Figli...

ayuthaya

Moderator
Membro dello Staff
Ho giusto il tempo, in pausa pranzo, di aprire questo topic...
Ci è capitato spesso di parlare di figli: per chi li ha (come me) per raccontare le emozioni e i sorrisi che ci regalano (e anche le fatiche e le piccole frustrazioni!), per chi non li ha per esprimere le proprie paure o i propri desideri... per le donne per raccontare cosa vuol dire essere madri, o sognare di diventarlo, per gli uomini per raccontare cosa vuol dire vivere in modo indiretto il mistero della gravidanza per poi giungere a una piena genitorialità ... :paura: :wink:
Mi farebbe piacere se chiunque avesse qualcosa da dire sull'essere figli e sull'essere genitori, lo condividesse qui... cose serie e cose facete, come al solito non ci sono limitazioni alla gioia di condividere quello che proviamo!!! :HIPP

(fra l'altro proprio ieri ho inziato Lettera a un bambino mai nato della Fallaci e sto sottolinando un terzo del libro... sarebbe stato bellissimo aprire un minigruppo su questo libro...)
 
Ultima modifica:

Ugly Betty

Scimmia ballerina
Posizione di una ventenne.

Status di figlia: sono figlia unica ma avrei voluto avere un fratello/sorella. Non condivido il modus educandi dei miei genitori, è tanto distante da quello che, se un giorno dovessi avere dei figli, penso potrei adottare. I miei genitori sono delle persone mentalmente tanto lontane da me, ragionano in modi che non condivido, hanno la mente poco aperta, vivono in un mondo tutto loro. Non che non siano delle brave persone eh, e gli voglio bene, per l'amor di dio, però non sono del tutto soddisfatta di come hanno adempiuto e adempiono il loro ruolo genitoriale. Loro non sanno nulla su di me, non parliamo di altro se non di 'dove vai, con chi vai, cosa fai, hai mangiato, cosa hai mangiato, era buono, sei sazia, hai ancora fare, hai sete, hai freddo, fatti il letto, per piacere mi cucini l'arrosto oggi che sei a casa da scuola perchè c'è il ponte di carnevale?'. Mai una volta che mi sono sentita chiedere 'come stai?'. Non c'è mai stato un vero rapporto, intimo, profondo, con loro. E secondo me è sbagliato. Forse guardo un po' troppo Un medico in famiglia, ma se un domani dovessi avere dei figli, ci terrei tantissimo a creare un dialogo con loro, non dico come se fossi un'amica, ma quasi. Mi piacerebbe che mia figlia mi parlasse delle sue cotte, dei suoi problemi, di quello che le passa per la testa! Invece a casa mia tutto quello che importa è 'hai mangiato?'. :boh: E poi, credo sia sbagliato permettere sempre tutto ai propri figli. Non credo di essermi mai vista negare qualcosa. (ma questo forse è perchè non ho mai fatto richieste spropositate e ho sempre saputo usare valide argomentazioni per ottenere quello che volevo!) Però chessò, anche solo una piccola punizione per aver preso un brutto voto. :?

Status di non madre: ho una sorta di fobia nei confronti della gravidanza e detesto i bambini piccoli che piangono e cagano tutto il giorno! :mrgreen:
Però non so, magari quando sarò più grande e deciderò di 'mettere su famiglia' mi verrà questo desiderio. :? Per il momento, va de retro! L'idea di tenere un essere umano in grembo per nove mesi e di dover partorire mi spaventa tantissimo. :OO E i bambini piccoli, nei primi anni di vita, non mi stanno particolarmente simpatici. :boh:
D'altra parte però, superati i primi anni di vita, mi piacerebbe essere genitore, soprattutto per creare un legame coi miei figli che non ho mai avuto coi miei genitori. :wink:
 

ayuthaya

Moderator
Membro dello Staff
Spero che tu stia scherzando, Ale!

Altrimenti stai partendo proprio col piede sbagliato ...


