Ramsland, Morten - Testa di cane

zaratia

Sideshow
Libro d'esordio di un giovane autore danese, che grazie a questo romanzo si è aggiudicato l'Alloro d'Oro, premio danese per il miglior libro dell'anno. E' la storia di una famiglia dai tempi della II guerra mondiale ai giorni nostri. Un romanzo che coinvolge e che ci fa affezionare ai personaggi. A volte molto crudo e duro, a volte divertente; è coinvolgente ed originale. Le storie si svolgono tra guerra, persecuzioni, brigantaggi e quotidiane vicende familiari.

Lo consiglio!!!


Trama:

C'è nonno Askild, spaccone inveterato, ingegnere navale e contrabbandiere, che per un furto di legname ai danni delle forze di occupazione viene deportato dalla natia Bergen e sbattuto nel campo di concentramento di Buchenwald, da cui esce macchiandosi della più oscura delle colpe: per aver salva la vita ha ucciso il suo compagno di fuga. Passa la vita tra bettole e cantieri navali: puntualmente licenziato perché i datori di lavoro non apprezzano la sua passione per il cubismo che esprime nei progetti, né le sue invettive dettate dall'alcol. C'è nonna Bjork, l'ambita e corteggiatissima figlia dell'armatore, che al promettente giovane medico Thor preferisce il neoingegnere senza arte né parte. C'è Niels, il primogenito della coppia, venuto al mondo anzitempo nella latrina di casa, che passa la vita a cercare di tirarsi fuori dalla merda in cui è nato. C'è Anne Katrine, la secondogenita ritardata, e c'è Knut, l'anima corsara, che ancora ragazzino scappa di casa e s'imbarca promettendo di tornare solo quando sarà abbastanza grande da poteri e suonare di santa ragione al padre tiranno. C'è Sinne, la primogenita di Niels, che crescendo diventa la più bella della città ed è vittima di uno stupro. Infine c'è Asger, l'inquieto fratello minore di Sinne, pittore in pieno blocco creativo, richiamato a Odense, dopo sette anni di esilio ad Amsterdam, per ricomporre i frammenti della saga familiare che nonna Bjork, ormai prossima alla morte, gli ha inviato con una serie di cartoline. Asger si accinge a raccogliere l'eredità della nonna come "memoria" della famiglia e a riprendere le fila degli innumerevoli accadimenti che hanno costellato l'avvicendarsi di tre generazioni, e a raccontarli a Sinne. In punto di morte nonna Bjork rivela ad Asger il luogo dove ha sepolto un'enorme fortuna accumulata in gioventù dal marito grazie alle sue attività illecite...
 
Ultima modifica:

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Libro d'esordio di un giovane autore danese, che grazie a questo romanzo si è aggiudicato l'Alloro d'Oro, premio danese per il miglior libro dell'anno. E' la storia di una famiglia dai tempi della II guerra mondiale ai giorni nostri. Un romanzo che coinvolge e che ci fa affezionare ai personaggi. A volte molto crudo e duro, a volte divertente; è coinvolgente ed originale. Le storie si svolgono tra guerra, persecuzioni, brigantaggi e quotidiane vicende familiari.

Lo consiglio!!!


Trama:

C'è nonno Askild, spaccone inveterato, ingegnere navale e contrabbandiere, che per un furto di legname ai danni delle forze di occupazione viene deportato dalla natia Bergen e sbattuto nel campo di concentramento di Buchenwald, da cui esce macchiandosi della più oscura delle colpe: per aver salva la vita ha ucciso il suo compagno di fuga. Passa la vita tra bettole e cantieri navali: puntualmente licenziato perché i datori di lavoro non apprezzano la sua passione per il cubismo che esprime nei progetti, né le sue invettive dettate dall'alcol. C'è nonna Bjork, l'ambita e corteggiatissima figlia dell'armatore, che al promettente giovane medico Thor preferisce il neoingegnere senza arte né parte. C'è Niels, il primogenito della coppia, venuto al mondo anzitempo nella latrina di casa, che passa la vita a cercare di tirarsi fuori dalla merda in cui è nato. C'è Anne Katrine, la secondogenita ritardata, e c'è Knut, l'anima corsara, che ancora ragazzino scappa di casa e s'imbarca promettendo di tornare solo quando sarà abbastanza grande da poteri e suonare di santa ragione al padre tiranno. C'è Sinne, la primogenita di Niels, che crescendo diventa la più bella della città ed è vittima di uno stupro. Infine c'è Asger, l'inquieto fratello minore di Sinne, pittore in pieno blocco creativo, richiamato a Odense, dopo sette anni di esilio ad Amsterdam, per ricomporre i frammenti della saga familiare che nonna Bjork, ormai prossima alla morte, gli ha inviato con una serie di cartoline. Asger si accinge a raccogliere l'eredità della nonna come "memoria" della famiglia e a riprendere le fila degli innumerevoli accadimenti che hanno costellato l'avvicendarsi di tre generazioni, e a raccontarli a Sinne. In punto di morte nonna Bjork rivela ad Asger il luogo dove ha sepolto un'enorme fortuna accumulata in gioventù dal marito grazie alle sue attività illecite...

matt io non riesco a leggere così in piccolo :boh:
 
Alto