Carofiglio, Gianrico - La manomissione delle Parole

P

~ Patrizia ~

Guest
Le fiabe non dicono ai bambini che esistono i draghi:
i bambini già sanno che esistono.
Le fiabe dicono ai bambini
che i draghi possono essere sconfitti.


G.K. Chesterton




Carofiglio preferisce considerare gioco questo saggio dedicato all'importanza delle parole.


Un gioco che fa riflettere: ci accompagna nella scomposizione di parole abusate e svilite per ricostruirle con consapevolezza e assunzione di responsabilità, accettandone le conseguenze e riconoscendone la forza immensa “chiamare le cose con il loro nome è un atto rivoluzionario”.


È un'indagine accurata che l'autore definisce anarchica perché è una ricerca di significati attraverso le pagine di altri: Joyce, Musil, Shakespeare – sono solo alcuni - e servendosi di accostamenti audaci, Aristotele e don Milani, Cicerone e Primo Levi, Dante e Bob Marley, le favole per bambini e la Costituzione.


Il percorso si focalizza su cinque parole chiave del lessico comune: vergogna, giustizia, ribellione, bellezza, scelta.
Parole che vengono troppo spesso usurpate privandole del vero significato, e manipolate, anche ad uso di potere.
Per ogni parola un'analisi letteraria, storica ed etica che diviene inevitabilmente critica civile, morale e politica.


Originale e coraggioso. Mi è piaciuto.



3010755.jpg
 
Ultima modifica di un moderatore:
P

~ Patrizia ~

Guest
P.S.

La mia valutazione: 3 sarebbe stato in assoluto troppo poco, ho assegnato 4 per un 3,8 :)
 

gamine2612

Together for ever
:wink:E' piaciuto anche a me, nonostante la mia diffidenza iniziale.
La lettura è stata molto più scorrevole di quanto mi aspettassi.
 

Spilla

Active member
Da leggere, se, a qualunque titolo, vi interessate di comunicazione e di linguaggi.
Forse non aggiunge granché di nuovo, ma tornare a riflettere su cosa sia il la parola e in quali modi può veicolare significati è tema attualissimo, su cui fa bene tornare a riflettere.
 
Alto