Calvino, Italo - Sotto il sole giaguaro

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
E' una raccolta di tre racconti dedicati ai sensi dell'olfatto, del gusto e dell'udito pubblicata postuma per la prima volta nel 1986, ma sono stati scritti tra il 1972 e il 1984.
Il primo è Il nome, il naso, il secondo è quello del titolo della raccolta, il terzo è Un re in ascolto.

I primi due li ho letti un po' troppo sbadatamente, comunque nel primo il protagonista ricerca la donna che ha baciato aiutandosi con il suo olfatto, nel secondo è descritto un viaggio in Messico di una coppia, attraverso il sapore dei suoi cibi tipici.
Mi è rimasto impresso l'ultimo perché in esso ho ritrovato qualcosa di già letto, ma non ricordo più dove :?... c'è un re che fa tutto da seduto. Sapete aiutarmi? E' sempre in un'opera di Calvino oppure forse è in una favola :?? ?
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
L'opera è incompleta perché manca il tatto e la vista ma già così mi sembra notevole. Io sono partigiana e tutto quello che scrive Calvino mi piace. Il secondo racconto è molto sensuale, il gusto collegato alla sessualità, tema molto moderna con tutti i gourmet che ci sono in giro che a volte la sostituiscono con il cibo, qui invece è un preludio che riaccende il desiderio.
Del re seduto non lo so se esiste un altro racconto simile, mi ricordo il re nudo...
 

estersable88

dreamer member
Sotto il sole giaguaro è la prima opera pubblicata postuma di Italo Calvino. Si tratta di una breve raccolta di racconti, tuttavia l'opera non è completa: il progetto dell'autore prevedeva cinque racconti che parlassero dei cinque sensi e di come l'uomo oggi ne ha perso l'uso; la raccolta giunta fino a noi, invece, ne contiene solo tre e precisamente Il nome, il naso che parla dell'olfatto, Sotto il sole giaguaro che oltre a dare il titolo all'opera parla di gusto, e Un re in ascolto che invece si sofferma sull'uso dell'udito e in particolare sulla capacità di ascoltare.
I racconti risultano tutti e tre molto singolari e comunque molto arguti, perciò è davvero un peccato che manchino gli ultimi due, quelli relativi a vista e tatto. Un'ottima opera, purtroppo incompleta.
 
Alto