Bukowski, Charles - Svastica

Zingaro di Macondo

The black sheep member
Ecco il nostro invito alla lettura del racconto Svastica di Charles Bukowski, mai pubblicato nelle edizioni italiane di Storie di ordinaria follia.
Buona lettura
Marco

Il mondo a caso: "Svastica" di Charles Bukowski, ovvero: quella volta che Hitler diventò Presidente degli Stati Uniti

Un racconto veramente interessante, che ci aiuta a capire meglio quel folle di Hank, che tra l'altro fu, per un limitato periodo di tempo, simpatizzante nazista.

Una -per fortuna breve- parentesi all'interno del suo completo disinteresse artistico nei confronti delle attività umane, dettato più da una volontà di stupire e far qualcosa di "diverso", che da vere e proprie convinzioni ideologiche.
 

c0c0timb0

Pensatore silenzioso
Bellissimo e divertentissimo racconto che ho prestato e mai più riavuto. Avevo una edizione stranissima e particolare che conteneva solo quello. Mannaggia a me! Non presto più libri nemmeno se mi pregano in ginocchio.
Hank simpatizzava per i nazisti per un brevissimo periodo, si, ma in realtà non gliene fregava un tubo. Aveva anche scritto perché lo faceva, ma non ricordo più per quale folle sotterfugio :mrgreen::mrgreen::mrgreen:.
Bukowski mi è tanto simpatico, indipendentemente dal valore delle sue opere (che sono più serie di quello che si crede sotto sotto, se si legge fra le righe); c'è una sua intervista su una sbronza che racconta di aver preso durante la quale ha visto un uomo cadere dalla finestra al rallentatore. Ma la racconta in un modo che è da ridarella. Poi se la trovo ve la posto.
 
Alto