero che esiste un momento (che non saprei definire e probabilmente neanche esiste nella sua "istantaneità") in cui realmente una donna che aspetta un bambino non è più una persona ma sono due... Grande scoperta, eh?
    Ma quel che mi ha fatto riflettere, stupire, tremare, emozionare è che la "presenza" nel mondo di quest'altra vita non è qualcosa di virtuale, ma di assolutamente concreto, reale... Cos'è che materialmente divide l'esserino che abbiamo nel grembo dal mondo che fra qualche tempo lo accoglierà? qualche centimetro di tessuto che ce lo "nasconde" e grazie al quale possiamo permetterci di dire "quella donna aspetta un bambino" e non "il bimbo c'è già, solo che non lo vediamo ancora"...
    Come se quel bimbo che è dentro fosse diverso da quello che a un certo punto viene fuori...
    Già... perchè a un certo punto – in un giorno inaspettato o programmato – quel momento arriva: il "velo" si dissolve (anche se a me piace più pensare alla "violenza" benefica di qualcosa che si squarcia...) e, il mondo dice, tu nasci...

    Che questo sia vero o no, quel che è certo è che fra qualche ora finalmente ci vedremo...
    A domani, Mattia!
    Le emozioni che ho provato io, quando è nato mio figlio, non le posso esprimere scrivendo qualche riga qui, e sono di sicuro diverse, forse meno intense di quelle della mamma che lo ha portato in grembo per 9 mesi. Ma ciò a cui pensavo di più era l'incredibile fenomeno che aveva creato una "presenza" che prima non esisteva.
    Ora, al contrario di quello che ha scritto e che prova Ayu, io non ho di certo percepito la sua esistenza sebbene egli fosse "nascosto" nella pancia della mamma, ma forse proprio per questo abbiamo la fortuna di vivere diversamente la nascita, la comparsa direi io, per il papà, di una nuova vita che in un certo senso è uscita da noi maschietti. La sorpresa di quando esce dal pancione forse per il papà è ancora maggiore (?).
    Di certo, comunque, un fenomeno di tal portata dovrebbe far riflettere tutti, soprattutto oggigiorno, che l'amore per il prossimo è sacro e prezioso. Non solo per il prossimo con il nostro stesso sangue, ma per tutti i bambini e per chi bambino non lo è più.

  • The Following User Says Thank You to c0c0timb0 For This Useful Post:


  • #124
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Località
    fa lo stesso
    Messaggi
    761
    Thanks Thanks Given 
    130
    Thanks Thanks Received 
    301
    Thanked in
    125 Posts

    Predefinito

    Il 2015 è stato abbastanza impegnativo.
    Dicembre però si sta dimostrando molto magnanimo, al punto di aver tempo di leggere e partecipare anche a questa discussione.
    Desidero discutere post altrui, e poi magari più avanti raccontare qualcosa anch’io.

    Onestamente non capisco perché il post #31 di Ayuthaya non ha ricevuto altro like oltre al mio di pochi minuti fa.
    Ma non vi rendete conto di cosa sta dicendo?
    Rileggetelo un po’: è bellissimo.
    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    … io sono assolutamente convinti che siamo genitori nella misura in cui siamo stati figli …. i genitori sbagliano sempre. Sbagliano perchè il "modello" di figlio… i genitori non sbagliano mai. Non sbagliano mai se amano i propri figli…
    Anche se in realtà alcuni genitori che amano i figli sbagliano perché non sono capaci né di dar loro esempio, né di mettersi in discussione.


    Citazione Originariamente scritto da Jessamine Vedi messaggio
    Io credo che fare un figlio, scegliere deliberatamente di dare vita ad un altro essere umano, sia una responsabilità enorme.
    E, ecco, io non credo di volere dei figli … ma al tempo stesso credo che prima di scegliere di fare un figlio ci si dovrebbe fare un bell'esame di coscienza, e chiedersi se davvero i nostri potrebbero essere solo errori "irrilevanti" oppure no. E io penso che, al di là delle insicurezze e dei timori che penso chiunque potrebbe provare davanti a un evento così importante, le mie difficoltà siano su un piano diverso, e non potrei essere nemmeno una madre mediocre.
    Insomma, non credo potrei mai assumermi la responsabilità di rischiare di "rovinare" la vita di un essere umano che non ha certo chiesto di essere messo a mondo.
    Intanto porsi il problema è un modo per ridurre il numero di sbagli e le loro conseguenze, perciò non scoraggiarti!
    Poi, sbagliare nell’educare il figlio non significa per forza rovinarlo.
    Anzi, è meglio commettere un errore nell’educare che non educare per niente nel timore di sbagliare.


