De Angulo, Jaime

lettore marcovaldo

Active member
Jaime de Angulo fu un linguista, scrittore ed etnomusicologo nell'ovest degli Stati Uniti. Nacque a Parigi nel 1887 da genitori spagnoli. A 18 anni arrivò in America. Condusse per alcuni anni una vita picaresca che lo portò, tra le altre cose, a fare anche il cowboy. A partire dal 1913 visse per lunghi periodi presso la tribù indiana dei Pit River in California.
Acquisita una notevole comprensione dei costumi e della lingua delle popolazioni indigene della zona, nel 1920 fu invitato a tenere corsi universitari di antropologia alla University of California. Nello stesso periodo si sposò.
Durante questo periodo, insieme alla moglie, visse presso diverse tribù Californiane, condividendone la quotidianità per studiarne la cultura. Come linguista contribuì alla conoscenza di oltre una dozzina di lingue indigene e sistemi musicali della California settentrionale e del Messico.
Nel 1934, a seguito della morte del figlio in un incidente automobilistico l'anno prima, si ritirò dalla carriera universitaria e andò a vivere in un ranch. Tornò a frequentare per lunghi periodi i Pit River.
Da quel momento scrisse novelle e poesie ispirate alle storie tradizionali degli indiani.
Ritenuto da alcuni un dilettante dotato ma irresponsabile o anarchico, fu molto apprezzato da diversi scrittori e poeti. Ezra Pound lo defini come "L'Ovidio americano". Appare come personaggio in alcuni libri di Jack Kerouac. Fu amico di Henry Miller, D. H. Lawrence e molti altri. Morì nel 1950.

Due sue opere tradotte in Italiano (per Bompiani e Adelphi) :

Racconti indiani (Indian Tales)
Narra la storia di un gruppo familiare che conta tra gli altri "Padre Orso, Madre Antilope e ragazzo Volpe" in un tempo in cui uomini ,animali e piante erano in grado di comprendersi direttamente e non c'era distinzione tra le specie.
"Il libro è ricco di folklore indiano - racconti e scherzi, riti, cerimonie e allegorie poetiche, benedizioni e maledizioni, giochi d'azzardo e avventure di caccia - e adorno di descrizioni delle grandi pianure e delle alte montagne dell'ovest americano.
I bambini saranno affascinati dalle storie, divertiti dall'umorismo, deliziati dal ritmo delle sue parole. Inoltre, con tutti i suoi significati sottili e nascosti è un libro semplice, che può essere apprezzato così come si presenta. Al lettore più anziano e avveduto offrirà invece piaceri che si scopriranno solo dopo molte letture"
.

Indiani in tuta (Indians in overalls)
Descrive alcune esperienze vissute da Jaime de Angulo con i suoi amici della tribù Pit River. La sorpresa che nasce dal confronto con una lingua, che si reputa "primitiva", ma ha strutture grammaticali simili al greco antico. Il confronto tra una cultura neolitica e la moderna cultura industriale, in uno scambio in cui non è insolito saper smontare, riparare e rimontare un motore d'auto a regola d'arte, attribuendo la causa prima del problema alla violazione di un tabù tribale. Un omaggio ad un gruppo umano che si trovò a "passare dall'ascia di pietra al telegrafo senza fili nell'arco di una vita".
 
Alto