Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

I fratelli Ashkenazi

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Singer, Israel J. - I fratelli Ashkenazi

  1. #1
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    2056
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1333
    Thanks Thanks Received 
    1148
    Thanked in
    691 Posts

    Predefinito Singer, Israel J. - I fratelli Ashkenazi

    Israel Joshua Singer, fratello di Isaac Singer, affronta il tema dell'ascesa e della decadenza borghese, attraverso le vicende di una famiglia immerse nella storia dell'ebraismo polacco, lungo l'arco di quasi un secolo. Un romanzo di impianto pienamente ottocentesco in cui lo sviluppo borghese si accompagna alla miseria del proletariato, le prime e contraddittorie lotte sociali e la progressiva presa di coscienza da parte dei lavoratori ai dissidi nazionali dell'impero zarista e al suo sfacelo, per arrivare alla rivoluzione e alla costituzione dell'inquieta e caotica repubblica polacca. Singer ricrea in una folla di personaggi, di eventi e di vicende private tutta la fenomenologia culturale, storica e politica di una pagina importante della storia polacca.

    Di Israel Joshua Singer avevo letto da poco un altro meraviglioso romanzo, La famiglia Karnowski. Avendolo molto apprezzato, mi sono avvicinata a I fratelli Ashkenazi con fiducia, nonostante le oltre 700 pagine di lunghezza: non mi sbagliavo. Vi ho ritrovato tutta l'immediatezza e la franchezza di esposizione di Singer, nonché il suo modo di ragionare sempre onesto, schietto e diretto, il suo sarcasmo poco velato, la sua capacità di descrivere una città – in questo caso Lodz, nata da un villaggio addormentato e diventata il centro dell'industria polacca – e una società. In particolare, mentre La famiglia Karnowski partiva dalla situazione degli ebrei polacchi a inizio secolo e si spostava con loro nella terra dei gentili, qui Singer rimane a Lodz e si sofferma proprio nel descrivere quella comunità di chassidici chiassosi, pii, intraprendenti che sembrano essere in ogni dove, ma soprattutto sono i padroni del settore tessile. Da qui parte la narrazione di mpiù mezzo secolo di storia, di vita, di lotta. Sì, perché se La famiglia Karnowski era il romanzo delle emozioni, I fratelli Ashkenazi è proprio il romanzo della lotta, della rivoluzione operaia, della sollevazione di classe, dell'intraprendenza, del riscatto e delle sue conseguenze. Il tutto viene raccontato dettagliatamente seguendo – o prendendo quasi a pretesto, ad esempio – le vicissitudini di due fratelli, Simcha Meyer e Jacob Bunim Ashkenazi, due gemelli fra loro molto diversi ed entrambi protagonisti della vita di Lodz in quei decenni. Sarnno soprattutto le vicende del primo dei due, Simcha Meyer, a riempire pagine e pagine di racconto; conosceremo la sua ambizione sconfinata, la forza della sua determinazione e la crudeltà dell'uomo contro l'altro uomo… perché non basta, a volte, essere ricchi, industriali, potenti, guadagnarsi dal primo all'ultimo centesimo: se si appartiene al popolo che è stato puntato come capro espiatorio c'è poco da fare… è la guerra degli ultimi fra gli ultimi questa, è la guerra che strappa il fratello dalle braccia del fratello, che usa le idee per trionfare e poi le sotterra con l'ascia del potere.
    Un libro complesso, non sempre facile, ma sicuramente un romanzo appassionante e di sconcertante attualità, che chiunque non sia accecato dall'ego ed abbia un minimo di coscienza sociale dovrebbe leggere. E una volta di più questo libro conferma che Israel Joshua Singer è un narratore eccezionale. Consigliato.

  2. The Following 3 Users Say Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    21124
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    486
    Thanks Thanks Received 
    1565
    Thanked in
    1034 Posts

    Predefinito

    Un grande e classico romanzo in stile Ottocento. Un'epopea vera e propria, ascesa e declino della borghesia ebraica polacca con sullo sfondo gli avvenimenti storici del'epoca. Romanzo potente, evocativo, fiume.

  • The Following User Says Thank You to elisa For This Useful Post:


  • #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    207
    Thanks Thanks Given 
    7
    Thanks Thanks Received 
    14
    Thanked in
    9 Posts

    Predefinito Uno spaccato di crudeltà, miseria, umanità, dell'età contemporanea

    Questo romanzo storico narra le vicende di due gemelli ebrei ashkenaziti, completamente diversi tra loro nel corpo e nello spirito: segaligno, cinico e arrivista il primo quanto robusto, dissoluto e bonaccione il secondo. Si principia nella città industriale di Lodz e si snoda nell’arco di quasi un secolo, dalla seconda metà dell’Ottocento con il dilagare della Rivoluzione Industriale in Polonia, fino ai primi decenni del secolo successivo, caratterizzati dallo scatenarsi della Grande Guerra e della Rivoluzione Russa, con le conseguenze che ebbero in tutta l’Europa nordorientale.
    Più che la storia dei due fratelli, dei loro familiari o dei concittadini, che comunque vengono presentati con puntuale caratterizzazione e approfondimento psicologico ognuno, a colpire è l’analisi di quelli che sono i veri attori del tempo: le classi sociali, con la conseguente lotta di classe che si trascina per tutta la durata dell’opera. Al di là quindi dei singoli personaggi minori, abbiamo la classe degli operai polacchi, gli operai tedeschi e quelli ebrei. I bottegai ebrei e i commercianti tedeschi, gli industriali polacchi e quelli ebrei. L’aristocrazia tedesca, i trotzkisti russi e gli industriali ebrei. Quello che colpisce infatti è come l’autore metta in evidenza che a prescindere dalla classe sociale, dalla nazionalità o appartenenza politica, gli ebrei siano sempre considerati un corpo separato e distinto della società. Così è come li considerava chiunque non fosse ebreo, con disprezzo per la loro bigottaggine, i costumi antiquati, la loro condotta professionale o abitudini alimentari. Così si consideravano loro, con senso di superiorità, per la fedeltà alla propria tradizione, per la sobrietà dei costumi e il rigore morale. Un essere considerati e considerarsi “altro” che si perde nella notte dei tempi, dalla prima deportazione a opera di Nabucodonosor, che non riuscì mai a corromperli con il pantheon delle divinità babilonesi, fino alla designazione da parte di Lord Balfour di una terra loro dedicata in Palestina.
    Per i più di noi, ignorantemente portati a pensare che i diritti dei lavoratori siano un fatto acquisito e scontato (al limite frutto delle lotte del ‘68), così come il fatto che le persecuzioni a danno degli ebrei siano da relegare esclusivamente alla Germania di Hitler negli anni ‘30-40, questo romanzo, che gronda cultura da ogni pagina, ha molto da insegnare. Ed è un insegnamento tutt’altro che astratto: le crudeltà, e ancor più le miserie degli uomini, delle donne, dei bambini, sono rese con tale vividezza da trasmettere a uno sprovveduto lettore come me, ahimé sensibile alla buona scrittura, una carica di negatività e sfiducia nel genere umano, da dover a volte sospendere la lettura. E’ certamente un quadro molto cupo quello tratteggiato dall’autore, che anche sul finale non lascia alcuno spazio al lieto fine, e neanche a qualche redenzione di sorta. Semmai lascia intravedere come nonostante tutto, non venga mai meno una sorta di flebile moto perpetuo cui, tra mille sofferenze, vi si aggrappa l’umanità. Un moto insopprimibile che attinge nutrimento per l’anima, e si rivela, nelle millenarie pagine delle tradizioni religiose.
    Ultima modifica di MadLuke; 08-05-2019 alle 01:14 AM.

  • The Following 3 Users Say Thank You to MadLuke For This Useful Post:


  • #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6265
    Thanks Thanks Given 
    680
    Thanks Thanks Received 
    1279
    Thanked in
    709 Posts

    Predefinito

    Ho iniziato questo romanzo entusiasta di poter aggiungere un contributo così consistente alla mia sfida personale su libri scritti da autori ebrei. Tuttavia non mi aspettavo che I fratelli Ashkenazi mi sarebbe piaciuto così tanto... indubbiamente entrambi i fratelli Singer meritano, ma temevo che anche stavolta sarebbe mancata quella scintilla che non si è accesa quando ho letto La famiglia Karnowskij: bello sì, anzi bellissimo, eppure...
    Cos'ha fatto sì che questa volta invece la scintilla sia scoccata? Difficile dirlo, ma questo romanzo mi ha conquistato fin dalle prime pagine. Già la scena iniziale, con la processione di operai tedeschi chiamati in quella che oggi è la Polonia per portarvi la propria abilità di tessitori, ha in sè qualcosa di epico e ci fa comprendere subito che in quest’opera il rapporto con la Storia è un elemento imprescindibile. Le due dimensioni, del collettivo e dell’individuale, sono profondamente intrecciate ed è forse il perfetto equilibrio fra queste due prospettive che mi ha conquistato; la storia del singolo non prevale su quella della comunità, nè tanto meno il contrario: l’una fa parte dell’altra. E la comunità non è solo quella degli ebrei di Lodz, straordinari protagonisti del suo sviluppo da semplice sobborgo a fulcro dell’industria tessile dell’Impero russo; vi sono i poveri operai tedeschi, spesso vittime dell’ambiziosa determinazione degli ebrei, in altre occasioni compagni di sventura.
    Le contrapposizioni infatti sono molteplici: vi è quella, insanabile, che attraversa l’intero libro come una ferita, fra ebrei e gentili; vi è poi quella, non meno grave, fra osservanti della tradizione ed ebrei “moderni”, i quali rifiutano qualsiasi segno, esteriore e interiore, della propria appartenenza al “popolo santo”. Vi è infine, ed è quasi un capitolo a sè, il violento conflitto fra la classe operaia e gli oppressori capitalisti, ed è questa un’opposizione trasversale, poichè sia fra gli oppressi sia fra gli oppressori si mescolano ebrei e gentili.

    Ma, come dicevo all’inizio, la dimensione collettiva è compensata perfettamente da quella individuale. Ogni personaggio di questo romanzo è a suo modo un eroe: lo è per il modo straordinario in cui l’autore lo ritrae
    , benchè spesso sia un modo grottesco, caricaturale (basti pensare al padre di Dinah, grande e temuto industriale che sperpera senza ritegno le proprie sostanze). La maggior parte dei personaggi hanno ben poco di positivo: vi è innanzitutto il capofamiglia Reb Abraham Hirsch Ashkenazi, uomo rude, severo, caparbio, abile commerciante ma allo stesso tempo profondamente osservante delle rigide leggi morali chassidiche, il cui rispetto egli antepone a qualsiasi altra cosa, in special modo all’affetto per sua moglie, la cui posizione in famiglia rispecchia l’avvilente condizione femminile nella comunità ebraica dell’epoca. Vi sono poi i due protagonisti , i fratelli – gemelli – Simcha Meyer e Jacob Bunim: a separarli, un abisso insormontabile; a unirli, la predizione di un rabbino che al fervente ortodosso Reb Abraham Hirsch suona come la peggiore delle maledizioni: “i tuoi figli saranno uomini ricchi”.