PS) lo dico seriamente.

adesso mi piacerebbe capire cosa credevi intendessi dire io! quando dico modo "indiretto" parlo chiaramente della maternità in quanto gravidanza... lungi da me anche solo pensare che la genitorialità intesa come paternità sia anche solo di un pelo inferiore a quella materna... in effetti per come l'ho scritto non si capisce bene!
 

HOTWIRELESS

d'ya think i'm stupid?
adesso mi piacerebbe capire cosa credevi intendessi dire io! quando dico modo "indiretto" parlo chiaramente della maternità in quanto gravidanza... lungi da me anche solo pensare che la genitorialità intesa come paternità sia anche solo di un pelo inferiore a quella materna... in effetti per come l'ho scritto non si capisce bene!

Credo vi sia una leggera confusione su quale si desideri sia l'argomento del topic

Sei partita considerandolo un 3D esclusivo per mamme
estendendolo poi alla genitorialita' intesa globalmente, inserendo anche l'invito al parere come figli.

Allora specifichiamo se si vuole raccogliere post sulla figura della mamma, intesa come centrale protagonista, oppure se parlare della famiglia, ciascuno col proprio ruolo, singolare ma sinergico agli altri.

Credimi, essere il supporto per una donna che vuole realizzarsi femminilmente con una maternità, è totalmente diverso, agli antipodi, con l'essere marito e padre.

Scusa se sono stato un po' plateale, ma una certa emancipazione femminile tende a relegare l'uomo ad una specie di parassita, buono solo per produrre il seme, e se privilegiato da madre natura per essere usato come toy-boy finché non viene a noia.
E le cose sbagliate è bene sottolinearle, anche se sembrano ai più evidenti banalità.
 

ayuthaya

Moderator
Membro dello Staff
mah... sinceramente rileggendo il mio post di apertura nn ritrovo questa contraddizione che dici tu! ho esordito non riferendomi alle mamme ma al fatto che spesso parliamo di figli, presentando poi un ventaglio di possibilità, appunto con l'intento di mostrare le moltissime sfumature che l'argomento riserva... mi sono rivolta a chi i figli li ha (madri e padri), a chi non li ha e vorrebbe averne, agli uomini, alle donne...
Se credi abbia mancato di rispetto a te o a qualcuno me ne scuso, non era certo questa la mia intenzione! :boh: :ad:

PS detesto il femminismo, le femministe e persino le tanto decantate figure di "donne e madri coraggiose" nella letteratura... fa un po' te!!! non è che Enrico lo abbia fatto da sola... :??
 

ayuthaya

Moderator
Membro dello Staff
PS oltretutto essere genitori è (secondo me) indissolubilmente legato all'essere figli (come diceva Betty)... e figli lo siamo tutti! per questo ho chiamato il topic "figli" e non "mamme" o "papà"... :boh:
 

Jessamine

Active member
Mi interessa tantissimo questa discussione, perché era già capitato di parlarne nel poeticforum e ho paura di non essermi espressa nel migliore dei modi in quell'occasione (tra l'altro Ayu avevo anche detto che ti avrei scritto un mp al riguardo e invece non l'ho mai fatto, scusami :ad:).
Mi prendo un po' di tempo per pensare bene a come dosare le parole, perché è un discorso delicatissimo (o almeno, io lo sento delicatissimo) e rischiare di toccare nervi scoperti è troppo facile, e non vorrei mai correre questo rischio (come forse invece ho fatto nell'altro post, e di questo continuo a scusarmi).
Ma ci tenevo a iniziare a "segnarmi" in quesra discussione, perché è un argomento che utlimamente sento tantissimo :wink:.
 

ayuthaya

Moderator
Membro dello Staff
e infatti ho pensato tanto a te mentre decidevo di aprirla! credo che parlare di tutto ciò che comporta l'essere figli e l'essere genitori, l'essere madri e l'essere padri sia meraviglioso... proprio perchè possiamo confrontarci e condividere le nostre esperienze/emozioni/paure/desideri...
 

HOTWIRELESS

d'ya think i'm stupid?
per le donne per raccontare cosa vuol dire essere madri ...
per gli uomini cosa vuol dire partecipare in modo indiretto a questo mistero...

per le donne per raccontare cosa vuol dire essere madri ...
per gli uomini per raccontare cosa vuol dire vivere in modo indiretto il mistero della gravidanza ...


