Bartolomei, Fabio - Giulia 1300 e altri miracoli

umbro

New member
A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi in un’impresa al di sopra delle sue capacità, l’apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a scongiurare il fallimento immediato sia l’intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell’agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Una “miracolosa” commedia all’italiana che ci fa ridere da pazzi senza nascondere i mali e i difetti del nostro paese.



E' il libro da cui poi è stato tratto il film "noi e la Giulia" con Edoardo Leo e Claudio Amendola. Il film non è brutto, ma è ovvio che il libro è molto più bello e divertente: forse l'unica pecca è il finale, secondo me troppo "frettoloso". Comunque lo consiglio, come tutti i libri di Bartolomei.
Più tardi mi riprometto di inserire la citazione "nasciamo con le mani piene ecc.ecc." che è scritta nel libro, che è secondo me molto più bella di come è stata riportata nel film
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Il film l'ho visto da poco perché da qualche anno ho preso la fissa con Edoardo Leo, lo trovo bravo e simpatico e apprezzo anche Argentero (nonostante il GF).
Posso immaginare che ci sia la differenza col libro, però non ho intenzione di leggerlo, mi fido di te :wink:.
Poi se ti va puoi recensire anche il film in PC.

Aspetto la citazione, io sono sempre favorevole a postarle. -Anche troppo- dirà chi mi conosce.
 

umbro

New member
Ecco la citazione

"Nasciamo con le mani piene. Per questo da neonati stringiamo i pugni, perché abbiamo i doni più meravigliosi che si possano desiderare: l'innocenza, la curiosità, la voglia di vivere. Anche questo stronzo seduto davanti a me è nato stringendo i pugnetti. E anche lui li ha aperti per afferrare cose sempre più insignificanti e giorno dopo giorno ha perso tutto il suo tesoro" :)
 
Alto