Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Pavese Cesare - Lavorare stanca

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    2870
    Thanks Thanks Given 
    6
    Thanks Thanks Received 
    42
    Thanked in
    21 Posts

    Predefinito Pavese Cesare - Lavorare stanca

    Traversare una strada per scappare di casa
    lo fa solo un ragazzo, ma quest’uomo che gira
    tutto il giorno le strade, non è più un ragazzo
    e non scappa di casa.

    Ci sono d’estate
    pomeriggi che fino le piazze son vuote, distese
    sotto il sole che sta per calare, e quest’uomo, che giunge
    per un viale d’inutili piante, si ferma.
    Val la pena esser solo, per essere sempre più solo?
    Solamente girarle, le piazze e le strade
    sono vuote. Bisogna fermare una donna
    e parlarle e deciderla a vivere insieme.
    Altrimenti, uno parla da solo. È per questo che a volte
    c’è lo sbronzo notturno che attacca discorsi
    e racconta i progetti di tutta la vita.

    Non è certo attendendo nella piazza deserta
    che s’incontra qualcuno, ma chi gira le strade
    si sofferma ogni tanto. Se fossero in due,
    anche andando per strada, la casa sarebbe
    dove c’è quella donna e varrebbe la pena.
    Nella notte la piazza ritorna deserta
    e quest’uomo, che passa, non vede le case
    tra le inutili luci, non leva più gli occhi:
    sente solo il selciato, che han fatto altri uomini
    dalle mani indurite, come sono le sue.
    Non è giusto restare sulla piazza deserta.
    Ci sarà certamente quella donna per strada
    che, pregata, vorrebbe dar mano alla casa.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    4
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito

    Davvero toccante

  • #3
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1930
    Thanks Thanks Given 
    1669
    Thanks Thanks Received 
    1386
    Thanked in
    893 Posts

    Predefinito

    La prima strofa mi colpisce molto, quando descrive la differenza tra un ragazzo ed un uomo.
    Superata la fase di ribellione l'autore sente il bisogno di un rifugio, di una consolazione, di una casa, di una donna.
    Molta solitudine tra questi versi, una solitudine non scelta ma subita.


  • Discussioni simili

    1. Pavese Cesare - Estate
      Da Apart nel forum Poesia
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 02-05-2020, 12:42 PM
    2. Pavese Cesare - Agonia
      Da Apart nel forum Poesia
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 02-04-2020, 05:33 PM
    3. Pavese, Cesare - Hai un sangue, un respiro
      Da Masetto nel forum Poesia
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 02-04-2020, 01:28 PM
    4. Pavese, Cesare - La luna e i falò
      Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 36
      Ultimo messaggio: 12-20-2019, 08:54 PM
    5. Pavese, Cesare - Il carcere
      Da Dallolio nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 8
      Ultimo messaggio: 03-01-2017, 05:14 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •