De Chirico, Paolo - L'eterna fonte

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Napoli ai giorni nostri, uno strano fenomeno atmosferico quale "il fulmine a ciel sereno" letteralmente fa scomparire i corpi di alcune persone. Intanto un aereo precipita e solo un sopravvissuto verrà ritrovato misteriosamente a Varsavia. Inquietanti presenze si aggirano nelle nostre città alla ricerca di vittime che devono essere eliminate da "angeli sterminatori" di una strana setta. Queste tre storie si intrecciano tra di loro trasformando il romanzo in vari generi, a volte thriller, a volte fantasy, a volte fantascienza, perchè nelle varie avventure ci si trova ad imbattersi anche in un misterioso pianeta.
Il romanzo è ricchissimo di avvenimenti e di spunti e potrebbe essere una piacevole ed interessante lettura se non cadesse troppo spesso in un eccesso di parole e descrizioni, se fosse stato più lineare ed asciutto ne avrebbe ricavato secondo me, tutto sommato una discreta opera prima che mescola molti generi rendendola varia anche se troppo estranea come lettura rispetto al mio gusto. Nulla toglie che l'immaginazione dell'autore e l'intreccio ti portino a leggerlo fino all'ultima pagina.
 

daemonia

New member
In effetti le storie e i generi che si intrecciano sono tanti, difatti ho scritto la storia senza avere un genere in testa, ma seguendo semplicemente lo scorrere degli eventi.
Vorrei sottolineare che questo è il mio primo romanzo e che mi impegnerò a snellire e "smussare gli angoli" sopratutto nei dialoghi dove a volte sono un pochino carente XD
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
tu unisci in questo romanzo tre generi: fantasy, fantascienza e mistero, tutto calato ai giorni nostri, potrebbe essere uno stile interessante se fosse più amalgamata e pulita come scrittura, ma vedo che già sei consapevole del limite tecnico, anche perchè ogni genere credo abbia le sue regole e i suoi appassionati che richiedono accuratezza e approfondimento, più che che eccesso di particolari. Ad esempio tutto l'allenamento che Francesco fa compiere ai suoi compagni era necessario? aveva un qualche scopo? a me è sembrato un di più, mi aspettavo che avrebbero dovuto combattere contro gli alieni e invece questo non è successo.
 

daemonia

New member
Eh, si me ne sono reso conto io stesso!
In effetti alcune piccole digressioni restano "appese", però trovano un minimo di significato e di riscontro nel futuro...peccato che sia ancora inedito :OO
Comunque, del genere fantascientifico trovo che abbia ben poco...è più che altro un fantasy con una ambientazione particolare, almeno così lo reputo io ^_^
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
però la parte ambientata in un altro pianeta e gli alieni nella loro strana città hanno caratteristiche di fantascienza, tu parli di un mondo parallelo in un altro universo, in un certo senso la fantascienza c'entra
 

daemonia

New member
però la parte ambientata in un altro pianeta e gli alieni nella loro strana città hanno caratteristiche di fantascienza, tu parli di un mondo parallelo in un altro universo, in un certo senso la fantascienza c'entra

ah...ok... sarà che amo Asimov alla follia...ma ho sempre pensato che nella fantascienza ci dovesse essere qualche base scientifica...anche se forse ne ho messo un accenno qui e lì hummm va bè penso che non importi molto il genere, ma solo il risultato, no? :)
 
Alto