Campanile, Achille - Agosto, moglie mia non ti conosco

qweedy

Active member
Romanzo umoristico di Achille Campanile, pubblicato in prima edizione nel 1930.
Nel romanzo si narrano le vicissitudini di un gruppo di passeggeri imbarcatisi sul piroscafo "Estella". Durante il naufragio della nave in prossimità di una frequentata località balneare, per un errore del capitano, invece delle usuali cinture di salvataggio i passeggeri e i marinai indossano delle cinture di castità. I naufraghi riescono tutti a salvarsi e a raggiungere la riva vicina, ma le chiavi delle proprie cinture di castità sono finite tutte in mare. La gran parte dei passeggeri decide di fermarsi nella pensione "La vigile scolta", di proprietà del cavalier Afragòla, in attesa di liberarsi delle scomode cinture. Si è nel pieno della stagione estiva, sbocciano effimeri idilli e si prospettano avventure galanti, ma le cinture sembrano inviolabili e i reduci del naufragio sono condannati a una forzata e sgradita continenza.

Carino, divertente, leggero, con un umorismo un po' datato, anche se l'estro dello scrittore dà vita a una serie inesauribile di trovate, di paradossi, di battute talora memorabili.
 
Alto