    Ho paura che se mi soffermassi sulla natura di questi due straordinari personaggi mi perderei, talmente li ho trovati ugualmente e diversamente affascinanti... Perciò solo due considerazioni. Sapete bene il mio debole per i riferimenti biblici e inutile sottolineare che il tema dei “fratelli”, specialmente se antagonisti, è storia nota. Penso soprattutto ai due gemelli Esaù e Giacobbe: il secondo (e secondogenito) inganna il maggiore per ricevere la benedizione della primogenitura. Il parallelo si dovrebbe fermare al forte antagonismo fra i due, perchè nel nostro caso è il primogenito a essere scaltro e avido e non vi è bisogno di alcun inganno ai danni del fratello perchè lui ottenga ciò che vuole. Oltretutto, a differenza di Giacobbe, che comunque resta un personaggio positivo, amato da Dio e capostipite dell'intero popolo di Israele, che da lui prende il nome, Simcha Meyer si afferma come un personaggio totalmente negativo. Tuttavia non si può non riconoscere in lui grandezza profondamente “umana”: tutto ciò che si prefigge di ottenere, Simcha Meyer lo conquista con le sue proprie forze. Unione di cinismo, opportunismo e indiscussa intelligenza, Max Ashkenazi, come si fa chiamare dopo aver abbandonato la tradizione dei suoi padri, è il simbolo di un’intera epoca in un contesto geografico ben preciso... A questo proposito le pagine che chiudono questo romanzo le ho trovate sublimi.

    Tuttavia c’è un altro aspetto che mi ha fatto pensare alla coppia Esaù-Giacobbe ed è il modo in cui, al contrario di Simcha Meyer, sembra che a suo fratello tutto riesca facile, naturale; sembra che i continui successi di Jacob Bunim siano ottenuti senza alcuno sforzo da parte sua. Quest’altra faccia della medaglia del successo mi ha fatto pensare ancora a Giacobbe, il benedetto dal Signore, colui che, proprio in virtù di una benedizione “rubata” (e quindi, diciamocelo, non propriamente meritata...), nel corso della sua vita gode di una serie di “privilegi”, segno evidente della benevolenza divina. Ecco, diciamo che si tratta solo di una suggestione, ma mi è piaciuto poter confrontare i due fratelli non solo sul piano del temperamento e della morale, ma anche del loro rapporto con la “ricompensa terrena”: frutto di freddi e spietati calcoli in un caso, premio della divina Provvidenza, la quale non giudica secondo la logica umana, nell’altro.

    Per questa e mille altre ragioni, non posso che definire questo romanzo un capolavoro, l'affresco straordinario di una terra, di un’epoca, di un popolo. Consigliatissimo nonostante la mole.
    Ultima modifica di ayuthaya; 01-03-2020 alle 10:39 PM.

  • The Following 3 Users Say Thank You to ayuthaya For This Useful Post:


  • #5
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3340
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    1016
    Thanks Thanks Received 
    1208
    Thanked in
    581 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Ho iniziato questo romanzo entusiasta di poter aggiungere un contributo così consistente alla mia sfida personale su libri scritti da autori ebrei. Tuttavia non mi aspettavo che I fratelli Ashkenazi mi sarebbe piaciuto così tanto... indubbiamente entrambi i fratelli Singer meritano, tuttavia temevo che anche stavolta sarebbe mancata quella scintilla che non si è accesa quando ho letto La famiglia Karnowskij: bello sì, anzi bellissimo, eppure...
    Cos'ha fatto sì che questa volta invece la scintilla sia scoccata? Difficile dirlo, ma questo romanzo mi ha conquistato fin dalle prime pagine. Già la scena iniziale, con la processione di operai tedeschi chiamati in quella che oggi è la Polonia per portarvi la propria abilità di tessitori, ha in sè qualcosa di epico e ci fa comprendere subito che in quest’opera il rapporto con la Storia è un elemento imprescindibile. Le due dimensioni, del collettivo e dell’individuale, sono profondamente intrecciate ed è forse il perfetto equilibrio fra queste due prospettive che mi ha conquistato; la storia del singolo non prevale su quella della comunità, nè tanto meno il contrario: l’una fa parte dell’altra. E la comunità non è solo quella degli ebrei di Lodz, straordinari protagonisti del suo sviluppo da semplice sobborgo a fulcro dell’industria tessile dell’Impero russo; vi sono i poveri operai tedeschi, spesso vittime dell’ambiziosa determinazione degli ebrei, in altre occasioni compagni di sventura.
    Le contrapposizioni infatti sono molteplici: vi è quella, insanabile, che attraversa l’intero libro come una ferita, fra ebrei e gentili; vi è poi quella, non meno grave, fra osservanti della tradizione ed ebrei “moderni”, i quali rifiutano qualsiasi segno, esteriore e interiore, della propria appartenenza al “popolo santo”. Vi è infine, ed è quasi un capitolo a sè, il violento conflitto fra la classe operaia e gli oppressori capitalisti, ed è questa un’opposizione trasversale, poichè sia fra gli oppressi sia fra gli oppressori si mescolano ebrei e gentili.

