Zola, Emile

fabiog

New member
Fino ad ora ho letto soltanto due romanzi di Zola : Germinal e Il ventre di Parigi, in entrambi i casi, nonostante li abbia trovati piuttosto differenti tra loro, sono rimasto sempre colpito dalla capacità di Zola di essere potente sia nella capacità descrittiva dell'ambiente , sia esso una miniera o i mercati di Parigi, sia nella profndità delle azioni umane , delle loro azioni.
Leggendo Zola si ha l'impressione di essere come davanti ad uno schermo cinematografico per quanto rende vive le scene e in certi momenti di essere addiritura presenti, si ha la voglia di intervenire nelle azioni e nelle discussioni.
Mi piacerebbe sentire quali possono essere state le vostre impressioni, positive o negative, nella lettura di quest'autore
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Ti consiglio anche Nanà, secondo me molto attuale sul ruolo della donna in certi ambienti di potere.
 

darida

Active member
Io adoro la sua capacità di mettermi di fronte ad un quadro animato, mi sento partecipe leggendo Zola, sono in un angolo della scena e mi gusto ogni sfumatura :)

Tra i miei preferiti: Il ventre di Parigi, L'ammazzatoio e Nanà
 

Ondine

Logopedista nei sogni
Ho cominciato la lettura di Teresa Raquin, mi interessa l'approfondimento neurologico che lo scrittore dà delle emozioni, in particolare del rimorso dei due amanti.
 
Alto