Bassani, Giorgio - Gli occhiali d'oro

Grantenca

Active member
Un'altra perla di questo autore che non ha scritto moltissimo, ma sempre ad alto livello. E' la storia del Dr. Fadigati, stimato professionista ma, ahimè un "diverso" in una provincia chiusa e conservativa. Quando la fortuna gli gira le spalle la sua condizione diventa durissima. Il tutto descritto con un'eleganza e una maestria quasi antitetica alla durezza dell'argomento. Probabilmente tendo a sopravvalutare l'opera di questo scrittore che ammiro tantissimo per il suo modo di scrivere che non indulge mai al manierismo e all'ovvio, sarei felice di conoscere qualche altro parere in merito.
 
Ultima modifica di un moderatore:

Meri

Viôt di viodi
Un'altra perla di questo autore che non ha scritto moltissimo, ma sempre ad alto livello. E' la storia del Dr. Fadigati, stimato professionista ma, ahimè un "diverso" in una provincia chiusa e conservativa. Quando la fortuna gli gira le spalle la sua condizione diventa durissima. Il tutto descritto con un'eleganza e una maestria quasi antitetica alla durezza dell'argomento. Probabilmente tendo a sopravvalutare l'opera di questo scrittore che ammiro tantissimo per il suo modo di scrivere che non indulge mai al manierismo e all'ovvio, sarei felice di conoscere qualche altro parere in merito.

Ricordo male o c'è stato anche un film?
 

zanblue

Active member
Questo libro,è tra i miei preferiti di Bassani.
La conoscenza e la proibita passione,del Dottor Fadigati,per un amore che lo porterà alla perdizione.
Ci farà stare male l'emarginazione, che gli sarà riservata dalla società, di una città ,dalla mente claustrofobica,che non saprà e non vorrà guardare oltre.
Molto bello,anche il film: diretto dal regista Giuliano Montaldo, con una straordinaria interpretazione del grande Philippe Noiret.
 

Jessamine

New member
Un racconto delicatissimo, che certo meriterebbe qualche parola in più e una riflessione più approfondita.
Bassani è un maestro nel tratteggiare con grazia malinconie oscurissime.
Non travolge il lettore con uno strazio esplicito, mostrato senza filtri, ma si mantiene su un filo delicatissimo, dove il dolore si costruisce pian piano, si annusa, si percepisce come la pioggia non ancora caduta in un pomeriggio d'estate.
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Bellissimo romanzo breve di un autore che andrebbe maggiormente valorizzato per tutta la sua opera. Il tema è scottante, l'omosessualità, ma Bassani riesce a raccontarlo con delicatezza ma nello stesso tempo con una visione sociale e politica che rende la storia ancor oggi attuale.
 
Alto