Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 19

Discussione: 260° MG - Mastro don Gesualdo di G. Verga

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6566
    Thanks Thanks Given 
    861
    Thanks Thanks Received 
    1625
    Thanked in
    862 Posts

    Predefinito 260° MG - Mastro don Gesualdo di G. Verga

    Da oggi e Dallolio iniziamo a leggere uno dei capolavori di Verga, che entrambi incredibilmente non abbiamo mai letto (secondo me con i testi prettamente "da scuola" succede spesso, a meno che non siano stati dati obbligatoriamente)!
    Comunque io ascolterò in audiolibro mentre credo che Dallolio leggerà in cartaceo, magari poi ci dice l'edizione.
    Io ho iniziato stamattina ma non sono andata molto avanti, sono al secondo capitolo della Prima parte. Fatico un pochino con i nomi dei personaggi che sono molti, ma credo che la "confusione" delle prime pagine poi lascerà spazio a una trama più lineare e a dei caratteri ben definiti. Ammetto che non so cosa aspettarmi da questo libro, perchè dei I malavoglia ricordo poco e comunque non mi piacque particolarmente e in generale non amo il verismo in letteratura, però chissà, magari l'ascolto potrebbe aiutarmi!

    A quanto ho capito nessuno vuole unirsi a noi nell'impresa ma se cambiate idea sapete che siete i benvenuti!!!

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Monkey *MOD*
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania, ma vicino al Lazio
    Messaggi
    17091
    Thanks Thanks Given 
    2827
    Thanks Thanks Received 
    2507
    Thanked in
    1699 Posts

    Predefinito

    Come ho già detto, io ho letto entrambi al liceo come obbligo però mi piacquero lo stesso. In particolare de I Malavoglia ho sempre vivo il ricordo della casa del nespolo perché dove ho vissuto fino a due anni fa c'era in giardino proprio di fronte all'abitazione questa grande pianta che però poi abbiamo dovuto far tagliare... quindi chiamavo così anche la mia .
    Buona lettura, vi seguirò volentieri da esterna .

  • The Following User Says Thank You to Minerva6 For This Useful Post:


  • #3

    Predefinito Capitolo 1.

    Il romanzo (edizione Newton, Mini Mammut) inizia con una scena "corale" in cui in effetti non è facile distinguere i vari personaggi; Verga in questo capitolo non è riuscito a distinguere con tratti marcati i diversi personaggi ma l'impressione di fondo di disordine generale è sicuramente resa bene; mi sembra di poter riconoscere alcune tematiche di fondo: il casato in rovina dei Trao e la relazione tra donna Bianca e un uomo misterioso... Don Gesualdo appare poco più che come comparsa... vedremo l'evoluzione.

  • #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6566
    Thanks Thanks Given 
    861
    Thanks Thanks Received 
    1625
    Thanked in
    862 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dallolio Vedi messaggio
    Il romanzo (edizione Newton, Mini Mammut) inizia con una scena "corale" in cui in effetti non è facile distinguere i vari personaggi; Verga in questo capitolo non è riuscito a distinguere con tratti marcati i diversi personaggi ma l'impressione di fondo di disordine generale è sicuramente resa bene; mi sembra di poter riconoscere alcune tematiche di fondo: il casato in rovina dei Trao e la relazione tra donna Bianca e un uomo misterioso... Don Gesualdo appare poco più che come comparsa... vedremo l'evoluzione.
    Sì, infatti l'intento di Verga nel primo capitolo era proprio quello ed è molto ben riuscito: la confusione dell'incendio è resa benissimo! Chi dice una cosa, chi ne capisce un'altra, chi pensa agli affari suoi, chi parla senza ascoltare... davvero reso bene!

  • #5

    Predefinito Capitolo 2.

    Iniziamo a entrare nel vivo della vicenda che si preannuncia complessa: per ristabilire l'onore di Bianca occorrerà trovarle un marito, che non potrà però essere di nobile lignaggio come i Trao (e infatti Don Diego sembra poco convinto) ma dovrà essere il "nostro eroe", che per ora non appare direttamente. Interessante l'intrigo di Donna Rubiera per salvare il figlio Ninì dal dover sposare una donna povera come Bianca e di guadagnarci facendo affari con l'infaticabile Mastro Don Gesualdo... peccato che per ora tutti i personaggi sono appena abbozzati, emerge solo donna Rubiera con la sua infaticabile energia, spero che nel seguito le comparse si facciano da parte e il romanzo prosegua spedito... mi piace l'orgoglio di Don Diego Trao, nonostante la sua estrema povertà.

  • #6

    Predefinito Capitolo 3.

