Parole stonate 25

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Se domani me lo ricordo posto un testo dei The Zen Circus... Mi è presa una fissa per loro da qualche mese (li ho conosciuti grazie al festival di Sanremo dell'anno scorso).
Anzi ricordamelo tu su wapp :wink:.
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Minerva, aspetto il brano degli Zen Circus. Io li ho sentiti solo una volta, a Sanremo.
Se posti tu posto anch'io e cantiamo io e te, senza coro :mrgreen:
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Mi sa che una l'avevo già postata :?.
Domani controllo se è quella che vorrei postare ora.
Io sono stonata però :mrgreen:
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Nati per subire di The Zen Circ

Nato per errore, per una probabilità
Nato e cercato con ferma volontà
Nato morto, nato stanco, nato in capo al mondo
O al centro dell'universo che si dice "è nato tondo"

Nato per usare gli altri a proprio piacimento
Nato per restare a fissare il pavimento
Nato già fregato, amato e poi dimenticato
Con la camicia blu ed il colletto inamidato

Sei nato per subire, te lo ricordano i bambini
Già stronzi e come te, dei futuri soldatini
L'innocenza è dei bambini, la purezza degli dei
Ma l'innocenza non esiste e gli dei siamo noi

Nata evangelizzata, nata vergine Maria
Nata in caserma o fra la polizia
Nata solamente per accudire gli altri
Nata con la voglia a questi altri di sparargli

Nata consapevole di essere una donna
Perché un minuto dopo le han già messo su la gonna
Nata ed incazzata come solo certi ebrei
Nata e già malata di ogni male che hanno i suoi

Sei nata per subire, te lo ricordi ogni mattina
E non mangi ormai da mesi, per restare bambina
La curiosità è donna, il potere degli eroi
La curiosità è di tutti, affanculo gli eroi
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
L'avevo già postata? :?

Come te la spiego la paura di essere felici
Quando non l'hanno capita nemmeno i miei amici
Mi dicono di stare calma quando serve
Mi portano del latte caldo e delle coperte
Ed è proprio quando stanno a parlare che vorrei gridare
"Grazie a tutti, ora potete andare"
Ma resto qui
A guardare un film
Come te la spiego tutta la pazienza
Che ci metto ma non riesco a vivere senza
Qualcosa che mi opprime
Che mi indichi la fine
Perché ho un cervello che è strafatto di spine
Ed il mio cuore come un fiore
Crede ancora nel bene
Non sa che i petali
Cadranno tutti insieme
Sarà in quel momento che vorrà scoppiare
Mi griderà di smetterla di amare
Questa è la mia cherofobia
No, non è negatività
Questa è la mia cherofobia
Fa paura la felicità
Questa è la mia cherofobia
Ma tu, resta
Come lo spiego quando nessuno ti capisce
Quando niente ti ferisce
L'indifferenza più totale verso la forma astrale del male
Abbiamo stretto un rapporto speciale
E provo a raccontarlo in ogni canzone
Ma la gente pensa sempre "parli di altre persone"
Ma come tu così carina
Con la faccia da bambina
Con la voce da piccina
Ma la bambina è cresciuta troppo in fretta
Tra i muri di una cameretta in cui ha iniziato a stare stretta
E ogni volta che qualcosa va come dovrebbe andare
Penso di non potercela fare
E cerco ogni forma di dolore
Mischiata al sangue col sudore
E sento il respiro che manca
E sento l'ansia che avanza
Fatemi uscire da questa benedetta stanza
Questa è la mia cherofobia
No, non è negatività
Questa è la mia cherofobia
Fa paura la felicità
Questa è la mia cherofobia
Ma tu, resta
Dirti che staremo insieme
Dirti che staremo bene
Dirti che è così che andrà
Dirti che staremo insieme
Dirti "io non starò bene"
Sento l'ansia fin da qua
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Non mi pare.
All'inizio non avevo capito di quale canzone si trattava poi proseguendo nella lettura ho capito che è una di x-factor :wink:.
Non me ne volere... riconosco la valenza del testo però a me quella ragazzina stava antipatica, voce compresa :mrgreen:.
 

Shoshin

Well-known member
Qualcuno vuole provare a riproporre un testo da commentare?



Scende verso il basso tutto quel che sale
Qualche volta è un trucco che però non vale
E rimane appeso qualche istante su ma poi torna giù
Anche il peso lieve di una piuma scende
Se c'è un soffio d'aria che se la riprende
Per follia di vento può salire su ma poi torna giù

Così sia per me
Ma non me ne curo
Io che sono il chiodo
E sono il filo appeso al muro
Così sia per te
Se ti attiro io
Dolce peso, dolce amor mio

Scende verso il basso tutto quello che sale
Se restasse in alto non sarebbe uguale
Questo mondo appeso
Che così ho disteso dai tuoi piedi in giù

Scendi su di me
Se ti attiro io
Dolce peso, dolce amor mio...