    Questa me la segno
    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Non mi scorderò mai del parroco che, mamma da pochi mesi, mi disse "ricorda che la persona più importante continua a essere tuo marito, perchè un giorno vostro figlio si staccherà da voi e prenderà la sua strada, ma voi due rimarrete uniti per sempre..."
    e la dirò a mia moglie quando vorrò farla sentire un po’ in colpa, anzi, corro a dirglielo subito!


    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    in attesa di scrivere cose più "serie", chiedo ai genitori con più esperienza: è proprio necessaria la fase in cui l'argomento preferito di conversazione del frugoletto è "cacca- scorreggette- muco- cagole- spussette"????
    No, no!
    L’argomento cacca invece è importantissimo.
    Farla e trattenerla, è una delle prime forme di controllo del proprio corpo.
    Il bambino che si schifa (troppo) della propria cacca, rischia di diventare stitico, che a tre anni può essere un problema maggiore del non voler mangiare.
    Saperne ridere e scherzare (ovviamente a 3 anni seduti sul gabinetto, non a 26 all’università), è fondamentale.
    Io a mio figlio gli inventai la favola di un bambino emarginato che per amico aveva una sua cacca che si dimostrava meglio di tante persone (era una storia molto simbolica…) e un’altra di un signore povero povero che voleva viaggiare, ma non potendo permetterselo, attaccava le sue caccole alle carlinghe degli aeroplani… Insomma, non so se grazie a 'ste storie, ma cacca e naso, non sono mai stati un problema, che se lo diventano sono guai.

  • #125
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6070
    Thanks Thanks Given 
    602
    Thanks Thanks Received 
    1089
    Thanked in
    598 Posts

    Predefinito

    "Avere dei cuccioli è veramente fantastico. Fai dei marmocchi, puliscili, mettili a letto, girali, voltali, strigliali e che tutto quel ben di Dio ti brulichi intorno; se ridono, bene; se strillano, meglio; gridare equivale a vivere; guardali poppare a sei mesi, gattonare a un anno, camminare a due, svilupparsi a quindici, amare a venti. Chi ha queste gioie, ha tutto."

    Victor Hugo, L'uomo che ride

  • The Following User Says Thank You to ayuthaya For This Useful Post:


  • #126
    The bell jar
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1714
    Thanks Thanks Given 
    1345
    Thanks Thanks Received 
    1117
    Thanked in
    756 Posts

    Predefinito

    Credo di non volerne, non riesco a badare neanche a me stessa.

  • #127
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Località
    fa lo stesso
    Messaggi
    761
    Thanks Thanks Given 
    130
    Thanks Thanks Received 
    301
    Thanked in
    125 Posts

    Predefinito Il baby-sitter della badante

    Sono nato e cresciuto in un paesone dell’hinterland di una grande città.
    Anticamente fu un villaggio senza nemmeno una storia, poi un giorno, grazie all’immigrazione interna, diventò di colpo una cittadina.
    Gli immigrati provenivano tutti dallo stesso luogo perciò capitava che due che erano vicini di casa lì, lo fossero anche nel paesino di nascita.
    Abitavo di fianco alle case popolari e all’epoca si giocava in strada, perciò tutti i miei amici abitavano lì; loro venivano a casa mia e io andavo alla loro.
    Ricordo la casa di un mio amico: saletta con angolo cottura, tre stanzine e un bagno per padre, madre e nove figli.
    In cucina avevano un cassettone dedicato esclusivamente al pane e una cassa di gallette, così i bambini, anche se erano soli in casa, potevano mangiare in qualsiasi momento.
    Di questo mio amico persi le tracce quando aveva 14 anni: era stato ricoverato in punto di morte per eccesso di canne… o almeno è quello che raccontarono a mia mamma che – tenera! – ci credette.

