De Luca, Erri - Non ora, non qui

pokypoky

New member
Questo è il primo libro di De Luca, lobro che lo ha reso immediatamente conosciuto e premiato.
Io l'ho letto quest'estate , come tutti i suoi libri sono brevi e fortunatamente economici. Posso solo dire che questa lettura mi ha stretto il cuore. Il linguaggio è condensato, per chi come me non ama i giri di parole. Durante la lettura mi è sembrato di stare in apnea, spesso dovevo fermarmi e riprendere aria.L'approccio verso questo libro credo possa essere solo soggettivo, ognuno nelle sue parole troverà parti di sè.!
 
Ultima modifica di un moderatore:

gianguido

piasintein
PERFETTA LA SCRITTURA OTTIMA LA TECNICA DI NARRAZIONE LIBRO IMPEGNATIVO DA ASSAPORARE.
questo in sintesi è il commento che avevo scritto nel mio archivio personale su questo libro, a breve leggerò altri libri dello stesso autore che merita fiducia.
 

Lisistrata

New member
pur essendo di un genere per me alquanto poco attraente (l'ho comprato perchè il titolo è, a mio parere, bellissimo), l'ho trovato, profondo, persino toccante, oltre che molto ben scritto
“Se tu sarai capace di stare senza attesa, vedrai cose che gli altri non vedono. […] Quello cui tieni, quello che ti capiterà, non verrà con un’attesa”
 

~ Briseide

Victorian Lady
Non mi piaciuto per niente. :boh:
L'ho trovato poco fluido, lagnoso, piatto e noioso. Per fortuna la mole era ridottissima, altrimenti non credo avrei sopportato una simil full-immersion di vittimismo e di narrazione poetica mal riuscita; infine ho trovato fuori luogo e ridondanti anche le metafore e le frasi ad effetto di cui è impregnato il libro.
Deludente.
 

risus

New member
Stavolta De Luca non mi ha entusiasmato per niente... diciamo pure che mi ha deluso... ma probabilmente la colpa è mia che ho letto il libro in maniera distratta, con lunghe pause che non mi hanno per nulla aiutato ad avere un'idea di insieme del libro...
mi è sembrato inconcludente, un libro che dovrebbe reggersi sui ricordi, sull'introspezione ma su queste cose collassa...
mi dispiace dirlo, ma alla fine della lettura non mi è rimasto quasi niente... forse andrebbe riletto in un altro momento, con maggior predisposizione...
come al solito, grande scrittura dell'autore che sembra fare poesia, non prosa... in questo non si smentisce e gli va dato merito...
 

Cold Deep

Vukodlak Mod
autobiografia degli anni dell'infanzia di De Luca raccontati attraverso i ricordi scaturiti da una foto che ritrae sua madre da giovane. un libro che nonostante sia breve, secondo me deve essere letto lentamente per apprezzarne i vari momenti e passaggi. ormai De Luca è tra i miei preferiti :)

5/5
 

gamine2612

Together for ever
Stavolta De Luca non mi ha entusiasmato per niente... diciamo pure che mi ha deluso... ma probabilmente la colpa è mia che ho letto il libro in maniera distratta, con lunghe pause che non mi hanno per nulla aiutato ad avere un'idea di insieme del libro...
mi è sembrato inconcludente, un libro che dovrebbe reggersi sui ricordi, sull'introspezione ma su queste cose collassa...
mi dispiace dirlo, ma alla fine della lettura non mi è rimasto quasi niente... forse andrebbe riletto in un altro momento, con maggior predisposizione...
come al solito, grande scrittura dell'autore che sembra fare poesia, non prosa... in questo non si smentisce e gli va dato merito...

Letto e finito due giorni fa, sono d'accordo con questo commento.
Un pò cupo.
Era una raccolta il mio libro che comprendeva anche "il peso della farfalla",questo è più bello:)
 

velmez

New member
pur essendo il suo primo libro, De Luca dimostra consapevolezza, lucidità e maturità, quasi avesse 80 anni nello scrivere la sua autobiografia... eppure non era nemmeno 40enne quando è uscito questo romanzo...
a me è piaciuto molto!
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Sarà pure un'autobiografia ma i conti non mi tornano :?... l'età del protagonista che rievoca la sua infanzia davanti alla foto da ragazza della madre non corrisponde a quella reale di Erri al momento della scrittura del romanzo.
A parte questo, il tono di malinconia con cui il libro è scritto mi ha conquistata, però non totalmente, io amo molto le storie che guardano al passato e ai suoi ricordi, ma in qualche parte purtroppo ho trovato troppe descrizioni che mi hanno un pochino annoiata.
Lo consiglio lo stesso a chi ama questo autore, nonostante io non sia ancora sicura che si tratti di vita realmente vissuta in prima persona, perché anche se non fosse tutto reale, lo stile è lo stesso molto coinvolgente soprattutto per il profondo rapporto madre/figlio.

Una citazione su tutte:
Il male è irreparabile e non c'è modo di risanare un torto qualunque cosa si faccia dopo
 

ranaurro

New member
...i pesci

Opera prima di livello, non c'è dubbio. Stile asciutto, parole meditate e incastonate in un ritmo che sa accompagnare chi legge.
Erri De Luca si presenta così, (dis)armato di ricordi. L'ho letto tutto d'un fiato. Mi è piaciuto ma c'è un altro suo libro in cui si cimenta con i ricordi, che si intitola "I pesci non chiudono gli occhi", che a me è piaciuto di più.
 
Alto