    Si chiarisce cosa lega Bianca e il marchesino Ninì, figlio della Rubiera: un amore che le convenzioni sociali rendono impossibile, visto che lui è già promesso sposo a una donna che non ama e lei è troppo povera per accasarsi con lui e da qui deriva il piano per far convolare a nozze Mastro don Gesualdo e lei.
    E' una società senza amore e senza rispetto quella che sta delineando Verga: le convenzioni sociali, il denaro e il censo impediscono che l'individuo compia le proprie scelte... è anche vero però che non viene qui nemmeno preso in considerazione la possibilità che il singolo si ribelli e che decida, come un eroe romantico, di mettersi contro a tutto e tutti... da quello che ho letto nell'Introduzione l'unico "ribelle" è Gesualdo, che riesce, grazie alle sue forze, a uscire dalla condizione di povertà iniziale... tuttavia questa è una forma di ribellione ben misera a mio avviso, che porta denaro e prestigio ma avviluppa ulteriormente nella fitta trama delle convenzioni sociali.

  • #7

    Predefinito Capitolo 4.

    Finalmente appare "l'eroe eponimo" del Romanzo e vediamo un po' più da vicino azioni e carattere del personaggio; Gesualdo è simile a Mazzarò della Novella La roba: intelligente, totalmente dedito al lavoro e all'accumulo della sua roba, ma si distingue da Mazzarò per alcuni tratti più umani della sua personalità... ha il senso della famiglia (mentre Mazzarò si tormentava per aver dovuto pagare il funerale alla madre) e in generale è più ironico e auto ironico... entrambi comunque vivono con amore e odio il loro rapporto con la "roba" perché questa continua ricerca di vantaggio li logora e distrugge. Quello che mi colpisce di questo personaggio è la totale incapacità di dedicarsi alla sfera individuale e all'arricchimento personale e questa è la più grande trappola che anche oggi incastra miliardi di uomini e donne a un'esistenza ripetitiva e senza via d'uscita. Mi sarebbe piaciuto leggere un discorso di Gesualdo dove parlasse di sé e della propria visione del mondo, ma dubito che avverrà conoscendo la congerie culturale del Nostro.

  • #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6566
    Thanks Thanks Given 
    861
    Thanks Thanks Received 
    1625
    Thanked in
    862 Posts

    Predefinito

    Poco tempo per scrivere... però domani recupero, promesso!

  • #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6566
    Thanks Thanks Given 
    861
    Thanks Thanks Received 
    1625
    Thanked in
    862 Posts

    Predefinito

    Eccomi! Però non commento in maniera esaustiva come hai fatto tu! ieri sono arrivata al tuo stesso punto anche se temo che oggi mi avrai superato perché io non sono riuscita ad ascoltare nulla!
    Comunque anche io ho conosciuto il protagonista e devo dire che almeno per lui provo una certa simpatia: tutti a dargli contro ma lui va dritto per la sua strada e comunque il suo buon cuore lo porta ad occuparsi dei suoi famigliari anche se non se lo meriterebbero! Evidentemente la sua domestica è innamorata di lui però mi ha colpito che anziché accorgersene lui si è arrabbiato quando lei povera ha iniziato a piangere... mastro don gesualdo ha il carattere per cui non ama chi si piange addosso visto che nemmeno lui lo hai mai fatto.
    Nel capitolo dopo il sacrestano cerca di convincere Bianca a sposare il protagonista e lei risponde rimettendosi alla volonta dei suoi fratelli.. è chiaro che lei è innamorata di suo cugino però mi chiedo se abbia la forza di opporsi a qualcosa che non la aggrada. Magari se Ninì ci avesse provato lei lo avrebbe sostenuto... ma qualcosa mi dice che adesso cederà abbastanza facilmente.
    Continuo dopo...

  • #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Eccomi! Però non commento in maniera esaustiva come hai fatto tu! ieri sono arrivata al tuo stesso punto anche se temo che oggi mi avrai superato perché io non sono riuscita ad ascoltare nulla!
    Comunque anche io ho conosciuto il protagonista e devo dire che almeno per lui provo una certa simpatia: tutti a dargli contro ma lui va dritto per la sua strada e comunque il suo buon cuore lo porta ad occuparsi dei suoi famigliari anche se non se lo meriterebbero! Evidentemente la sua domestica è innamorata di lui però mi ha colpito che anziché accorgersene lui si è arrabbiato quando lei povera ha iniziato a piangere... mastro don gesualdo ha il carattere per cui non ama chi si piange addosso visto che nemmeno lui lo hai mai fatto.
    Nel capitolo dopo il sacrestano cerca di convincere Bianca a sposare il protagonista e lei risponde rimettendosi alla volonta dei suoi fratelli.. è chiaro che lei è innamorata di suo cugino però mi chiedo se abbia la forza di opporsi a qualcosa che non la aggrada. Magari se Ninì ci avesse provato lei lo avrebbe sostenuto... ma qualcosa mi dice che adesso cederà abbastanza facilmente.
    Continuo dopo...
    Anche a me ispira una certa simpatia ma condivido che è cieco di fronte a Diodata, preso unicamente da una bramosia di lavoro fine a se stesso che in generale ho sempre fatto molta fatica a comprendere; Bianca è un personaggio un po' melenso, gli altri purtroppo sono poco più che nomi, poco caratterizzati.

  • #11

    Predefinito Capitoli da 5 a 7.

    Grandi avvenimenti... innanzitutto il crollo del ponte che palesa ancora una volta la lacerazione dei rapporti di Mastro Don Gesualdo e la sua famiglia, ma mostra anche un cinismo generale che mostra l'immagine tetra dei rapporti umani di Verga... nessuno infatti si preoccupa della morte di un uomo e della perdita della gamba di un altro occupandosi solamente dei propri gretti interessi; il secondo tema è il matrimonio tra Bianca e Mastro don Gesualdo che prevedibilmente viene ignorato da tutto il paese che conta, lasciando i due sposi a festeggiamenti costosi ma gelidi... anche in questo caso il sentimento manca totalmente e domina una sensazione di gelo e spietatezza a tutti i livelli (Bianca sembra più sentimentale, ma ugualmente fa una scelta di comodo).

  • #12

    Predefinito Parte seconda.

    Abbandono la suddivisione in capitoli per trattare l'intera Seconda Parte; qui vediamo innanzitutto l'anima rapace di Don Gesualdo, che riesce con la abilità a mettere sotto scacco tutto il paese e in seguito i turbinosi eventi della Carboneria in cui Mastro Don Gesualdo entra fiutando futuri grandi guadagni... è la parte migliore del romanzo, dove finalmente emerge in primo piano la personalità del nostro eroe. Ciò che non ho apprezzato molto è la velocità degli eventi narrati, senza minimamente soffermarsi sugli eventi della Rivoluzione e senza addirittura fare menzione di come Gesualdo si salvi dalle guardia in presidio a casa sua. Molto divertente invece la tresca del giovane Rubiera con l'attrice di teatro, peccato che anche qui sia stato tutto raccontato un po' di corsa.

    P.s. Da notare il nome del capitano Stangafame... secondo me è un "nome parlante" come quello di Diodata, visto che il capitano ha come obiettivo quello di evitare la povertà della sua famiglia

  • #13
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6566
    Thanks Thanks Given 
    861
    Thanks Thanks Received 
    1625
    Thanked in
    862 Posts

    Predefinito Seconda parte capitolo terzo

    Ho iniziato anche io la seconda parte ma sono arrivata solo al capitolo 3 se non sbaglio... Tu ci hai capito qualcosa della sera in cui si sono incontrati di nascosto e poi tornando ha trovato le guardie e si è rifugiato a casa di Diodata? Io sinceramente ho trovato tutto molto confuso... ad esempio non sembrava che don Gesualdo volesse stare dalla parte dei rivoluzionari? A cosa serviva questo incontro segreto? E poi non mi pare di aver trovato accenni a contadini ribelli o cose del genere... se ci hai capito qualcosa mi aiuti?
    Comunque sono rimasta molto male che nessuno sia andato al matrimonio... in fin dei conti non hanno fatto tutti carte false perché fosse combinato, specialmente i parenti si Bianca? E adesso tutti voltafaccia? Davvero vergognoso!
    La parte dell'asta mi è piaciuta molto: mastro don gesualdo sta tirando fuori tutto il suo carattere! Ma anche qui mi sono persa qualche passaggio: la baronessa Rubiera non doveva essere socia nell'affare? E poi l'asta è finita così, momentaneamente senza alcun esito?
    Come vedi non è facilissimo per me da seguire forse perché non lo sto leggendo ma alcoltando quindi basta distrarsi un secondo e si perde qualche passaggio...
    Comunque ho dimenticato di dire che la parte in cui il protagonista si avvicina per la prima volta a Bianca mi ha fatto quasi tenerezza: lui mi sembra una persona molto corretta e onesta e in quel momento tutta la ritrosia di lei mi ha dato persino fastidio... secondo me non se lo meritava!

