Top e flop del 2021

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
E anche quest'anno è giunto il momento di tirare le somme!
Quali sono i libri che vi sono piaciuti di più e di meno nel 2021? Sotto a chi tocca!
 

Meri

Viôt di viodi
Nella "Tua libreria" non mi compare niente, la ricerca quindi non è immediata. Dovrò andare proprio nella libreria di casa.
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Nella "Tua libreria" non mi compare niente, la ricerca quindi non è immediata. Dovrò andare proprio nella libreria di casa.
Hai mai pensato di iscriverti ad Anobii? È una libreria virtuale, io la trovo molto utile per inserire tutti i libri che leggo, con data inizio e fine. Soprattutto adesso che @Fabio ancora non ha ripristinato la funzione di aggiunta libri 😉.
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Non saprei proprio scegliere, quest'anno ho letto davvero tanti libri che mi sono piaciuti. E credo nessun flop. O forse sono troppo buona 😇.
 

qweedy

Well-known member
I miei TOP:
- La sposa vermiglia - Tea Ranno
- Anna Édes - Dezsó Kosztolányi
- I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo - Elif Shafak
- La moglie coreana - Min Jin Lee
- Almarina - Valeria Parrella
- Oliva Denaro - Viola Ardone

Mi hanno deluso, ma non posso definirli flop, avevo forse aspettative troppo alte:
- L'inverno dei leoni - Stefania Auci
- Per niente al mondo - Ken Follett
 

darida

Well-known member
È questo il punto... Detesto fare scelte e quindi classifiche 😄🤷
Anche io, faccio fatica a dare un giudizio anche sul mio quadernetto personale😁
Però voglio sforzarmi per trovarne due che sintetizzino il top e il flop dell'anno 😉
 

Grantenca

Well-known member
Non posso segnalare flop, l'età non me lo consente.
Fra i "top" il libro che, nettamente, ho più ho apprezzato è : NON LASCIARMI . di Ishiguro Kazuo.
Ho apprezzato anche:
Cambiare l'acqua ai fiori . Perrin, valerie;
I miei ultimi 10 mninuti e 38 secondi in questo strano mondo - Shafak Elif;
Le case del malcontento - Naspini Sacha.
 

Carcarlo

Well-known member
TOP
1. Il paradosso della bontà di Wrangham
2. In viaggio con Erodoto, Se tutta l'Africa ed Ebano di Kaputcinski
3. Canas y barro di Blasco Ibanez.

FLOP
1. El àrbol de la ciencia di Pio Baroja
2. San Manuel bueno, martir di Unamuno
3. La barraca di Blasco Ibanez
 

darida

Well-known member
Top, insieme ad altri ma ho scelto di metterne
solo uno:
Qualcosa sui Lehman - Massini
Apprezzo l'originalità la satira inoltre amo le saghe famigliari e ho un debole per quelle ebree
Flop, che dire, non fanno in tempo a diventarlo perché mi avvalgo dell'opzione scaraventamento,non sentendomi in nessun modo obbligata a terminare un romanzo che no me gusta!
Ma, dovendone proprio scegliere uno:
La canzone di Achille - Miller 🙃😉
 

ayuthaya

Moderator
Membro dello Staff
Quest'anno ho letto molti meno libri rispetto all'anno scorso, solo 21 (forse arrivo a 22) ma devo dire che sono molto soddisfatta perchè molti sono veri e propri pilastri della letteratura, spesso anche parecchio corposi. Faccio fatica a dare un ordine, perchè almeno 4/5 meriterebbero non solo il primo posto ma una spanna sopra tutti gli altri!
Questi sono:
- Il tempo ritrovato, ultimo tomo della Recherche di Proust
- Iliade, Omero
- Guerra e pace, Tolstoj
- Giuseppe in Egitto, Mann
- Menzogna e sortilegio, Morante
Per il 2021 riesco ad eleggere anche due flop:
- Pornografia, Gombrowicz
- La canzone di Achille, Miller
 

Evy

Member SuperNova
Top- John Niven "a volte ritorno".
Flop-J. Safran Foer "salviamo il pianeta prima di cena"
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Boh.

Top
Una vita come tante di Hanya Yanagihara
It di Stephen King
Ohio di Stephen Markley
Il giardino dei ciliegi di Cechov
Non so se valga David Copperfield di Dickens perché lo sto ancora leggendo, ma di sicuro per ora è il n. 1

Flop
Veri e propri flop, no.
Mi sono piaciuti meno degli altri:
Il palazzo della mezzanotte di Zafon
I Goldbaum di Natasha Solomons
 

francesca

Well-known member
Anche se ormai il 2021 si può dire archiviato, ecco la mia classifica:
TOP
ILIADE (Omero)
LA NEVE ERA SPORCA (Simenon)

FLOP
Sicuramente La canzone di Achille (Miller) che però ha avuto il merito di farmi riprendere in mano l'Iliade quella vera :cool:
Un'altra delusione del 2021 è stata Dante di Barbero. Mi aspettavo qualcosa di molto più fruibile, invece lo trovato pesante, troppo pieno di dati e dettagli che non mi hanno permesso di cogliere l'essenza vera del personaggio storico di Dante cosa che mi aspettavo da questa lettura.
 

Shoshin

Well-known member
Ho letto dei libri molto belli durante tutto il 2021.
Libri che sono rimasti ancorati alla mia memoria.
Così il potere delle parole di Stefánsson nel suo bellissimo romanzo Crepitio di stelle ha permesso al mio cuore un respiro profondo.
E poi Medicus di Noah Gordon .
Scrittura cuneiforme del mio autore per un anno Kader Abdolah ,che invece durerà per molto tempo ancora.
In verità li vorrei elencare tutti i libri che ho letto.
Ognuno con il suo speciale messaggio per me.
Spero di riprendere a leggere con più tranquillità, mi auguro di trascorrere quest'anno in viaggio tra le pagine dei tanti libri che mi aspettano con pazienza...
 

darida

Well-known member
Ho letto dei libri molto belli durante tutto il 2021.
Libri che sono rimasti ancorati alla mia memoria.
Così il potere delle parole di Stefánsson nel suo bellissimo romanzo Crepitio di stelle ha permesso al mio cuore un respiro profondo.
E poi Medicus di Noah Gordon .
Scrittura cuneiforme del mio autore per un anno Kader Abdolah ,che invece durerà per molto tempo ancora.
In verità li vorrei elencare tutti i libri che ho letto.
Ognuno con il suo speciale messaggio per me.
Spero di riprendere a leggere con più tranquillità, mi auguro di trascorrere quest'anno in viaggio tra le pagine dei tanti libri che mi aspettano con pazienza...
Quindi, tanto per capire, nemmeno che so... un floppino?:mrgreen:
Lettrice fortunata! 😉
 

Shoshin

Well-known member
Quindi, tanto per capire, nemmeno che so... un floppino?:mrgreen:
Lettrice fortunata! 😉
Non parlerei mai di flop.
Piuttosto di libri che non sono destinati a noi,per i più svariati motivi.
In questo senso allora voglio ricordare
La casa del silenzio. un romanzo dello scrittore turco Orhan Pamuk.
Un libro certamente degno della penna di un premio Nobel, un affresco vivido e potente di un mondo non lontano,ma troppo duro per me.Troppo.
 
Alto