Kyuss - Blues for the red sun

Apart

New member
Kyuss

kyuss-blues-for-the-red-284124.jpg


Blues for the red sun
(1992)

L'album stoner per eccellenza. Quello che ti inventa un genere, quello che ti lascia senza parole. Quello che può anche cambiarti la vita. Cos'altro dire di più, se non che tutte le quattordici canzoni ti tengono inchiodato all'ascolto? Uno dei volti più belli del rock degli anni '90. Rock!?
 

bonadext

Ananke
I Kyuss sono un gruppo leggendario, una pietra miliare nella storia del rock :ad::ad:
Hanno creato un "magma sonoro" devastante e unico. Irraggiungibili. Io li adoro e ho consumato letteralmente questo "Blues For The Red Sun" e anche "Sky Valley" :D

 

Starling

New member
Scuro e pesante come solo il miglior stoner sa essere. Devo ammettere, però, che gli preferisco Welcome To Sky Valley, forse a causa della mia ossessione per le melodie.
 

ElSfrusaduu

New member
A mio avviso uno dei gruppi più innovativi degli anni novanta, una band che è riuscita - in un periodo fitto di diffusione del genere metal/rock - a tirare fuori dal cilindro qualcosa di veramente nuovo e diverso, da farti subito dire, ai primi ascolti, di "mai sentito". Innanzitutto, i suoni: con le chitarre amplificate con strumentazione per basso elettrico hanno saputo creare un tipo di atmosfera oltremodo coinvolgente, in grado di lasciar trapelare un mix di emozioni estramemente comunicativo e realitico: dalla rabbia alla tranquillità e poi dalla tranquiullità alla rabbia, dai momenti riflessivi e malinconici a quelli trasgressivi... L'ascolto fila sempre liscio, una parte di brano tira l'altro e gli album sono tirati avanti canzone per canzone, seguendo sempre un filo logico solido, per quanto misterioso e svariatamente interpretabile.
E poi, il genere: vecchio, amato immortale blues. Solo diverso, evoluto, maturo abbastanza per esprimere le emozioni del tempo al quale appartiene.
Merito ulteriore di Homme ed Oliveri quello di aver saputo proseguire il discorso iniziato nei Kyuss evolvendosi, coi Queens Of The Stone Age, in maniera nient'affatto scontata, integrando a piccoli step tutto ciò che di nuovo emergeva a quella solidissima base da loro creata in precedenza.

Non esiste stereo che nella sua playlist - qualsiasi essa sia - non possa trovare un posto per loro!
 
Alto