  • #14

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Ho iniziato anche io la seconda parte ma sono arrivata solo al capitolo 3 se non sbaglio... Tu ci hai capito qualcosa della sera in cui si sono incontrati di nascosto e poi tornando ha trovato le guardie e si è rifugiato a casa di Diodata? Io sinceramente ho trovato tutto molto confuso... ad esempio non sembrava che don Gesualdo volesse stare dalla parte dei rivoluzionari? A cosa serviva questo incontro segreto? E poi non mi pare di aver trovato accenni a contadini ribelli o cose del genere... se ci hai capito qualcosa mi aiuti?
    Comunque sono rimasta molto male che nessuno sia andato al matrimonio... in fin dei conti non hanno fatto tutti carte false perché fosse combinato, specialmente i parenti si Bianca? E adesso tutti voltafaccia? Davvero vergognoso!
    La parte dell'asta mi è piaciuta molto: mastro don gesualdo sta tirando fuori tutto il suo carattere! Ma anche qui mi sono persa qualche passaggio: la baronessa Rubiera non doveva essere socia nell'affare? E poi l'asta è finita così, momentaneamente senza alcun esito?
    Come vedi non è facilissimo per me da seguire forse perché non lo sto leggendo ma alcoltando quindi basta distrarsi un secondo e si perde qualche passaggio...
    Comunque ho dimenticato di dire che la parte in cui il protagonista si avvicina per la prima volta a Bianca mi ha fatto quasi tenerezza: lui mi sembra una persona molto corretta e onesta e in quel momento tutta la ritrosia di lei mi ha dato persino fastidio... secondo me non se lo meritava!
    E' come la notte degli inganni di Manzoniana memoria, solo che lì gli inganni sono tra i personaggi, mentre qui l'inganno è ai danni del lettore
    Peccato, perché mi sarebbe interessato molto vedere i personaggi intrecciarsi con la storia turbolenta di quegli anni... Sull'asta ci sono rimasto di sale anch'io, ma me ne sono fatta una ragione perché ho visto che Verga salta i momenti clou che potrebbero fornire spiegazioni (manca il finale della Rivoluzione e manca il finale dell'asta) così come nella novella La Lupa si fa intendere che ci sarà un omicidio ma in effetti non viene descritto. Anche a me Bianca non sta particolarmente simpatica, con tutta la boria che le deriva dall'essere della famiglia Trao... io sono alla parte terza, stasera aggiorno (ma comunque sta migliorando), finalmente ho memorizzato i personaggi, anche se alcuni sono davvero poco tratteggiati ed è veramente un peccato doversi districare tra marchesi e contesse.

  • #15

    Predefinito Parte terza e quarta - spoiler.

    Ho finito il romanzo... faccio alcune considerazioni in ordine sparso, poi scrivo in PB.

    1.Il colera: è la parte più bella, dove ho letto per la prima volta usi legati a quella terribile epidemia, come i razzi di segnalazione; qui si vede la generosità di Mastro don Gesualdo, che si mette a disposizione del paese, raccogliendo come sempre ingratitudine.
    2.La rivoluzione (del 1848?): siamo ormai all'epilogo, che è palese fin dall'inizio: Mastro don Gesualdo sta correndo nel precipizio e addirittura qui il popolo si allea con i nobili pur di andargli conto, ritenendolo perfino capace di aver ucciso Nanni l'orbo.
    3.La morte della moglie: fino all'ultimo questo matrimonio causa angoscia a Mastro Don Gesualdo, e la scena della morte ne è un esempio: nessun amore da parte di sua moglie, solo sospetto e rancore, anche se in parte è la tisi a parlare per lei.
    4.Isabella: degna figlia di questo infausto matrimonio è Isabella... ella è innocente ma è la causa di tutto il dolore del padre (ma anche il padre, pensando di tutelarla farà altrettanto, obbligandola a sposare il Duca di Leyra). Da notare che Verga astutamente ha disseminato il finale del romanzo di elementi per il seguito (cosa sarà accaduto al palazzo Leyra pochi giorni prima della morte di Don Gesualdo?).
    5.La morte di Don Gesualdo: ed eccoci al lungo epilogo. La morte di don Gesualdo è straziante e mostra quanto una vita dedita a uno scopo (nello specifico a quello della Roba) sia inutile in quanto termina con la morte. Morale ultrapessimista, che fa di Verga uno dei pensatori italiani maggiormente privo di speranza di redenzione di un qualunque tipo.
    6.Menzioni d'onore: Particolarmente riusciti i personaggi di Diodata (unico elemento positivo del romano), Ferdinando (un "estraneo" che resta puro) e il marchese Limolì, con il suo cinismo.

    Lascio la parola a Ayuthaya che leggerò con attenzione

  • Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Verga, Giovanni - Mastro Don Gesualdo
      Da ilselacontessa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 07-21-2020, 07:44 PM
    2. Bufalino, Gesualdo
      Da Loredana26 nel forum Autori
      Risposte: 11
      Ultimo messaggio: 12-06-2019, 05:38 PM
    3. Verga, Giovanni - I malavoglia
      Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 56
      Ultimo messaggio: 03-01-2018, 08:45 PM
    4. Taita, Mastro - Non spegnete la luce
      Da Innamorato della lettura nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 04-22-2014, 10:46 AM
    5. Libro analogo a Mastro-don Gesualdo?
      Da Lord Hannibal nel forum Sto cercando un libro che parli di...
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 05-14-2012, 07:34 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •