Coetzee, J.M. - Elizabeth Costello

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Elizabeth Costello è una scrittrice australiana, famosa per uno dei suoi primi libri e che, oramai anziana, gira il mondo partecipando a conferenze ed eventi vari. In ognuno di questi eventi, sei in totale, la scrittrice sviluppa una tesi su temi diversi quali il realismo, l'umanesimo, il problema del male, il rapporto con Dio e con l'aldilà. E' un continuo intrecciarsi tra romanzo e saggio, dove lo scrittore, attraverso la scrittrice che lo rappresenta, esprime le sue convinzioni più profonde, in maniera spesso scomoda ed imprevedibile.
Coetzee ci regala un'opera dove sperimenta un nuovo modo di fare romanzo, sicuramente un libro complesso ma stimolante ed avvincente e che lascia spazio alle riflessioni ma anche al piacere della lettura.
Io lo trovo un autore sempre più "centrale" nella letteratura moderna, schivo e profondo come lo sono le sue opere, che continuerò sicuramente a leggere e che considero un vero piacere per la mente.
 

wiktor

New member
ho appena letto Elizabeth Costello(è il suo primo che leggo)mi è piaciuto abbastanza,a parte alcune parti ; ho per le mani terre al crepuscolo e appena finito vado cercare "vergogna"
grazie del suggerimento :)
 

wiktor

New member
terre al crepuscolo è il suo primo lavoro bello e complesso nelle implicazioni anche sociali sulla gurrra e sulla follia,la prefazione fa addirittura riferimento a cuore di tenebra di conrad,mi è piaciuto abbastanza.Vergogna mi sembra piu una sceneggiatura per un bellissimo film (e penso che la storia l abbia scopiazzata piu di un regista) ma il viaggio di questo professore anziano (a 52 anni?) mi sembra improbabile....Non so mi sembra troppa carne al fuoco:?
ora vado in libreria e ne prendo un altro paio
ciao:)
 

wiktor

New member
ho letto "deserto" e lo consiglio e "foe" un po meno
su 5 libri che ho letto di coetzee in 4 l io narrante è una donna:complimenti per l autore che si immedesima cosi bene nell altro sesso,ma questo lo giudicherebbe meglio una donna e su questo attendo qualche commento femminile.
in tutti la pazzia è presente,in costello non proprioma anche lei qualche problema lo rivela,negli altri decisamente.
ho per le mani "l eta di ferro" l io narrante anche qui è una donna
 
Alto