Ruiz Zafon, Carlos - Le luci di settembre

Mary70

New member
Durante l’estate del 1937 Simone Sauvelle, rimasta all’improvviso vedova, abbandona Parigi assieme ai fi gli, Irene e Dorian, e si trasferisce in un piccolo paese sulla costa per sfuggire agli ingenti debiti accumulati dal marito. Trova lavoro come governante per il facoltoso fabbricante di giocattoli Lazarus Jahn in una gigantesca magione chiamata Cravenmoore, dove l’uomo vive con la moglie malata. Tutto sembra andare per il meglio. Lazarus si dimostra un uomo gradevole, tratta con riguardo Simone e i figli, a cui mostra gli strani esseri meccanici che ha creato – e che sembrano avere vita propria – mentre Irene si innamora di Ismael, il cugino di Hannah, la cuoca della casa. Ma eventi macabri e strane apparizioni sconvolgono l’armonia di Cravenmoore: Hannah, viene trovata morta e una misteriosa ombra si impossessa della tenuta. Spetterà a Irene e Ismael lottare contro un nemico invisibile per salvare Simone e svelare l’oscuro segreto che avvolge la fabbrica dei giocattoli, un enigma che li unirà per sempre e li trascinerà nella più emozionante delle avventure in un mondo labirintico di luci e ombre.

Ho appena finito di leggerlo. C'è qualche richiamo al principe della nebbia, ma nel complesso è un libro molto carino, mi è piaciuto. Gotico classico! :)
 
Ultima modifica di un moderatore:

Nerst

enjoy member
Zafòn non delude mai!

Ambientazioni gotiche e nebbulose nella nuova storia dello scrittore spagnolo, che come sempre riesce a far sposare bene inseme mistero, ricordi di un passato da scoprire e tensione.
Il lettore quando crede di aver capito da sè l' enigma dal passato, scopre che in realtà e ancora tutto da scoprire.
c' è un riferimento ad Andreas Corelli, un personaggio dei precedenti libri (il gioco dell' angelo), ma non tanto forte da costringere il lettore a doverli leggere.

Bella storia, consigliato.
 

Sibyl_Vane

Fairy Member
Anche io sto aspettando di leggerlo! E' già nella lista, ma in realtà sto ancora aspettando che esca "il Palazzo della Mezzanotte" in edizione economica, quindi credo che per questo ci vorrà ancora un pochino... :D
 

Altair

New member
Ormai sono alle ultime pagine, il libro mi ha coinvolta, ma certo non è ai livelli dell'Ombra del vento e di Marina (che da molti è stato criticato, mentre io, forse perchè è stato il primo libro che ho letto di Zafon, lo ricordo ancora con nostalgia). :sbav:
Il gioco dell'angelo mi manca, lo leggerò presto comunque. E' stata la mole a farmelo mettere in secondo ordine, ma arriverà anche il suo turno!
L'impressione che dà Le luci di settembre è questa: una bella trama, anche se poco fantasiosa in tanti punti, fin troppo scorrevole nel linguaggio (adatto perlopiù ad un pubblico di neoadolescenti), che ti lascia perplessa (almeno durante quasi tutto il libro, visto che vi scrivo a poche pagine dalla fine... -mah! non so perchè!!-), intenta a chiederti se una lettura più elevata non sarebbe stata tanto meglio. Nulla da togliere a questo romanzo, non è certo da buttar via, solo che mi aspettavo molto di più. Sembra che il talento narrativo e inventivo di questo autore sia andato scemando dopo il suo capolavoro (inutile dire quale). La cosa delude. Forza Zafon!!! Crediamo che tu possa ancora regalarci tante emozioni... :YY
 

Altair

New member
Scusate se non sono corsa a commentare,ma ultimamente sono stata impegnata. Le sensazioni che mi aveva dato il libro sono risultate vere. Voltando anche le ultime pagine, la delusione continuava a farsi strada in me... convinta che avrei letto un'altra appassionante opera zafoniana, alla fine sono rimasta con un pugno di mosche. :?
Sicuramente non leggerò a breve l'ultimo libro che mi manca, il Palazzo della Mezzanotte, visto che ho saputo da alcuni essere stato molto peggio di questo. Per il momento, anche se amo molto questo autore, preferisco leggere altro. Questo suo ultimo romanzo mi ha dato, diciamo... un pò di indigestione! :boh:
 

Sheireen

New member
Scusate se non sono corsa a commentare,ma ultimamente sono stata impegnata. Le sensazioni che mi aveva dato il libro sono risultate vere. Voltando anche le ultime pagine, la delusione continuava a farsi strada in me... convinta che avrei letto un'altra appassionante opera zafoniana, alla fine sono rimasta con un pugno di mosche. :?
Sicuramente non leggerò a breve l'ultimo libro che mi manca, il Palazzo della Mezzanotte, visto che ho saputo da alcuni essere stato molto peggio di questo. Per il momento, anche se amo molto questo autore, preferisco leggere altro. Questo suo ultimo romanzo mi ha dato, diciamo... un pò di indigestione! :boh:



nooo non puoi dirmi così...stò aspettando di leggerlo appena finisco quello attuale ed ero elettrizzata all'idea dato che finora tutte le opere di Zafon le ho adorate...uff speriamo mi piaccia lo stesso :roll:

oddio,ora che ci penso anche "Marina" mi aveva lasciato un pò di amaro in bocca....
 

Altair

New member
nooo non puoi dirmi così...stò aspettando di leggerlo appena finisco quello attuale ed ero elettrizzata all'idea dato che finora tutte le opere di Zafon le ho adorate...uff speriamo mi piaccia lo stesso :roll:

oddio,ora che ci penso anche "Marina" mi aveva lasciato un pò di amaro in bocca....

:paura: ora sei tu a spaventarmi! Marina è stata il primo suo libro che ho letto e l'ho amato davvero. Ho adorato le sue atmosfere cupe e paurose, mi sono affezionata tanto ai protagonisti da piangerci, è stato emozionante fino all'ultimo... non posso credere che ti abbia deluso, non voglio credere che possa deludere nessuno in realtà...:sbav:
Questo qui invece, Le luci di settembre, beh... forse non dovrei denigrarlo fino a questo punto, perchè non è stato tanto male in fondo. Solo che da Zafon uno si aspetta decisamente di più... unico consiglio: non lasciarti influenzare, se ami l'autore dovresti, anzi DEVI assolutamente leggere tutti i suoi romanzi, poi sarai tu a tirare le somme. Può darsi che invece a te piaccia molto, o ti colpisca. Leggilo allora, e poi mi dirai che ne pensi! Aspetto qui :mrgreen:
 

Sheireen

New member
:paura: ora sei tu a spaventarmi! Marina è stata il primo suo libro che ho letto e l'ho amato davvero. Ho adorato le sue atmosfere cupe e paurose, mi sono affezionata tanto ai protagonisti da piangerci, è stato emozionante fino all'ultimo... non posso credere che ti abbia deluso, non voglio credere che possa deludere nessuno in realtà...:sbav::

ma sai perchè...mi ha un pò deluso perchè ho letto come primo l'ombra del vento e poi il gioco dell'angelo e marina essendo un pò più semplice come libro mi ha lasciato un pò di amaro in bocca...mi è piaciuto molto lo stesso perchè appunto adoro zafon....
le luci invece lo leggo sicuramente sperando di avere una buona impressione :wink:
 

velmez

New member
L'ombra del vento non mi era dispiaciuto, ma questo non mi ha preso per niente! volevo una lettura veloce e scorrevole, eppure ha fatto in tempo ad annoiarmi!
 

Sibyl_Vane

Fairy Member
Mi è piaciuto meno degli altri... anzi, l'ho trovato anche un po' scontato. Scritto bene (tranne le ultime pagine, che sembrano quasi scritte di fretta), però siamo ben lontani dallo Zafòn dell'Ombra del Vento, secondo me...
 

Bernadette

New member
ripetitivo...

Ho letto tutte le opere di Zafon (compreso l'ultimo, di cui non voglio dire nulla x non spoilerare!), e "Le luci di settembre" appartiene come tutti ben sapete alle sue opere giovanili che io ritengo (ad eccezione di "Marina" che per me è a pari merito de "L'ombra del vento") siano state pubblicate solo perchè l'autore si era fatto una certa fama. Si nota proprio che lo stile è diverso, meno maturo, e soprattutto molto molto molto molto ripetitivo. Le storie sono sempre le stesse più o meno, c'è sempre una perdita, e Zafon ha qualche serio problema col fuoco secondo me :?:?? Che dire quindi..una lettura piacevole, però se ne leggi due di seguito è come se leggessi lo stesso due volte... voto 5/10, solo perchè in ogni caso ti riesce sempre a catturare nelle sue atmosfere :D
 

kikko

free member
La storia è piuttosto intrigante anche se il finale è un pò da film horror degli anni 80. Ancor più della storia mi sono piaciuti i personaggi. Non sarà un capolavoro ma rimane una piacevole lettura :)
 

precious

New member
L'ombra del vento non mi era dispiaciuto, ma questo non mi ha preso per niente! volevo una lettura veloce e scorrevole, eppure ha fatto in tempo ad annoiarmi!

Zafon è stato la mia più grande delusione:"L'ombra del vento" mi è piaciuto da morire,quando è uscito "Il gioco dell'angelo"mi sono precipitata a comprarlo e ho avuto la netta impressione che l'abbia scritto perchè doveva farlo per contratto.Era la brutta(ma proprio brutta)copia del primo,quindi ho chiuso con Zafon:non si può scrivere un libro senza ispirazione.
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Io ho letto tutto di Zafon,ma questo mi manca...quando deciderò di leggerlo,ripasserò :wink:.
 
Alto