Grossman, David - Ci sono bambini a zigzag

zaratia

Sideshow
Attendendo di terminare il poco digeribile "L'uomo che corre" parlo qui di uno dei pochi libri di Grossman che si legge facilmente.

"Al piccolo Nono, in occasione del suo tredicesimo compleanno, viene offerto un viaggio per Haifa a far visita a un vecchio zio. Organizzano il viaggio il padre, un celebre detective che ha preso il posto della madre, scomparsa quando Nono era in tenera età. Ma il ragazzo non arriverà mai a destinazione, perchè appena iniziato, il viaggio si trasforma in una fantastica avventura al fianco di Felix, un ladro internazionale che lo rapisce e, a bordo di una favolosa Bugatti, lo porta a conoscere Lola, primattrice del Teatro Nazionale. Chi sono in realtà questi strani personaggi? Perchè sanno tante cose di Nono? Come fanno a conoscere la vera storia di sua madre? Nello scoprirlo, Nono capirà presto di non essere vittima di un rapimento, e ciò che inizialmente era sembrata una fuga rocambolesca si trasforma in un viaggio meraviglioso alla ricerca di se stesso. Esistono grandi libri che, pensati come narrativa per l'infanzia, sono stati in realtà adottati dagli adulti. "Ci sono bambini a zigzag" appartiene a questa categoria. Scritto con un linguaggio fantasioso e immaginifico, divertente come può esserlo un'imprevedibile fiaba, è un romanzo che mostra il lato fabulatorio di Grossman, l'invenzione di un mondo attraverso gli occhi di un singolare ragazzino. Perchè "ci sono persone rotonde, ci sono bambini a forma di triangolo e ci sono... bambini a zigzag".

Il romanzo è davvero bello e coinvolgente, una bella favola moderna... Un Grossmann atipico e sorprendente.
 
Ultima modifica di un moderatore:

harry.haller

New member
bel romanzo!
Il mio secondo di Grossman dopo Che tu sia per me il coltello e devo dire che ho scoperto uno scrittore molto bravo,passionale e intenso.
In questo suo libro c'è la storia commuovente di un bambino che riscopre se stesso in un misto tra gioco e realta,verita e finzione in un viaggio nel mondo dei grandi.
E' un libro molto piacevole che raccomando.
harry.haller
 

ayuthaya

Moderator
Membro dello Staff
Un ricordo bellissimo... è stato il mio primo "libro preferito"! è passato molto tempo da allora, ma lo ricordo ancora come un libro molto appassionante!
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Dopo Qualcuno con cui correre e Caduto fuori dal tempo, questo romanzo conferma Grossman come uno tra gli scrittori contemporanei che amo di più :) Davvero bello :)
E' una storia di formazione a metà tra la favola più fantasiosa e il romanzo-realtà più vero, quasi fino alla crudezza, seppur edulcorata da una penna delicata e sapiente.
Esistono bambini di tutte le forme, dice la simpaticissima Gabi, la compagna di suo padre, bambini quadrati, triangolari, rotondi: Nono è un bambino a zig zag, particolarmente vivace, che esce spesso fuori dal tracciato per lui predisposto da un padre poliziotto, serio e malinconico, il quale ama tantissimo suo figlio ma, allo stesso tempo, sembra avere come unico scopo nella vita il suo lavoro e l'applicazione delle regole. Nono desidera più di ogni cosa la sua approvazione e il suo affetto, oltre al fatto che lui sposi Gabi :) e, per questo, fa di tutto per diventare un grande detective. Ma la vita ha in serbo per questo ragazzino dall'intelligenza straordinaria sorprese impensabili che, in pochi giorni, faranno sì che nella sua personalità avvengano enormi e irreversibili mutamenti.
Non posso svelare di più (uffa :mrgreen:) posso solo dire che l'autore riesce a far vivere al lettore questa storia con una sensibilità da ragazzino mescolata a quella di un adulto: l'entusiasmo e l'ingenuità mescolati in dosi perfette con la profondità e la sensibilità di un adulto, il desiderio di avventura e di vita che combatte con l'opportunità, la convenienza, a suo modo il piacere di un'esistenza tranquilla. Perché in tutti noi, chi più chi meno, c'è un bambino a zig zag, anche quando non si vede :D
 

velmez

New member
Libro molto bello, scorrevole e appassionante!
Sicuramente piuttosto prevedibile, ma non per questo meno avvincente!
consigliato per tutte le età! poi il titolo è davvero unico!

Trovo che Grossman sia un autore piuttosto eclettico, questo lo romanzo lo paragonerei a Qualcuno con cui correre come stile e genere!
 
Alto