Mi rendo conto che alle volte peso forse troppo le parole, ma trovo che le due frasi suonino diverse:
nella prima sembra parlarsi del ruolo di madre in senso lato, nella seconda si intende chiaramente la gravidanza.
Ti ringrazio comunque di aver modificato il testo.
A me il primo non suonava bene...

Scusa e grazie.

Andrea
 

ila78

Well-known member
Bello questo post Ayu. :)

Ila come figlia: Posso ritenermi fortunata, ritengo di avere 2 gran bravi genitori che potrò tranquillamente prendere a esempio quando io passerò dall'altra parte, a differenza di Betty in casa mia c'è sempre stato molto dialogo, su tutto, mio padre in particolare è sempre stato molto aperto, ci spingeva a dialogare e addirittura a uscire quando non ne avevamo voglia (sia io che mio fratello abbiamo attraversato una fase da "orsi"), persino le mie amiche venivano a confidarsi con lui (e non con me....:W). Io, piuttosto, molte volte ho dei piccoli rimorsi perché in passato forse non ho saputo ricambiare il loro affetto come avrei voluto e gli ho dato qualche grattacapo. :boh:

Ila come (futura) madre Oddio, l'età ce l'avrei anche e con Andrea ne abbiamo parlato, però siamo molto fatalisti, diciamo che non mettiamo limiti alla provvidenza, se succede bene, se no amen.:D e quando sarà il momento se succederà impareremo a fare i genitori, visto che non penso esista un manuale d'istruzioni. :wink:
 

darida

Well-known member
Sarò breve :mrgreen:
di figli ne ho tre e sono-siamo alla resa dei conti,tutti adulti e tutti fuori dal nido.
Come genitori siamo molto soddisfatti del lavoro svolto:amore-attenzione-e un pizzico abbondante di fattore C, ci hanno aiutato nell'impresa

Sono stata a mia volta una figlia amata :) è una ricetta semplice
 
Ultima modifica:

maclaus

New member
Qualcosa d'azzurro (a Francesco)

S'addobbavano
le strade per la festa.
Con lo sguardo
tra le nubi cercavo
squarci d'azzurro...

D'improvviso
un vagito risuonò
per le stanze
e illuminò la mia vita...

In un giorno d'aprile
un fiore sbocciò
nella primavera
d'intorno...

E il mio cielo
si tinse d'azzurro.
 

maclaus

New member
p.s. Non è che voglio essere il poeta per forza:wink:

l'ho postata perchè Maclaus il 24 aprile 1995 divenne padre di Francesco e in ospedale, durante l'attesa, scrisse la suddetta poesia...

Mentre leggevo i vostri commenti, mi è passato vicino mio figlio ormai (ahimè) maggiorenne e guardandolo ho riprovato quasi la stessa emozione di quel giorno...

Grazie ayu per aver aperto questo thread... oggi mi hai fatto commuovere.:)
 

Des Esseintes

Balivo di Averoigne
Sai già come la penso, ma visto che hai aperto un topic apposito, lascio qui i miei 2 cents: Figli? No, grazie... ;) Non mi piacciono per niente i bambini... :p

Lascio l'incombenza ad altri più coscienziosi, amorevoli e pazienti... (qualcuno di mia conoscenza aggiungerebbe anche "più egoisti") :mrgreen:
 

HOTWIRELESS

d'ya think i'm stupid?
p.s. Non è che voglio essere il poeta per forza:wink:

l'ho postata perchè Maclaus il 24 aprile 1995 divenne padre di Francesco e in ospedale, durante l'attesa, scrisse la suddetta poesia...

Mentre leggevo i vostri commenti, mi è passato vicino mio figlio ormai (ahimè) maggiorenne e guardandolo ho riprovato quasi la stessa emozione di quel giorno...

Grazie ayu per aver aperto questo thread... oggi mi hai fatto commuovere.:)

Anche mia figlia è di fine aprile e si chiama Francesca

:YY
 
Alto