AA.VV. - Sepolto vivo!

Dallolio

New member
Raccolta di racconti sulla suprema fobia, quella che ci fa immaginare l'orrore di restare chiusi dentro la bara dopo la nostra morte, deceduti all'affetto altrui ma purtuttavia vivi e coscienti; gli autori presentano ed eviscerano il tema della vertigine orizzontale, declinandolo secondo le proprie peculiarità stilistiche e tematiche. Agghiacciante e imperdibile.
Voto: 9/10
 

ayuthaya

Moderator
Membro dello Staff
Raccolta di racconti sulla suprema fobia, quella che ci fa immaginare l'orrore di restare chiusi dentro la bara dopo la nostra morte, deceduti all'affetto altrui ma purtuttavia vivi e coscienti; gli autori presentano ed eviscerano il tema della vertigine orizzontale, declinandolo secondo le proprie peculiarità stilistiche e tematiche. Agghiacciante e imperdibile.
Voto: 9/10

certo che anche tu... :MM :p :ABBB
 

ila78

Active member
Raccolta di racconti sulla suprema fobia, quella che ci fa immaginare l'orrore di restare chiusi dentro la bara dopo la nostra morte, deceduti all'affetto altrui ma purtuttavia vivi e coscienti; gli autori presentano ed eviscerano il tema della vertigine orizzontale, declinandolo secondo le proprie peculiarità stilistiche e tematiche. Agghiacciante e imperdibile.
Voto: 9/10

Io non potrei mai leggere una cosa del genere....sono claustrofobica. :OO:OO
 

Dallolio

New member
Io non potrei mai leggere una cosa del genere....sono claustrofobica. :OO:OO

Ma in questi racconti più che la claustrofobia è la tafofobia che è in gioco, che è proprio una fobia separata, che consiste nell'essere posti vivi nella tomba. Il più angosciante è "La seconda sepoltura" di Clark Ashton Smith, storia di un uomo che viene sepolto vivo e poi salvato, ma che in seguito viene nuovamente sotterrato, questa volta per sempre e vengono descritti minuziosamente i suoi deliri finali e i suoi infruttuosi tentativi di salvarsi...
 

ila78

Active member
Ma in questi racconti più che la claustrofobia è la tafofobia che è in gioco, che è proprio una fobia separata, che consiste nell'essere posti vivi nella tomba. Il più angosciante è "La seconda sepoltura" di Clark Ashton Smith, storia di un uomo che viene sepolto vivo e poi salvato, ma che in seguito viene nuovamente sotterrato, questa volta per sempre e vengono descritti minuziosamente i suoi deliri finali e i suoi infruttuosi tentativi di salvarsi...

Sì, ma resta il fatto che solo leggere il tuo primo post mi provoca una sensazione di "disagio" (per l'argomento post eh....niente di personale, anzi....:wink:). Quindi non credo riuscirei mai a leggere un libro che parla di sepolti vivi. :paura:
 
Alto