    Ma, come dicevo all’inizio, la dimensione collettiva è compensata perfettamente da quella individuale. Ogni personaggio di questo romanzo è a suo modo un eroe: lo è per il modo straordinario in cui l’autore lo ritrae
    , benchè spesso sia un modo grottesco, caricaturale (basti pensare al padre di Dinah, grande e temuto industriale che sperpera senza ritegno le proprie sostanze). La maggior parte dei personaggi hanno ben poco di positivo: vi è innanzitutto il capofamiglia Reb Abraham Hirsch Ashkenazi, uomo rude, severo, caparbio, abile commerciante ma allo stesso tempo profondamente osservante delle rigide leggi morali chassidiche, il cui rispetto egli antepone a qualsiasi altra cosa, in special modo all’affetto per sua moglie, la cui posizione in famiglia rispecchia l’avvilente condizione femminile nella comunità ebraica dell’epoca. Vi sono poi i due protagonisti , i fratelli – gemelli – Simcha Meyer e Jacob Bunim: a separarli, un abisso insormontabile; a unirli, la predizione di un rabbino che al fervente ortodosso Reb Abraham Hirsch suona come la peggiore delle maledizioni: “i tuoi figli saranno uomini ricchi”.

    Ho paura che se mi soffermassi sulla natura di questi due straordinari personaggi mi perderei, talmente li ho trovati ugualmente e diversamente affascinanti... Perciò solo due considerazioni. Sapete bene il mio debole per i riferimenti biblici e inutile sottolineare che il tema dei “fratelli”, specialmente se antagonisti, è storia nota. Penso soprattutto ai due gemelli Esaù e Giacobbe: il secondo (e secondogenito) inganna il maggiore per ricevere la benedizione della primogenitura. Il parallelo si dovrebbe fermare al forte antagonismo fra i due, perchè nel nostro caso è il primogenito a essere scaltro e avido e non vi è bisogno di alcun inganno ai danni del fratello perchè lui ottenga ciò che vuole. Oltretutto, a differenza di Giacobbe, che comunque resta un personaggio positivo, amato da Dio e capostipite dell'intero popolo di Israele, che da lui prende il nome, Simcha Meyer si afferma come un personaggio totalmente negativo. Tuttavia non si può non riconoscere in lui grandezza profondamente “umana”: tutto ciò che si prefigge di ottenere, Simcha Meyer lo conquista con le sue proprie forze. Unione di cinismo, opportunismo e indiscussa intelligenza, Max Ashkenazi, come si fa chiamare dopo aver abbandonato la tradizione dei suoi padri, è il simbolo di un’intera epoca in un contesto geografico ben preciso... A questo proposito le pagine che chiudono questo romanzo le ho trovate sublimi.

    Tuttavia c’è un altro aspetto che mi ha fatto pensare alla coppia Esaù-Giacobbe ed è il modo in cui, al contrario di Simcha Meyer, sembra che a suo fratello tutto riesca facile, naturale; sembra che i continui successi di Jacob Bunim siano ottenuti senza alcuno sforzo da parte sua. Quest’altra faccia della medaglia del successo mi ha fatto pensare ancora a Giacobbe, il benedetto dal Signore, colui che, proprio in virtù di una benedizione “rubata” (e quindi, diciamocelo, non propriamente meritata...), nel corso della sua vita gode di una serie di “privilegi”, segno evidente della benevolenza divina. Ecco, diciamo che si tratta solo di una suggestione, ma mi è piaciuto poter confrontare i due fratelli non solo sul piano del temperamento e della morale, ma anche del loro rapporto con la “ricompensa terrena”: frutto di freddi e spietati calcoli in un caso, premio della divina Provvidenza, la quale non giudica secondo la logica umana, nell’altro.

