Coelho, Paulo - Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto

evelin

Charmed Member
Sulla Sponda del Fiume Piedra mi Sono Seduta e ho Pianto

Questo e' uno dei libri di Coelho che piu' mi e' piaciuto.
E' una storia di amore tra due ragazzi incominciata da quando erano piccoli e dopo 11 anni si incontrano di nuovo, lui e' entrato in seminario, e' un ragazzo con molta fede, un ragazzo speciale.

In ogni storia d'amore c'è qualcosa che avvicina i protagonisti all'eternità, ai misteri del divino, all'essenza della vita: in un sorriso, in una carezza, in uno sguardo o in una frase magari lasciata a metà, gli amanti sanno sempre cogliere i segnali che il cuore invia loro per dirigerne il cammino lungo il sentiero della perfezione. Ma che accade quando, nell'adolescenza, un grande amore viene sacrificato alla timidezza, allorchè le parole si rifiutano di salire alle labbra e il futuro si perde nei colori autunnali di una quercia che domina una piazza? Cosa si prova quando, dopo undici anni, si ritrova l'innamorato e si scopre che sta percorrendo la via della santità ed è in grado di compiere miracoli? Per Pilar, il sogno di un'esistenza al fianco dell'amato sembra dissolversi nelle gelide acque del fiume Piedra, ma talvolta anche i gorghi, le cascate e i ciottoli di un torrente possono reinventare il destino e far comprendere che "amare significa comunicare con l'altro e scoprire in lui una particella di Dio".

 
Ultima modifica di un moderatore:

evelin

Charmed Member
Secono me Coelho o ti piace da subito come e' successo a me, oppure becchi il libro sbagliato e ti blocchi.
E' molto particolare il modo come scrive in alcuni libri mi sembra che dia molto importanza alla religione.Leggendo di qua e di la sulla sua vita ho trovato questo....
Il suo rifiuto per ogni regola di comportamento che gli venga imposta lo porta a contrasti enormi con la madre, che in due occasioni "nel 1965 e nel 1966 " lo fa ricoverare in un ospedale psichiatrico, sinceramente convinta che le ribellioni del figlio fossero da imputare a una malattia mentale. Il successivo e più grave ricovero “ in cui lo scrittore fu sottoposto a diverse sessioni di elettroshock “ avvenne poi nel 1967, dopo che egli incominciò ad avvicinarsi al teatro, allora reputato fucina di perversioni ed immoralità dalla borghesia brasiliana.
Consiglio a questo proposito di leggere Veronika decide di morire...
Se si impara a conoscere anche l'autore i suoi libri li apprezzi ancora di piu'.
(ovviamente e' solo un mio modesto parere personalissimo)
 
Ultima modifica di un moderatore:

Robby

New member
Anche questo un libro da leggere tutto in un fiato... Ho cominciato e non sono riuscita a smettere. Ho ritrovato la stessa atmosfera magica che scaturiva dalle pagine dell'Alchimista... :D

Non ho letto gli altri, ma penso che provvederò.
 

libraia978

New member
bludemon ha scritto:
ehi evelin.. sai ke sono combattuto su Cohelo??? alcuni bene altri male... uhmmm dimmi qualkosa su di lui...

Per me Coelho è stato un grande amore all'inizio...se leggi L'Alchimista o Il cammino di Santiago...non può non piacerti...solo che poi diventa sempre peggio...si ripete un po' e a parte i primi gli altri non sono il massimo, cmq sia si leggono velocissimi...A me manca ancora La strega di Portobello, che sono ancora indecisa se leggerlo o meno...qualcuno ne sa qualcosa?
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
purtroppo è il libro che mi ha allontanato completamente da Coelho, sono tentata di leggere qualcosa degli ultimi romanzi ma ho paura di trovare conferma all'opinione che mi sono già fatta
 
Ultima modifica:

evelin

Charmed Member
Io ho letto La strega di Portobello, poi faro' un topic, mi e' piaciuto e mi sono piaciuti anche gli ultimi secondo me non e' che si ripete piuttosto riprende spesso certi temi..tipo fede misticita' (non so se mi spiego) questa e' la mia impressione.
 

Elron

New member
commuovente

Libro molto bello e commuovente.
E' stato il primo di C. mai letto ed è stato quello che mi ha convinto a comprare tutti gli altri.
Alcuni mi hanno deluso, vedi l'alchimista ed altri mi hanno fatto innamorare di questo scrittore.
Consiglio vivamente "sulla sponda del fiume ecc..." perchè non lascia lo spettatore deluso.
 

~ Briseide

Victorian Lady
Ho amato molto Coelho in passato, poi mi sono allontanata dal genere. Conservo un ottimo ricordo de "L'alchimista", quello che ho amato in assoluto di più tra i suoi scritti. Ma questo libro è stato quello che ho meno apprezzato. I dettagli circa questo parere a distanza di anni mi sfuggono, ma la trama a tratti banale non mi entusiasmò molto.
 

darseven

New member
Ciauz!

Vi prego, datemi un paio di motivi per leggere qualcosa (e che cosa?) di Coelho.

Premetto di aver letto Siddharta di Hesse (no?): non è propriamente il mio genere, un pò banale, ma alla fine ho apprezzato la sua profonda morale.

E' la mia impressione, o Coelho riprende questa impostazione moralistica? Sapreste indicarmi qualche sua opera non banale e accattivante nella trama? Che ne dite di Miss-non-mi- ricordo-chi e il diavolo?
 

~ Briseide

Victorian Lady
Ti parla una che ha trovato Siddartha noioso ed irritante sino allo stremo. Coelhoè più immediato, più semplice anche per certi versi; la linea portante è ovviamente sempre improntata allo spiritualismo e via dicendo, ma la forma ed i contenuti li ho trovati meno pesanti. Il libro che tu citi non l'ho letto, ma indubbiamente 'L'alchimista è il più rappresentativo di Coelho, se non ti entusiasmerà allora è inutile fare altri tentativi. :wink:
 

pigreco

Mathematician Member
letto qualche anno fa, ne ho un bellissimo ricordo. storia d'amore, ma di un amore vero, profondo e spirituale. dopo questo romanzo avevo iniziato "11 minuti" ma lo lasciai perchè proprio non mi piaceva (adesso che ho l'abitudine di finire sempre i libri questo non accadrebbe più). amando molto i sudamericani mi ripropongo di cimentarmi nuovamente con coelho, magari partendo da "l'alchimista".
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Letto tanto tempo fa, non mi era dispiaciuto ma anch'io avevo preferito "L'alchimista" e soprattutto "Veronika decide di morire", poi dopo aver letto "Undici minuti" ho chiusoi con Coelho, non so se definitivamente ma per ora non ho nessuna voglia di leggere qualcosa di suo...
 

isola74

Lonely member
Primo libro di Coelho che ho letto e temo che sarà anche l'ultimo (nonostante il fatto che la stessa persona che mi regalò questo mi abbia regalato anche L'Alchimista)...
L'ho trovato noioso, con dialoghi spesso inutili....e non voglio infierire sui due protagonisti:??:??... mi spiace, ma Coelho proprio non fa per me:boh::boh:. Bocciato.
 

Meri

Viôt di viodi
A me anche questo romanzo è piaciuto. Nei libri di Coelho c'è sempre molto mistero, molta fede, li trovo delicati. Bello anche questo.
 

anvi

New member
Penso sia uno dei libri più belli che abbia mai letto sull'amore: semplicemente stupendo!! :D

"L'amore è sempre nuovo. Non importa che amiamo una, due, dieci volte nella vita: ci troviamo sempre davanti a una situazione che non conosciamo. L'amore può condurci all'inferno o in paradiso, comunque ci porta sempre in qualche luogo. E' necessario accettarlo, perchè esso è ciò che alimenta la nostra esistenza."
 

skitty

Cat Member
Ho letto questo libro diversi anni fa, ma ricordo che mi ha lasciato delle sensazioni positive, nonostante la "stranezza" dell'esposizione e della trama.
Emozionante e delicato.

"Non possiamo mai giudicare le vite degli altri, perché ogni persona conosce solo il suo dolore e le sue rinunce. Una cosa è sentire di essere sul giusto cammino, ma un'altra è pensare che il tuo sia l'unico cammino".

"Sono convinta che, quando cerchiamo l'amore con coraggio, esso si rivela e noi finiamo con l'attirare altro amore. Se qualcuno ci desidera, ci desiderano tutti. Se invece siamo soli, ci isoliamo sempre di più. La vita è strana".
 

Rosy

New member
Concordo con Elisa... e ahime', io li ho letti tutti tranne BRIDA... devo dire che tra il vecchio Coelho ed il nuovo c'e' un abisso..! Vi dico solo che l'ultimo IL VINCITORE E' SOLO sembra quasi non scritto da lui. E' un peccato perche' i primi libri di Coelho meritano davvero tanto... IL MANUALE DEL GUERRIERO DELLA LUCE secondo me va tenuto sul comodino... Il diavolo e la signorina Prym, lotta tra bene e male... anche mi e' piaciuto tanto. Ma dallo Zahir in poi un tracollo. Ho apprezzato il modo di scrivere de LA STREGA DI PORTOBELLO... ma per lo stile, non per i contenuti!
 
Alto