    Adesso abito in campagna.
    Ci sono dei paesi lungo la provinciale, ma noi abitiamo un po’ fuori, quasi nel bosco.
    Quando vogliamo, noi ci caliamo nella civiltà.
    Per esempio per portare i bambini in palestra.
    Quando li vado a prendere io, mi aspettano già preparati, così salgono in macchina al volo e torno al lavoro senza nemmeno perdere un minuto.
    Mia moglie invece ci si ferma a chiacchierare e fa più vita sociale di me.
    Questa settimana ero via, in trasferta.
    Giovedì mi chiama mia moglie e mi racconta che una delle mamme della palestra le ha chiesto un favore, e cioè se sabato notte le teniamo il figlio di 8 anni (come il nostro) perché lei deve andare a lavorare in città.
    - Sai è disoccupata – mi spiega – ha trovato da fare da badante a una signora anziana in città, ma se nessuno le tiene il figlio come fa? E’ separata. Il suo ex abita a Padova. I suoi sono di Bari. Mi ha detto che nessuno glielo può tenere…cosa dovevo fare? Ti dispiace? –
    - Ma no, figurati – rispondo io – buttiamo un materasso per terra e si divertiranno a fare campeggio –
    Lei conosce solo di vista mia moglie e mio figlio; me nemmeno quello.
    Vado sotto casa sua con la macchina, scendono, ci presentiamo molto di fretta perché nevischia, le dico di stare tranquilla, di non preoccuparsi, che tra gente che lavora… poi verso casa mi domando come si sentirà ad affidare suo figlio a uno che nemmeno conosce.
    Che poi io sono uno grosso, dai tratti nemmeno gentili, c’ho la barba di qualche giorno e insomma, non sembro nemmeno un’educanda.
    Poverina.
    Intanto Loris – lo chiamerò così – parlando con mio figlio, ci organizza una bella serata di play station e videogiochi dell’orrore… al che mi tocca interromperlo e spiegargli che in casa nostra non c’è.
    - Non importa, giochiamo al tablet –
    - Mi dispiace, non abbiamo nemmeno quello. –
    Allora dice qualcosa della TV e mi tocca deluderlo di nuovo.
    Resta muto per qualche secondo al che attacca con non so che storia che lui su playstore mi scarica una app e da lì mezzo miliardo di giochi…
    - Loris, Loris. Stai tranquillo. Andiamo a casa dove abbiamo un sacco di cose da fare, altro che videogiochi. –
    Infatti, invece di videogiocare, gioca con mio figlio fino a quando mia moglie li chiama perché devono fare la pizza, e poi l’infornano, e mentre vedono un cartone sul PC, cuoce e si cena: pizza, arrosto e poi ancora pizza, gelato e poi film d’avventura.
    Fa fatica a seguirlo, è una trama banalissima, ma dura più di 20 minuti, non è infarcito di pubblicità e perciò nella lungaggine si perde; viene da sorridere perché non era mica un film di spionaggio!
    Arriva l’ora e li spediamo a dormire.
    Lui è agitato perché dice che fa sempre brutti sogni.
    Lo rincuoriamo ma gli diciamo di spegnere la luce e di dormire, ma lui ansioso interrompe e chiede permesso: vuole sapere se possono parlare prima di addormentarsi.
    - Ma sì, certo, dice mia moglie! –
    Andiamo a letto anche noi osservando che è molto agitato, un po’ timido, educato e dolce con nostra figlia e i gatti. Parla di continuo, decisamente troppo e racconta cose che faremmo a meno di sapere, ad esempio che dorme spesso fuori casa anche se non sa nemmeno da chi, e se proprio si ricorda, da amiche del papà, che fanno i pigiama-party… che poi capiamo che non sono proprio pigiama party, è che è la scusa che hanno trovato per spedirlo a dormire una volta qui e una là. Ci ha raccontato anche che è già zio, perché la compagna del padre ha un’altra figlia di 15 anni che è già mamma. Mio figlio sente ma non capisce nemmeno il discorso.
    Pensiamo però che l’importante è che i due bambini si divertano insieme, stiano bene e se ciò dà a lei la possibilità di farsi 50 0 100 euro, tutto grasso che cola.
    Poi alle due di notte mia moglie va da loro e gli dice che sì, che va bene, che potevano parlare ma non tutta la notte!

    Stamani ci svegliamo con tranquillità, anche perché la sera gli avevo detto che appena si sarebbero alzati li avrei messi a fare i compiti, perciò ci credono e ci lasciano almeno 15 minuti di calma, e meno male perché mia moglie si è svegliata con un mal di testa spaventoso. Loris invece, ci dice che niente sogni brutti.
    Insomma, che anche se piove, me li prendo tutti e tre, saliamo in macchina, facciamo un paio di km e andiamo a vedere le stalle: ci sono i cavalli, i maiali, le caprette, i conigli, le galline, il fiume in piena, e intanto continuo a spedire whatsapp a sua mamma con filmati bucolici.

    Ne approfitto per riflettere su quando ero bambino, i miei amici, le case popolari, l’arca piena di pane e gallette che si sbriciolavano; ricordo che quando uno di loro riceveva un regalo come un pallone o una divisa della Juve, era un evento, non solo per lui, ma per tutti, perché tutti godevano di quel regalo.
    E poi che mentre a casa mia c’erano librerie ovunque, nelle loro, se andava bene, Novella 2000 (o simili) e rifletto che oggi invece è diverso: anche i più sfortunati hanno una sacco di cose superflue (tablet, play-station, cellulari da 800€, sacramenti vari…), che l’accesso all’informazione, ciò che veramente consente di non essere sconfitti dalla lotta di classe, c’è, è a disposizione di tutti, solo che non lo si sa usare, non si sa aprire la porta.
    Ma insomma: tutti sti tablet, TV, netflix… e poi ‘sto bambino non sa cos’è un vulcano o dirmi il nome del suo paesino vicino a Bari?
    Ed ecco che ho partorito la mia certezza quotidiana!