Angelo Branduardi
Giorgio Faletti

https://youtu.be/OebuHJmFaxI
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Iniziamo la fase dei commenti :)

Nati per subire di The Zen Circus

Nato per errore, per una probabilità
Nato e cercato con ferma volontà
Nato morto, nato stanco, nato in capo al mondo
O al centro dell'universo che si dice "è nato tondo"

Nato per usare gli altri a proprio piacimento
Nato per restare a fissare il pavimento
Nato già fregato, amato e poi dimenticato
Con la camicia blu ed il colletto inamidato

Sei nato per subire, te lo ricordano i bambini
Già stronzi e come te, dei futuri soldatini
L'innocenza è dei bambini, la purezza degli dei
Ma l'innocenza non esiste e gli dei siamo noi

Nata evangelizzata, nata vergine Maria
Nata in caserma o fra la polizia
Nata solamente per accudire gli altri
Nata con la voglia a questi altri di sparargli

Nata consapevole di essere una donna
Perché un minuto dopo le han già messo su la gonna
Nata ed incazzata come solo certi ebrei
Nata e già malata di ogni male che hanno i suoi

Sei nata per subire, te lo ricordi ogni mattina
E non mangi ormai da mesi, per restare bambina
La curiosità è donna, il potere degli eroi
La curiosità è di tutti, affanculo gli eroi
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Il significato di questo testo mi sfugge, forse si riferisce alle caratteristiche tipiche degli uomini e delle donne o ai luoghi comuni su entrambi, ma conclude riflettendo sul fatto che alla fine tutti siamo "nati per subire".
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Lo so che avendola proposta ora dovrei pure commentarla, ma non sono nello spirito giusto per scrivere qualcosa di valido.
Spero che lo faccia qualcun altro per me :wink:.
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Prossimo testo :)

Come te la spiego la paura di essere felici
Quando non l'hanno capita nemmeno i miei amici
Mi dicono di stare calma quando serve
Mi portano del latte caldo e delle coperte
Ed è proprio quando stanno a parlare che vorrei gridare
"Grazie a tutti, ora potete andare"
Ma resto qui
A guardare un film
Come te la spiego tutta la pazienza
Che ci metto ma non riesco a vivere senza
Qualcosa che mi opprime
Che mi indichi la fine
Perché ho un cervello che è strafatto di spine
Ed il mio cuore come un fiore
Crede ancora nel bene
Non sa che i petali
Cadranno tutti insieme
Sarà in quel momento che vorrà scoppiare
Mi griderà di smetterla di amare
Questa è la mia cherofobia
No, non è negatività
Questa è la mia cherofobia
Fa paura la felicità
Questa è la mia cherofobia
Ma tu, resta
Come lo spiego quando nessuno ti capisce
Quando niente ti ferisce
L'indifferenza più totale verso la forma astrale del male
Abbiamo stretto un rapporto speciale
E provo a raccontarlo in ogni canzone
Ma la gente pensa sempre "parli di altre persone"
Ma come tu così carina
Con la faccia da bambina
Con la voce da piccina
Ma la bambina è cresciuta troppo in fretta
Tra i muri di una cameretta in cui ha iniziato a stare stretta
E ogni volta che qualcosa va come dovrebbe andare
Penso di non potercela fare
E cerco ogni forma di dolore
Mischiata al sangue col sudore
E sento il respiro che manca
E sento l'ansia che avanza
Fatemi uscire da questa benedetta stanza
Questa è la mia cherofobia
No, non è negatività
Questa è la mia cherofobia
Fa paura la felicità
Questa è la mia cherofobia
Ma tu, resta
Dirti che staremo insieme
Dirti che staremo bene
Dirti che è così che andrà
Dirti che staremo insieme
Dirti "io non starò bene"
Sento l'ansia fin da qua
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Quell'anno non ho seguito X factor perciò non so dire se la cantante (Martina Attili) sia simpatica o meno né l'ho mai sentita cantare altro, ma il testo mi è sembrato originale, nel senso che tratta un argomento di cui non si parla spesso, e poi, considerati certi testi che ci sono in giro, ho trovato notevole il fatto che sia stato scritto da una ragazza di 18 anni. Mi piace molto anche la sua interpretazione fuori dalle righe, è una cantante che non si preoccupa solo dei virtuosismi vocali, ma interpreta il testo in modo molto personale.

P. S. Mi piacerebbe soffrire di cherofobia, fossero tutti così i problemi :mrgreen:
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Passiamo al prossimo testo...se qualcuno vuole commentarlo :wink:

Scende verso il basso tutto quel che sale
Qualche volta è un trucco che però non vale
E rimane appeso qualche istante su ma poi torna giù
Anche il peso lieve di una piuma scende
Se c'è un soffio d'aria che se la riprende
Per follia di vento può salire su ma poi torna giù

Così sia per me
Ma non me ne curo
Io che sono il chiodo
E sono il filo appeso al muro
Così sia per te
Se ti attiro io
Dolce peso, dolce amor mio

Scende verso il basso tutto quello che sale
Se restasse in alto non sarebbe uguale
Questo mondo appeso
Che così ho disteso dai tuoi piedi in giù

Scendi su di me
Se ti attiro io
Dolce peso, dolce amor mio...



Angelo Branduardi
Giorgio Faletti

https://youtu.be/OebuHJmFaxI
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Di questo testo non ho capito gran che...forse vuol dire che la realtà ha due facce, e così le persone, o che siamo appesi a un filo e che quello che va in un modo oggi può andare in un altro modo domani...o forse tutto questo non c'entra niente...:??
 
Alto