Mazzantini, Margaret - Zorro. Un eremita sul marciapiede

Palmaria

Summer Member
"I Barboni sono randagi scappati dalle nostre case, odorano dei nostri armadi, puzzano di ciò che non hanno, ma anche di tutto ciò che ci manca. Perchè forse ci manca quell'andare silenzioso totalmente libero, quel deambulare perplesso, magari losco, eppure così naturale, cosìnecessario, quel sfottersene del tempo meteorologico e di quello irreversibile dell'orologio. Chi di noi non ha sentito il desiderio di accasciarsi per strada, come marionetta, gambe larghe sull'asfalto, testa reclinata sul guanciale di un muro? E lasciare al fiume il suo grande, impegnativo corso. Venirne fuori, venirne in pace. Tacito brandello di carne umana sul selciato dell'umanità."

Questo brano, citato nella quarta di copertina, mi ha subito spinta all'acquisto, e per fortuna! Si tratta di un libriccino di poche pagine, che però riesce a toccare le corde del cuore, a commuovere di fronte alla vita dei senzatetto e a come ognuno di noi, in qualche momento della propria vita, avrebbe voluto godere della stessa libertà! Un inno poetico ad una vita semplice!
Da leggere in un'ora!
 
Ultima modifica di un moderatore:
L'ho letto e anche a me è piaciuto tantissimo. In realtà è una partitura teatrale scritta dalla Mazzantini per il marito Castellitto.
Si tratta di una lettura veloce, e che tocca il cuore. :D
 
Ultima modifica di un moderatore:

darkshine

New member
Spet-ta-co-la-re
Prima di leggerlo ero andata a vederlo a teatro, perciò non faccio molto testo, però veramente Spet-ta-co-la-re
Ci vogliono due orette per leggerlo, consigliato.
Inoltre fa capire quanto poco ci vuole per toccare il fondo senza risalire.
Voto: 9
 

martamarta

New member
Libro bellissimo

Io non ho avuto il piacere di ascoltare Castellitto, ma ho letto il libro che ho trovato poetico e disarmante per il realismo con cui la Mazzantini entra nei panni di quest'uomo restituendocene un ritratto credibilissimo perchè per nulla edulcorato..
Lo consiglio vivamente a chi non l'avesse ancora letto...è tra i miei "libri del cuore"
 

Sabry0209

New member
Stupendo!
Leggere questo libro permette di scoprire i lati più nascosti dei "senza tetto", di osservarli con occhi diversi e con una sensibilità più forte... in fondo potrebbe capitare a ciascuno di noi di perdere tutto e contemporaneamente di acquistare semplicemente una libertà assoluta che talvolta ci capita di desiderare !
Lo consiglio a tutti!
 

isola74

Lonely member
Non mi ha entusiasmata, ma nonsi può dire che sia brutto... immagino che a teatro renda molto di più,soprattutto quel pathos che in alcuni brani mi è sembrato un po' artefatto.
Voto 3/5
 

estersable88

dreamer member
Non mi ha entusiasmata, ma nonsi può dire che sia brutto... immagino che a teatro renda molto di più,soprattutto quel pathos che in alcuni brani mi è sembrato un po' artefatto.
Voto 3/5

Esattamente la mia impressione! Delirante come tutti i flussi di coscienza, ma al contempo estremamente realistico. Mi piacerebbe vederlo a teatro!
 
Alto