Roth, Philip - La macchia umana

gio84

New member
Romanzo pubblicato nel 2000, da cui è stato tratto l'omonimo film, interpretato da Anthony Hopkins e Nicole Kidman.
Voto libro: 10
Voto film: 5

Coleman Silk nasconde per tutta la vita un segreto inconfessabile. Lo nasconde a sua moglie, ai figli, ai suoi colleghi e professori di università. Una macchia umana inconfessabile. Finchè, a 70 anni, non viene accusato di razzismo dal consiglio dell'università in cui lavora come professore di letteratura antica. Si dimette e da lì la sua vita prende un'altra piega, [ATTENZIONE SPOILER] muore sua moglie, inizia una storia piena di passione erotica con una donna di 35 anni,........ fino alla tragica fine . Un capolavoro assoluto della letteratura del novecento.

Qual è il segreto?
Coleman è un uomo di colore (creolo) che si spaccia per bianco.
Philip Roth basa questa storia sulla storia di Anatole Broyard (1920-1990), critico del Times. Anch'egli, uomo di colore, si è fatto passare per bianco.

Lo consiglio!
 
Ultima modifica di un moderatore:
Non ho visto il film ma ho letto il - bellissimo - libro.

Non è ai livelli del capolavoro "Pastorale Americana" ma è certamente da leggere
 

gio84

New member
il mio prof di letteratura inglese dice che, secondo lui, Roth è un candidato al Nobel della letteratura, ma che gli passa avanti un sacco di gente.

Metto in coda "Pastorale americana"
 
Non ho velleità culturali.....da perfetto ignorante penso che se assegnassero a Roth il Nobel non sarebbe di certo un furto
 
Ultima modifica di un moderatore:

zolla

New member
libro decisamente superiore al film,che roth non abbia ancora il nobel è uno scandalo dei nostri tempi,come lo fu a suo tempo non averlo mai dato a borges
 

gio84

New member
è l'unico libro di P. Roth sul forum.
chi ha letto "pastorale americana" può aprire un topic? così me ne faccio un'idea
 
Ultima modifica di un moderatore:
libro molto bello, coinvolgente e sconvolgente...!! mi piace il modo forte e diretto con cui scrive roth e la storia mi ha incuriosito da subito! bello,bello, bello................


voto=4su5
 

Dorylis

Fantastic Member
libro molto bello, coinvolgente e sconvolgente...!! mi piace il modo forte e diretto con cui scrive roth e la storia mi ha incuriosito da subito! bello,bello, bello................


voto=4su5

Concordo.. E' un libro crudo e diretto ma non per questo ti dcoinvolge meno! Ho visto il film ma il libro è 100 volte più bello..
 

Felixx

New member
Libro davvero bello. E' un romanzo sui pregiudizi del mondo contemporaneo, sulle credenze, sull'impatto della società nelle nostre vite, ambientato nel 1998 in America ai tempi dell'impeachment di Bill Clinton e Monica Lewinski. Tratta l'eterno scontro tra libertà e necessità, la volontà di porre il proprio "IO" al di sopra della storia, e il contrapposto corso inarrestabile e imprevedibile delle cose.
Assolutamente consigliatoTUNZZZ
 

ayla

+Dreamer+ Member
L'ho trovata una lettura intensa ed entusiasmante, un vero inno alla libertà.
Il protagonista non ha mai voluto altro che essere libero: né nero né bianco, solo libero e indipendente, perché non voleva vivere secondo i dettami di una società bigotta e puritana, ma vivere seguendo i propri sogni, le sue prospettive e le sue scelte. Il libro è scritto magnificamente e ogni singola pagina regala uno spunto su cui riflettere...ma Pastorale continua a rimanere il mio preferito!

Perchè noi non sappiamo, no? Tutti sanno...Cosa? Perché le cose vanno come vanno? Cosa? Tutto ciò che sta sotto l'anarchia del corso degli avvenimenti, le incertezze, i contrattempi, il disaccordo, le traumatiche irregolarità che caratterizzano le vicende umane? Nessuno sa.
"Tutti sanno" è l'invocazione del cliché e l'inizio della banalizzazione dell'esperienza, e sono proprio la solennità e la presunta autorevolezza con cui la gente formula il cliché a riuscire così insopportabili. Ciò che noi sappiamo è che, in un modo non stereotipato, nessuno sa nulla. Non puoi sapere nulla. Le cose che sai...non le sai. Intenzioni? Motivi? Conseguenze? Significati? Tutto ciò che noi non sappiamo è stupefacente. Ancor più stupefacente è quello che crediamo di sapere.
 

Cla1985

New member
L'ho letto qualche mese fa subito dopo aver finito Pastorale americana, devo dire che mi sono piaciuti entrambi anche se come scrive Candido Pastorale americana è a un altro livello..
Il film non l'ho visto, avevo intenzione di guardarlo questo venerdì visto che lo danno in tv ma visti i giudizi negativi (e aggiungendo che la kidman non mi fa particolarmente impazzire) credo che ci rinuncerò..
 

g_reader

New member
Quando si fanno le recensioni dei libri non si svela il finale!! Complimenti, ho iniziato questo libro oggi e mi è stato appena rovinato grazie al topic che rivela il punto centrale del libro
 

dany-nyd

New member
Romanzo di straordinaria intensità, anche se il linguaggio puòapparire freddo e distaccato.
Centrato sulla figura di un professore universitario americano che nasconde un segreto e che vedrà la sua vita disgregarsi (carriera, famiglia,amici) in nome degli stessi valori cui aveva cercato di uniformarsi per intraprendere la sua ascesa sociale.
Splendidi alconi spaccati di vita e cultura americani: i reduci dal Vietnam, il razzismo verso i neri, l'ambiente universitario e i suoi arrampicatori...
 

velvet

Well-known member
Primo libro di Roth per me. Una grande storia, originale, interessante, quella di Coleman Silk, e ancora più interessanti i vari spaccati di vita e storia americana che vengono fuori in molti punti del libro. Non posso dire però di essere veramente entusiasta, ad alcune pagine brillanti si alternano altre a mio parere altre troppo prolisse e ridondanti, in cui l'autore sembra godere dei propri virtuosismi letterari e filosofici.
Una curiosità: ho letto che l'autore ha smentito la notizia secondo cui il personaggio di Coleman Silk sia ispirato ad Anatole Broyard, affermando invece che sarebbe ispirato a Melvin Tumin, un sociologo americano che insegnò a Princeton e al quale accadde proprio la vicenda narrata nel libro avendo usato la parola "spooks".
 
Ultima modifica:

isola74

Lonely member
Avevo un po' di timore prima di affrontare questa lettura (non so nemmeno perchè :boh:... ) però mi sono ricreduta già dopo le prime venti pagine.
Ben scritto, con un linguaggio asciutto e pronto a colpire con lucidità tutte le piccole ipocrisie che incontriamo quotidianamente. E' uno dei pochi libri che mi sia piaciuto nonostante il protagonista non abbia riscontrato in me troppa simpatia.
Roth è sicutramente un autore da approfondire!
 
Alto