Lahiri, Jhumpa - In altre parole

lettore marcovaldo

Active member
L'autrice di questo libro è una rinomata scrittrice statunitense di origine bengalese (tra gli altri riconoscimenti un premio Pulitzer per la narrativa nel 2000).

Ai tempi dell'università ha fatto un viaggio studio in Italia, a Firenze, dove è stata affascinata dall'ambiente in generale e dalla lingua italiana in particolare.
Da allora ha iniziato a coltivare la passione sempre più esigente verso questa lingua. Questo l'ha portata a trasferirsi nel nostro paese alcuni anni fa, insieme a marito e figli, per apprendere al meglio la lingua e il contesto in cui viene parlata.
Ha soggiornato a Roma per tre anni circa per poi tornare negli Stati Uniti, facendo in modo di fare frequenti viaggi nel nostro paese. Insegnante di scrittura creativa all'università di Princeton , ha adottato come riferimento di studio alcuni autori italiani tra cui Primo Levi.
Ad un certo punto ha deciso di iniziare a scrivere in italiano e "In altre Parole" è il suo primo tentativo di scrittura in questo senso.
Il libro racconta quanto ho riportato in precedenza, attraverso i ricordi e le sensazioni dell'autrice durante lunghi e faticosi anni spesi nel cercare di apprendere, con risultati alterni, la nostra lingua.
L'esigenza di trovare casa dentro la lingua italiana nasce dal particolare retroterra culturale e personale dell'autrice. Non completamente a proprio agio nella lingua delle origini (parlata durante la giovinezza solo con i parenti e con scarse capacità nella lettura) e con la necessità di non ricadere nella routine derivante dalla padronanza della lingua inglese (la lingua della sua istruzione e del successo professionale), riesce a trovare nello studio di una terza lingua una occasione di confronto e sfida per le proprie capacità intellettuali.

Credo che non si possa fare a meno di leggere questo libro alla luce del contesto e della storia che ne hanno maturato la realizzazione. Trovo che tutto acquisisca ulteriore valore. Ad esempio la scrittura è caratterizzata dall'uso esteso di frasi brevi e alcuni passaggi che ho trovato leggermente incerti. Ma tenendo conto del contesto non li ritengo difetti ma anzi parte della stessa storia.

Giudizio positivo. Libro interessante.

p.s a questo è seguito un secondo libro in italiano e una antologia di racconti brevi di scrittori italiani curata e in parte tradotta dalla stessa autrice.
 
Alto