Auslander, Shalom - Il lamento del prepuzio

unkadunka

New member
Trama:Cresciuto in una comunità ebrea ortodossa nello stato di New York, fra mille divieti e sotto la costante minaccia di un Dio vendicativo ed eternamente arrabbiato, Shalom Auslander ha fatto di tutto per affrancarsi da quell’ambiente e da quelle tradizioni, eppure si ritrova, anche da adulto – felicemente sposato e in attesa di un figlio –, a lottare per scrollarsi di dosso la sua ossessione. Perché lui crede, e non può fare a meno di credere, in un Dio personale. E proprio questo è il suo problema: è convinto che Dio ce l’abbia «personalmente» con lui, che sia sempre pronto a rovinargli qualsiasi gioia e a rifilargli qualche fregatura.
Con umorismo spietato e rabbia feroce, Auslander ripercorre le tappe di un percorso di formazione a ostacoli: le gare di benedizioni organizzate dai rabbini alle scuole elementari; le prime disastrose esperienze con le ragazze (reali e immaginarie); i due anni trascorsi in una scuola religiosa di Gerusalemme per adolescenti ebrei irrequieti; i mille traslochi insieme alla moglie da una zona all’altra di New York alla ricerca della loro personale Terra Promessa. Sempre disposto a negoziare con Dio e con i suoi «emissari», a barattare una trasgressione con la promessa di rigare dritto in futuro, Auslander cerca di stabilire con l’implacabile avversario una sorta di cessate il fuoco in vista della nascita di suo figlio, perché il bambino possa crescere sano e libero dai sensi di colpa.(dal sito della Guanda).
Dato che nessuno dei miei compagni di lettura del minigruppo ha aperto il commento lo faccio io,essendo uno dei più divertenti libri che ho letto ultimamente,con quell'humor yiddish,o in genere ebraico che vanta innumerevoli grandi scrittori,dai Singer a Roth tanto per citare i più famosi. Con il titpico metodo del Wiz,o motto di spirito,indagato da Freud,e con un riferimento alla figura della Yiddische Mame,di cui spesso è impregnata la filmografia di Woody Allen,ci diverte con le curiose regole che permeano la vita di un ebreo ortodosso,con delle pagine esilaranti su come deve essere considerato kosher un cibo,con tanto di quiz effettuato nella scuola rabbinica. Un grande autore che merita di essere letto!
 
Ultima modifica di un moderatore:

c0c0timb0

Pensatore silenzioso
Hai ragione. Con la scusa di aspettare di chiudere il 3D abbiamo tralasciato la recensione. Credo che ormai Si possa chiudere il MG.
Mi farò vivo con le mie considerazioni editando questo post. :wink:
 
Alto