Steinbeck, John - La corriera stravagante

Bianca

The mysterious lady
Trama Fonte : Studenti.it
La storia narrata in questo libro è ambientata in America nella prima metà del nostro secolo. Juan Chicoy e sua moglie Alice possedevano un ristorante con una pompa di benzina alla Svolta dei Ribelli, luogo di passaggio di numerosi viaggiatori. Alice si occupava del ristorante, aiutata da una giovane ragazza: Norma. Norma era una ragazza semplice che lavorava in quel locale solo per poter mettere da parte un po' di denaro ed un giorno potersi trasferire ad Hollywood, la città dei suoi sogni, dove sperava di poter incontrare un famoso attore di quei tempi per il quale aveva perso la testa. Juan si occupava della pompa di benzina aiutato da un giovane ragazzo di nome Kit ma da tutti soprannominato Fignolo a causa degli sfoghi presenti sul suo viso. Juan era inoltre l'autista di "Tesoro" un autobus che trasportava i passeggeri che arrivavano fino alla Svolta dei Ribelli. Nelle stanze dei coniugi Chicoy e dei loro dipendenti avevano quella notte alloggiato i passeggeri dell'autobus, a causa di un guasto che Juan e Kit avevano provveduto ad aggiustare durante la notte. In questo ristorante si incrociano così le storie di tante persone che saranno destinate a vivere insieme un'avventura....
...................................................................
Un bel racconto, scorrevole e piacevole. Ben fatta la descrizione del paesaggio e dei personaggi. :)
 

Carcarlo

Well-known member
Concordo: bel libro.
La descrizione dei personaggi è eccellente senza annoiare con psicolosaggini varie.
Anzi, sembra proprio un film.
La trama non è un granchè e all'inizio è un po' troppo lento ma poi parte.
Chi non ha mai letto Steinbeck, ci dia dentro!
 

Meri

Viôt di viodi
Molto belli e particolari i personaggi, interessante anche il fatto che alcuni di loro, durante il viaggio, scoprano un nuovo lato della propria personalità. La storia non porta a nulla di concreto.
 

c0c0timb0

Pensatore silenzioso
Non è lo Steinbeck che preferisco, ma la storia è carina, si lascia leggere. E poi è sempre Steinbeck alla fin fine... Divertenti e ben costruiti i personaggi.
 

bouvard

Well-known member
Non è lo Steinbeck che preferisco, ma la storia è carina, si lascia leggere. E poi è sempre Steinbeck alla fin fine... Divertenti e ben costruiti i personaggi.

Sono d'accordo con te :) dei libri di Steinbeck letti finora (6) questo è quello che mi è piaciuto meno, ma è pur sempre un Signor Libro per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi :)
 

qweedy

Well-known member
Adoro Steinbeck, e anche se La corriera stravagante non rientra nei romanzi drammatici e socialmente impegnati che amo (come Furore, e Uomini e Topi), è un libro che mi è piaciuto moltissimo. Ha una sua leggerezza, e sensualità, e l'autobus Sweetheart carico di varia umanità diventa il pretesto per scandagliare l'animo umano, con i suoi vizi e le sue virtù. La trama è piuttosto semplice, la bravura di Steinbeck è di prendere queste persone una alla volta e darcene una descrizione profonda. Scritto divinamente come tutti i suoi romanzi.
 

malafi

Well-known member
Mi associo ai giudizi di cui sopra: non il miglior Steinbeck, ma per alcune cose è a livelli di eccellenza.

Niente di socialmente impegnato, ma una bella caratterizzazione dei personaggi e soprattutto (e qui ritroviamo l'eccellenza dello scrittore) una descrizione della California e dei suoi paesaggi e della sua Natura (l'ho scritto con la maiuscola perchè nei suoi libri spesso è 'il' personaggio) da manuale.
 

Spilla

Active member
Fatica a decollare questo libro, che dalla metà in poi si legge invece tutto d'un fiato.
Mentre Steinbeck ci accompagna e ci mostra quanto sia magistralmente bravo nel rendere le pieghe dell'essere umano, non ci si rende conto della fitta simbologia che personaggi e situazioni incarnano (io con i simboli faccio sempre fatica, ma qui si fanno avanti a ti fanno cucù... ora ci vorrebbe una "guida alla lettura dell'Autore " per poterli decifrare :mrgreen:).
Vero, non è epico come Furore, ma è sempre l'opera di un genio :ad:
 
Alto