    Per questa e mille altre ragioni, non posso che definire questo romanzo un capolavoro, l'affresco straordinario di una terra, di un’epoca, di un popolo. Consigliatissimo nonostante la mole.
    Fratella mia, sei stupenda. Non ho letto il libro, ma dopo aver assaporato le tue considerazioni è un obbligo che viene dalla mente.

  • The Following User Says Thank You to Zingaro di Macondo For This Useful Post:


  • #6
    Together for ever
    Data registrazione
    Jun 2011
    Località
    zanzaratown
    Messaggi
    2438
    Thanks Thanks Given 
    1080
    Thanks Thanks Received 
    485
    Thanked in
    248 Posts

    Predefinito

    Ispirata da voi ho comprato e letto questo libro abbastanza velocemente.
    Sono consapevole di quanto sia notevole ed importate quest'opera. Dei grandi significati, delle tematiche importanti che contiene e del suo peso storico.
    Mi astengo di ripetere la trama che avete già tutti sviluppato dettagliatamente.
    Va letto senza dubbio e da molto al lettore che ne venga incuriosito; tuttavia sinceramente pensavo potesse piacermi di più.
    Ho dovuto fare delle ricerche storiche per capire meglio il collocamento temporale preciso di tutte le vicende e mi ci sono persa ogni tanto.
    Ultima modifica di gamine2612; 01-13-2020 alle 04:35 PM.

  • #7
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    12541
    Thanks Thanks Given 
    992
    Thanks Thanks Received 
    1434
    Thanked in
    658 Posts

    Predefinito

    Finalmente riesco a recensire questo libro.

    Io non sono brava come molti di voi qui sopra, che avete già espresso più che bene la bellezza di quest'opera, io mi limito a dire che si tratta di un racconto POTENTE che ti prende per mano, anzi ti trascina, nel cuore delle vicende. Ogni personaggio è meravigliosamente dettagliato e descritto e, nessuno è completamente positivo, anzi sono tutti piuttosto "neri" e il più nero di tutti è proprio il nostro Simcha Mayer/ Max Ashkenazi: cinico, spietato, crudele, avaro, calcolatore, ce le ha tutte...eppure....eppure io l'ho amato, più di suo fratello Jacob, che in apparenza è più facile da apprezzare. Lui è tremendo ma non molla mai, supera l'odio della moglie, le crisi economiche, le persecuzioni, gli scioperi e si arrende solo alla fine, davanti alla morte. Un altro personaggio epico è, secondo me, Tevyeh il tessitore, un altro lottatore indomito, seppure per ideali opposti a Simcha Mayer.
    Bellissimo anche l'affresco storico, che inquadra perfettamente una situazione di "intolleranza" e odio verso gli ebrei che sfocerà qualche decennio più tardi nella tragedia del nazismo che tutti conosciamo.
    Una lettura imprescindibile, un'opera che non mi spiego perché sia pressoché sconosciuta.
    Straconsigliato voto 5/5

    PS. Grazie ancora ad Ayu che me l'ha segnalato

  • The Following 4 Users Say Thank You to ila78 For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Singer, Israel J. - La famiglia Karnowski
      Da alessandra nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 8
      Ultimo messaggio: 01-04-2020, 07:58 PM
    2. C GdL - I fratelli Ashkenazi di Israel J. Singer
      Da Spilla nel forum Gruppi di lettura
      Risposte: 70
      Ultimo messaggio: 06-07-2019, 11:31 PM
    3. XCVIII GdL - La famiglia Karnowski di Israel Joshua Singer
      Da Minerva6 nel forum Gruppi di lettura
      Risposte: 49
      Ultimo messaggio: 03-30-2019, 05:20 PM
    4. Orovitz, Israel - My Old Lady
      Da Minerva6 nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 01-15-2017, 08:37 PM
    5. Lanciotti, Stefano - Israel. Operazione Tel Aviv
      Da GermanoDalcielo nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 05-30-2013, 10:58 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •