Corona, Mauro - Vajont: quelli del dopo

Fu come un colpo di falce. Il 9 ottobre 1963, alle 22.45, duemila persone e un intero paese furono cancellati per sempre. Più di quarant'anni sono passati e il ricordo dei morti è ancora sospeso sulla valle. Anche se i fatti di quella terribile notte diventano sempre più lontani, quel passato resta inciso sulla pelle di chi l'ha vissuto. Come Mauro Corona, lo scrittore-aplinista di Erto; e come i personaggi di questo testo inedito. All'osteria del Gallo Cedrone sei uomini si ritrovano a discutere fuori dai denti, tra un bicchiere di vino e l'altro, sulle responsabilità della tragedia; sul dopo Vajont, su chi ci ha guadagnato e chi ci ha perso. Dalle loro parole ruvide e coinvolte emergono accuse, notizie, fatti. E soprattutto il ritratto di un piccolo popolo pieno di inestinguibile dolore, ma mai vinto.

Un libro meraviglioso, corto, ma intenso. E' la raccolta di un discorso avvenuto in un'osteria di Erto, paese anch'esso coinvolto nella tragedia del Vajont. 5 persone discutono, con rabbia, orgoglio, rancore e speranza di ciò che successe quella terribile notte in cui anche loro persero qualche caro. Sono 73 pagine, e se vi interessa sapere cos'è rimasto di quella tragedia, penso che facciate bene a leggerlo.
 
Ultima modifica di un moderatore:
Candy Candy ha scritto:
uffaaaaaaaaaaaaaaa lo leggerò sicuramente!!!! sn troppo interessata a questa storia !!!

Ti avviso, non parla della strage del Vajont. Se vuoi saperne di più leggi "I racconti del Vajont" di Paolini (che a breve leggerò). Questa è solo una testimonianza raccolta 40 anni dopo, in cui l'autore fa tirare a degli sconosciuti le somme di quella tragedia. Oltretutto Mauro Corona in persona visse questa strage, dato che quella notte aveva 13 anni e se la ricorda bene.
 

Candy Candy

New member
conosco corona i suoi libri e di paolini ho visto tutto lo spettacolo avevo già dato un occhiata al libro :wink:
mi aspetto il corona di sempre!!! :wink:
 
Ultima modifica di un moderatore:

Meri

Viôt di viodi
Letto in un'ora, stupendo. Come sempre, crudo, reale, genuino. Mi piace questo modo di scrivere.
 
Alto