    Tra un whatsapp e l’altro lei mi dice che ha perso la corriera e che perciò prenderà un treno che la porterà a Villaquelcheè e che da lì aspetterà un’altra corriera e che…tranquilla la interrompo io: verniamo noi a prenderti in stazione, tanto i bambini iniziano ad avere i piedi umidi perciò se li metto in macchina col riscaldamento faccio solo che bene.
    Dopo 20 minuti siamo lì.
    Sale in macchina.
    Chiacchieriamo del più e del meno, mi dice che è stata una notte lunga, che ha dormito pochissimo.
    La lascio sotto casa, scendo per far scendere anche i bambini, la saluto e torniamo a casa nostra.
    Loris ovviamente entusiasta, che voleva restare con noi e tornare sabato prossimo.
    - Tutto bene? – mi domanda mia moglie.
    - Sì, sì – tutto bene rispondo io.
    Ma insomma, c’è qualcosa nella mia espressione che non va e approfittando che restiamo soli un attimo mi dice di dirle cosa è successo.
    Io non volevo dirglielo, sapevo che se la sarebbe presa ma ho dovuto.
    - Che insomma, che io credo che una badante si veste in un altro modo. –
    - Va be’ ma se una va a badare a una vecchia, cosa gliene frega alla vecchia di come si veste? –
    - Appunto. –
    - E allora cosa c’è? –
    - C’è che proprio perché una va a badare una vecchia, con sto freddo, non capisco perché dovrebbe girare con delle scarpe coi tacchi alti un palmo, nere e dorate, i leggins (o fusò, non me ne intendo) sguarati sulle cosce e sotto i pizzi; e poi altri pizzi e pizzetti qui e là, e profumo, e… -
    - Dici che è andata a divertirsi e c’ha mollato il bambino! – esclama lei.
    - Ma…io direi che è andata a lavorare ma non proprio a tenere una vecchia. –
    Insomma che io ci sono rimasto così così; mia moglie su tutte le furie.
    - Mai più! Mai più!! La prossima volta le dico di portarselo appresso !!! – e poi - poteva almeno cambiarsi, poteva! Non farsi trovare conciata così! -
    - Non ha potuto: mi ha scritto dal treno e mi ha trovato in stazione... -
    Ho lasciato perdere l’argomento.
    Tra un po’ ne riparleremo con più calma.
    Io le dirò che quando ci chiederà di riprenderglielo, magari possiamo dirle di sì lo stesso: in fondo siamo stati bene tutti, in primis nostro figlio e per il resto, insomma, che ci frega? E poi cosa dovremmo fare: lasciarlo andare ai pigiama party?
    Certo che finché uno vede i cavalli, le caprette, i conigli, galline e i maiali è facile costruirsi delle certezze quotidiane, essere ottimi sociologi e fare il solone di turno a proposito di come eravamo, come siamo, la lotta di classe; poi ti imbatti nelle persone, nelle meschinità quotidiane, in quelle piccole disgrazie che avvinghiano chi ci si ritrova, soprattutto i bambini, e ti viene uno schifo, ma uno schifo che io riesco ad esprimere solo ricorrendo alle peggiori bestemmie, perché su, mica si può parlarne adoperando la grammatica, la sintassi e l’ortografia!

    Una differenza tra come eravamo e come siamo però la vedo, adesso, netta nei miei occhi di quasi cinquantenne: in quella casa popolare dove prendevano il pane e le gallette da un’arca, alla sera rincasava una madre che puzzava di lisoformio e un padre con la tuta sporca, rincasavano due persone con enormi difficoltà, soprattutto ad educare i bambini, ma almeno, per quel che potevano, davano l’esempio, l’esempio di quelli che ce la mettevano tutta. Quello di Padova e ‘sta stordita qui invece, no, e non dico altro.

  • The Following 9 Users Say Thank You to Carcarlo For This Useful Post:


  • Pagina 9 di 9 PrimoPrimo 123456789

    Discussioni simili

    1. Figli
      Da Yamanaka nel forum Amici
      Risposte: 55
      Ultimo messaggio: 02-08-2013, 03:24 PM
    2. Figli unici
      Da Minerva6 nel forum Amici
      Risposte: 53
      Ultimo messaggio: 09-24-2012, 01:12 PM
    3. Gibran, Kahil- I figli
      Da isola74 nel forum Poesia
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 03-29-2011, 11:57 PM
    4. Tolkien, J.R.R. - I figli di Hurin
      Da ~ Briseide nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 08-18-2010, 02:30 PM
    5. Ditlevsen, Tove- I figli
      Da shvets olga nel forum Poesia
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 09-11-2009, 10:11 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •